Pagina 9 di 27 PrimaPrima ... 789101119 ... UltimaUltima
Risultati da 81 a 90 di 261
  1. #81
    Vento fresco L'avatar di lothar
    Data Registrazione
    03/03/05
    Località
    Madone(BG) - Monza
    Età
    38
    Messaggi
    2,038
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Criptovalute: tanti ne parlano

    Citazione Originariamente Scritto da Turgot Visualizza Messaggio
    E mentre Musk ci incanta con le sue Tesla, investendo in BitCoin (una "panacea" per le emissioni) è sempre più Mr Ipocrisia
    Ultimamente il suo comportamento è al limite della manipolazione di mercato. Pessimo.
    Pietro

  2. #82
    Uragano L'avatar di giorgio1940
    Data Registrazione
    15/06/02
    Località
    Rimini
    Età
    80
    Messaggi
    24,965
    Menzionato
    14 Post(s)

    Predefinito Re: Criptovalute: tanti ne parlano

    Record su record: 63253 $ il bitcoin.
    Cosa succederà domani con questa notizia?:
    ""Nuovo boom del Bitcoin, che nelle ultime ore è salito di oltre +4% al nuovo record storico di $62.718, stando ai dati di Coin Metrics. I buy si spiegano con l'imminente debutto sul mercato di Coinbase, la società che gestisce la piattaforma dove è possibile scambiare tutte le criptovalute che hanno corso legale in 32 paesi del mondo.
    Chi investe nel cripto universo considera Coinbase una pietra miliare per gli asset digitali.

    Il valore del Bitcoin è salito di ben +116% dal minimo dell'anno, testato lo scorso 4 gennaio, a $27,734. La soglia dei $60.000 è stata toccata per la prima volta lo scorso 13 marzo, quando la moneta digitale è volata fino al record assoluto di $61.781,83 sulla piattaforma Bitstamp.

    Il debutto di Coinbase sul Nasdaq, previsto per la giornata di domani, non avverrà attraverso una classica operazione di Ipo, ma con una quotazione diretta.

    La quotazione, secondo qualche analista, potrebbe riconoscere a Coinbase una valutazione di almeno $100 miliardi, ma c'è chi stima una valorizzazione compresa tra $160 e $230 miliardi.



    Fonte: Finanza.com
    .......

    Amante della Natura:Monti,meteo,mare,una piccola margherita.....
    Non posso che dir grazie a tanto Artefice!

  3. #83
    Uragano L'avatar di giorgio1940
    Data Registrazione
    15/06/02
    Località
    Rimini
    Età
    80
    Messaggi
    24,965
    Menzionato
    14 Post(s)

    Predefinito Re: Criptovalute: tanti ne parlano

    Si accavallano notizie "positive":
    ""Il Cantone Ticino, in Svizzera, accetterà Bitcoin: il Gran Consiglio ha approvato — con 48 voti a favore, 36 contrari e 3 astenuti — il progetto pilota che consentirà ai cittadini di effettuare pagamenti verso lo Stato utilizzando BTC: la criptovaluta sarà immediatamente convertita in franchi al momento della transazione.In altre parole, d'ora in avanti la popolazione potrà usufruire di alcuni servizi dell'amministrazione cantonale pagando in Bitcoin, ma solo laddove era già possibile pagare con carte di credito. Escluso tuttavia il pagamento delle imposte, come invece già avviene nel Canton Zugo.
    Natalia Ferrara, relatrice del rapporto di maggioranza, ha evidenziato la necessità di adottare tempestivamente queste tecnologie per non farsi trovare impreparati:
    Leggi il testo completo su Cointelegraph"""
    Amante della Natura:Monti,meteo,mare,una piccola margherita.....
    Non posso che dir grazie a tanto Artefice!

  4. #84
    Uragano L'avatar di Friedrich 91
    Data Registrazione
    04/07/07
    Località
    Ferrara (FE) 9 m
    Età
    29
    Messaggi
    34,883
    Menzionato
    42 Post(s)

    Predefinito Re: Criptovalute: tanti ne parlano

    Citazione Originariamente Scritto da Turgot Visualizza Messaggio
    E mentre Musk ci incanta con le sue Tesla, investendo in BitCoin (una "panacea" per le emissioni) è sempre più Mr Ipocrisia
    Tutti a decantare l'eccessivo consumo di risorse del Bitcoin, che comunque tende a decrescere con il tempo visto che sempre meno sono i bitcoin "minati" (al ritmo di -50% ogni 4 anni), e nessuno che invece si fermi a riflettere su quante cose meravigliose ha consentito la santa valuta fiat di Stato nel corso degli anni:
    - debiti pubblici e privati ormai a livelli record, GRAZIE al fatto che l'indipendenza delle banche centrali è una barzelletta da sempre...eh ma tanto nel lungo termine saremo tutti morti
    - due guerre mondiali
    - regimi di vario tipo (nazisti, comunisti, ecc. tutti notoriamente ambientalisti da far paura) che hanno potuto tirare avanti per un bel po' di tempo grazie alla possibilità di stampare denaro a manetta
    - l'inflazione elevata degli anni '70
    - la crisi del 2008 con il boom immobiliare finanziato dall'indebitamento facile

    Tutte cose che a livello di spreco di risorse e di inquinamento ambientale sono decisamente imparagonabili al consumo operato da Bitcoin.
    Nell'avatar, Beautiful e la meteo che si incontrano: il Ridge Atlantico.

  5. #85
    Vento moderato
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    33
    Messaggi
    1,237
    Menzionato
    301 Post(s)

    Predefinito Re: Criptovalute: tanti ne parlano

    Citazione Originariamente Scritto da Friedrich 91 Visualizza Messaggio
    Tutti a decantare l'eccessivo consumo di risorse del Bitcoin, che comunque tende a decrescere con il tempo visto che sempre meno sono i bitcoin "minati" (al ritmo di -50% ogni 4 anni), e nessuno che invece si fermi a riflettere su quante cose meravigliose ha consentito la santa valuta fiat di Stato nel corso degli anni:
    - debiti pubblici e privati ormai a livelli record, GRAZIE al fatto che l'indipendenza delle banche centrali è una barzelletta da sempre...eh ma tanto nel lungo termine saremo tutti morti
    - due guerre mondiali
    - regimi di vario tipo (nazisti, comunisti, ecc. tutti notoriamente ambientalisti da far paura) che hanno potuto tirare avanti per un bel po' di tempo grazie alla possibilità di stampare denaro a manetta
    - l'inflazione elevata degli anni '70
    - la crisi del 2008 con il boom immobiliare finanziato dall'indebitamento facile

    Tutte cose che a livello di spreco di risorse e di inquinamento ambientale sono decisamente imparagonabili al consumo operato da Bitcoin.
    Sei incredibile, per arrivare a tirare in mezzo le guerre mondiali bisogna essere ad un livello da paranoia psicotica.

    Ti sei dimenticato la peste nera e l'asteroide che ha estinto i dinosauri dinosauri, ma immagino arriveranno anche quelli.


    Ti faccio una rivelazione: se le persone vogliono fare una cosa la fanno a prescindere da qualunque convenzione monetaria.
    C'era il gold standard allo scoppio della prima guerra mondiale e Hitler salì al potere sull'onda di una depressione economica generata nello stesso tipo di regime monetario (e aggravata dalla presenza del gold standard).
    Se c'è la capacità tecnologica di produrre un certo livello di inquinamento e consumo di risorse sono le scelte individuali e collettive a determinare il suo livello effettivo, non certo il sistema monetario. Scelte di consumo, livello di attività economica e scelte tecnologiche determinano l'inquinamento, se sei in grado di spiegarmi in quale di questi elementi il sistema monetario sia rilevante sono tutt'occhi.


    Anche se devo ammettere che una moneta come piace a te potrebbe raggiungere lo scopo, producendo un collasso economico.

  6. #86
    Brezza leggera L'avatar di Turgot
    Data Registrazione
    05/08/18
    Località
    Cislago (VA)
    Età
    27
    Messaggi
    339
    Menzionato
    4 Post(s)

    Predefinito Re: Criptovalute: tanti ne parlano

    Citazione Originariamente Scritto da Friedrich 91 Visualizza Messaggio
    Tutti a decantare l'eccessivo consumo di risorse del Bitcoin, che comunque tende a decrescere con il tempo visto che sempre meno sono i bitcoin "minati" (al ritmo di -50% ogni 4 anni), e nessuno che invece si fermi a riflettere su quante cose meravigliose ha consentito la santa valuta fiat di Stato nel corso degli anni:
    - debiti pubblici e privati ormai a livelli record, GRAZIE al fatto che l'indipendenza delle banche centrali è una barzelletta da sempre...eh ma tanto nel lungo termine saremo tutti morti
    - due guerre mondiali
    - regimi di vario tipo (nazisti, comunisti, ecc. tutti notoriamente ambientalisti da far paura) che hanno potuto tirare avanti per un bel po' di tempo grazie alla possibilità di stampare denaro a manetta
    - l'inflazione elevata degli anni '70
    - la crisi del 2008 con il boom immobiliare finanziato dall'indebitamento facile

    Tutte cose che a livello di spreco di risorse e di inquinamento ambientale sono decisamente imparagonabili al consumo operato da Bitcoin.
    Criticare una non vuol dire glorificare l'altra.

  7. #87
    Vento forte L'avatar di Dave
    Data Registrazione
    14/06/06
    Località
    Torino / Muzzano (BI)
    Messaggi
    4,030
    Menzionato
    22 Post(s)

    Predefinito Re: Criptovalute: tanti ne parlano

    Citazione Originariamente Scritto da Friedrich 91 Visualizza Messaggio
    Tutti a decantare l'eccessivo consumo di risorse del Bitcoin, che comunque tende a decrescere con il tempo visto che sempre meno sono i bitcoin "minati" (al ritmo di -50% ogni 4 anni)
    Lasciando da parte i discorsi socio-economico-politici che finora hanno fallito miseramente nell'analizzare il fenomeno cripto

    Il quotato e' inesatto: la complessita' viene tarata in base alla potenza di calcolo a disposizione, quindi non c'entra nulla il numero di bitcoin estratti. Piu' potenza di calcolo -> algoritmi piu' complessi -> consumi alle stelle. Con la diffusione e' inevitabile l'aumento dei minatori, in sostanza la sicurezza stessa del BTC si basa su questo concetto (proof of work) che pero' ha palesi problemi di scalabilita'.

    L'alternativa principale finora e' la proof of stake, su cui sono basate altre cripto piu' "moderne".

  8. #88
    Uragano L'avatar di giorgio1940
    Data Registrazione
    15/06/02
    Località
    Rimini
    Età
    80
    Messaggi
    24,965
    Menzionato
    14 Post(s)

    Predefinito Re: Criptovalute: tanti ne parlano

    Continua il volo:
    Bitcoin inarrestabile a 64500
    Lambisce il mio "punto vendita ".
    EOS e TRON anch'esse in volo mi hanno raddoppiato l' investimento in soli due mesi.
    Decisioni nelle prossime 36 ore.
    Amante della Natura:Monti,meteo,mare,una piccola margherita.....
    Non posso che dir grazie a tanto Artefice!

  9. #89
    Vento forte L'avatar di verza81
    Data Registrazione
    17/11/03
    Località
    Altavilla Vicentina (VI)
    Età
    40
    Messaggi
    3,356
    Menzionato
    39 Post(s)

    Predefinito Re: Criptovalute: tanti ne parlano

    Che piattaforma usi Giorgio?

    Residenza: Altavilla Vicentina (VI)
    Lavoro: Brendola - casello di Montecchio Maggiore (VI)
    http://meteoaltavillavicentina.altervista.org/

  10. #90
    Uragano L'avatar di Friedrich 91
    Data Registrazione
    04/07/07
    Località
    Ferrara (FE) 9 m
    Età
    29
    Messaggi
    34,883
    Menzionato
    42 Post(s)

    Predefinito Re: Criptovalute: tanti ne parlano

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Sei incredibile, per arrivare a tirare in mezzo le guerre mondiali bisogna essere ad un livello da paranoia psicotica.
    Le guerre mondiali, in un regime di gold standard non sarebbero state possibili: per poterle compiere, gli Stati hanno dovuto disfarsi dell'oro e stampare denaro a fiumi per finanziare le campagne belliche. Senza tale stampa di denaro, che ha mascherato l'enormità delle spese belliche, avrebbero dovuto tassare pesantemente la popolazione, generando probabilmente molto più malcontento e sommosse popolari (immagino tu abbia ben presente i costi delle guerre).

    Il vero problema non è stato il gold standard in sè, ma la possibilità dei governi di sbarazzarsene alla bisogna, per usare la stampa di denaro senza limiti a scopi politici e militari.

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Ti faccio una rivelazione: se le persone vogliono fare una cosa la fanno a prescindere da qualunque convenzione monetaria.
    C'era il gold standard allo scoppio della prima guerra mondiale e Hitler salì al potere sull'onda di una depressione economica generata nello stesso tipo di regime monetario (e aggravata dalla presenza del gold standard).
    Se c'è la capacità tecnologica di produrre un certo livello di inquinamento e consumo di risorse sono le scelte individuali e collettive a determinare il suo livello effettivo, non certo il sistema monetario. Scelte di consumo, livello di attività economica e scelte tecnologiche determinano l'inquinamento, se sei in grado di spiegarmi in quale di questi elementi il sistema monetario sia rilevante sono tutt'occhi.
    Il problema della grande depressione fu che molti paesi decidettero di tornare al gold standard con una parità pre-bellica, eccessivamente "forte" rispetto alla reale situazione del Paese. Una parità che appunto non teneva debitamente conto dell'inflazione durante il periodo bellico. Questo ha portato a quegli squilibri su scala internazionale che hanno generato la grande depressione (ad esempio in Gran Bretagna ma anche in Germania il tasso di parità aurea adottato era eccessivamente alto, penalizzando la competitività dei due paesi).

    Ad ogni buon modo, la Germania di Hitler così come praticamente tutti i Paesi si sbarazzarono subito del gold standard, poichè appunto la moneta fiat era molto più congeniale ai loro scopi. Se si può stampare denaro senza alcun limite, si può finanziare spese militari - e non solo - ingenti, senza mostrare direttamente ai cittadini il conto di tali spese con le tasse, bensì ingannandoli tramite l'inflazione, una tassa occulta.

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio

    Se c'è la capacità tecnologica di produrre un certo livello di inquinamento e consumo di risorse sono le scelte individuali e collettive a determinare il suo livello effettivo, non certo il sistema monetario. Scelte di consumo, livello di attività economica e scelte tecnologiche determinano l'inquinamento, se sei in grado di spiegarmi in quale di questi elementi il sistema monetario sia rilevante sono tutt'occhi.
    Le scelte di consumo, il livello di attività economica e le scelte tecnologiche sono influenzate dal livello dei prezzi e dai tassi di interesse. Nel mercato il tasso di interesse è determinato dalle preferenze temporali, ovvero da quanto gli individui in un dato istante temporale preferiscono il risparmio al consumo (con più la preferenza è orientata al risparmio, più il tasso di interesse si abbassa e viceversa).

    Un abbassamento del tasso di interesse indica che c'è una maggiore propensione al risparmio, e che di conseguenza diventa più conveniente investire in progetti a lungo termine (ne deriva generalmente un aumento di prezzo dei beni immobili, dei fabbricati e via dicendo a scapito dei beni di consumo).

    Se tu, arbitrariamente, decidi di abbassare il tasso di interesse, lo fissi ad un livello che - con ogni probabilità - non è quello che si formerebbe spontaneamente nel mercato (a meno che non vogliamo considerare onnisciente il banchiere centrale). Questo determina scelte economiche e tecnologiche lontane dall'ottimale, o comunque se preferisci lontane da quello che gli individui spontaneamente farebbero se i segnali di prezzo non fossero alterati.

    Il capitale viene investito in maniera non coerente con le reali scelte dei consumatori: questo, in un mondo di risorse scarse, produce inevitabilmente uno spreco di risorse. Ormai anche molti economisti non certo austriaci, ammettono ad esempio che il boom immobiliare negli USA che ha prodotto la crisi del 2007, è stato in buona parte favorito dalla politica monetaria iper-espansiva adottata da Greenspan nel 2001.

    Change my mind, per quanto mi consideri paranoico sono aperto al confronto.
    Nell'avatar, Beautiful e la meteo che si incontrano: il Ridge Atlantico.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •