Pagina 10 di 16 PrimaPrima ... 89101112 ... UltimaUltima
Risultati da 91 a 100 di 151
  1. #91
    Uragano L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    30
    Messaggi
    23,305
    Menzionato
    365 Post(s)

    Predefinito Re: Costo materie prime, trasporti e difficoltÃ* economia occidentale

    Citazione Originariamente Scritto da Edonati Visualizza Messaggio
    Si, ma questo dovrebbe farci capire diverse cose.
    Il Giappone aveva pensato, giustamente, a un muro anti-tsunami intorno alla centrale di Fukushima. Il muro ha retto, ma l'onda l'ha superato ed ha allagato la centrale con tutto ciò che ne ha conseguito.
    Il fatto è che con centrali di questo tipo, ogni errore è un fatto gravissimo e spesso non rimediabile. Inoltre tutti i Paesi costruiscono centrali nucleari nelle aree meno densamente abitate e lungo le coste o ai confini, vedi anche la Francia. Noi dovremmo costruirle nella Pianura Padana?
    Il rischio sismico, in Italia, è il rischio minore per le centrali nucleari
    mi preoccupano di più le scorie e dove andrebbero a finire, a chi andrebbero in mano in uno Stato come il nostro, martoriato dalla criminalità organizzata.
    Ma anche questo, è un problema largamente secondario, è tempo di nucleare oramai da 40 anni e siamo già in ritardo da 39 anni.
    Posti a sismicità bassa o comunque non estrema ne abbiamo a bizzeffe, vicino o lontano dalle coste. Sarebbe seriamente ora di darsi da fare e costruire quante più centrali nucleari possibili, è fuori discussione che il futuro sia necessariamente questo.
    Si vis pacem, para bellum.

  2. #92
    Brezza tesa L'avatar di Gianni78ba
    Data Registrazione
    01/03/20
    Località
    Mola di Bari
    Età
    44
    Messaggi
    710
    Menzionato
    58 Post(s)

    Predefinito Re: Costo materie prime, trasporti e difficoltÃ* economia occidentale

    Citazione Originariamente Scritto da jack9 Visualizza Messaggio
    Il rischio sismico, in Italia, è il rischio minore per le centrali nucleari
    mi preoccupano di più le scorie e dove andrebbero a finire, a chi andrebbero in mano in uno Stato come il nostro, martoriato dalla criminalità organizzata.
    Ma anche questo, è un problema largamente secondario, è tempo di nucleare oramai da 40 anni e siamo già in ritardo da 39 anni.
    Posti a sismicità bassa o comunque non estrema ne abbiamo a bizzeffe, vicino o lontano dalle coste. Sarebbe seriamente ora di darsi da fare e costruire quante più centrali nucleari possibili, è fuori discussione che il futuro sia necessariamente questo.
    Anche perchè se te la costruiscono a 20km dal confine

    Il problema della mafia concordo sia il più grande ed irrisolvibile fino a data da destinarsi

  3. #93
    Vento teso
    Data Registrazione
    16/11/17
    Località
    Luino (VA) 220/310 mt
    Messaggi
    1,909
    Menzionato
    11 Post(s)

    Predefinito Re: Costo materie prime, trasporti e difficoltÃ* economia occidentale

    Citazione Originariamente Scritto da Edonati Visualizza Messaggio
    Si, ma questo dovrebbe farci capire diverse cose.
    Il Giappone aveva pensato, giustamente, a un muro anti-tsunami intorno alla centrale di Fukushima. Il muro ha retto, ma l'onda l'ha superato ed ha allagato la centrale con tutto ciò che ne ha conseguito.
    Il fatto è che con centrali di questo tipo, ogni errore è un fatto gravissimo e spesso non rimediabile. Inoltre tutti i Paesi costruiscono centrali nucleari nelle aree meno densamente abitate e lungo le coste o ai confini, vedi anche la Francia. Noi dovremmo costruirle nella Pianura Padana?
    Basta vedere quali sono le aree potenzialmente idonee per la costruzione di un deposito nazionale (CNAPI) per farsi un'idea, aggiungendo altri requisiti che richiederebbe la centrale (ad esempio la vicinanza ad una fonte di acqua). Il problema maggiore non è di carattere tecnico, ma sociale: la difficoltà è sostanzialmente quella di far capire alle persone, considerando ad esempio l'attuale dibattito sulla localizzazione del deposito nazionale, che il rischio al giorno d'oggi è infinitesimo, e dai dati risulta di molto inferiore rispetto a molte altre tipologie di impianti con le quali le persone normalmente convivono.
    Bisogna però contestualizzare il tutto. Se ti riferisci all'esempio di Fukushima, c'è da dire che i decessi legati alla dispersione radiologica esterna all'impianto (che è stata minima) sono pari a 0, e questo dovrebbe far comprendere che anche a fronte di un terremoto di magnitudo 9.1 e di uno tsunami di 13 metri, le conseguenze alla prova dei fatti sono state più di natura psicologica, come affermato dal report dell'UNSCEAR. Considera anche che la centrale di Onagawa era più vicina all'epicentro del terremoto del Tohoku, ed è stata investita con una potenza ancora maggiore dallo tsunami, ma non ha subito alcun danno, essendo stata costruita negli anni 80, dunque 20 anni dopo rispetto a quella di Fukushima e quindi con criteri di sicurezza più moderni.
    Quindi dato che dalla costruzione di Onagawa sono passati altri 40 anni, in cui le tecnologie antisismiche hanno fatti ulteriori passi avanti, e che la sismicità in Italia non è proprio paragonabile a quella giapponese... direi che dovremmo stare tranquilli. Inoltre, oggi la ridondanza di sistemi di sicurezza fa sì che l'errore umano abbia sempre meno peso in un sistema così complesso. Ci sono ad esempio sistemi di sicurezza basati su leggi della fisica basilari, come la forza di gravità, rendendo davvero infinitesimo il rischio di incidenti.
    Scusate per l’OT
    Ultima modifica di MarcoSarto; 12/10/2021 alle 10:38

  4. #94
    Vento forte L'avatar di verza81
    Data Registrazione
    17/11/03
    Località
    Altavilla Vicentina (VI)
    Età
    41
    Messaggi
    3,688
    Menzionato
    82 Post(s)

    Predefinito Re: Costo materie prime, trasporti e difficoltÃ* economia occidentale

    Tornando IT, qua sempre peggio con l'approvvigionamento dei materiali...
    Siamo al 50% di capacità produttiva causa mancanza di componenti ormai un pò di tutti i tipi

    Residenza: Altavilla Vicentina (VI)
    Lavoro: Brendola - casello di Montecchio Maggiore (VI)
    http://meteoaltavillavicentina.altervista.org/

  5. #95
    Uragano L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    30
    Messaggi
    23,305
    Menzionato
    365 Post(s)

    Predefinito Re: Costo materie prime, trasporti e difficoltÃ* economia occidentale

    Citazione Originariamente Scritto da Gianni78ba Visualizza Messaggio
    Anche perchè se te la costruiscono a 20km dal confine

    Il problema della mafia concordo sia il più grande ed irrisolvibile fino a data da destinarsi
    cosa tanto banale quanto vera
    Si vis pacem, para bellum.

  6. #96
    Responsabile sviluppo software MeteoNetwork L'avatar di The Ramandolo Man
    Data Registrazione
    24/12/05
    Località
    Udine
    Età
    41
    Messaggi
    3,296
    Menzionato
    4 Post(s)

    Predefinito Re: Costo materie prime, trasporti e difficoltÃ* economia occidentale

    Citazione Originariamente Scritto da verza81 Visualizza Messaggio
    Tornando IT, qua sempre peggio con l'approvvigionamento dei materiali...
    Siamo al 50% di capacità produttiva causa mancanza di componenti ormai un pò di tutti i tipi
    confermo . Io ho sempre fornitori che mi danno poca disponibilità di schede elettroniche a causa dei componenti . Ho alcuni clienti che ho fatto il giro del mondo sul web per trovare un inverter particolare di solito sempre disponibile , altrimenti stava fermo 1 mese con data di consegna non garantita . Dal solito fornitore noi eravamo il 30° in coda in attesa dello stesso inverter . Anche i componenti elettronici su es. rs componenti alcuni hanno sempre ritardi .
    Ho dovuto cambiare la macchina e la ragazza : una succhiava troppo e una troppo poco e aggiungo ..
    Stazione Meteo Urbana Udine Sud . Lacrosse 2300 in schermo ventilato 24h autocostruito http://ramandolo.homeunix.net/

  7. #97
    Burrasca L'avatar di wtrentino
    Data Registrazione
    14/05/13
    Località
    Zambana (TN)
    Età
    25
    Messaggi
    6,082
    Menzionato
    33 Post(s)

    Predefinito Re: Costo materie prime, trasporti e difficoltÃ* economia occidentale

    Citazione Originariamente Scritto da jack9 Visualizza Messaggio
    Il rischio sismico, in Italia, è il rischio minore per le centrali nucleari
    mi preoccupano di più le scorie e dove andrebbero a finire, a chi andrebbero in mano in uno Stato come il nostro, martoriato dalla criminalità organizzata.
    Ma anche questo, è un problema largamente secondario, è tempo di nucleare oramai da 40 anni e siamo già in ritardo da 39 anni.
    Posti a sismicità bassa o comunque non estrema ne abbiamo a bizzeffe, vicino o lontano dalle coste. Sarebbe seriamente ora di darsi da fare e costruire quante più centrali nucleari possibili, è fuori discussione che il futuro sia necessariamente questo.
    A me preoccupa molto più il rischio idrogeologico, per le centrali. Quello sismico è proprio l’ultimo…

    Poi chiaramente tra mafia e corruzione si rischia grosso, nella voce smaltimento scorie.

  8. #98
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    53
    Messaggi
    18,502
    Menzionato
    140 Post(s)

    Predefinito Re: Costo materie prime, trasporti e difficoltÃ* economia occidentale

    Citazione Originariamente Scritto da wtrentino Visualizza Messaggio
    A me preoccupa molto più il rischio idrogeologico, per le centrali. Quello sismico è proprio l’ultimo…
    Sono abbastanza sereno sul fatto che difficilmente, anche in pianura padana, avremo mai onde alte come quelle del terremoto giapponese.

    E pure alla voce smaltimento scorie non darei chissà quale peso: da una parte i famosi elementi a emivita più lunga non sono in quantità che si misuri in milioni di tonnellate (al contrario della CO2 prodotta...). E le aziende che possono fare questo mestiere non crescono sugli alberi: non è che la Riina s.a.s. possa presentarsi e partecipare ad un bando per lo smaltimento delle scorie dall'oggi al domani.
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  9. #99
    Uragano L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    30
    Messaggi
    23,305
    Menzionato
    365 Post(s)

    Predefinito Re: Costo materie prime, trasporti e difficoltÃ* economia occidentale

    Si vis pacem, para bellum.

  10. #100
    Brezza tesa L'avatar di Turgot
    Data Registrazione
    05/08/18
    Località
    Cislago (VA)
    Età
    28
    Messaggi
    641
    Menzionato
    11 Post(s)

    Predefinito Re: Costo materie prime, trasporti e difficoltÃ* economia occidentale


    Those who are not shocked when they first come across quantum theory cannot possibly have understood it. (N.Bohr, 1952)

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •