Pagina 1 di 13 12311 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 128
  1. #1
    Vento teso L'avatar di frankie986
    Data Registrazione
    23/10/06
    Località
    S.V.O. (MI) / S.M. Del Focallo (RG)
    Età
    36
    Messaggi
    1,728
    Menzionato
    34 Post(s)

    Predefinito Dialetti e lingue d'Italia

    Salve a tutti, apro questa discussione riguardante i dialetti e le lingue diffuse sul territorio italiano. Voi parlate qualche dialetto abitualmente, lo capite senza parlarlo o è un mondo estraneo per voi?
    Personalmente comprendo e riesco a parlare il siciliano nella variante ragusana, capisco perfettamente il veneto e capisco qualcosa di milanese dato che mio padre lo parlava.

    Ultima modifica di frankie986; 16/11/2022 alle 21:43

  2. #2
    Burrasca L'avatar di wtrentino
    Data Registrazione
    14/05/13
    Località
    Zambana (TN)
    Età
    25
    Messaggi
    6,140
    Menzionato
    35 Post(s)

    Predefinito Re: Dialetti e lingue d'Italia

    Io a casa tra amici e lavoro parlo dialetto Trentino. Per somiglianza capisco il veneto, anche se non tutte le versioni sono immediate. Un po’ tutti i dialetti del nord comunque sono abbastaanza comprensibili, pur con alcune difficoltà.


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

  3. #3
    Uragano
    Data Registrazione
    12/06/09
    Località
    Roma
    Messaggi
    15,722
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Dialetti e lingue d'Italia

    Capisco l'abruzzese specie zona della Marsica e dell'Aquilano, perchè ho madre marsicana.
    ovviamente il romano, anche se non è quello che parlavano i miei nonni (famiglia paterna romana), il dialetto che si parla a Roma oggi è più un italiano romanizzato si può dire, complice anche che la maggioranza della popolazione è di fuori od ha genitori (o nonni) di fuori (i romani de' Roma, come si suol dire, sono quasi in via d'estinzione)

  4. #4
    Vento forte L'avatar di verza81
    Data Registrazione
    17/11/03
    Località
    Altavilla Vicentina (VI)
    Età
    41
    Messaggi
    3,836
    Menzionato
    84 Post(s)

    Predefinito Re: Dialetti e lingue d'Italia

    Capisco e so parlo (ma non uso) ovviamente il vicentino
    Capisco e so parlare qualcosa (ma non parlo) il siciliano zona Sommatino causa origini della moglie
    Capisco il friulano (zii e cugini)
    Capisco abbastanza il viestano (anni ed anni di ferie d’estate)
    Qualcosa anche del sambenedettese (anche lì parecchi ferie)
    Poi come già detto quelli del nord bene o male di capiscono


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

  5. #5
    Vento teso L'avatar di frankie986
    Data Registrazione
    23/10/06
    Località
    S.V.O. (MI) / S.M. Del Focallo (RG)
    Età
    36
    Messaggi
    1,728
    Menzionato
    34 Post(s)

    Predefinito Re: Dialetti e lingue d'Italia

    Citazione Originariamente Scritto da Stefano De C. Visualizza Messaggio
    Capisco l'abruzzese specie zona della Marsica e dell'Aquilano, perchè ho madre marsicana.
    ovviamente il romano, anche se non è quello che parlavano i miei nonni (famiglia paterna romana), il dialetto che si parla a Roma oggi è più un italiano romanizzato si può dire, complice anche che la maggioranza della popolazione è di fuori od ha genitori (o nonni) di fuori (i romani de' Roma, come si suol dire, sono quasi in via d'estinzione)
    Ho notato infatti che il romano parlato da Sordi e di altri attori romani di un tempo è diverso dal romano odierno.

  6. #6
    Brezza leggera L'avatar di alexeia
    Data Registrazione
    25/12/12
    Località
    milano
    Messaggi
    387
    Menzionato
    18 Post(s)

    Predefinito Re: Dialetti e lingue d'Italia

    Capisco bene il veneziano, e lo parlerei, se da piccola non me lo avessero vietato: certi giri di frase e certi termini che ormai si stanno perdendo, sostituiti da venetizzazioni degli equivalenti italiani, mi vengono istintivi, ma ahimé non ho assolutamente non dico l'accento - quello si può imitare, e viene fuori dopo meno di un giorno a Venezia - ma nemmeno la sonorità giusta delle vocali... insomma, se lo parlassi farei solo ridere, pur essendo grammaticalmente corretta... SGRUNT...
    Capisco il bergamasco di Bergamo-valli, per motivi di lavoro, ma il moroso che è della pianura, al confine sull'Oglio già usa termini per me assolutamente incomprensibili (cioè, adesso li capisco, ma non li ho mai sentiti nelle valli...).
    Il valsabbino dei nonni mi risultava ostrogoto da piccola, poi non l'ho più sentito parlare, e tale resta.
    Poi ci sono un po' di riminiscenze del siciliano del nonno, che riaffiorano quando sento parlare in questa lingua; idem per un generico ligure, essendo cresciuta a Sanremo, riesco a comprendere abbastanza bene le commedie dialettali (che sono già un po' addomesticate).
    Zero sul milanese, non mi piace, non lo sento parlare, i milanesi snoo pressoché estinti...

  7. #7
    Vento teso L'avatar di frankie986
    Data Registrazione
    23/10/06
    Località
    S.V.O. (MI) / S.M. Del Focallo (RG)
    Età
    36
    Messaggi
    1,728
    Menzionato
    34 Post(s)

    Predefinito Re: Dialetti e lingue d'Italia

    C'è da dire che ci sono molte zone del nord ovest dove il dialetto si sta estinguendo o è riservato ad una fascia di popolazione anziana. Qua nell'ovest Lombardia non lo parla più praticamente nessuno se non qualche over 70 specialmente nelle grandi città, molti tra l'altro non lo capiscono nemmeno il dialetto della zona in cui sono nati e hanno sempre vissuto. Ci sono altrettante zone d'Italia dove il dialetto è ancora vivo anche nei giovani (nord est col Veneto in primis, sud Italia in genere specie Calabria Sicilia e Campania.)

  8. #8
    Vento fresco L'avatar di Tarcii
    Data Registrazione
    13/08/19
    Località
    Ambivere (BG)
    Età
    21
    Messaggi
    2,538
    Menzionato
    20 Post(s)

    Predefinito Re: Dialetti e lingue d'Italia

    L'unico dialetto che so parlare e comprendere è il bergamasco, anche se non alla perfezione perché nella comunicazione quotidiana lo usano prevalentemente gli anziani.

    Molti ragazzi della mia età non conoscono il dialetto oppure lo parlano limitatamente, specialmente chi vive nelle città più grandi, ma in università parlando con quei pochi che ancora li conoscono abbiamo notato come il bergamasco sia molto simile al cremasco o al bresciano ed invece diverso dal brianzolo, specialmente l'accento che è molto molto differente. Non conosco invece nessuno che parli milanese, non ne ho ancora trovati, mentre devo dire che il veneto non è troppo difficile, al contrario del napoletano o del siciliano di cui non capisco nulla.
    Tu mi dici, "Ti guardi? Sbagli a paragonarti"

  9. #9
    Burrasca forte L'avatar di meteo_vda_82
    Data Registrazione
    01/10/05
    Località
    Torgnon 1350mt /Châtillon 530mt VDA
    Età
    40
    Messaggi
    8,399
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Dialetti e lingue d'Italia

    Parlo in dialetto (il "patois" del mio paese che fa parte di un insieme dei dialetti del francoprovenzale, un'area linguistica che si estende nel sud-est della Francia, la Svizzera francese e la Valle d'Aosta e alcune valli piemontesi).
    lo parlo con quasi tutti i familiari, una parte degli amici e colleghi, conoscenti e anche con gli utenti che lo parlano (facendo un lavoro anche a contatto con il pubblico).
    Capisco un po' il Piemontese (canavesano e Torinese) sia per un fattore di vicinanza, sia per il fatto che anche dei parenti della zona di Ivrea e perché essendo il mio un paese turistico ci sono tanti piemontesi e torinesi che affittano (anche da noi e un tempo dai miei nonni) o hanno casa qui (in particolare mi ricordo quando ero bambino/ragazzino dei vecchietti turisti che parlavano piemontese e torinese, ora purtroppo non senti più quasi nessuno che lo parla)
    Ultima modifica di meteo_vda_82; 17/11/2022 alle 20:15

  10. #10
    Vento teso L'avatar di frankie986
    Data Registrazione
    23/10/06
    Località
    S.V.O. (MI) / S.M. Del Focallo (RG)
    Età
    36
    Messaggi
    1,728
    Menzionato
    34 Post(s)

    Predefinito Re: Dialetti e lingue d'Italia

    Citazione Originariamente Scritto da Tarcii Visualizza Messaggio
    L'unico dialetto che so parlare e comprendere è il bergamasco, anche se non alla perfezione perché nella comunicazione quotidiana lo usano prevalentemente gli anziani.

    Molti ragazzi della mia età non conoscono il dialetto oppure lo parlano limitatamente, specialmente chi vive nelle città più grandi, ma in università parlando con quei pochi che ancora li conoscono abbiamo notato come il bergamasco sia molto simile al cremasco o bresciano ed invece diverso dal brianzolo, specialmente l'accento che è molto molto differente. Non conosco invece nessuno che parli milanese, non ne ho ancora trovati, mentre devo dire che il veneto non è troppo difficile, al contrario del napoletano o del siciliano di cui non capisco nulla.
    Bergamasco e bresciano insieme al cremasco fanno parte del lombardo orientale che presenta differenze sia di accento che di termini rispetto al lombardo occidentale. Avendo vissuto i primi anni della mia vita a metà strada tra Milano e Bergamo ricordo che il fiume Adda faceva da spartiacque tra i 2 modi diversi di parlare. Un bambino o ragazzo proveniente a est dell'Adda si riconosceva immediatamente dal modo di parlare.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •