Pagina 5 di 16 PrimaPrima ... 3456715 ... UltimaUltima
Risultati da 41 a 50 di 151
  1. #41
    Brezza tesa L'avatar di Gianni78ba
    Data Registrazione
    01/03/20
    Località
    Mola di Bari
    Età
    44
    Messaggi
    706
    Menzionato
    57 Post(s)

    Predefinito Re: Costo materie prime, trasporti e difficoltÃ* economia occidentale

    C.v.d.
    Un patto per i chip


    Sul versante digitale, l'esecutivo comunitario è convinto che l'Unione europea debba dotarsi di una «sovranità tecnologica». La pandemia ha messo in luce quanto i Ventisette siano dipendenti dalla produzione asiatica di microprocessori. «Dobbiamo – ha detto la signora von der Leyen – unire ricerca e produzione in Europa».
    La presidente della Commissione ha ricordato il successo ottenuto con la rete di satelliti Galileo che oggi è utilizzata da oltre due miliardi di telefoni cellulari nel mondo.

  2. #42
    Vento moderato L'avatar di nago
    Data Registrazione
    05/03/04
    Località
    Lissone (MB)
    Età
    54
    Messaggi
    1,427
    Menzionato
    10 Post(s)

    Predefinito Re: Costo materie prime, trasporti e difficoltÃ* economia occidentale

    Citazione Originariamente Scritto da Gianni78ba Visualizza Messaggio
    C.v.d.
    Un patto per i chip


    Sul versante digitale, l'esecutivo comunitario è convinto che l'Unione europea debba dotarsi di una «sovranità tecnologica». La pandemia ha messo in luce quanto i Ventisette siano dipendenti dalla produzione asiatica di microprocessori. «Dobbiamo – ha detto la signora von der Leyen – unire ricerca e produzione in Europa».
    La presidente della Commissione ha ricordato il successo ottenuto con la rete di satelliti Galileo che oggi è utilizzata da oltre due miliardi di telefoni cellulari nel mondo.
    I microcippi mancano perchè son tutti nei vaccini ...
    “Il mondo va a rotoli... come se lo avessi progettato io”.
    Ing. Cane

  3. #43
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    53
    Messaggi
    18,502
    Menzionato
    138 Post(s)

    Predefinito Re: Costo materie prime, trasporti e difficoltÃ* economia occidentale

    Citazione Originariamente Scritto da Gianni78ba Visualizza Messaggio
    però non è a saldo zero perché gli idrocarburi sono più efficienti e perché non è nemmeno detto che siano più sporchi.
    Mi è bastato questo per evitare un click...
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  4. #44
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    53
    Messaggi
    18,502
    Menzionato
    138 Post(s)

    Predefinito Re: Costo materie prime, trasporti e difficoltÃ* economia occidentale

    Citazione Originariamente Scritto da MarcoSarto Visualizza Messaggio
    Trovo assurdo dover aspettare che i prezzi volino alle stelle, per rendersi conto della fragilità di un sistema elettrico e di una transizione energetica così sbilanciati verso il gas metano (che la Germania avrebbe volentieri inserito nella tassonomia della finanza sostenibile...).
    Inoltre le imprevedibili intermittenze delle rinnovabili aleatorie non aiutano; lo sta dimostrando il nord Europa in questi giorni, e con l'inverno alle porte la situazione potrebbe complicarsi ulteriormente.
    Intanto, a proposito di green, l'energia nucleare, di fissione ovviamente vista l'epoca, negli USA è ufficialmente green.
    Chissà che non serva a capirla...
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  5. #45
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    53
    Messaggi
    18,502
    Menzionato
    138 Post(s)

    Predefinito Re: Costo materie prime, trasporti e difficoltÃ* economia occidentale

    Citazione Originariamente Scritto da Gianni78ba Visualizza Messaggio
    P.s. 2 per arabi e sodali prevedo un ritorno al medioevo, si stanno già esercitando (parere personale)
    In realtà quelli più avveduti stanno utilizzando i proventi del petrolio per ridurre la loro dipendenza energetica dal petrolio stesso.
    Campione del mondo in materia è la Norvegia (che non è araba ) che produce praticamente tutta l'energia con l'idroelettrico (rinnovabile quindi) e si arricchisce (a cominciare dal fondo sovrano) vendendo al resto del mondo petrolio e gas.
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  6. #46
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    53
    Messaggi
    18,502
    Menzionato
    138 Post(s)

    Predefinito Re: Costo materie prime, trasporti e difficoltÃ* economia occidentale

    Citazione Originariamente Scritto da nago Visualizza Messaggio
    I microcippi mancano perchè son tutti nei vaccini ...
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  7. #47
    Uragano L'avatar di Alessandro(Foiano)
    Data Registrazione
    24/12/14
    Località
    Foiano della Chiana
    Messaggi
    17,907
    Menzionato
    13 Post(s)

    Predefinito Re: Costo materie prime, trasporti e difficoltÃ* economia occidentale

    Citazione Originariamente Scritto da Gianni78ba Visualizza Messaggio
    CHIUDE COSì
    As moving to net-zero will imply ever-growing electricity demand, investors will not have to worry about overinvesting in low-carbon power systems. At EU level, the prompt approval and implementation of the ‘Fit for 55’ package would thus represent a more structural solution to avoid future energy-price spikes and ensure an orderly transition from brown to green.

    Lo stesso discorso credo sia valutato riguardo l'approvvigionamento delle terre rare.

    La stessa Unione Europea, che importa il 98% del suo fabbisogno di terre rare dalla Cina, ad inizio settembre ha reso pubblico il Piano di Azione per aumentare l’autonomia strategica e diminuire la sua dipendenza da Pechino. Oltre a incoraggiare progetti di riciclo, la Commissione Europea si è detta favorevole ad aumentare partenariati strategici con i Paesi africani così da assicurare all’Unione una diversificazione dell’approvvigionamento dei minerali strategici.L’importanza incrementale delle terre rare e dei minerali per l’industria tecnologica nel prossimo futuro potrebbe determinare in maniera decisiva alcune tendenze politiche, economiche e securitarie internazionali nel prossimo futuro. Infatti, il posizionamento all’interno del mercato globale dei minerali per lo sviluppo dell’high tech appare fondamentale sia per la promozione ed il sostegno dell’industria ad alta tecnologia nazionale sia per condizionare le capacità tecnologiche degli altri Stati competitor.Oggi, la Cina appare disporre ancora di una posizione privilegiata e dominante, garantita dalla ricchezza dei giacimenti nazionali, dall’efficienza dell’industria di raffinazione delle terre rare e dalla presenza in Africa. Nel breve e medio periodo è difficile immaginare una significativa perdita del primato cinese in questo comparto dell’economia. Per Pechino le terre rare sono una questione di sicurezza nazionale e la base rinunciabile per i progetti di trasformazione economica del futuro. Anche la Russia, nonostante non disponga della potenza di fuoco cinese nel settore dell’alta tecnologia, vuole sfruttare il proprio expertise nell’industria mineraria per affiancare Pechino quale attore preminenti nel mercato delle terre rare. Mosca, esattamente come Pechino, intende sviluppare una strategia a doppio binario basata sulla promozione e sullo sviluppo tanto delle ricchezze nazionali quanto di quelle africane.Se Russia e Cina riuscissero, complessivamente, ad assorbire e controllare la maggior parte delle risorse strategiche per lo sviluppo tecnologico, gli altri Paesi potrebbero trovarsi nella svantaggiosa situazione di subire la vulnerabilità da dipendenza esterna, come già avviene, per esempio, nel campo dell’energia tra Stati produttori e Stati importatori. In questo contesto, non è assolutamente da escludere che Russia e Cina possano decidere di “militarizzare” le terre rare ed usarle come strumento di pressione politica e deterrenza economica, come avvenuto nel caso, per esempio del gas in Europa o delle terre rare in Giappone.E’ proprio la necessità di evitare questo scenario che ha spinto Stati Uniti ed Unione Europea ad avviare una riflessione critica sulla diversificazione delle forniture di terre rare, aumentando l’attenzione verso le opportunità e le risorse africane. Tuttavia, Mosca e Pechino sono presenti nel continente africano già da tempo e, verosimilmente, non vorranno dilapidare il vantaggio acquisito

    La dimensione geopolitica della corsa alle terre rare - Ce.S.I. - Centro Studi Internazionali

    lapalissiano.
    La scelta dell’energia solare (intermittente per natura) metterà nelle mani della Cina, pressoché monopolista delle “terre rare” e dunque dei pannelli solari, la produzione energetica di gran parte dell’Europa.

  8. #48
    Vento teso
    Data Registrazione
    16/11/17
    Località
    Luino (VA) 220/310 mt
    Messaggi
    1,907
    Menzionato
    11 Post(s)

    Predefinito Re: Costo materie prime, trasporti e difficoltÃ* economia occidentale

    Citazione Originariamente Scritto da FunMBnel Visualizza Messaggio
    Intanto, a proposito di green, l'energia nucleare, di fissione ovviamente vista l'epoca, negli USA è ufficialmente green.
    Chissà che non serva a capirla...
    Guarda, si è andati vicini anche a mandare a quel paese uno dei mix energetici più puliti (oltre al 60% di energia a basse emissioni) degli USA: 50% nucleare, 10/15% rinnovabili.
    Sarà l'esempio della California, sarà la chiusura di Indian Point (si saranno pur stancati di nuove centrali a gas, di prezzi del gas alle stelle, del rischio concreto e continuo di blackout...), ma senz'altro sta emergendo il fatto che chiudere centrali nucleari nel bel mezzo di una crisi climatica è una follia. E' di sicuro una bella vittoria per l'ambientalismo scientifico mondiale, sperando possa essere un nuovo inizio.

  9. #49
    Brezza tesa L'avatar di Gianni78ba
    Data Registrazione
    01/03/20
    Località
    Mola di Bari
    Età
    44
    Messaggi
    706
    Menzionato
    57 Post(s)

    Predefinito Re: Costo materie prime, trasporti e difficoltÃ* economia occidentale

    In Giappone mi sembra di capire che il nucleare lo mettono da parte.

    Riguardo alla bolletta della luce vi invito a controllare le varie voci e verificare quanto sono le quote fisse e quanto i consumi effettivi.

    Poi visto che il governo parla di contenere i costi in bolletta luce:
    come si potrebbe fare a diminuirli del 5,10,15 anche 20% a seconda delle famiglie?
    Vediamo
    E se si bloccasse il pagamento del canone rai per i prossimi 3 anni con taglio dei costi in azienda?
    Facciamo un referendum online:
    Volete voi Sanremo, eurovision, domenica in, la Carlucci oppure volete risparmiare un centinaio di euro l’anno sulla bolletta?

    Chissà chi vince

  10. #50
    Vento forte L'avatar di verza81
    Data Registrazione
    17/11/03
    Località
    Altavilla Vicentina (VI)
    Età
    41
    Messaggi
    3,686
    Menzionato
    82 Post(s)

    Predefinito Re: Costo materie prime, trasporti e difficoltÃ* economia occidentale

    Quel +40% è sul costo energia consumo effettivi o totale?
    Perchè se fosse nel primo caso, ok rompe, ma è veramente irrisorio sul costo complessivo della bolletta (20% circa nel mio caso).

    Residenza: Altavilla Vicentina (VI)
    Lavoro: Brendola - casello di Montecchio Maggiore (VI)
    http://meteoaltavillavicentina.altervista.org/

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •