Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 22
  1. #1
    Uragano L'avatar di simo89
    Data Registrazione
    31/08/05
    Località
    Rivalta (RE) 96 mslm
    Età
    31
    Messaggi
    21,351
    Menzionato
    35 Post(s)

    Predefinito Scelte di vita, quando?

    Domanda difficile: quando avete capito cosa volevate fare nella vita e avete deciso di seguire una certa strada? Quello che fate ora è frutto di una scelta che avete fatto, o vi siete lasciati trasportare dagli eventi?

    Domanda sibillina in un certo senso, ma che mi riguarda da molto vicino. Ora non sto a raccontarvi tutta la tiritera altrimenti ci metto un'epoca, però per varie vicende traverse di vita non ho seguito ciò che volevo fare, col risultato che praticamente mi soffermo a pensarci piuttosto spesso e non sempre riesco a scacciare i pensieri di dosso.

    Succede anche a voi? Vi capita di pensarci e fare spallucce o qualcosa di più?

    Che consigli dareste a un 31enne (uno a caso ) che non è sicuro della strada intrapresa?


    La palla passa a voi.

  2. #2
    Vento forte L'avatar di Sneg
    Data Registrazione
    04/09/16
    Località
    Saint Rhémy en Bosses, 1615 slm
    Età
    34
    Messaggi
    4,603
    Menzionato
    58 Post(s)

    Predefinito Re: Scelte di vita, quando?

    Dunque simo, innanzitutto volevo dirti una cosa.
    Anche se lo scopo/oggetto del TD che hai aperto non è questo - e perdonamene - ma ascolta: può sembrare retorica, ma la prima cosa è non abbatterti mai simo, mai.
    Forza!
    Il tuo è un periodo "no", uno di quei periodi che abbiamo tutti. Tutti.
    Sei giovane, il momento storico è quello che è (e di certo non è d'aiuto), e che tu ti ponga certe domande è assolutamente normale
    Sfido chiunque, tra noi, a dire che in vita sua non ha mai avuto un tentennamento/ripensamento/pentimento sulle scelte fatte o sulle strade intraprese.
    È normalissimo simo, normalissimo.
    Te poi sei un ragazzo in gamba, e lo si capisce anche dal tenore dei tuoi interventi.
    Dunque coraggio, guarda sempre avanti, ascolta.
    Detto questo, volevo chiederti: ti riferisci nello specifico agli studi che magari hai intrapreso? (a proposito, che fai di bello all'università? Che facoltà?).
    Ti chiedo questo anche per capire meglio
    Le monde appartient aux optimistes.
    Les pessimistes ne sont que des spectateurs.

  3. #3
    Uragano L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    28
    Messaggi
    17,060
    Menzionato
    139 Post(s)

    Predefinito Re: Scelte di vita, quando?

    Citazione Originariamente Scritto da simo89 Visualizza Messaggio
    Domanda difficile: quando avete capito cosa volevate fare nella vita e avete deciso di seguire una certa strada? Quello che fate ora è frutto di una scelta che avete fatto, o vi siete lasciati trasportare dagli eventi?

    Domanda sibillina in un certo senso, ma che mi riguarda da molto vicino. Ora non sto a raccontarvi tutta la tiritera altrimenti ci metto un'epoca, però per varie vicende traverse di vita non ho seguito ciò che volevo fare, col risultato che praticamente mi soffermo a pensarci piuttosto spesso e non sempre riesco a scacciare i pensieri di dosso.

    Succede anche a voi? Vi capita di pensarci e fare spallucce o qualcosa di più?

    Che consigli dareste a un 31enne (uno a caso ) che non è sicuro della strada intrapresa?


    La palla passa a voi.
    è stata durissima per me capire cosa volevo fare, nella mia famiglia non prendere una laurea equivaleva al fallimento. nel mio caso, per svoltare, ho dovuto toccare per bene il fondo, poi però la svolta è arrivata.
    sono argomenti privati e profondi difficili da trattare in un forum pubblico, se vuoi qualche dettaglio in più scrivimi pure privatamente. se posso aiutare qualcuno, lo faccio volentieri.
    Si vis pacem, para bellum.

  4. #4
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    51
    Messaggi
    18,501
    Menzionato
    72 Post(s)

    Predefinito Re: Scelte di vita, quando?

    Un po' di considerazioni in libertà...
    Se sei fortunato e riesci a capirlo presto ottimo. Se non hai le idee chiare c'è poco da fare, lo scopri tardi.
    In entrambi i casi, prima o dopo, bisogna violentarsi l'istinto e investire (che non vuol dire necessariamente soldi; anche potendo...) in formazione qualificata: se con un occhio alle tendenze del mercato del lavoro (sempre che coincidano) meglio. "Là fuori" è una giungla e per emergere bisogna avere veramente un sacco di strumenti.
    In questo "investimento" son comprese le lingue straniere: senza inglese sei condannato al declino assieme al Paese; meglio ancora un altro paio di lingue: una europea e magari una "orientale" (ivi compreso l'arabo).

    Nel mio caso il percorso è stato fin troppo lineare...
    Essendo un laureato della prima metà degli anni '90 più volte mi son chiesto se avessi fatto bene, per esempio, a iscrivermi all'università visto che subito dopo il diploma arrivavano offerte di lavoro come piovesse... E negli anni '80 pioveva non come oggi.
    In un contesto diverso da quello italiano è una domanda che non avrebbe avuto senso, ma visto come si è evoluto nel tempo il mercato del lavoro italiano è ancora una domanda alla quale non ho una risposta certa.
    Specie se, come il sottoscritto, sono arrivato ad un certo punto che vivevo la facoltà segnando le tacche sul muro come un carcerato. Quindi se decidi per l'università bisogna fare qualcosa che piaccia sul serio e che allontani il rischio di stancarsi o diventa un calvario (e questo può essere in forte contrasto con quanto appena scritto sul "mercato").

    In definitiva prepararsi per vivere da cittadini del mondo, anche se detto in periodo di quarantena da Covid-19 fa ridere.

    Poi è chiaro che siccome i luminari nei rispettivi settori sono pochi al mondo la maggior parte di noi finirà a fare qualcosa di dignitoso e basta, ma è normale così. L'importante, come sopra, è che non sia un calvario.

    Poi se hai invece domande più specifiche sul tuo caso posso provare a rispondere, ma non so sia il caso in pubblico.

    Ah, dimenticavo il consiglio migliore di tutti: far innamorare di te e poi sposare un'ereditiera.
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  5. #5
    Vento forte L'avatar di Sneg
    Data Registrazione
    04/09/16
    Località
    Saint Rhémy en Bosses, 1615 slm
    Età
    34
    Messaggi
    4,603
    Menzionato
    58 Post(s)

    Predefinito Re: Scelte di vita, quando?

    Citazione Originariamente Scritto da FunMBnel Visualizza Messaggio
    Un po' di considerazioni in libertà...
    Se sei fortunato e riesci a capirlo presto ottimo. Se non hai le idee chiare c'è poco da fare, lo scopri tardi.
    In entrambi i casi, prima o dopo, bisogna violentarsi l'istinto e investire (che non vuol dire necessariamente soldi; anche potendo...) in formazione qualificata: se con un occhio alle tendenze del mercato del lavoro (sempre che coincidano) meglio. "Là fuori" è una giungla e per emergere bisogna avere veramente un sacco di strumenti.
    In questo "investimento" son comprese le lingue straniere: senza inglese sei condannato al declino assieme al Paese; meglio ancora un altro paio di lingue: una europea e magari una "orientale" (ivi compreso l'arabo).

    Nel mio caso il percorso è stato fin troppo lineare...
    Essendo un laureato della prima metà degli anni '90 più volte mi son chiesto se avessi fatto bene, per esempio, a iscrivermi all'università visto che subito dopo il diploma arrivavano offerte di lavoro come piovesse... E negli anni '80 pioveva non come oggi.
    In un contesto diverso da quello italiano è una domanda che non avrebbe avuto senso, ma visto come si è evoluto nel tempo il mercato del lavoro italiano è ancora una domanda alla quale non ho una risposta certa.
    Specie se, come il sottoscritto, sono arrivato ad un certo punto che vivevo la facoltà segnando le tacche sul muro come un carcerato. Quindi se decidi per l'università bisogna fare qualcosa che piaccia sul serio e che allontani il rischio di stancarsi o diventa un calvario (e questo può essere in forte contrasto con quanto appena scritto sul "mercato").

    In definitiva prepararsi per vivere da cittadini del mondo, anche se detto in periodo di quarantena da Covid-19 fa ridere.

    Poi è chiaro che siccome i luminari nei rispettivi settori sono pochi al mondo la maggior parte di noi finirà a fare qualcosa di dignitoso e basta, ma è normale così. L'importante, come sopra, è che non sia un calvario.

    Poi se hai invece domande più specifiche sul tuo caso posso provare a rispondere, ma non so sia il caso in pubblico.

    Ah, dimenticavo il consiglio migliore di tutti: far innamorare di te e poi sposare un'ereditiera.
    Una delle ricostruzioni più belle e veritiere che io abbia mai letto (e non solo su di un forum) condensata in un post.
    Le monde appartient aux optimistes.
    Les pessimistes ne sont que des spectateurs.

  6. #6
    Vento fresco L'avatar di verza81
    Data Registrazione
    17/11/03
    Località
    Altavilla Vicentina (VI)
    Età
    39
    Messaggi
    2,907
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: Scelte di vita, quando?

    Citazione Originariamente Scritto da FunMBnel Visualizza Messaggio
    Un po' di considerazioni in libertà...
    Se sei fortunato e riesci a capirlo presto ottimo. Se non hai le idee chiare c'è poco da fare, lo scopri tardi.
    In entrambi i casi, prima o dopo, bisogna violentarsi l'istinto e investire (che non vuol dire necessariamente soldi; anche potendo...) in formazione qualificata: se con un occhio alle tendenze del mercato del lavoro (sempre che coincidano) meglio. "Là fuori" è una giungla e per emergere bisogna avere veramente un sacco di strumenti.
    In questo "investimento" son comprese le lingue straniere: senza inglese sei condannato al declino assieme al Paese; meglio ancora un altro paio di lingue: una europea e magari una "orientale" (ivi compreso l'arabo).

    Nel mio caso il percorso è stato fin troppo lineare...
    Essendo un laureato della prima metà degli anni '90 più volte mi son chiesto se avessi fatto bene, per esempio, a iscrivermi all'università visto che subito dopo il diploma arrivavano offerte di lavoro come piovesse... E negli anni '80 pioveva non come oggi.
    In un contesto diverso da quello italiano è una domanda che non avrebbe avuto senso, ma visto come si è evoluto nel tempo il mercato del lavoro italiano è ancora una domanda alla quale non ho una risposta certa.
    Specie se, come il sottoscritto, sono arrivato ad un certo punto che vivevo la facoltà segnando le tacche sul muro come un carcerato. Quindi se decidi per l'università bisogna fare qualcosa che piaccia sul serio e che allontani il rischio di stancarsi o diventa un calvario (e questo può essere in forte contrasto con quanto appena scritto sul "mercato").

    In definitiva prepararsi per vivere da cittadini del mondo, anche se detto in periodo di quarantena da Covid-19 fa ridere.

    Poi è chiaro che siccome i luminari nei rispettivi settori sono pochi al mondo la maggior parte di noi finirà a fare qualcosa di dignitoso e basta, ma è normale così. L'importante, come sopra, è che non sia un calvario.

    Poi se hai invece domande più specifiche sul tuo caso posso provare a rispondere, ma non so sia il caso in pubblico.

    Ah, dimenticavo il consiglio migliore di tutti: far innamorare di te e poi sposare un'ereditiera.
    Ormai senza una laurea non ti prendono in nessuna mansione impiegatizia.
    Ma guardando solo al punto di vista economico, probabilmente non conviene, neanche alla lunga.
    Ripeto, solo dal punto di vista prettamente economico.
    Residenza: Altavilla Vicentina (VI)
    Lavoro: Brendola - casello di Montecchio Maggiore (VI)
    http://meteoaltavillavicentina.altervista.org/

  7. #7
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    35
    Messaggi
    9,786
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Scelte di vita, quando?

    Citazione Originariamente Scritto da simo89 Visualizza Messaggio
    Domanda difficile: quando avete capito cosa volevate fare nella vita e avete deciso di seguire una certa strada? Quello che fate ora è frutto di una scelta che avete fatto, o vi siete lasciati trasportare dagli eventi?

    Domanda sibillina in un certo senso, ma che mi riguarda da molto vicino. Ora non sto a raccontarvi tutta la tiritera altrimenti ci metto un'epoca, però per varie vicende traverse di vita non ho seguito ciò che volevo fare, col risultato che praticamente mi soffermo a pensarci piuttosto spesso e non sempre riesco a scacciare i pensieri di dosso.

    Succede anche a voi? Vi capita di pensarci e fare spallucce o qualcosa di più?

    Che consigli dareste a un 31enne (uno a caso ) che non è sicuro della strada intrapresa?


    La palla passa a voi.
    solo una cosa: dubita per definizione di coloro che pensano di aver capito tutto
    siamo in cammino, sempre
    per il resto potrei aprire un mondo, come ovvio, quindi mi limito a riproporre l'invito di jack
    C'ho la falla nel cervello


  8. #8
    Uragano L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    28
    Messaggi
    17,060
    Menzionato
    139 Post(s)

    Predefinito Re: Scelte di vita, quando?

    Citazione Originariamente Scritto da Sneg Visualizza Messaggio
    Una delle ricostruzioni più belle e veritiere che io abbia mai letto (e non solo su di un forum) condensata in un post.
    concordo, mi ha davvero sorpreso (positivissimamente) il Bassini
    complimenti Massimo
    Si vis pacem, para bellum.

  9. #9
    Uragano L'avatar di Dream Designer
    Data Registrazione
    13/10/04
    Località
    Napoli 249 mt / Cassano D'Adda (MI)
    Età
    32
    Messaggi
    17,401
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: Scelte di vita, quando?

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro1985 Visualizza Messaggio
    solo una cosa: dubita per definizione di coloro che pensano di aver capito tutto
    siamo in cammino, sempre
    per il resto potrei aprire un mondo, come ovvio, quindi mi limito a riproporre l'invito di jack
    Totalmente d'accordo.

    E' difficile in realtà rispondere a simone, però una mezza verità l'ha già esplicata: mi sono lasciato trasportare dagli eventi della vita sperando mi conducessero con dedizione e speranza a quello che volevo o voglio ancora realmente.


    NAPOLI, Febbraio 2018: IO C'ERO !!!
    estremi dal 2001: -3.7 (2014) +38.1 (2007)


  10. #10
    Vento forte L'avatar di Sneg
    Data Registrazione
    04/09/16
    Località
    Saint Rhémy en Bosses, 1615 slm
    Età
    34
    Messaggi
    4,603
    Menzionato
    58 Post(s)

    Predefinito Re: Scelte di vita, quando?

    Citazione Originariamente Scritto da jack9 Visualizza Messaggio
    concordo, mi ha davvero sorpreso (positivissimamente) il Bassini
    complimenti Massimo
    Mi sto innamorando (metaforicamente oh! ) di quest'uomo
    Le monde appartient aux optimistes.
    Les pessimistes ne sont que des spectateurs.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •