Pagina 1 di 6 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 59
  1. #1
    Uragano L'avatar di Heinrich
    Data Registrazione
    21/04/08
    Località
    Bolzano
    Età
    28
    Messaggi
    16,813
    Menzionato
    27 Post(s)

    MeteoNetwork Il giardino delle Alpi -Alpengarten- (nivometria)

    Con un po' di poca modestia, ripropongo pure qui un'interessante lista utile per la ricerca nivometrica locale.
    E' stato un bel lavoraccio, in collaborazione con l'ufficio idrografico della provincia di Bolzano.

    Si tratta della nivometria della città di Bolzano dall'anno inverno 1995/1996.



    Perchè tracciarla?
    Perchè non accontentarsi di constatare una spiccata continentalità e protezione da grandi cifre?
    Ma, per tre ragioni fondamentali:

    -una simile media per quassù è indicativa per il comportamento della gran parte dei fondovalle atesini o dell'area dell'Adige e dell'Isarco.
    -Bolzano è la località interalpina fondamentale per comprendere la portata e la forza di tutte le perturbazioni. (*)
    -Infine perchè è sempre utile stilare una media a fini locali, per capire cosa accade nei luoghi più interni delle Alpi.


    (* per individuare e classificare perturbazioni da 400mm in Prealpi e 4mm in mezzo alle Alpi o perturbazioni da 50mm in Prealpi fino al Brennero a perturbazioni da 0mm in Prealpi e 30mm nelle Alpi)



    E' interessante studiare la nivometria di questa città soprattutto per comprendere il fenomeno dello stau da sud e per individuare i pattern capaci di sfondare quella linea invisibile oltre la quale lo stau si esaurisce.
    Inoltre si può così constatare la tenuta del manto nevoso nei fondovalle, anche con accumuli molto bassi, utile per studi agrari. (Su ciò si muove il centro sperimentale di Laimburg, 8km da Bz).
    Lo studio della nivometria inoltre aiuta a completare il quadro descrittivo di un ambiente climatico (versante sud interalpino) che fonde e mescola assieme con grande equilibrio due tipi climatici:
    -il continentale/alpino.
    -il (sub)mediterraneo.
    Venendo a creare le caratteristiche per un "avamposto", un giardino climatico (cit.*) all'interno delle Alpi.



    (*citaz. da Marco Bonatti stesso e dalla classificazione climatica dell'ufficio idrografico).
    ____________________________________________________________ __________________________________________
    M'è giunta l'ultima mail ed i dati sono stati ufficializzati, rispetto alla mia precedente classifica, alcuni dati sono stati modificati e ricorretti e rispecchiano una raccolta scientifica più pulita.
    Alcuni dati li raccolsi pure io (come nel '08-'09) ma presi di quelle cantonate, allora stilai la classifica arrotondando per difettissimo, un po' troppo al punto da venir ricorretto.
    Ecco il lavoro quasi ultimato:

    • 2010-2011
    • 26-nov - ---0.5cm
    • 27/28-nov – 5.5cm
    • 29-nov -- 6.5cm
    • 1-dic – 18cm
    • 3-dic – 2cm
    • 6/7-dic – 3.5 cm
    • 17-dic - 0.5 cm
    • 22-dic - 0.5 cm

    tot.: 37cm

    • 2009-2010

    • 4-dic—3.5cm
    • 21-dic – 6.5cm
    • 22/23-dic – 20cm
    • 8-gen – 2.5cm
    • 29-gen – 1.5cm
    • 5-feb – 5cm

    tot.: 39cm

    • 2008-2009

    • 22-nov – 0.5cm
    • 24-nov -- 3cm
    • 28/29-nov – 16cm
    • 30-nov – 4cm
    • 1-dic – 14cm
    • 5-dic – 2.5cm
    • 10-dic – 26cm
    • 31-dic/1-gen – 2.5cm
    • 19/20-gen – 12cm
    • 23-gen – 2.5cm
    • 1-feb -1 cm
    • 2-feb --- 0.5cm
    • 10-feb --- 0.5cm

    tot.: 85cm


    • 2007-2008


    • 3/4-gen – 1.5cm
    • 5-gen – 2.5cm
    • 24-mar – 0.5

    tot.: 4.5cm

    • 2006-2007
    • 26-gen – 0.5cm

    tot.: 0.5cm

    • 2005-2006

    • 25-nov -- 5.5cm
    • 26/27-nov – 3.5cm
    • 29-nov – 6.5cm
    • 2/3-dic – 35cm
    • 5-dic – 1cm
    • 27-dic - 1cm
    • 1-gen – 3cm
    • 27-gen – 4.5cm

    tot.: 60cm

    • 2004-2005

    • 25-dic – 4.5cm
    • 26-dic -- 7cm
    • 18-gen – 3cm
    • 26-feb – 1.5cm
    • 03-mar – 12cm

    tot.: 28cm

    • 2003-2004

    • 28-29-dic – 6.5cm
    • 09-gen -- 1cm
    • 26-feb -- 2cm
    • 11-mar -- 0.5cm

    tot.: 10cm

    • 2002-2003
    • 21-gen -- 18cm
    • 3/4-feb – 1cm

    tot.: 19cm

    • 2001-2002

    • 24-gen – 0.5cm
    • 25-febbr –0.5cm

    tot.: 1cm

    • 2000-2001

    • 24/25-dic -- 11.5cm
    • 2-gen --14cm
    • 18-gen-- 5cm
    • 28-feb-- 4cm
    • 3-mar-- 1.5cm

    tot.: 36cm

    • 1999-2000

    • 21-nov -- 7cm
    • 25-dic – 6cm
    • 26-dic – 7cm
    • 17-feb – 2cm

    tot.: 22cm

    • 1998-1999

    • 20-dic – 3cm
    • 11-gen -- 8cm
    • 13-gen -- 1.5cm
    • 09-feb -- 5cm
    • 20-feb -- 2cm
    • 06-mar --2.5cm

    tot.: 22cm

    • 1997-1998

    • 17-dic – 7.5cm
    • 19-gen -- 7cm
    • 23-mar -- 2.5cm

    tot.: 18cm

    • 1996-1997

    • 25-nov -- 6cm
    • 31-dic/1-gen -- 31cm
    • 2-gen -- 5cm
    • 19-gen -- 2cm

    tot.: 44cm

    • 1995-1996

    • 15-dic -- 3cm
    • 30/31-dic -- 9cm
    • 06-gen -- 3cm
    • 23-gen -- 1cm
    • 02-feb -- 2.5cm
    • 13-feb -- 3.5cm
    • 20-feb -- 2cm

    tot.: 24cm



    Aggiungo una legenda:

    0.5cm è un'approssimazione statistica per eccesso qualora l'accumulo sia di 0.3-0.4cm e per difetto qualora sia di 0.7cm.
    Sopra i 0.8cm, questi compresi, si considera 1cm. Sotto i 0.2cm (velo), questi compresi, si considera 0cm.

    0.5cm - 1cm - 2cm sono accumuli diffusissimi negli elenchi delle nevicate locali, la cosa non c'è bisogno che venga spiegata, vero? Insomma, la neve non manca, sono gli accumuli che sono spesso poco importanti.

    Accumuli di neve fresca, senza sommare eventi consecutivi ma considerando la singola precipitazione meteorica:
    5 - 10 cm è la nevicata standard per il fondovalle atesino, statisticamente il tipo di nevicata più frequente.
    >15cm sono nevicate che ogni inverno si dovrebbero verificare o si ripetono ogni due inverni.
    >20cm sono nevicate importanti che possono portare disagi e statisticamente non sono rare.
    >30cm sono grandi nevicate che statisticamente accadono di rado, ma non infrequenti.
    >40cm sono grandi nevicate legate a situazioni meteorologiche particolari, rare e molto importanti.
    >50cm sono grandi nevicate con cadenza più che ventennale ('86 - '78 - '62 - 51 ultimi casi).
    >70cm vattelapesca!! [non penso possa fisicamente realizzarsi nei fondovalle di quest'area delle Alpi! ]




    Giuntami proprio ieri sera con le correzioni finali, ecco stilata quella che può essere una scientifico-empirica raccolta dati nivometrica in città a Bolzano.

    Ich muss mich herzlich mit dem Dokt. Zangerle bedanken, der seine Langjaehrigen Daten mir geschickt. hat.

    La nivometria si attesta sempre attorno ai 30cm di media annua, dato simile alla città di Milano.
    Eccezioni da entrambe le parti per anni come il '01/'02 o il '06/'07 che non stiamo a spiegare che hanno, '05/'06 e '08/'09 e '09/'10 annate da discrete a ottime.
    Con il '05 che ha sfiorato numerosi record sia in t° che in accumuli e permanenza di neve al suolo (Dal 22|11 ai primi di febbraio) e similmente il '08.

    La raccolta dati risponde alle norme OMM con tavoletta, la zona è urbana, urbanissima stra-urbana ++ non so come definirla, con l'unico vantaggio di trovarsi al centro topografico della conca di Bolzano. Una stima del dott. indicherebbe accumuli maggiori in zone sottomonte come Gries o a sud come l'areoporto.
    E' stato un bel lavoraccio, anche perchè all'idro ragionano statisticamente ad anni solari, mica ad inverni, il ragionamento ad inverni è dei meteorofili, è stata una bella confusione riportare tutto nel linguaggio della meteorofilia.

    Ulteriori dettagli in arrivo.
    Il discorso cambia se si considera già Caldaro, l'Oltradige o la Bassa Atesina.
    Parlo di cose scomode: tipo ciglia negli occhi, vecchine alla guida o quando sbagli col sale...



  2. #2
    Vento fresco L'avatar di nevearoma
    Data Registrazione
    14/10/09
    Località
    Germania
    Messaggi
    2,809
    Menzionato
    55 Post(s)

    Predefinito Re: Il giardino delle Alpi -Alpengarten- (nivometria)

    Bolzano è una delle città meno nevose delle Alpi, forse la meno nevosa in assoluto, questo si sa. E così Merano.
    Ma quanta neve ha fatto a Bolzano e Merano nell'inverno del 1978? Esistono dati?
    "In Africa non cresce il cibo. Non crescono i primi. Loro non hanno i contorni. Una fetta di carne magari la trovi, ma hanno un problema con i contorni. Per non parlare della frutta."

  3. #3
    Uragano L'avatar di zione
    Data Registrazione
    15/06/02
    Località
    Sondrio 290 m. (SO)
    Età
    50
    Messaggi
    46,520
    Menzionato
    43 Post(s)

    Predefinito Re: Il giardino delle Alpi -Alpengarten- (nivometria)

    Citazione Originariamente Scritto da il buon Neofita Visualizza Messaggio
    La nivometria si attesta sempre attorno ai 30cm di media annua, dato simile alla città di Milano.

    Ottimo lavoro Enrico !

    In merito alla parte evidenziata, effettivamente tale valore si riscontra x Bolzano anche nell'ultimo decennio appena trascorso (2000/01 - 2009/10) che risulta avere una media di 28.3 cm.

    All'uopo, x questo stesso periodo, a Sondrio ho invece una media di 44.0 cm., a riprova che effettivamente qui, pur essendo sempre in un ambito climatico interalpino, questa pecurialita' e' meno "esasperata" rispetto alla conca bolzanina, cosa che si evince anche con le medie pluviometriche totali (qui a Sondrio di circa 975 mm. annui, contro i poco piu' di 700 mm., se non ricordo male, di Bolzano)



    Fabio Pozzoni (Socio Fondatore MeteoNetwork)

    I miei dati Meteo in real time su MyMnwPro, CML e WU

    E' meglio essere ottimisti ed aver torto piuttosto che pessimisti ed aver ragione Albert Einstein
    ______________________________
    Ciao Alessandro......

  4. #4
    Uragano L'avatar di Heinrich
    Data Registrazione
    21/04/08
    Località
    Bolzano
    Età
    28
    Messaggi
    16,813
    Menzionato
    27 Post(s)

    Predefinito Re: Il giardino delle Alpi -Alpengarten- (nivometria)

    Citazione Originariamente Scritto da nevearoma Visualizza Messaggio
    Bolzano è una delle città meno nevose delle Alpi, forse la meno nevosa in assoluto, questo si sa. E così Merano.
    Ma quanta neve ha fatto a Bolzano e Merano nell'inverno del 1978? Esistono dati?

    Non lo so questo, di certo non è la più nevosa.
    Merano alle volte è molto più nevosa della conca di Bolzano e dell'area geografica (vedi google maps) che va dal lago di Caldaro alla città.
    Quella grande area geografica, divisa da tre fiumi, due laghi e una piccola costiera montuosa di 100-300mt (Oltradige) è la conca di Bolzano.
    Tracciarne una media unica non è facile perchè varia di molto anche con correnti differenti.
    (Es.: il 27 genn. '06 con 2cm in città e 30cm a Caldaro).
    E dire che 9km distanziano le due località.



    Fabio, la questione geografica è difficilissima.
    Seguendo le istruzioni dell'IMGI di Innsbruck, lassù sono i maestri in queste cose, son stati scritti libri e libri, le aree climatiche alpine si distinguono così:

    - Prealpi N.
    -versante N.
    -Inneralp
    -(spartiacque)
    -Inneralp
    -versante S.
    -Prealpi S.

    Tipici esempi di località interalpine erano Innsbruck, la V.di Vizze, la V.Pusteria con Brunico e Dobbiaco, la V.Venosta secchissima e corrispondente ai canoni interalpini ecco, la V.d'Isarco con Brixen fino a Bolzano.
    Già Merano e la V.d'Adige sono ritenute vallate del versante sudalpino.
    Lo stimolo a classificare Sondrio, Belluno e Trento come località prealpine è tanto eh?!
    Ma forse è un po' eccessivo, sarei comunque più sicuro se definissi Sondrio come località geografica da versante sud-alpino.
    Perchè lì non sei protetto da più catene montuose e vette, e la tua pluviometria non è così ridotta anzi.

    Stiamo concretamente parlando di fuffa, fuffa che però ha fatto scrivere libri su libri all'uni di Ibk, Geographisches Institut Innsbruck, ci sono molti testi che descrivono questa suddivisione che segue al più parametri climatici e topografici.



    Detto ciò, con 44cm medi e quasi 1000mm annui ti darei del sudalpino, giammai dell'interalpino.




    P.S.: il '78 è stato il trionfo.
    Pochi e frammentati dati, ma ci sto/stiamo lavorando su, anche perchè le registrazioni nivometriche antecedenti al '95 ci sono.
    Parlo di cose scomode: tipo ciglia negli occhi, vecchine alla guida o quando sbagli col sale...



  5. #5
    Uragano L'avatar di zione
    Data Registrazione
    15/06/02
    Località
    Sondrio 290 m. (SO)
    Età
    50
    Messaggi
    46,520
    Menzionato
    43 Post(s)

    Predefinito Re: Il giardino delle Alpi -Alpengarten- (nivometria)

    Citazione Originariamente Scritto da il buon Neofita Visualizza Messaggio
    Lo stimolo a classificare Sondrio, Belluno e Trento come località prealpine è tanto eh?!Ma forse è un po' eccessivo, sarei comunque più sicuro se definissi Sondrio come località geografica da versante sud-alpino.


    Riguardo Belluno direi che non ci sia dubbio, e' sicuramente "quasi" una citta' prealpina !

    Sondrio e Trento, in effetti, forse stanno in una sorta di via di mezzo: probabilmente Trento e' un po' piu'..."prealpina" in tal senso, avendo almeno verso S la "porta" quasi spalancata, ovvero senza barriere !


    Citazione Originariamente Scritto da il buon Neofita Visualizza Messaggio
    Perchè lì non sei protetto da più catene montuose e vette, e la tua pluviometria non è così ridotta anzi.


    Eh ?!

    Sondrio ha tutta la barriera delle Orobie a S, catena montuosa che qui mediamente si erge tra i 2500-3000 m. medi, mentre a N (destra idrografica della valle) il crinale retico arriva anche ai 4000 m. e rotti del Bernina, con comunque gran parte dele vette ben oltre i 3000 m. di quota !

    Il fatto di avere maggiori prp della conca bolzanina deriva dal fatto, probabilmente, di essere comunque un po' meno a N delle tue zone, ergo le correnti da SW in parte riescono, almeno qui a Sondrio, a dare maggiori mm. !

    Tieni presente, infatti, che anche solo nel tiranese, ovvero un 20-30 km. piu' a E di qui, la pluviometria cala drasticamente sino ad arrivare largo circa sui valori di Bolzano (circa 750 mm. Tirano, se non erro) !



    Citazione Originariamente Scritto da il buon Neofita Visualizza Messaggio
    P.S.: il '78 è stato il trionfo.
    Pochi e frammentati dati, ma ci sto/stiamo lavorando su, anche perchè le registrazioni nivometriche antecedenti al '95 ci sono.
    Riguardo Sondrio, x il periodo 1977-78, ho trovato (seppur non assolutamente preciso/affidabile) 149 cm. in dieci episodi, ma temo sia appunto un valore sottostimato: buon per te che hai i valori precisi anche antecedenti il '95 !


    Fabio Pozzoni (Socio Fondatore MeteoNetwork)

    I miei dati Meteo in real time su MyMnwPro, CML e WU

    E' meglio essere ottimisti ed aver torto piuttosto che pessimisti ed aver ragione Albert Einstein
    ______________________________
    Ciao Alessandro......

  6. #6
    Vento fresco L'avatar di nevearoma
    Data Registrazione
    14/10/09
    Località
    Germania
    Messaggi
    2,809
    Menzionato
    55 Post(s)

    Predefinito Re: Il giardino delle Alpi -Alpengarten- (nivometria)

    Pare che a Merano nell'inverno del 78 sia nevicato SEMPRE.
    Comunque l'area della bassa atesina è decisamente un'isola calda e secca nel panorama circostante se Trento, che è più a sud, è più fredda e più piovosa nonchè MOLTO più nevosa di Bolzano, per non parlare del Piemonte o del bellunese (a pari quota), o anche dell'alto Friuli. A Merano nel dicembre 2009 hanno chiuso una settimana le scuole per la caduta di 30 cm di neve, mi sembra.
    Non a caso Merano è nota da tre secoli a causa del suo clima invernale mite e delle proprietà terapeutiche dell'aria e dell'acqua. Poi vabbè bisogna sempre considerare in relazione al contesto...visto che anche ora ha una media di gennaio vicina allo 0°.

    Neofita: Sondrio è proprio una città interalpina, come ha detto Zione è circondata da montagne alte ed anzi direi che sia più "chiusa" rispetto a Bolzano (ma non rispetto a Merano o a Bressanone). Ma la Val Chiavenna che piovosità ha?
    "In Africa non cresce il cibo. Non crescono i primi. Loro non hanno i contorni. Una fetta di carne magari la trovi, ma hanno un problema con i contorni. Per non parlare della frutta."

  7. #7
    Brezza leggera
    Data Registrazione
    29/04/10
    Località
    Udine
    Messaggi
    476
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Il giardino delle Alpi -Alpengarten- (nivometria)

    Ottimo lavoro, davvero!
    Sugli annali APAT per l'inverno 77/78 viene riportato un valore di 157 cm per Bronzolo/Branzoll che si trova a circa 15 km a sud di Bz. Può essere un valore rappresentativo anche per la città?
    Per la stessa stazione riportano 56 gg con neve al suolo, 12 gg nevosi, 44 cm di Hs max e 40 cm di neve fresca in 24h il 29/01.

  8. #8
    Uragano L'avatar di zione
    Data Registrazione
    15/06/02
    Località
    Sondrio 290 m. (SO)
    Età
    50
    Messaggi
    46,520
    Menzionato
    43 Post(s)

    Predefinito Re: Il giardino delle Alpi -Alpengarten- (nivometria)

    Citazione Originariamente Scritto da nevearoma Visualizza Messaggio
    Neofita: Sondrio è proprio una città interalpina, come ha detto Zione è circondata da montagne alte ed anzi direi che sia più "chiusa" rispetto a Bolzano (ma non rispetto a Merano o a Bressanone). Ma la Val Chiavenna che piovosità ha?

    Decisamente piu' elevata: essendo posta da N verso S si prende x "bene" le correnti meridionali che salgono, senza praticamente ostacoli, dal Lario a S, andando peraltro a creare un ottimo stau lungo l'alta Valchiavenna (zona di Madesimo, x intenderci).

    Comunque, per lo stesso motivo, anche l'estrema bassa valle ha una piovosita' decisamente maggiore rispetto al resto della Valtellina: le zone dell'Alto Lario/bassa valle/Valchiavenna hanno mediamente una pluviometria media annuale tra i 1300-1400 mm., aumentando poi verso i rilievi/testata della Valchiavenna, appunto.

    La stessa Chiavenna, se non ricordo male, ha una pluviometria media di circa 1450 mm. annui.



    Fabio Pozzoni (Socio Fondatore MeteoNetwork)

    I miei dati Meteo in real time su MyMnwPro, CML e WU

    E' meglio essere ottimisti ed aver torto piuttosto che pessimisti ed aver ragione Albert Einstein
    ______________________________
    Ciao Alessandro......

  9. #9
    Vento fresco L'avatar di nevearoma
    Data Registrazione
    14/10/09
    Località
    Germania
    Messaggi
    2,809
    Menzionato
    55 Post(s)

    Predefinito Re: Il giardino delle Alpi -Alpengarten- (nivometria)

    Grazie Quindi in pratica l'unica altra grande valle alpina italiana così secca è la Val d'Aosta...che infatti è longitudinale come la Val Venosta. Tra Silandro e Glorenza credo che la piovosità scenda sotto i 500 mm e non è un caso che la valle sia famosa per il sole e le mele.
    Comunque anche se Bolzano è una città "calda" (sempre relativamente eh...) d'inverno è capace di diventare una ghiacciaia come tutta la valle, ed in più d'estate di solito è colpita da grandi temporali tipicamente alpini che più a sud si vedono molto meno.
    Il problema è proprio la nevosità, che credo sia bassa anche nelle zone di montagna...non mi sembra infatti che luoghi come Dobbiaco o San Valentino alla Muta (sedi di importanti stazioni AM) siano molto nevosi per la loro quota, anzi.
    "In Africa non cresce il cibo. Non crescono i primi. Loro non hanno i contorni. Una fetta di carne magari la trovi, ma hanno un problema con i contorni. Per non parlare della frutta."

  10. #10
    Uragano L'avatar di zione
    Data Registrazione
    15/06/02
    Località
    Sondrio 290 m. (SO)
    Età
    50
    Messaggi
    46,520
    Menzionato
    43 Post(s)

    Predefinito Re: Il giardino delle Alpi -Alpengarten- (nivometria)

    Citazione Originariamente Scritto da nevearoma Visualizza Messaggio
    Grazie Quindi in pratica l'unica altra grande valle alpina italiana così secca è la Val d'Aosta...che infatti è longitudinale come la Val Venosta. Tra Silandro e Glorenza credo che la piovosità scenda sotto i 500 mm e non è un caso che la valle sia famosa per il sole e le mele.
    Comunque anche se Bolzano è una città "calda" (sempre relativamente eh...) d'inverno è capace di diventare una ghiacciaia come tutta la valle, ed in più d'estate di solito è colpita da grandi temporali tipicamente alpini che più a sud si vedono molto meno.
    Il problema è proprio la nevosità, che credo sia bassa anche nelle zone di montagna...non mi sembra infatti che luoghi come Dobbiaco o San Valentino alla Muta (sedi di importanti stazioni AM) siano molto nevosi per la loro quota, anzi.

    Mha, sono convinto che piu' che essere "calda" Bolzano sia secca: probabilmente i dati medi riguardo la temperatura non sono cosi' "veri" e indicativi del reale clima della conca bolzanina !

    Per il secco occhio che Aosta, nella parte centrale dell'omonima valle, e' ancora ben piu' secca di Bolzano avendo una media pluviometrica annuale che, se ricordo bene, supera di poco i 500 mm. !

    Pero' si difende con gli interessi durante l'inverno, quando non di rado si prende delle gran belle nevicate (in special modo con sfondamenti da W-NW, la configurazione migliore in loco x avere la neve !) arrivando ad una media annuale di poco superiore ai 100 cm. (anche qui, se memoria non mi inganna).



    Fabio Pozzoni (Socio Fondatore MeteoNetwork)

    I miei dati Meteo in real time su MyMnwPro, CML e WU

    E' meglio essere ottimisti ed aver torto piuttosto che pessimisti ed aver ragione Albert Einstein
    ______________________________
    Ciao Alessandro......

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •