Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 16 di 16
  1. #11
    Calma di vento
    Data Registrazione
    30/07/10
    Località
    Cervasca (CN)
    Età
    26
    Messaggi
    11
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: configurazioni nevose nel cuneese

    Citazione Originariamente Scritto da gabri-cn Visualizza Messaggio
    Ciao And e benvenuto innanzitutto
    Dunque, hai posto troppe domande insieme.. Cercherò di andare per ordine partendo dal fondo.
    Tra l'8 ed il 9 dicembre 1990 in effetti Cuneo fu colpita da una violenta nevicata che scaricò circa 115cm di neve in poco più di 24 ore. L'unica foto in circolazione è questa scattata in Corso Nizza dal celebre e compianto fotografo cuneese Paolo "Lino" Bedino
    Immagine


    Veniamo ora ai dati nivometrici disponibili. Attualmente Cuneo risulta il capoluogo di Provincia più nevoso d'Italia con una media ultracentenaria di 122cm annui (1880-2010). L'inverno più nevoso è stato il 1894/95 con ben 356cm caduti, quello più avaro di precipitazioni nevose invece il 2006/07 con appena 1cm accumulato.
    Il decennio più nevoso è risultato essere il 1880/1890 con 167.1cm di media,
    quelli meno nevosi invece gli Anni Novanta del secolo scorso (1990-2000) con 81.5cm di media. Per quanto riguarda invece gli anni più recenti, l'ultimo decennio (2000-2010) ha chiuso con 123.4cm di media ed è risultato ben più nevoso quindi sia degli Anni Novanta, sia degli Anni Ottanta. Nel particolare negli inverni 2008/09 e 2009/10 sono scesi rispettivamente 275 e 277cm di neve che li proiettano di fatto nella Top Five degli inverni più nevosi degli ultimi 130 anni.
    E con questo abbiamo terminato la parte "statistica"
    Venendo alla parte configurativa-didattica, come hai ben sottolineato anche tu il cuneese è molto vasto e presenta di conseguenza microclimi abbastanza diversi.
    Le zone più nevose sono quelle più meridionali, che comprendono cioè le città di Cuneo, Mondovì e Ceva (se le guardi sull'atlante vedrai che si trovano praticamente alla stessa latitudine) e tutti i terrritori a sud di suddette città, cioè le valli Monregalesi-Cebane (Mongia, Cevetta, Casotto, Corsaglia, Maudagna, Ellero, Pesio. Non la Valle Tanaro poichè risente già fortemente della mitigazione del mare), la Valle Vermenagna, la Valle Gesso e la Valle Stura. La Valle Grana risulta borderline mentre le Valli Maira, Varaita e Po sono a parità di quota nettamente meno nevose. Per ciò che concerne la pianura la zona meno nevosa è quella posta ai confini della Provincia di Torino (Faule-Cavallerleone) e quella nei dintorni di Bra.
    Per quanto riguarda infine le configurazioni migliori (partendo dal presupposto che preventivamente vi sia stata un'irruzione di aria fredda tale da permettere la caduta di neve fino in pianura) ogni zona ha le sue:
    - con venti da Est/Nord-Est il Monregalese sarà la zona con gli accumuli maggiori.
    - con venti da Est, il Saluzzese è la zona più avvantaggiata.
    - con venti da Est/Sud-Est le zone comprese tra Valle Gesso e Valle Maira sono le più avvantaggiate.
    - con venti da Sud-Est al di sopra dei 1500m le zone del Saluzzese sono le più avvantaggiate, mentre al di sotto di tale quota saranno invece le vallate meridionali suddette (dalla Grana fino al Cebano) a ricevere gli apporti maggiori.
    - con venti da Sud puro il Monregalese ed il Cebano risultano le zone privilegiate
    - con venti da Sud/Sud-Ovest la Valle Gesso e la Valle Vermenagna ricevono gli accumuli maggiori
    - con venti da Ovest/Sud-Ovest, Ovest ed Ovest-Nord Ovest solo le alte vallate occidentali ricevono qualcosa mentre quelle meridionali e la pianura vengono totalmente saltate.

    La configurazione ideale per avere neve abbondante su tutta la nostra provincia comunque rimane una sciroccata (venti da Sud Est) su cuscino freddo pre-esistente e contemporaneo richiamo di aria fredda nei bassi strati.
    ti ringrazio per la tua analisi molto approfondita... comunque quella foto è incredibile, non hanno fatto in tempo a spalare le strade che già ce n'era un metro. io sono del parere che il clima del basso cuneese sia il migiore d'italia per vivere

  2. #12
    Calma di vento
    Data Registrazione
    30/07/10
    Località
    Cervasca (CN)
    Età
    26
    Messaggi
    11
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: configurazioni nevose nel cuneese

    Citazione Originariamente Scritto da Lou_Vall Visualizza Messaggio
    Giusto per avere qualche dato,questi sono gli accumuli nevosi a Cuneo città degli inverni degli anni 2000:

    Inverno 2000/2001: 123cm
    inverno 2001/2002: 87cm
    inverno 2002/2003: 51cm
    inverno 2003/2004: 150cm
    inverno 2004/2005: 63cm
    inverno 2005/2006: 104cm
    inverno 2006/2007: 1cm
    inverno 2007/2008: 103cm
    inverno 2008/2009: 275cm
    inverno 2009/2010: 277cm

    grezie per il benvenuto. me lo ricordo bene quell'anno: mai vista la bisaltà così spoglia d'inverno. mi sembra che a marzo una nevicata ci abbia impedito di fare un anno nullo... invece dopo gli ultimi 2 anni vorrei il tris qua in giardino nel 2008/09 neve presente dal 28 novembre (già nel 24 qualche traccia), l'anno scorso un pò più tardi.

    p.s. sai la chiesa degli alpini? hai delle belle foto da lassù?

  3. #13
    Tempesta violenta
    Data Registrazione
    12/06/09
    Località
    Roma
    Messaggi
    13,207
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: configurazioni nevose nel cuneese

    Chissà che effetto fa avere 1 m in una sola notte

  4. #14
    Uragano L'avatar di Lou_Vall
    Data Registrazione
    06/10/07
    Località
    Roccasparvera (CN) 668m. -Far West-
    Età
    31
    Messaggi
    22,890
    Menzionato
    23 Post(s)

    Predefinito Re: configurazioni nevose nel cuneese

    Citazione Originariamente Scritto da and.cn Visualizza Messaggio
    grezie per il benvenuto. me lo ricordo bene quell'anno: mai vista la bisaltà così spoglia d'inverno. mi sembra che a marzo una nevicata ci abbia impedito di fare un anno nullo... invece dopo gli ultimi 2 anni vorrei il tris qua in giardino nel 2008/09 neve presente dal 28 novembre (già nel 24 qualche traccia), l'anno scorso un pò più tardi.

    p.s. sai la chiesa degli alpini? hai delle belle foto da lassù?
    Ne avevo una,ma non la trovo... se salta fuori la posto..
    Lou soulei nais per tuchi

  5. #15
    Calma di vento
    Data Registrazione
    28/04/19
    Località
    Roccaforte Mondovì (CN)
    Età
    31
    Messaggi
    33
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: configurazioni nevose nel cuneese

    Citazione Originariamente Scritto da gabri-cn Visualizza Messaggio
    Ciao And e benvenuto innanzitutto
    Dunque, hai posto troppe domande insieme.. Cercherò di andare per ordine partendo dal fondo.
    Tra l'8 ed il 9 dicembre 1990 in effetti Cuneo fu colpita da una violenta nevicata che scaricò circa 115cm di neve in poco più di 24 ore. L'unica foto in circolazione è questa scattata in Corso Nizza dal celebre e compianto fotografo cuneese Paolo "Lino" Bedino
    Immagine


    Veniamo ora ai dati nivometrici disponibili. Attualmente Cuneo risulta il capoluogo di Provincia più nevoso d'Italia con una media ultracentenaria di 122cm annui (1880-2010). L'inverno più nevoso è stato il 1894/95 con ben 356cm caduti, quello più avaro di precipitazioni nevose invece il 2006/07 con appena 1cm accumulato.
    Il decennio più nevoso è risultato essere il 1880/1890 con 167.1cm di media,
    quelli meno nevosi invece gli Anni Novanta del secolo scorso (1990-2000) con 81.5cm di media. Per quanto riguarda invece gli anni più recenti, l'ultimo decennio (2000-2010) ha chiuso con 123.4cm di media ed è risultato ben più nevoso quindi sia degli Anni Novanta, sia degli Anni Ottanta. Nel particolare negli inverni 2008/09 e 2009/10 sono scesi rispettivamente 275 e 277cm di neve che li proiettano di fatto nella Top Five degli inverni più nevosi degli ultimi 130 anni.
    E con questo abbiamo terminato la parte "statistica"
    Venendo alla parte configurativa-didattica, come hai ben sottolineato anche tu il cuneese è molto vasto e presenta di conseguenza microclimi abbastanza diversi.
    Le zone più nevose sono quelle più meridionali, che comprendono cioè le città di Cuneo, Mondovì e Ceva (se le guardi sull'atlante vedrai che si trovano praticamente alla stessa latitudine) e tutti i terrritori a sud di suddette città, cioè le valli Monregalesi-Cebane (Mongia, Cevetta, Casotto, Corsaglia, Maudagna, Ellero, Pesio. Non la Valle Tanaro poichè risente già fortemente della mitigazione del mare), la Valle Vermenagna, la Valle Gesso e la Valle Stura. La Valle Grana risulta borderline mentre le Valli Maira, Varaita e Po sono a parità di quota nettamente meno nevose. Per ciò che concerne la pianura la zona meno nevosa è quella posta ai confini della Provincia di Torino (Faule-Cavallerleone) e quella nei dintorni di Bra.
    Per quanto riguarda infine le configurazioni migliori (partendo dal presupposto che preventivamente vi sia stata un'irruzione di aria fredda tale da permettere la caduta di neve fino in pianura) ogni zona ha le sue:
    - con venti da Est/Nord-Est il Monregalese sarà la zona con gli accumuli maggiori.
    - con venti da Est, il Saluzzese è la zona più avvantaggiata.
    - con venti da Est/Sud-Est le zone comprese tra Valle Gesso e Valle Maira sono le più avvantaggiate.
    - con venti da Sud-Est al di sopra dei 1500m le zone del Saluzzese sono le più avvantaggiate, mentre al di sotto di tale quota saranno invece le vallate meridionali suddette (dalla Grana fino al Cebano) a ricevere gli apporti maggiori.
    - con venti da Sud puro il Monregalese ed il Cebano risultano le zone privilegiate
    - con venti da Sud/Sud-Ovest la Valle Gesso e la Valle Vermenagna ricevono gli accumuli maggiori
    - con venti da Ovest/Sud-Ovest, Ovest ed Ovest-Nord Ovest solo le alte vallate occidentali ricevono qualcosa mentre quelle meridionali e la pianura vengono totalmente saltate.

    La configurazione ideale per avere neve abbondante su tutta la nostra provincia comunque rimane una sciroccata (venti da Sud Est) su cuscino freddo pre-esistente e contemporaneo richiamo di aria fredda nei bassi strati.
    Ciao Gabri, in base a cosa ci sono venti che provengono dai diversi punti geografici che favoriscono più o meno la neve in diverse valli?
    Ho capito che la condizione necessaria sia la seguente:
    • preventivamente vi sia stata un'irruzione di aria fredda tale da permettere la caduta di neve fino in pianura

    Aria fredda da N? W? E? NW? NE?
    Essendo io un esperto e amante della geografia ma un solo amante della meteorologia, volevo sapere la connessione tra le direzioni dei venti e le valli...o meglio..I venti favorevoli per determinate valli, lo sono per la disposizione geografica della valle stessa?


    Chiedo per imparare, ma non riesco a capire la relazione.
    Ultima modifica di FDV1988; 29/04/2019 alle 15:22

  6. #16
    Calma di vento
    Data Registrazione
    28/04/19
    Località
    Roccaforte Mondovì (CN)
    Età
    31
    Messaggi
    33
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: configurazioni nevose nel cuneese

    Citazione Originariamente Scritto da Lou_Vall Visualizza Messaggio
    Ne avevo una,ma non la trovo... se salta fuori la posto..
    ciao, volevo scambiare due info in privato se possibile, ma non posso inviare MP..Tu, nel caso puoi?

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •