Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 17 di 17
  1. #11
    Vento forte L'avatar di Nevizio
    Data Registrazione
    29/05/06
    LocalitÓ
    Cerratina fraz. di Pianella (PE)
    Messaggi
    3,070
    Menzionato
    18 Post(s)

    Predefinito Re: Faglia del Morrone,una bomba ad orologeria....

    Comunque tecnici e ricercatori dell'INGV in collaborazione con l'UniversitÓ di Chieti hanno scavato delle trincee propio sulla faglia....al riguardo c'e' un ottima testimonianza che linko qui sotto:

    Indagini paleosismologiche lungo la faglia del Monte Morrone - YouTube

  2. #12
    Vento forte L'avatar di paxo
    Data Registrazione
    13/11/15
    LocalitÓ
    Caramanico Terme (PE) 550m.
    Messaggi
    4,804
    Menzionato
    28 Post(s)

    Predefinito Re: Faglia del Morrone,una bomba ad orologeria....

    Avete sentito dell'ipotesi di bucare il Morrone per farci passare la ferrovia Pescara-Roma? Cosa ne pensate?

  3. #13
    Vento forte L'avatar di Nevizio
    Data Registrazione
    29/05/06
    LocalitÓ
    Cerratina fraz. di Pianella (PE)
    Messaggi
    3,070
    Menzionato
    18 Post(s)

    Predefinito Re: Faglia del Morrone,una bomba ad orologeria....

    No questa mi e' nuova,ero rimasto all'ipotesi gasdotto, che credo non sia propio il massimo delle idee....

  4. #14
    Tempesta violenta
    Data Registrazione
    12/06/09
    LocalitÓ
    Roma
    Messaggi
    14,436
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Faglia del Morrone,una bomba ad orologeria....

    Citazione Originariamente Scritto da paxo Visualizza Messaggio
    Avete sentito dell'ipotesi di bucare il Morrone per farci passare la ferrovia Pescara-Roma? Cosa ne pensate?
    Si se ne parla da molti anni.
    Servirebbe.
    Ci si mettono 4 ore in treno da Roma a Pescara

  5. #15
    Tempesta violenta
    Data Registrazione
    12/06/09
    LocalitÓ
    Roma
    Messaggi
    14,436
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Faglia del Morrone,una bomba ad orologeria....

    Citazione Originariamente Scritto da Nevizio Visualizza Messaggio
    Qui in abruzzo terra di terremoti per entonomasia questa faglia desta molta preoccupazione nell'ambito scientifico in materia perchŔ pare che i geofisici stimano un 6.7 Mw come potenziale,l'area a rischio oltre ad essere assai vasta Ŕ anche densamente popolata (la mia in cui risiedo Ŕ dentro aihmŔ!... sono a 35 KM dalla parte piu' orientale) e stando ai tempi geologici di ritorno sebbene imprecisi e senza memoria storica almeno a livello di testimonianze dirette pare che con i tempi ci siamo....eppure al di la' degli studi in loco dell'INGV a livello di prevenzione non si fa quasi nulla e se ne parla assai poco,capiamoci questa faglia stando a cio' che ci dicono i geofisici e i sismologi potrebbe creare seri problemi a tutta la regione oltre che in senso seppur meno grave tuttavia a gran parte del centro Italia,tanto che Ŕ sotto osservazione da un satellite dedicato che pare monitorare ogni giorno e per 365 giorni l'anno ogni impercettibile e millimetrico movimento ...insomma qui dalle mie parti non si dormono propio sonni tranquillissimi,stando al fatto che cittÓ come Chieti e Pescara potrebbero essere gravemente danneggiate con chissÓ quante vittime da un eventuale sisma in valle peligna....Sulmona,Pratola Peligna e Roccacasale sono i paesi sentinella,propio ai piedi della faglia,sulla A-25 Roma Pescara Ŕ molto visibile guardando verso la montagna a destra per chi viene da Roma all'altezza propio dei suddetti paesi (precisamente nei pressi del casello Pratola/Sulmona),un ampia spaccatura divide orizzontalmente in 2 il Monte Morrone per almeno 20 Km dalla provincia dell'Aquila sino a quella di Pescara,la cosa Ŕ talmente evidente che guardando suddetta montagna si nota subito l'anomalia fisica che la caratterizza....e viene subito da chiedersi cosa abbia potuto spezzarla in 2 in quel modo....In Italia ho scoperto che ci sono molti studi riguardo la prevedibilitÓ dei terremoti alcuni meno accreditati dalla comunitÓ scientifica altri piu' credibili sebbene entrambi pare ancora lontani dal successo predittivo.Qui da queste parti dopo l'Aquila del 2009 si tende un po' a dimenticare presto la gravitÓ di questi fenomeni spesso si ironizza e banalizza un problema assai grave che pare abbia le ore contate come ipotetico evento....un noto esperto in materia tempo fa rammentava alle genti della mia terra che la domanda non Ŕ piu' se ma quando accadra',purtroppo non lo sa nessuno,ma solo il fatto che dovrÓ succedere mette i brividi e DOVREBBE portare agli enti predisposti a fare una corsa contro il tempo per mettere in sicurezza il possibile....almeno le strutture pubbliche come scuole (in primis) ospedali ecc. ecc. lo so il discorso Ŕ vecchio e ripetitivo e forse persino noioso ....ma dobbiamo necessariamente essere prevenuti,la natura fa il suo corso,noi dobbiamo ancora imparare a conoscerla bene,ma su alcune cose che giÓ sappiamo dobbiamo necessariamente ragionare per tempo e prendere decisioni anche importanti.Mi auguro che questa brutta storia non finisca come tante altre dalla serie "si sapeva che sarebbe successo perchŔ non Ŕ stato fatto nulla per evitare il disastro....in Italia Ŕ successo spesso,ci ritroviamo sempre periodicamente a piangere i morti per questioni analoghe,poi piovono giu' 1000 sterili polemiche, ma resta il fatto che la gente morta non torna...e ci si sente sempre al di fuori di queste cose perchŔ non Ŕ capitato a noi e ai nostri cari....ma non si puo' ragionare sempre dicendo soltanto "meno male che non ci siamo capitati noi"....domani potrebbe toccare a me alla mia famiglia e allora capisci che siamo tutti nella stessa barca...percui chi puo' fare qualcosa deve farlo e subito!....per me per noi per voi e per tutti coloro che vivono in aree del nostro paese assai sismiche come la mia.

    Allegato 538977
    Si.
    Un magnitudo 7 in Valle Peligna, provocherebbe danni seri e anche diverse vittime in tutta la regione.
    Nel 1915 il magnitudo 7 di Avezzano fece diversi danni anche a Roma

  6. #16
    Vento forte L'avatar di Nevizio
    Data Registrazione
    29/05/06
    LocalitÓ
    Cerratina fraz. di Pianella (PE)
    Messaggi
    3,070
    Menzionato
    18 Post(s)

    Predefinito Re: Faglia del Morrone,una bomba ad orologeria....

    Citazione Originariamente Scritto da Stefano De C. Visualizza Messaggio
    Si se ne parla da molti anni.
    Servirebbe.
    Ci si mettono 4 ore in treno da Roma a Pescara
    Ciao Stefano,per andare a Roma da Pescara la macchina torna utile,e' chiaro che per non tutti e' fruibile sempre,pur tuttavia vista la pericolosita' della faglia in questione costruire una ferrovia bucando ancora i nostri monti oltre lo scempio dal punto di vista naturalistico,andrebbe valutato anche e sopratutto l'aspetto relativo alla sicurezza,purtroppo le faglie non le possiamo togliere,dunque credo che bisognerebbe progettare infrastrutture che per quanto indubbiamente indispensabili credo non possano non tener conto di qiest'ultimi aspetti,discorso vittime relative ad un eventuale sisma delle proporzioni citate,la gravita' credo stia pure nel fatto che si sta facendo troppo poco in termini di prevenzione,poiche' nessuno sa (o almeno cosi' dice la scienza ufficiale) quando accadra' ma purtroppo si sa che comunque accaadra' da un po' di tempo conrinuo a ripetere che a livello di prevenzione dovrebbe essere una corsa contro il tempo....ma la realta' da abruzzese ti dico che e' ben diversa,purtroppo e tragicamente

  7. #17
    Tempesta violenta
    Data Registrazione
    12/06/09
    LocalitÓ
    Roma
    Messaggi
    14,436
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Faglia del Morrone,una bomba ad orologeria....

    Citazione Originariamente Scritto da Nevizio Visualizza Messaggio
    Ciao Stefano,per andare a Roma da Pescara la macchina torna utile,e' chiaro che per non tutti e' fruibile sempre,pur tuttavia vista la pericolosita' della faglia in questione costruire una ferrovia bucando ancora i nostri monti oltre lo scempio dal punto di vista naturalistico,andrebbe valutato anche e sopratutto l'aspetto relativo alla sicurezza,purtroppo le faglie non le possiamo togliere,dunque credo che bisognerebbe progettare infrastrutture che per quanto indubbiamente indispensabili credo non possano non tener conto di qiest'ultimi aspetti,discorso vittime relative ad un eventuale sisma delle proporzioni citate,la gravita' credo stia pure nel fatto che si sta facendo troppo poco in termini di prevenzione,poiche' nessuno sa (o almeno cosi' dice la scienza ufficiale) quando accadra' ma purtroppo si sa che comunque accaadra' da un po' di tempo conrinuo a ripetere che a livello di prevenzione dovrebbe essere una corsa contro il tempo....ma la realta' da abruzzese ti dico che e' ben diversa,purtroppo e tragicamente
    Lo so, sono di origine abruzzese anche io quindi conosco

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •