Pagina 3 di 58 PrimaPrima 123451353 ... UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 579
  1. #21
    Vento moderato L'avatar di Gianni78ba
    Data Registrazione
    01/03/20
    Località
    Mola di Bari
    Età
    46
    Messaggi
    1,003
    Menzionato
    64 Post(s)

    Predefinito Re: "It's the economy, stupid!"

    Citazione Originariamente Scritto da lothar Visualizza Messaggio
    Fatto bene ma tutta una grande supercazzola per dirvi che non cambierà nulla. Finchè la politica europea non metterà mano ai meccanismi di mercato al TTF non ci si scappa e purtroppo ci sono troppi interessi anche dentro l'Europa affinchè nulla cambi: vediamo ora se si muova il solito gigante che sbaglia tutte le scelte nei momenti clou, altrimenti senza Germania, ciccia.
    Energy crisis: Ursula von der Leyen calls for 'emergency intervention' in electricity market | Euronews

    "The skyrocketing electricity prices are now exposing, for different reasons, the limitations of our current electricity market design," the European Commission president said on Monday while addressing the Bled Strategic Forum in Slovenia. "[The market] was developed under completely different circumstances and for completely different purposes. It is no longer fit for purpose.
    "That is why we, the Commission, are now working on an emergency intervention and a structural reform of the electricity market. We need a new market model for electricity that really functions and brings us back into balance."
    Under this system, all electricity producers – from fossil fuels to wind and solar – bid into the market and offer power according to their production costs. The bidding starts from the cheapest resources – the renewables – and finishes with the most expensive ones, usually gas.
    Since most EU countries still rely on fossil fuels to meet all their energy demands, the final price of electricity is often set by the price of gas. If gas becomes more expensive, electricity bills inevitably go up, even if clean, cheaper sources also contribute to the total energy supply.
    The EC president declared an emergency but released no details.

    European power prices shatter records as energy crisis intensifies - CNN


    German power prices for next year, which are considered Europe's benchmark, briefly jumped above €1,000 ($999.80) per megawatt hour on Monday before falling back to €840 ($839.69) per megawatt hour.
    "This is not normal at all. It's incredibly volatile," said Fabian Rønningen, a senior analyst at Rystad Energy. "These prices are reaching levels now that we thought we would never see."


    Europe'''s Energy Crisis Is Going to Get Worse. | Time


    Until blackouts begin or pump prices make driving actually unaffordable, most people generally think no more often of energy than of air. For this reason, Americans have mostly been sheltered from the energy crisis unfolding urgently and in some cases lethally in countries around the world. In many other places, especially Europe, the escalating situation is impossible to ignore, and it’s going to get a lot worse.
    To be clear, the energy crisis is already here, and Russia is fully to blame. Natural gas prices topped $3100 per 1000 cubic meters in mid-August, a 610% increase over the same time last year as measured by the Dutch TTF market. At this price, many power stations cannot afford to operate for long. As a consequence of the rising cost of input fuels, benchmark electricity prices in Europe have surged almost 300% in 2022, breaking records. Taken together, energy prices are ten times higher than the five-year average.
    Not only do average households struggle to pay for power and heating at such a cost, but governments are coming up short, too. The $279 billion European governments have recently allocated to help small consumers is already not enough.
    The worst has yet to come. Russian Security Council Deputy Chairman Dmitry Medvedev threatened on August 28 that gas prices will hit $5000/1000m3 by the end of 2022. With Europe dependent on Russian imports for over 40% of its gas needs, and 46% for coal and 27% for oil, Putin has a lot of leverage. And this year, he is not playing nice.
    If Russia cuts off the gas—perhaps when, not if—the European consequences will be massive and the global economic consequences could be tragic. The IMF calculated in mid-July that for Hungary, Slovakia, and the Czech Republic a full cut off of natural gas from Russia could drop GDPs by up to 6%. Global economic growth would drop by 2.6% in 2022 and another 2% in 2023. On a human level, some people will not have heating, others will have to choose between warmth and food.

    Europe's Energy Crisis Is Worse Than You Think

    European natural gas prices are now around 10 times higher than they were on average over the last decade and about 10 times pricier than in the United States. Alex Munton, an expert on global gas markets at Rapidan Energy Group, a consultancy, said European natural gas is so expensive it’s like paying $500 for a barrel of oil. And these are the good months.
    “Things are [at] a crisis point,” said Munton. “We have astronomic gas prices, and we’re still a few months away from when gas demand really peaks during the winter. There’s genuine uncertainty whether there will be sufficient gas to meet demand throughout the winter.”
    It’s unclear how long industries and households can hold together. The United Kingdom, for instance, is looking at double-digit inflation in large part due to skyrocketing energy prices and a sharp downward revision to GDP estimates, according to Oxford Economics.

    Ed infine:


    Granholm to Europe: Tough Luck - WSJ

    America’s allies in Europe are desperate for alternative supplies of fuel amid the Ukraine war, and U.S. producers are happy to provide what they can. So wouldn’t you know the Biden Administration now wants to limit fuel exports.
    That’s the message Energy Secretary Jennifer Granholm sent last week in a letter imploring seven major refiners to limit fuel exports. We obtained a copy of the letter, which the Administration didn’t release publicly. Ms. Granholm warns that gasoline inventories on the East Coast are at a near-decade low, and diesel stocks are nearly 50% below the five-year average across the region.
    “Given the historic level of U.S. refined product exports, I again urge you to focus in the near term on building inventories in the United States, rather than selling down current stocks and further increasing exports,” she writes.
    “Given the historic level of U.S. refined product exports, I again urge you to focus in the near term on building inventories in the United States, rather than selling down current stocks and further increasing exports,” she writes.
    “It is our hope that companies will proactively address this need,” she adds. “If that is not the case, the Administration will need to consider additional Federal requirements or other emergency measures.”


    Biden runs down the Strategic Oil Reserves for political, not economic reasons, and now threatens exporters.
    The WSJ points out "Fuel storage levels would be much higher in the Northeast if not for New York state’s natural gas pipeline blockade, which has made the region more dependent on oil for energy. One-third of New England residents still use oil to heat their homes, and New York this month is generating more electricity from oil than from solar or wind."
    Here we are, headed into hurricane season, with the administration having run down oil reserves.



    1. The EU can subsidize the price of energy increasing deficits in treaty violation
    2. The EU can do nothing and let businesses go under
    3. The EU can remove sanctions on Russia and pray that Russia will go along
    4. The EU can set price controls that will force producers out of business
    5. The EU can ration energy

    prezzo gas.jpg
    Sopra il prezzo del future sul gas naturale
    Come si vede il prezzo ha preso una brutta piega mesi prima della guerra. Non fare nulla nei confronti della Russia e continuare come se niente fosse al momento dell'attacco a mio parere avrebbe avuto lo stesso effetto di uno che non cura il dente marcio perchè tanto in quel momento non gli fa male e non vuole soffrire dal dentista.

    E' un momento storico che secondo me non consente scorciatoie
    https://themarketjourney.substack.com :
    economia, modelli, mercato, finanza

  2. #22
    Vento moderato L'avatar di Gianni78ba
    Data Registrazione
    01/03/20
    Località
    Mola di Bari
    Età
    46
    Messaggi
    1,003
    Menzionato
    64 Post(s)

    Predefinito Re: "It's the economy, stupid!"

    case scenario germany.png
    Scenari tedeschi: il razionamento avverrebbe con azzeramento permanente dei flussi russi e inverno sottomedia (secondo le stime sopra...)
    Russia Halts Nord Stream Gas Pipeline, Ratcheting Up Pressure on Europe - WSJ
    High gas prices have reduced industrial demand. Increased imports via pipeline from Norway and shipments of liquefied natural gas from the U.S. have put Europe in a stronger position ahead of winter than many analysts forecast when Gazprom first cut supplies through Nord Stream in June. At the same time, there are concerns that supplies from producers besides Russia might not be enough to satisfy European demand later next year.“Effectively we’ve sacrificed, especially in Germany, industrial consumption over the past month to hit really, really ambitious storage targets,” said Ben McWilliams, an analyst at the Bruegel think tank, adding that the amount of gas in storage makes government-enforced rationing this winter less likely.For Russia, cutting the supply of gas to Europe isn’t without risk, as the continent has traditionally been Gazprom’s main market and provides a big part of the company’s revenue. Domestic storage, meanwhile, is filling up fast and some gas wells might need to be closed, many of which will be technically difficult to reopen. Russia’s options to reroute the gas flows to Asia or other markets are limited by its traditionally Europe-facing infrastructure.But despite the limited flows abroad, the company was able to record hefty profits.“Despite the decline in gas supplies to foreign markets, to markets far abroad, our calculations absolutely clearly show that the financial results of Gazprom, our revenue for 2022, will be significantly higher than in 2021,” Chief Executive Alexei Miller said Wednesday, according to the Russian news agency, TASS. (e che dobbiamo dire che nonostante i prezzi alle stelle stiamo guadagnando uguale?)


    Infatti...
    As Europe's energy costs skyrocket, Russia is burning off large amounts of natural gas, according to analysis shared with BBC News. The plant, near the border with Finland, is burning an estimated $10m worth of gas every day. The gas would previously have been exported to Germany.
    It's hard to shut down and restart a well at a moments notice. Well pressure, outside temperatures, and maintenance costs come into play.
    If Russia does not have the storage and does not want to supply the EU then burning it off makes economic sense.

    Intanto la quotazione del gas ha perso 100 euro in 3 giorni di contrattazioni

    31/8
    239





    https://themarketjourney.substack.com :
    economia, modelli, mercato, finanza

  3. #23
    Vento moderato L'avatar di Gianni78ba
    Data Registrazione
    01/03/20
    Località
    Mola di Bari
    Età
    46
    Messaggi
    1,003
    Menzionato
    64 Post(s)

    Predefinito Re: "It's the economy, stupid!"

    Di seguito un articolo di Seminerio a integrazione di quanto scritto nel post di esordio del topic.


    • Cina, i motori della decrescita

    Se l’economia mondiale non se la passa bene, c’è un paese che può essere considerato più malato di altri, in termini di crisi di modello di sviluppo. È la Cina, che durante la grande crisi finanziaria aveva “aiutato” l’economia mondiale con misure espansive senza precedenti, e che aveva fatto la sua parte anche durante la fase acuta del Covid.
    TRE MOTORI DI DECRESCITA

    Ora il gigante cinese è impigliato in una transizione per nulla indolore, come tutte le transizioni. Questa crisi esistenziale ha almeno tre motori. Il primo, lo scoppio della bolla immobiliare, con i guai di Evergrande come punta dell’iceberg che porta con sé tensioni sociali legate soprattutto ai compratori di case, che hanno già pagato gli acconti ma non vedono il momento in cui entreranno nell’abitazione terminata.
    Si è diffusa una campagna di disobbedienza basata sulla sospensione delle rate dei mutui, che le autorità stanno cercando di contenere, agevolando periodi di moratoria mentre tentano di fornire liquidità agli enti locali per aiutare i costruttori. È il rischio di dissesto di un modello di finanza pubblica locale basata sulla cessione di terreni dalle municipalità agli sviluppatori immobiliari.

    L’altro motore di decrescita è quello della repressione regolatoria del Big Tech, di cui vi ho dato puntuale conto lo scorso anno. I colossi tech, tra cui Tencent e Alibaba, si sono visti legare le mani e impedire lo sviluppo, così come è accaduto alle società di formazione online, che preparano a caro prezzo i figli della classe media cinese a un avvenire di dura ascesa sociale.
    Tencent da oltre un anno non ottiene autorizzazioni a sviluppare nuovi videogame e, nel contesto di crisi globale del settore, ha iniziato a preservare risorse bloccando le assunzioni e licenziando. Tra le vittime di questo ridimensionamento ci sono i brillanti giovani usciti dalle università. Che la motivazione di tale repressione sia da ricondurre soprattutto alla “protezione” dei dati personali, nel senso che possono e devono appartenere solo allo stato, o a motivazioni moralistiche sull’impiego del tempo libero rileva poco, ai fini degli esiti.
    UNA PIAGA DI STAMPO ITALIANO

    La disoccupazione giovanile urbana è ormai una piaga di stampo “italiano”: nella fascia compresa tra 16 e 24 anni, un giovane cinese su cinque non trova lavoro, secondo dati ufficiali. Quattro volte il tasso di disoccupazione che si riscontra nella fascia anagrafica 25-59 anni.
    Quest’anno entreranno nel mercato del lavoro cinese circa 11 milioni di giovani con laurea, un numero record. Lo shock di trovarsi senza lavoro per un periodo protratto, o di dover essere costretti ad accettare posizioni ridimensionate rispetto al proprio curriculum rappresenta un rischio non solo per la crescita di lungo termine cinese ma anche per il consenso al regime, a un mese e mezzo dal congresso del Partito comunista che affiderà a Xi Jinping uno storico terzo mandato.
    La spinta di Xi verso la cosiddetta “prosperità condivisa“, che in astratto dovrebbe essere il moto verso la redistribuzione nel paese che da lustri rappresenta un esperimento senza precedenti di anarco-capitalismo, fatica a prendere forma e sostanza.

    Per assorbire la disoccupazione giovanile qualificata, il regime ha spinto sulle assunzioni da parte delle imprese pubbliche, che notoriamente non sono fonte di innovazione. Se a questo aggiungiamo il conclamato declino demografico del paese, possiamo giungere alla conclusione che i giorni migliori per la Cina sembrano essere alle spalle.
    Tra i giovani laureati, la domanda di mercato pare invece essere robusta per chi consegue il titolo di dottore (o Ph.D) in marxismo. Una circolare del partito del 2018 ha stabilito che le università devono dotarsi di un istruttore di marxismo ogni 350 studenti. La richiesta proviene quindi dalle istituzioni accademiche e formative ma anche da imprese che ritengono che, mettendosi in casa uno “specialista” di dottrina di regime, sia possibile ottenere vantaggi di varia natura. Una sorta di “bollino di qualità”, in pratica, in aggiunta alle cellule di partito nei luoghi di lavoro.
    TRA LOCKDOWN E SICCITÀ

    Ho lasciato volutamente per ultime le conseguenze, in termini di gelata sulla congiuntura, dei feroci lockdown per contrastare focolai pandemici. Queste chiusure, sommandosi alla crisi dell’immobiliare, stanno abbattendo la domanda di materie prime e gelando la crescita. Anche la recente siccità da record ha depresso i livelli di attività. Se fossi cinico, direi che tagliare la domanda di materie prime in questo momento serve ad abbassare una febbre sempre più pericolosa.
    Per sintetizzare: il modello di sviluppo cinese, tanto decantato da una corrente di pubblicistica occidentale di sinistra tecnocratica, appare avviluppato in una crisi causata sia dall’implosione di una bolla speculativa da classica old economy (l’immobiliare), sia dal tentativo di sterzarlo da una fase di capitalismo pressoché incontrollato a una di redistribuzione, sia pure definita in modo incerto, con un peso crescente del settore pubblico. Lì si vedrà quanto vale realmente lo “stato innovatore” e imprenditore.
    Le conseguenze di tale crisi di sistema e le reazioni ad essa, unite al declino demografico, potrebbero pesare a lungo sulla società, finendo a corrodere il consenso al regime. Oltre, in un’ottica occidentale, a pesare sul contributo alla crescita globale che la Cina potrà fornire in un’epoca già segnata dall’arretramento della globalizzazione e dall’affermazione di una logica di blocchi e di guerra fredda manifesta.
    https://themarketjourney.substack.com :
    economia, modelli, mercato, finanza

  4. #24
    Burrasca L'avatar di Corry
    Data Registrazione
    24/11/04
    Località
    Ronago (CO)
    Età
    50
    Messaggi
    5,800
    Menzionato
    54 Post(s)

    Predefinito Re: "It's the economy, stupid!"

    Comunque sta chiaramente crollando.

    Da Sky
    Immagini Allegate Immagini Allegate
    ​Se mi piace il ruolo del cacciatore e della lepre? Se c'è uno davanti è normale che gli altro lo inseguano. E' come il gioco di guardia e ladri, i ladri scappano e le guardie inseguono...

  5. #25
    Vento moderato L'avatar di Gianni78ba
    Data Registrazione
    01/03/20
    Località
    Mola di Bari
    Età
    46
    Messaggi
    1,003
    Menzionato
    64 Post(s)

    Predefinito Re: "It's the economy, stupid!"

    Citazione Originariamente Scritto da Corry Visualizza Messaggio
    Comunque sta chiaramente crollando.

    Da Sky
    power price.jpg
    Dalla piattaforma bloomberg

    I prezzi che si formano sui mercati finanziari vanno a sensazione, col valore intrinseco che è solo una componente del valore percepito.
    Se dovesse stabilizzarsi il concetto che la russia non azzererà le forniture, stante la prima tabella che ho postato, il prezzo probabilmente tornerà su livelli di equilibrio pre guerra (che erano sempre alti) e poi il resto lo farà la reale situazione macro a livello di domanda in particolare.
    https://themarketjourney.substack.com :
    economia, modelli, mercato, finanza

  6. #26
    Vento moderato L'avatar di Gianni78ba
    Data Registrazione
    01/03/20
    Località
    Mola di Bari
    Età
    46
    Messaggi
    1,003
    Menzionato
    64 Post(s)

    Predefinito Re: "It's the economy, stupid!"

    Quali sono le determinanti dell'attuale inflazione secondo questo studio (anno su anno):
    COMPSIZIONE INFLAZiONE.png

    Europa contro america.

    I colli di bottiglia dell'offerta l'hanno fatta da padroni in usa.
    La strada della deglobalizzazione è certamente almeno in un primissimo momento (misurato in anni) inflattiva.

    La politica fiscale lato domanda ha certamente spinto più in usa che in europa

    Poi c'è l'energia che ha spinto invece più in Europa che in USA per i motivi che si sanno.

    La politica monetaria invece riflette un restringimento della liquidità degli ultimi mesi che per manifestare i suoi effetti avrà bisogno di ben più tempo. Di contro la spinta inflattiva dei vari quantitative easing (politica delle Banche centrali per creare moneta attraverso l’acquisto di titoli di Stato o altre obbligazioni sul mercato tenendo bassi i tassi, meccanismo che poi sposta tale moneta creata all'economia reale tramite gli interventi fiscali governativi) non è da mettere direttamente tra gli imputati per la situazione attuale, soprattutto in Europa dove la inflazione da domanda via meccanismo di trasmissione della liquidità a famiglie ed imprese è la metà rispetto all'america (su tale meccanismo c'è da discutere).

    inflation 2.png
    inflation 3.png
    EFFETTO CASCATA:
    inflation 4.png
    https://themarketjourney.substack.com :
    economia, modelli, mercato, finanza

  7. #27
    Vento moderato L'avatar di Gianni78ba
    Data Registrazione
    01/03/20
    Località
    Mola di Bari
    Età
    46
    Messaggi
    1,003
    Menzionato
    64 Post(s)

    Predefinito Re: "It's the economy, stupid!"

    Citazione Originariamente Scritto da Gianni78ba Visualizza Messaggio
    power price.jpg
    Dalla piattaforma bloomberg

    I prezzi che si formano sui mercati finanziari vanno a sensazione, col valore intrinseco che è solo una componente del valore percepito.
    Se dovesse stabilizzarsi il concetto che la russia non azzererà le forniture, stante la prima tabella che ho postato, il prezzo probabilmente tornerà su livelli di equilibrio pre guerra (che erano sempre alti) e poi il resto lo farà la reale situazione macro a livello di domanda in particolare.
    Sembrerebbe che le forniture di gas da gazprom che avrebbero dovuto riprendere domani siano state rimandate per perdite nelle condutture
    https://themarketjourney.substack.com :
    economia, modelli, mercato, finanza

  8. #28
    Burrasca L'avatar di paxo
    Data Registrazione
    13/11/15
    Località
    Caramanico T. (PE) 550 m s.l.m.
    Messaggi
    6,099
    Menzionato
    36 Post(s)

    Predefinito Re: "It's the economy, stupid!"

    Mi chiedevo se fosse possibile parlare delle proposte dei vari partiti politici per quanto riguarda il tema economia, senza trattare gli altri temi.

    Se qualche moderatore legge mi faccia sapere.

  9. #29
    Vento moderato L'avatar di Gianni78ba
    Data Registrazione
    01/03/20
    Località
    Mola di Bari
    Età
    46
    Messaggi
    1,003
    Menzionato
    64 Post(s)

    Predefinito Re: "It's the economy, stupid!"

    Citazione Originariamente Scritto da paxo Visualizza Messaggio
    Mi chiedevo se fosse possibile parlare delle proposte dei vari partiti politici per quanto riguarda il tema economia, senza trattare gli altri temi.

    Se qualche moderatore legge mi faccia sapere.
    Non in questo thread se no si chiude pure questo
    https://themarketjourney.substack.com :
    economia, modelli, mercato, finanza

  10. #30
    Vento moderato L'avatar di Gianni78ba
    Data Registrazione
    01/03/20
    Località
    Mola di Bari
    Età
    46
    Messaggi
    1,003
    Menzionato
    64 Post(s)

    Predefinito Re: "It's the economy, stupid!"

    Citazione Originariamente Scritto da paxo Visualizza Messaggio
    Mi chiedevo se fosse possibile parlare delle proposte dei vari partiti politici per quanto riguarda il tema economia, senza trattare gli altri temi.

    Se qualche moderatore legge mi faccia sapere.
    Faccio solo un breve accenno:

    Bce, contro l'inflazione whatever it happens? | Phastidio.net

    Pare dunque che la Bce abbia deciso, a soverchiante maggioranza, che è giunto il momento di diventare aggressivi sulla politica monetaria e procedere ad alzare i tassi “speditamente”, sul copione della Fed e anche se le condizioni economiche sottostanti sono differenti.

    Almeno, questo è il senso dell’intervento a Jackson Hole, durante il simposio annuale ospitato dalla Fed, di Isabel Schnabel, l’economista tedesca che dal 2020 è membro dell’executive board Bce con la responsabilità formale delle operazioni di mercato. E che tuttavia si è sin qui distinta per posizioni non particolarmente “tedesche” ma soprattutto per la complessa elaborazione teorica dei suoi interventi pubblici.

    La debolezza dell’euro, conseguenza dello shock energetico, rischia di amplificare ulteriormente le pressioni inflazionistiche. Ci sono poi criticità tecniche che incrociano la politica. Alzare i tassi significa aumentare la remunerazione delle riserve in eccesso di cui le banche commerciali dell’Eurozona dispongono in conseguenza del Quantitative easing. Su 4.500 miliardi di stock di liquidità, sarebbe un regalo di parecchi miliardi.Il fatto che le banche possano trovarsi, da qui a pochi mesi, a dover fare pesanti accantonamenti per perdite su crediti in conseguenza della congiuntura, difficilmente frenerebbe le richieste correnti di tassare severamente gli “extraprofitti” del settore, né metterebbe la sordina alle accuse alla Bce di aver favorito queste diseguaglianze.Nel suo intervento a Jackson Hole, Schnabel ha anche detto che una stretta monetaria, in questa congiuntura, rischia di aumentare il cosiddetto sacrifice ratio, espressione vagamente inquietante che indica quanto Pil è necessario sacrificare per conseguire un calo di inflazione di un punto percentuale. Secondo Schnabel, tale quoziente oggi è più elevato che in passato. In altri termini, serve maggiore stretta monetaria per produrre la stessa riduzione dell’inflazione. Se la globalizzazione ha causato disinflazione, la sua retromarcia sta causando una ripresa inflazionistica più persistente e difficile da eradicare.Altra determinante della persistenza dell’inflazione può essere la politica fiscale espansiva di questi anni, che ostacola il pieno dispiegamento della stretta monetaria e ne richiede in maggior quantità. Qualcosa su cui riflettere, nel momento in cui si decide di realizzare dei pur necessari cuscinetti di protezione dallo shock energetico. Misure che devono essere il più possibile selettive. Anche i non addetti ai lavori avranno -forse- identificato in queste dinamiche l’identikit del rischio stagflazione.
    In un contesto simile, chi è destinato a soffrire è il grande debitore. Inutile stupirsi quindi del livello dello spread italiano e della sua direzione di viaggio.


    Io l'anno scorso pensavo che l'inflazione sarebbe rientrata ecc. ecc.
    Non avevo capito niente. O meglio non pensavo e non volevo credere ci sarebbe stata una retromarcia dalla globalizzazione. Il problema è che Chimerica e Eurussia non potevano reggere più soprattutto perchè a Russia e Cina non poteva convenire più (su questo ci sarebbe molto molto da discutere). Senza globalizzazione c'è bisogno di farsi la tana delle tigri della regionalizzazione dalla quale si può uscire morti o splendidi.

    Detto questo, il momento attuale soprattutto in un paese come l'Italia è il momento peggiore in assoluto per andare al governo (da decenni) e la sensazione che ci sia una parte che stia facendo di tutto per perdere forse ha a che fare con la consapevolezza di ciò.
    https://themarketjourney.substack.com :
    economia, modelli, mercato, finanza

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •