Pagina 138 di 145 PrimaPrima ... 3888128136137138139140 ... UltimaUltima
Risultati da 1,371 a 1,380 di 1447
  1. #1371
    Burrasca L'avatar di Corry
    Data Registrazione
    24/11/04
    Località
    Ronago (CO)
    Età
    50
    Messaggi
    5,807
    Menzionato
    54 Post(s)

    Predefinito Re: Sinner e il giovane tennis italiano

    Ho visto gli highlights
    ​Se mi piace il ruolo del cacciatore e della lepre? Se c'è uno davanti è normale che gli altro lo inseguano. E' come il gioco di guardia e ladri, i ladri scappano e le guardie inseguono...

  2. #1372
    Vento moderato L'avatar di Gianni78ba
    Data Registrazione
    01/03/20
    Località
    Mola di Bari
    Età
    46
    Messaggi
    1,004
    Menzionato
    64 Post(s)

    Predefinito Re: Sinner e il giovane tennis italiano

    Darderi altro con un buon futuro,
    oggi ha avuto match point contro Struff
    https://themarketjourney.substack.com :
    economia, modelli, mercato, finanza

  3. #1373
    Comitato Tecnico Scientifico
    Data Registrazione
    23/05/04
    Località
    Porano (TR)
    Messaggi
    6,063
    Menzionato
    59 Post(s)

    Predefinito Re: Sinner e il giovane tennis italiano

    Sinner semifinale ad Halle
    Musetti semifinale al Queen
    Cocciaretto semifinale a Birmingham
    Se i giovani sapessero, se i vecchi potessero!!!

  4. #1374
    Burrasca forte L'avatar di Eltara
    Data Registrazione
    12/04/06
    Località
    Carignano (TO)
    Età
    39
    Messaggi
    7,642
    Menzionato
    26 Post(s)

    Predefinito Re: Sinner e il giovane tennis italiano

    Citazione Originariamente Scritto da Porano444 Visualizza Messaggio
    Sinner semifinale ad Halle
    Musetti semifinale al Queen
    Cocciaretto semifinale a Birmingham
    Vediamo se riusciamo a vincere la prossima volta anche stavolta Sinner e il giovane tennis italiano
    Alessandro Tarable
    La mia stazione Netatmo: https://weathermap.netatmo.com/?stat...ee:50:a5:a6:98

  5. #1375
    Vento moderato L'avatar di Gianni78ba
    Data Registrazione
    01/03/20
    Località
    Mola di Bari
    Età
    46
    Messaggi
    1,004
    Menzionato
    64 Post(s)

    Predefinito Re: Sinner e il giovane tennis italiano

    musetti e sinner in finale
    https://themarketjourney.substack.com :
    economia, modelli, mercato, finanza

  6. #1376
    Vento moderato L'avatar di Gianni78ba
    Data Registrazione
    01/03/20
    Località
    Mola di Bari
    Età
    46
    Messaggi
    1,004
    Menzionato
    64 Post(s)

    Predefinito Re: Sinner e il giovane tennis italiano

    Alla fine vince Sinner, Musetti battuto

    P.s. vittoria anche del doppio


    Riprovarci per la coppa davis è obbligatorio
    https://themarketjourney.substack.com :
    economia, modelli, mercato, finanza

  7. #1377
    Vento moderato L'avatar di FR est
    Data Registrazione
    30/01/20
    Località
    Frosinone
    Età
    50
    Messaggi
    1,266
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Sinner e il giovane tennis italiano

    Sinner 14 ...nel mirino adesso Gardini ( n.8 25) e Merlo 24 , beh erano altri tempi cnq
    Rilevazioni dal 1999

  8. #1378
    Vento moderato L'avatar di FR est
    Data Registrazione
    30/01/20
    Località
    Frosinone
    Età
    50
    Messaggi
    1,266
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Sinner e il giovane tennis italiano

    Più di preciso Sinner e' il più vincente era ATP
    Se però guardiamo anche prima abbiamo:

    De Stefani 56
    Pietrangeli 49
    Il barone De Morpurgo 37
    Gardini 25
    Merlo 24
    E poi Sinner 14
    Rilevazioni dal 1999

  9. #1379
    Vento moderato L'avatar di Gianni78ba
    Data Registrazione
    01/03/20
    Località
    Mola di Bari
    Età
    46
    Messaggi
    1,004
    Menzionato
    64 Post(s)

    Predefinito Re: Sinner e il giovane tennis italiano

    Citazione Originariamente Scritto da FR est Visualizza Messaggio
    Più di preciso Sinner e' il più vincente era ATP
    Se però guardiamo anche prima abbiamo:

    De Stefani 56
    Pietrangeli 49
    Il barone De Morpurgo 37
    Gardini 25
    Merlo 24
    E poi Sinner 14
    Per me ci arriva:

    Leggete qua:

    Era marzo quando Quentin Moynet de L’Equipe ha incontrato Jannik Sinner per un’intervista. Il contesto era quello di Indian Wells, quando l’azzurro era ancora imbattuto nel 2024 dopo aver vinto l’Australian Open e anche il 500 di Rotterdam. In California arrivò poi la sconfitta in semifinale con Alcaraz, ma nelle settimane successive le cose non sono certo andate male. E così quell’intervista è diventata un’intervista con il numero uno del mondo, pubblicata a ridosso del primo Slam che Jannik giocherà guardando tutti dall’alto (esordio lunedì sul campo 1 per l’italiano). Un semplice modo di dire per esprimere la posizione in classifica e nel tabellone di Wimbledon del giocatore italiano ma che di certo non ne rispecchia l’atteggiamento. La voglia di vincere è una cosa, l’arroganza o la presunzione tutt’altra. Se ce ne fosse bisogno, lo conferma anche il ritratto di Sinner che esce da quest’intervista, capace di sondare temi anche inediti come il rapporto con il fratello Mark e alcune esperienze adolescenziali.
    Come titolo L’Equipe ha scelto questa dichiarazione di Jannik: “Non mi interessa essere famoso”. E il discorso dell’altoatesino merita di essere approfondito: “Spero che le persone non mi vedano solo per i miei risultati sportivi, ma anche per quello che sono come persona. In Italia, in particolare, sempre più persone mi riconoscono ed è bello. Ma non mi interessa essere conosciuto per il gusto di esserlo. Voglio essere una fonte di ispirazione, voglio ispirare sempre più giovani a prendere in mano una racchetta e ad andare a giocare, perché il tennis è un grande sport. Più bambini giocano, meglio sarà per il futuro del tennis italiano”.


    Dichiarazioni che trovano un’ulteriore declinazione poco più avanti, a proposito dei social: “So che, indipendentemente dal fatto che mi seguano milioni di persone o solo qualche decina, avrò sempre attorno le poche persone che contano veramente e che amo. Cosa c’è di più importante che essere circondato dalla mia famiglia, che è orgogliosa di me, e dai miei amici, che mi conoscono da quando ero bambino? Di tutto il resto si può fare a meno, che tu sia un tennista o meno”.
    Tra quelle persone “che contano veramente” c’è anche e soprattutto il fratello Mark. Non solo fratello, però, ma migliore amico per Jannik: “Siamo molto, molto legati. Tuo fratello è il tuo primo migliore amico nella vita. Siamo cresciuti insieme nella stessa casa, abbiamo dormito nella stessa stanza. Non ci siamo mai allontanati l’uno dall’altro. Quando qualcosa va storto, c’è solo una cosa che so per certo: posso andare da lui e mi dirà sempre la verità. È sempre a lui che mi rivolgo quando ho un problema. Nessuno mi conosce meglio di mio fratello. Abbiamo un legame davvero speciale. È importante sapere di avere una persona così nella propria vita, soprattutto per me che viaggio molto e sono spesso fuori casa. Cerca di capire la mia vita e il mio lavoro. Lui ha una vita più normale, fa il pompiere e l’istruttore”.


    Quello che invece si è sforzato di capire Jannik è l’Italia nei suoi aspetti più tradizionali, per forza di cose lontani da una zona di confine come la Pusteria: “All’inizio non è stato facile. Ero un po’ diverso dagli altri, sia in campo che fuori. Dalle mie parti si va a letto presto. Mentre la maggior parte degli italiani sta sveglia fino a tardi. Molte cose del genere. Quando sono andato nel sud Italia per allenarmi ho imparato lo “stile italiano”. Ma non ho mai cercato di cambiare per piacere a qualcuno. Ho fatto solo quello che mi faceva sentire più a mio agio. Cerco sempre di imparare ciò che funziona meglio per me, per il mio corpo e per le persone che mi circondano. Se le persone intorno a me mi dicono che le cose non vanno bene cerco di capire e adattarmi. Ma non cambierò solo perché un estraneo mi critica”.
    Continuando a riavvolgere il nastro, Jannik ha poi raccontato gli anni della scuola a Bolzano, lontana quasi 150 chilometri dalla sua Sesto: “Mi alzavo alle 5 del mattino. Prendevo due treni e due autobus solo per arrivare, più di due ore per ogni tratta, e lo stesso per il ritorno. In totale, quasi quattro ore e mezza. Ma non mi sono mai lamentato e non ho mai voluto fermarmi. Faceva parte della mia formazione scolastica e i miei insegnanti mi hanno sempre aiutato a conciliare gli studi con il tennis. Inoltre, è stato lì che ho conosciuto il mio migliore amico. In generale, volevo imparare. Avevo buoni voti. Fortunatamente, i miei genitori vegliavano su di me. Approfittavo del lungo tragitto per fare i compiti: in quattro ore si possono fare molte cose”.


    Non potevano comunque mancare nell’intervista alcuni temi di campo, a partire dalla gestione delle emozioni: “E’ qualcosa che si impara nel tempo. Quando ero più giovane, ero nervoso in campo. Non sempre capisci il motivo, ma poco a poco impari a conoscere te stesso. Giocando così tanto durante l’anno, è fondamentale conservare energia. Se fai 50 o 60 partite a stagione e ti lasci disturbare anche dalle piccole cose, sarà difficile essere al massimo il giorno successivo. Quando ho iniziato a capirmi meglio, a comprendere meglio il funzionamento del mio cervello, mi sono sentito migliorare sul campo. Ci sono momenti complicati da affrontare, ma una cosa è fondamentale: hai un avversario di fronte a te e se gli fornisci informazioni, potresti aiutarlo a migliorare il suo gioco. Cerco di restare impassibile anche quando le cose vanno male. Questo non ci impedisce di sostenerci con il mio team, di esultare dopo un punto, di coinvolgere il pubblico che è lì per godersi lo spettacolo. I tifosi possono essere un supporto prezioso quando incontri delle difficoltà, è importante saperli coinvolgere a tuo favore”.
    Sinner ha poi spiegato il lavoro che svolge su un muscolo abbastanza particolare come il cervello, servendosi di programmi di allenamento e strumenti progettati per i piloti di Formula 1: “Si tratta di esercizi al computer. Per esempio: la parola ‘verde’ è scritta in un certo colore. Se è scritta in verde, bisogna premere “vero”, se è scritta in un altro colore, bisogna premere ‘falso’. Il più velocemente possibile. Gli esercizi vengono eseguiti indossando una fascia che calcola la parte di cervello che si sta utilizzando. Una persona media potrebbe avere gli stessi riflessi di un pilota di Formula 1, ma usando una parte più grande del suo cervello per farlo. I piloti lo fanno velocemente perché è naturale e totalmente automatico per il loro cervello. Su un campo da tennis è lo stesso: ‘in questa posizione devo fare questo, questo e questo’. Ma deve essere naturale. Sento davvero la differenza. I risultati dei test dicono che il cervello sta progredendo. È un muscolo come un altro, solo che non lo si non lo si sviluppa sollevando pesi”.


    Infine l’ossessione per il suono della pallina, il termometro della fiducia di Jannik: “Quando provo le racchette, mi concentro sul rumore della palla. Non guardo nemmeno dove atterra. Se ho una buona sensazione rispetto al suono, allora è la racchetta giusta. Alcuni giocatori si concentrano sul controllo di palla che una determinata racchetta offre loro. Per me è tutta una questione di suono. Deve essere pulito, ma anche pesante. Non mi piace quando è ruvido, quando sfrega, come se graffiasse. Dopo di che, in una partita, la cosa più importante è scegliere il colpo giusto al momento giusto. Ma in allenamento l’obiettivo è ottenere un buon feeling. E per me, le sensazioni migliori coincidono con il giusto suono”.
    https://themarketjourney.substack.com :
    economia, modelli, mercato, finanza

  10. #1380
    Vento moderato L'avatar di FR est
    Data Registrazione
    30/01/20
    Località
    Frosinone
    Età
    50
    Messaggi
    1,266
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Sinner e il giovane tennis italiano

    Da sempre l' Italia inizia ha la testa nel mondo celtico-germanico ( nord ) e la coda in Grecia e nel Mediterraneo ( estremo sud ) passando per Roma . Quindi Sinner e' italiano del Tirolo e così sia...
    Rilevazioni dal 1999

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •