Pagina 3 di 16 PrimaPrima 1234513 ... UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 151
  1. #21
    Vento moderato L'avatar di nago
    Data Registrazione
    05/03/04
    Località
    Lissone (MB)
    Età
    54
    Messaggi
    1,427
    Menzionato
    10 Post(s)

    Predefinito Re: Costo materie prime, trasporti e difficoltÃ* economia occidentale

    Intanto energia che andrà alle stelle …
    “Il mondo va a rotoli... come se lo avessi progettato io”.
    Ing. Cane

  2. #22
    Vento forte L'avatar di verza81
    Data Registrazione
    17/11/03
    Località
    Altavilla Vicentina (VI)
    Età
    41
    Messaggi
    3,686
    Menzionato
    82 Post(s)

    Predefinito Re: Costo materie prime, trasporti e difficoltÃ* economia occidentale

    "Normale"...
    Benzina e diesel lo sono già da diverse settimane...

    Residenza: Altavilla Vicentina (VI)
    Lavoro: Brendola - casello di Montecchio Maggiore (VI)
    http://meteoaltavillavicentina.altervista.org/

  3. #23
    Brezza tesa L'avatar di Gianni78ba
    Data Registrazione
    01/03/20
    Località
    Mola di Bari
    Età
    44
    Messaggi
    706
    Menzionato
    57 Post(s)

    Predefinito Re: Costo materie prime, trasporti e difficoltÃ* economia occidentale

    AUMENTO BOLLETTE DEL 40%/ Le vere ragioni (non dette) dietro la stangata in arrivo

    Dall'articolo (premetto che i numeri su cui basa le considerazioni non li conosco e non ne ho la misura per valutarne la fondatezza)
    I sacrifici enormi si vedono all’orizzonte. Scaricare sulla fiscalità generale i costi della transizione verde per aiutare i “poveri”, che sono più poveri e più di prima perché questo sogno costa tantissimo per molto tempo, ha conseguenze politiche precise. Nei fatti è un’appropriazione delle risorse e redistribuzione forzata da parte dello Stato, che però non è a saldo zero perché gli idrocarburi sono più efficienti e perché non è nemmeno detto che siano più sporchi. Certo gli italiani difficilmente avranno a che fare con le conseguenze ambientali dell’estrazione dei minerali e delle componenti che finiscono nelle batterie elettriche piuttosto che nei pannelli solari. La strada della transizione ecologica è tracciata e i primi problemi nel nuovo mondo in cui non si può e non si deve cercare gas economico devono essere gestiti mediaticamente dando la colpa ai “mercati internazionali del gas”. Esaurita, per l’ovvia incongruenza temporale, la soluzione “nucleare”, si passa agli 8 giga di capacità rinnovabile da fare ogni anno. Con l’immediato caveat delle solite lungaggini burocratiche che in questo caso forse ci tutelano da scempi paesaggistici senza precedenti. Fare un buco nell’Adriatico e lavorare sull’efficienza dei motori, dei riscaldamenti condominiali con i diesel di ultima generazione che facevano 500mila chilometri a emissioni ridicole invece non si può più. Nemmeno ci si può chiedere quanta energia si sprechi per cambiare la batteria di un’auto elettrica o il parco auto sostituendo vetture che potenzialmente duravano 20 anni. È tutto talmente assurdo che ci viene il dubbio che l’obiettivo di questa transizione ecologica non sia mai stato “ambientale” ma “politico”. Forse siamo pessimisti, ma siccome il conto è arrivato lo scopriremo presto.


    Per come la vedo io sarebbe finalmente l'occasione per razionalizzare produzione e consumi (mi riferisco a tutti i campi, fino a quello alimentare).
    Probabilmente come al solito avremo paesi vincitori e altri pesantemente sconfitti.
    Vediamo da che parte staremo noi

  4. #24
    Vento moderato L'avatar di ghetto79
    Data Registrazione
    02/03/08
    Località
    alseno lavoro (piacentino est) - pontenure casa (piacentino ovest) - S.S. n°9 Via Emilia - 80 mslm
    Età
    42
    Messaggi
    1,441
    Menzionato
    10 Post(s)

    Predefinito Re: Costo materie prime, trasporti e difficoltÃ* economia occidentale

    ce ne sarebbe da fare la rivoluzione.......ma noi italiani siamo dei cretini.......facciamo la fine del mondo per un greenpass del cavolo e quando invecie ci raddoppiano tasse e bollette pensiamo alle vacanze al mare o guardiamo il grande fratello vip e la champions...

  5. #25
    Vento fresco L'avatar di Diego 14
    Data Registrazione
    11/01/17
    Località
    Sant'Ilario d'enza (RE)
    Età
    19
    Messaggi
    2,258
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: Costo materie prime, trasporti e difficoltÃ* economia occidentale

    Citazione Originariamente Scritto da ghetto79 Visualizza Messaggio
    ce ne sarebbe da fare la rivoluzione.......ma noi italiani siamo dei cretini.......facciamo la fine del mondo per un greenpass del cavolo e quando invecie ci raddoppiano tasse e bollette pensiamo alle vacanze al mare o guardiamo il grande fratello vip e la champions...
    Purtroppo possiamo farci ben poco. A livello energetico importiamo tutto quindi siamo sempre nelle mani degli altri paesi. Poi aggiungi anche iva, accise e fai tombola

  6. #26
    Vento fresco
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    34
    Messaggi
    2,113
    Menzionato
    420 Post(s)

    Predefinito Re: Costo materie prime, trasporti e difficoltÃ* economia occidentale

    Riguardo il grano, i problemi sono molto concentrati nel grano duro che serve per produrre la pasta, non una carenza generalizzata. Un problema tutto nostro insomma, negli altri Paesi si sentirà molto meno.
    Per l'energia il discorso è più complicato, intanto speriamo che piova da noi visto che la siccità certo non aiuta con l'idroelettrico e ricominci a tirar vento in nord Europa, nel breve termine è difficile fare di più per incrementare la produzione.

    Purtroppo c'è una tempesta perfetta di molti fattori, tra cui abbiamo anche un buon esempio dell'inaffidabilità dei combustibili fossili, visto che sono quasi tutti importati e in gran parte da regimi autoritari su cui non si può certo fare affidamento. Se Putin vuole spremerci fino all'ultimo euro può farlo tranquillamente vista la dipendenza totale che abbiamo dal gas russo (e che andrebbe affrontata seriamente, ma ci vorranno anni).

  7. #27
    Vento fresco
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    34
    Messaggi
    2,113
    Menzionato
    420 Post(s)

    Predefinito Re: Costo materie prime, trasporti e difficoltÃ* economia occidentale

    Citazione Originariamente Scritto da Gianni78ba Visualizza Messaggio
    AUMENTO BOLLETTE DEL 40%/ Le vere ragioni (non dette) dietro la stangata in arrivo

    Dall'articolo (premetto che i numeri su cui basa le considerazioni non li conosco e non ne ho la misura per valutarne la fondatezza)
    I sacrifici enormi si vedono all’orizzonte. Scaricare sulla fiscalità generale i costi della transizione verde per aiutare i “poveri”, che sono più poveri e più di prima perché questo sogno costa tantissimo per molto tempo, ha conseguenze politiche precise. Nei fatti è un’appropriazione delle risorse e redistribuzione forzata da parte dello Stato, che però non è a saldo zero perché gli idrocarburi sono più efficienti e perché non è nemmeno detto che siano più sporchi. Certo gli italiani difficilmente avranno a che fare con le conseguenze ambientali dell’estrazione dei minerali e delle componenti che finiscono nelle batterie elettriche piuttosto che nei pannelli solari. La strada della transizione ecologica è tracciata e i primi problemi nel nuovo mondo in cui non si può e non si deve cercare gas economico devono essere gestiti mediaticamente dando la colpa ai “mercati internazionali del gas”. Esaurita, per l’ovvia incongruenza temporale, la soluzione “nucleare”, si passa agli 8 giga di capacità rinnovabile da fare ogni anno. Con l’immediato caveat delle solite lungaggini burocratiche che in questo caso forse ci tutelano da scempi paesaggistici senza precedenti. Fare un buco nell’Adriatico e lavorare sull’efficienza dei motori, dei riscaldamenti condominiali con i diesel di ultima generazione che facevano 500mila chilometri a emissioni ridicole invece non si può più. Nemmeno ci si può chiedere quanta energia si sprechi per cambiare la batteria di un’auto elettrica o il parco auto sostituendo vetture che potenzialmente duravano 20 anni. È tutto talmente assurdo che ci viene il dubbio che l’obiettivo di questa transizione ecologica non sia mai stato “ambientale” ma “politico”. Forse siamo pessimisti, ma siccome il conto è arrivato lo scopriremo presto.


    Per come la vedo io sarebbe finalmente l'occasione per razionalizzare produzione e consumi (mi riferisco a tutti i campi, fino a quello alimentare).
    Probabilmente come al solito avremo paesi vincitori e altri pesantemente sconfitti.
    Vediamo da che parte staremo noi
    Non sono corretti, l'aumento di costo è solo in parte dovuto alle politiche ambientali e l'articolo è evidentemente pretestuoso.

    Però sulla razionalizzazione hai ragione da vendere, peccato che i tempi saranno molto lunghi. Speriamo che aumentando i prezzi si stimolino i giusti investimenti, anche in termini di sicurezza energetica avremmo molto da guadagnare. Non so i vincenti chi saranno, i perdenti invece sono chiarissimi e sono i grossi produttori di gas e petrolio che non potranno più campare solo di quello (e non è un caso che la Russia sparga disinformazione di ogni genere sul web apposta per rallentare la transizione ecologica),

  8. #28
    Vento teso
    Data Registrazione
    16/11/17
    Località
    Luino (VA) 220/310 mt
    Messaggi
    1,907
    Menzionato
    11 Post(s)

    Predefinito Re: Costo materie prime, trasporti e difficoltÃ* economia occidentale

    Trovo assurdo dover aspettare che i prezzi volino alle stelle, per rendersi conto della fragilità di un sistema elettrico e di una transizione energetica così sbilanciati verso il gas metano (che la Germania avrebbe volentieri inserito nella tassonomia della finanza sostenibile...).
    Inoltre le imprevedibili intermittenze delle rinnovabili aleatorie non aiutano; lo sta dimostrando il nord Europa in questi giorni, e con l'inverno alle porte la situazione potrebbe complicarsi ulteriormente.

  9. #29
    Brezza tesa L'avatar di Gianni78ba
    Data Registrazione
    01/03/20
    Località
    Mola di Bari
    Età
    44
    Messaggi
    706
    Menzionato
    57 Post(s)

    Predefinito Re: Costo materie prime, trasporti e difficoltÃ* economia occidentale

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Non sono corretti, l'aumento di costo è solo in parte dovuto alle politiche ambientali e l'articolo è evidentemente pretestuoso.

    Però sulla razionalizzazione hai ragione da vendere, peccato che i tempi saranno molto lunghi. Speriamo che aumentando i prezzi si stimolino i giusti investimenti, anche in termini di sicurezza energetica avremmo molto da guadagnare. Non so i vincenti chi saranno, i perdenti invece sono chiarissimi e sono i grossi produttori di gas e petrolio che non potranno più campare solo di quello (e non è un caso che la Russia sparga disinformazione di ogni genere sul web apposta per rallentare la transizione ecologica),
    Non conoscendo i dati non volevo sbilanciarmi sul giudizio dell'articolo che era chiaramente fazioso (come tutto), ma era un buono spunto.
    Sul sole24ore leggevo di aumenti del gas dovuti a mancate manutenzioni di grossi impianti nordafricani causa covid (ed anche qui ci si marcia molto secondo me)
    Farò comunque la mia parte. Il contratto della luce del garage verrà chiuso. Consumo reale risibile (dovuto all'alzare e abbassare la serranda quando prendo la macchina), quote fisse assurde che fanno sì che la bolletta del garage sia quasi pari a quella di casa. SOstituirò l'elettricità con l'olio di gomito

    P.s. 1 Il problema del grano duro lo risolvo sostituendo la de cecco con la divella.

    P.s. 2 per arabi e sodali prevedo un ritorno al medioevo, si stanno già esercitando (parere personale)
    Ultima modifica di Gianni78ba; 14/09/2021 alle 21:52

  10. #30
    Uragano L'avatar di Alessandro(Foiano)
    Data Registrazione
    24/12/14
    Località
    Foiano della Chiana
    Messaggi
    17,907
    Menzionato
    13 Post(s)

    Predefinito Re: Costo materie prime, trasporti e difficoltÃ* economia occidentale

    Citazione Originariamente Scritto da MarcoSarto Visualizza Messaggio
    Trovo assurdo dover aspettare che i prezzi volino alle stelle, per rendersi conto della fragilità di un sistema elettrico e di una transizione energetica così sbilanciati verso il gas metano (che la Germania avrebbe volentieri inserito nella tassonomia della finanza sostenibile...).
    Inoltre le imprevedibili intermittenze delle rinnovabili aleatorie non aiutano; lo sta dimostrando il nord Europa in questi giorni, e con l'inverno alle porte la situazione potrebbe complicarsi ulteriormente.
    anche in Texas a fine febbraio 2021 sono rimasti al buio e al freddo “grazie” al peso via via crescente delle energie rinnovabili, al loro contributo alla rete in termini di … intermittenza, nel caso sembra per le pale gelate. E grazie ad una infrastruttura obsoleta che avrebbe dovuto essere rinnovata e adeguata prima di percorrere la via della salvazione indicata dal Dio Vento e dal Dio Sole.
    Cascend: Data Shows Wind-Power Was Chief Culprit Of Texas Grid Collapse | ZeroHedge

    la generazione a gas è intervenuta massicciamente a compensare il crollo di quella eolica, aumentando la propria quota di produzione del 400% prima di perdere parte di quella potenza extra, proprio a causa della mancata winterizzazione delle linee di trasporto.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •