Pagina 6 di 22 PrimaPrima ... 4567816 ... UltimaUltima
Risultati da 51 a 60 di 218

Discussione: Bollette pazze

  1. #51
    Uragano L'avatar di FunMBnel
    Data Registrazione
    26/09/03
    Località
    Disperso in una cava
    Età
    53
    Messaggi
    18,506
    Menzionato
    147 Post(s)

    Predefinito Re: Bollette pazze

    Citazione Originariamente Scritto da lothar Visualizza Messaggio
    Sono quasi commosso, sei uno dei pochi non del settore che non ci fa passare tutti come delinquenti.
    Tu dovresti leggere i commenti sul gruppo FB del mio comune di quelli che hanno il teleriscaldamento, la cui bolletta è ovviamente salita (pur restando miliardi di euro sotto quelle "normali").
    Un giorno uno di Hera (che non so che ruolo ricopra, ma sicuramente non l'uomo delle pulizie) ha risposto per filo e per segno facendo chiaramente intendere che razza di mentecatti fossero quelli che sparavano minchiate senza avere la più pallida idea di quello di cui (stra)parlavano.
    Silenzio per una settimana e poi via, di nuovo le stesse minchiate.
    Non c'è speranza.
    Quanto a me, come avrai notato, pur non sapendo una sega di normative almeno il costo della materia prima, che è riportato in bolletta, lo so leggere.
    Neutrofilo, normofilo, fatalistofilo: il politically correct della meteo
    27/11: fuori a calci i pregiudicati. Liberazione finalmente.

  2. #52
    Vento forte L'avatar di Alexios
    Data Registrazione
    18/01/12
    Località
    Palomonte (SA) 330 m
    Età
    35
    Messaggi
    3,322
    Menzionato
    12 Post(s)

    Predefinito Re: Bollette pazze

    Arrivata comunicazione da Enel mercato libero che dal 1 Febbraio la componente materia prima sale a 0,29 kWh per 36 (!) mesi...

    Inviato dal mio RMX3081 utilizzando Tapatalk

  3. #53
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    27/02/04
    Località
    Ravenna provincia sud
    Età
    63
    Messaggi
    737
    Menzionato
    3 Post(s)

    Predefinito Re: Bollette pazze

    Intanto hera, con la quale ho un contratto a me intestato luce gas e acqua per un appartamento di mia proprieta' affittato, mi comunica che dal primo gennaio 2023 mi applichera' per il gas una tariffa legata al prezzo corrente del mercato pvs,che attualmente se non sbaglio si aggira a poco meno di 2 euro al metro cubo,contro un prezzo sui 0,25-0,3 attualmente in bolletta.

  4. #54
    Brezza leggera L'avatar di alexeia
    Data Registrazione
    25/12/12
    Località
    milano
    Messaggi
    387
    Menzionato
    18 Post(s)

    Predefinito Re: Bollette pazze

    Citazione Originariamente Scritto da jack9 Visualizza Messaggio
    A parte che gli ultimi anni sono in controtendenza con aumento dei giovani che imparano, nonostante il Covid. In secondo luogo molto spesso gli impianti sono alimentati da idroelettrico per una discreta fetta e in futuro si implementerà il solare.
    i danni dello sci sono già stati fatti (alberi, installazione piloni etc), non vedo perché debbano essere smantellati.
    in più le cifre dicono il contrario di quanto affermi, al netto del covid i fatturati sono in crescita, e c’è anche la componente estiva (VdA fattura il 7% in più quest’anno in estate, dopo che l’estate scorsa fu un boom pazzesco).
    poi lo sci dà da lavorare a milionate di persone…
    chiaro che se parli del cuneese e dei piccoli comprensori ci sta tutto…
    ps: dati alla mano (sai, è il mio campo) lo sci, nonostante sia puramente stagionale, è il quarto sport per numero di praticanti in Italia…

    Alla lunga comunque il comparto finirà per ridimensionarsi. Oltre all'energia, gli impianti mangiano acqua ogni volta che si inneva artificialmente, e quindi sarà da vedere quanta disponibilità ci sarà di volta in volta per alimentarli. Poi dipende dalle zone, però è un fattore da non trascurare.
    Quanto ai danni "già fatti", nì: le richieste di ampliamento dei demani sciabili continuano a fioccare, e l'idea di potenziare i comprensori con nuove piste, ampliando e ristrutturando le infrastrutture non è stata ancora abbandonata. Quindi, se continuasse il trend in crescita, ci sarebbero nuovi insanabili danni, non tanto per alberi e piloni, quanto per gli sbancamenti per ampliare lo spazio pistabile, con danneggiamento/distruzione delle morfologie di superficie, danni paesaggistici pesanti e rischi per la stabilità stessa di certi segmenti di versante.

  5. #55
    Vento fresco L'avatar di lothar
    Data Registrazione
    03/03/05
    Località
    Madone(BG) - Bergamo
    Età
    40
    Messaggi
    2,118
    Menzionato
    4 Post(s)

    Predefinito Re: Bollette pazze

    Citazione Originariamente Scritto da Alexios Visualizza Messaggio
    Arrivata comunicazione da Enel mercato libero che dal 1 Febbraio la componente materia prima sale a 0,29 kWh per 36 (!) mesi...

    Inviato dal mio RMX3081 utilizzando Tapatalk
    Fissare ai massimi non è sicuramente una buona scelta ma ricordatevi sempre che le utenze domestiche possono cambiare contratto e fornitore quando lo desiderano. Quindi nessuno vi vieta di cercare altre offerte e cambiare da marzo23.
    P.S. Confido che tu stia parlando di energia elettrica, se fosse gas sarebbero veramente pessimi.
    Pietro

  6. #56
    Vento forte L'avatar di Alexios
    Data Registrazione
    18/01/12
    Località
    Palomonte (SA) 330 m
    Età
    35
    Messaggi
    3,322
    Menzionato
    12 Post(s)

    Predefinito Re: Bollette pazze

    Si e energia elettrica. Per il gas ho già un pessimo fornitore ma cambiare ora non porta vantaggi apprezzabili quindi aspetto un po'.
    Per l'elettricità a Gennaio do un'occhiata ai prezzi in giro e valuto cosa fare...

    Inviato dal mio RMX3081 utilizzando Tapatalk

  7. #57
    Vento forte L'avatar di galinsog@
    Data Registrazione
    18/03/19
    Località
    Mele - Fado (GE)
    Messaggi
    4,169
    Menzionato
    71 Post(s)

    Predefinito Re: Bollette pazze

    Citazione Originariamente Scritto da jack9 Visualizza Messaggio
    A parte che gli ultimi anni sono in controtendenza con aumento dei giovani che imparano, nonostante il Covid. In secondo luogo molto spesso gli impianti sono alimentati da idroelettrico per una discreta fetta e in futuro si implementerà il solare.
    i danni dello sci sono già stati fatti (alberi, installazione piloni etc), non vedo perché debbano essere smantellati.
    in più le cifre dicono il contrario di quanto affermi, al netto del covid i fatturati sono in crescita, e c’è anche la componente estiva (VdA fattura il 7% in più quest’anno in estate, dopo che l’estate scorsa fu un boom pazzesco).
    poi lo sci dà da lavorare a milionate di persone…

    chiaro che se parli del cuneese e dei piccoli comprensori ci sta tutto…

    ps: dati alla mano (sai, è il mio campo) lo sci, nonostante sia puramente stagionale, è il quarto sport per numero di praticanti in Italia…
    Citazione Originariamente Scritto da jack9 Visualizza Messaggio
    A parte che gli ultimi anni sono in controtendenza con aumento dei giovani che imparano, nonostante il Covid. In secondo luogo molto spesso gli impianti sono alimentati da idroelettrico per una discreta fetta e in futuro si implementerà il solare.
    i danni dello sci sono già stati fatti (alberi, installazione piloni etc), non vedo perché debbano essere smantellati.
    in più le cifre dicono il contrario di quanto affermi, al netto del covid i fatturati sono in crescita, e c’è anche la componente estiva (VdA fattura il 7% in più quest’anno in estate, dopo che l’estate scorsa fu un boom pazzesco).
    poi lo sci dà da lavorare a milionate di persone…

    chiaro che se parli del cuneese e dei piccoli comprensori ci sta tutto…

    ps: dati alla mano (sai, è il mio campo) lo sci, nonostante sia puramente stagionale, è il quarto sport per numero di praticanti in Italia…
    I 3/4 delle stazioni sciistiche del Cuneese, ma ci metterei pure quelle residuali della parte SW della Provincia di Torino, non avevano senso nemmeno quando nacquero tra anni '50 e '60, quote basse che limitavano la durata della stagione sciistica, anche quando in inverno si faceva il pieno di neve. Logistica fatta col culo. Impianti mal concepiti (tipo piste spezzettate in 2 o 3 tronconi non collegati tra loro da skilift). Molte di queste stazioni erano già andate in sofferenza con la crisi petrolifera e l'austerità del 1973/74... Alcune sono arrivate fino a oggi grazie a sovvenzioni regionali, ma ovviamente se i pochi o tanti soldi che prendi li usi tutti solo per tenere aperto, non puoi nemmeno fare investimenti seri sull'innevamento artificiale... La pessima infrastrutturazione viaria della Provincia di Cuneo e delle zone confinanti (Liguria di Ponente inclusa) restituisce tempi di percorrenza allucinanti. Andare da casa mia a Bersezio, l'ultima volta che ci sono stato, mi è costato 3.40 ore di viaggio, 192 Km dei quali una sessantina incolonnati dietro ai camion che salivano lungo la statale del Colle della Maddalena. Praticamente ci ho impiegato meno tempo rientrando un paio di volte da Chamonix (inclusa l'attesa all'imbocco francese del tunnel). Te credo che lì lo sci è morto, il problema è che, turisticamente parlando, è morto o è moribondo anche tutto il resto...

  8. #58
    Uragano
    Data Registrazione
    12/06/09
    Località
    Roma
    Messaggi
    15,763
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Bollette pazze

    Citazione Originariamente Scritto da galinsog@ Visualizza Messaggio
    I 3/4 delle stazioni sciistiche del Cuneese, ma ci metterei pure quelle residuali della parte SW della Provincia di Torino, non avevano senso nemmeno quando nacquero tra anni '50 e '60, quote basse che limitavano la durata della stagione sciistica, anche quando in inverno si faceva il pieno di neve. Logistica fatta col culo. Impianti mal concepiti (tipo piste spezzettate in 2 o 3 tronconi non collegati tra loro da skilift). Molte di queste stazioni erano già andate in sofferenza con la crisi petrolifera e l'austerità del 1973/74... Alcune sono arrivate fino a oggi grazie a sovvenzioni regionali, ma ovviamente se i pochi o tanti soldi che prendi li usi tutti solo per tenere aperto, non puoi nemmeno fare investimenti seri sull'innevamento artificiale... La pessima infrastrutturazione viaria della Provincia di Cuneo e delle zone confinanti (Liguria di Ponente inclusa) restituisce tempi di percorrenza allucinanti. Andare da casa mia a Bersezio, l'ultima volta che ci sono stato, mi è costato 3.40 ore di viaggio, 192 Km dei quali una sessantina incolonnati dietro ai camion che salivano lungo la statale del Colle della Maddalena. Praticamente ci ho impiegato meno tempo rientrando un paio di volte da Chamonix (inclusa l'attesa all'imbocco francese del tunnel). Te credo che lì lo sci è morto, il problema è che, turisticamente parlando, è morto o è moribondo anche tutto il resto...
    Alcuni anni fa alcune associazioni ambientaliste dissero che non bisognava fare nuovi impianti al di sotto del 1300 m

  9. #59
    Uragano L'avatar di Lou_Vall
    Data Registrazione
    06/10/07
    Località
    Roccasparvera (CN) 668m. -Far West-
    Età
    34
    Messaggi
    27,260
    Menzionato
    148 Post(s)

    Predefinito Re: Bollette pazze

    Citazione Originariamente Scritto da Stefano De C. Visualizza Messaggio
    Alcuni anni fa alcune associazioni ambientaliste dissero che non bisognava fare nuovi impianti al di sotto del 1300 m
    Climaticamente non hanno nessun senso al di sotto dei 2000 metri, altro che 1300. E 2000 metri non sono ancora una garanzia.
    Lou soulei nais per tuchi

  10. #60
    Uragano L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    31
    Messaggi
    25,322
    Menzionato
    403 Post(s)

    Predefinito Re: Bollette pazze

    Citazione Originariamente Scritto da alexeia Visualizza Messaggio
    Alla lunga comunque il comparto finirà per ridimensionarsi. Oltre all'energia, gli impianti mangiano acqua ogni volta che si inneva artificialmente, e quindi sarà da vedere quanta disponibilità ci sarà di volta in volta per alimentarli. Poi dipende dalle zone, però è un fattore da non trascurare.
    Quanto ai danni "già fatti", nì: le richieste di ampliamento dei demani sciabili continuano a fioccare, e l'idea di potenziare i comprensori con nuove piste, ampliando e ristrutturando le infrastrutture non è stata ancora abbandonata. Quindi, se continuasse il trend in crescita, ci sarebbero nuovi insanabili danni, non tanto per alberi e piloni, quanto per gli sbancamenti per ampliare lo spazio pistabile, con danneggiamento/distruzione delle morfologie di superficie, danni paesaggistici pesanti e rischi per la stabilità stessa di certi segmenti di versante.
    l'innevamento artificiale è interamente alimentato da bacini appositi, non mangiano acqua a nessuno.
    i comprensori sono già tutti su, di comprensori nuovi non ce n'è manco il seme dell'idea, semmai qualche collegamento o qualche pista.
    se però devono fare una diga va tutto bene lì di sbancamenti non ne fanno e non c'è danneggiamento della morfologia di superficie.
    talmente tanti rischi che è pieno di versanti che son crollati per le piste da sci.
    che poi dia fastidio la creazione di una nuova pista su ghiacciaio come nel caso di Cervinia son d'accordo, non ce n'è proprio bisogno. per il resto, tolto il disboscamento, particolari problemi non ci sono mai stai.
    mettetevi l'anima in pace: lo sci muove miliardi su miliardi (ma anche il turismo estivo) e dà da lavorare a milioni di persone.
    chiudiamo tutto, a patto che le assumete voi e che i miliardi persi li mettiate voi.
    Si vis pacem, para bellum.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •