Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 17 di 17
  1. #11
    Brezza leggera L'avatar di Wolkenmesser
    Data Registrazione
    13/07/16
    LocalitÓ
    Vienna (AT)
    Messaggi
    377
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: 🌨️Cosa influisce e determina la nevositÓ oltre alla temperatura?

    Citazione Originariamente Scritto da FDV1988 Visualizza Messaggio
    Grazie della risposta..

    Mi chiedevo, il vento che arriverebbe in Trentino da sud ovest, non dovrebbe rimanere bloccato dell'appennino tosco emiliano?
    L'Appennino blocca il libeccio provocando fohn a destra verso la costa marchigiana ma non ha la forza di bloccare il vento direzione Trentino? Allegato 506338

    Detto questo..

    Il vento pu˛ portare con sÚ nubi o crearne a ridosso delle montagne (stau) Ok..

    Ma quando ne porta con sÚ durante il traggitto, di quali nuvole si tratta? Di quelle che si sono formate dove e per quale causa? Per l'evaporazione dovuta al caldo?

    Mentre per il vento che arriva carico di umiditÓ? Dove l'ha caricata questa umiditÓ? La zona umida e carica di umiditÓ non era quella in bassa pressione? E se si.. Non abbiamo detto che il percorso del vento sia da alta pressione a bassa pressione?
    Dire che l'appennino tosco-emiliano "blocca" il libecciio non Ŕ completamente corretto; diciamo piuttosto che il libeccio, scaricato parte del vapore acqueo che conteneva sul versante sopravvento delle montagne (principalmente in forma di pioggia) arriva pi˙ secco dall'altro versante. In aggiunta, scendendo lungo il pendio, l'aria si riscalda; di conseguenza le nuvole tendono a evaporare (e la pioggia di conseguenza svanisce o si riduce. Ma il vapore non sparisce dall'aria, ritorna solo ad essere invisibile. DopodichÚ il libeccio prosegue il suo viaggio verso NE, verso il trentino. Nel frattempo, lungo la strada, puˇ arricchirsi di nuova umiditß, magari proveniente dalla traspirazione della vegetazione o da brezze umide provenienti dall'adriatico. Il libeccio arriva cosÝ in trentino con un buon carico di vapore acqueo (ancora invisibile). Arrivato alle montagne, il vento viene innalzato, il vapore si condensa in goccioline, e le nuvole fanno la loro apparizione e con loro la pioggia. La zona dove nuvole e piogge scendono e evaporano si chiama appunto ombra pluviometrica.

    Di solito i venti si caricano di umiditß passando sopra superfici d'acqua, come il mare ad esempio. Quando questo vento umido viene innalzato per un qualunque motivo (montagne, fronti, zone di convergenza) il vapore in esso contenuto puˇ condensarsi in nuvole. Naturalmente la casistica non si riduce a questo solo esempio. Come ho detto, non si puˇ enumerare ogni singolo caso in un post, bisogna avere in menmte le basi della fisica atmosferica (penso in particolare alla termodinamica​)
    "Look up at the sky. There is light and beauty up there, that no shadow can touch"

  2. #12
    Calma di vento
    Data Registrazione
    28/04/19
    LocalitÓ
    Roccaforte Mondový (CN)
    EtÓ
    31
    Messaggi
    33
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: 🌨️Cosa influisce e determina la nevositÓ oltre alla temperatura?

    Citazione Originariamente Scritto da Wolkenmesser Visualizza Messaggio
    Come ho detto, non si puˇ enumerare ogni singolo caso in un post, bisogna avere in menmte le basi della fisica atmosferica (penso in particolare alla termodinamica​)
    Puoi consigliarmi qualcosa da leggere?

  3. #13
    Vento fresco
    Data Registrazione
    06/01/17
    LocalitÓ
    Brindisi
    EtÓ
    24
    Messaggi
    2,391
    Menzionato
    3 Post(s)

    Predefinito Re: 🌨️Cosa influisce e determina la nevositÓ oltre alla temperatura?

    Vediamo:

    1) con un minimo depressionario sul Basso Adriatico o sul Mar Ionio si genera una situazione di bassa pressione e questo facilita lo sviluppo di nuvole. Il versante adriatico, e quello siciliano tirrenico, sono casi particolari, perchŔ in inverno subiscono il cosidetto "Sea Effect Snow", o "effetto lago". Quando l'aria fredda/gelida passa sui mari (in questo caso Adriatico e Tirreno meridionale) si umidifica e genera nuvole basse che apportano neve e piogge sulle coste esposte. Questo accade anche se c'Ŕ alta pressione. Quindi questi versanti riescono a vedere neve anche senza una bassa pressione per mezzo di quell'effetto.
    Dato che una bassa pressione Ŕ caratterizzata da un naturale sollevamento dell'aria, ne deriva che lo sviluppo di nuvole Ŕ esaltato e cosý anche la neve e le piogge (in teoria).

    2) se c'Ŕ una bassa pressione sul Tirreno il vento soffierÓ in senso antiorario attorno a essa. A seconda di dove si trova la bassa pressione, il vento girerÓ in maniera diversa nelle diverse zone. Ad esempio, se si trova sul medio Tirreno, avremo vento da S/SW sulle regioni meridionali, e da N/NW su Sardegna e regioni del Nord Ovest. Da E/SE sul medio Adriatico e Triveneto. All'incirca.

    3) l'aria fredda da est pu˛ entrare sui mari italiani in due soli modi, visto che ci sono le Alpi a nord: dalla porta della Bora (ossia dal versante adriatico, dunque dalla Dalmazia) e dalla porta del Rodano (cioŔ a ovest del Piemonte). Le depressioni sul Mar Ligure si formano quando l'aria fredda da Est (o in generale aria fredda, anche da Nord) si tuffa nel Mar Ligure, dunque dalla porta del Rodano. Se si getta invece dall'Adriatico non si formerÓ la bassa pressione ligure.

    4) Le nuvole sono pi¨ alte degli Appennini, per cui non bloccano nulla, e inoltre essendoci una bassa pressione si formeranno nuvole un po' dappertutto, quindi non c'Ŕ bisogno che le nuvole "scavalchino" gli Appennini, perchŔ si sviluppano giÓ dall'altra parte.

  4. #14
    Brezza leggera L'avatar di Wolkenmesser
    Data Registrazione
    13/07/16
    LocalitÓ
    Vienna (AT)
    Messaggi
    377
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: 🌨️Cosa influisce e determina la nevositÓ oltre alla temperatura?

    Citazione Originariamente Scritto da FDV1988 Visualizza Messaggio
    Puoi consigliarmi qualcosa da leggere?
    Purtroppo non saprei, avendo studiato meteorologia in austria, consigliarti dei buoni manuali italiani sull'argomento. Tuttavia so che ce ne sono di molto buoni; puoi provare a fare questa domanda in un nuovo thread del forum, o a guardare i thread pi˙ vecchi. Giß in molti in passato hanno posto lo stesso quesito.

    Poi personalmente non ho mai letto tanti manuali all'universitß. Quello che so l'ho costruito con le lezioni, le dispense, la pratica e...la curiositß. Non ho imparato nel giro di una settimana.
    "Look up at the sky. There is light and beauty up there, that no shadow can touch"

  5. #15
    Meteorologo Centro Epson Meteo L'avatar di ldanieli
    Data Registrazione
    25/10/05
    LocalitÓ
    centro epson meteo
    Messaggi
    262
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: 🌨️Cosa influisce e determina la nevositÓ oltre alla temperatura?

    in aggiunta a quanto Ŕ stato scritto prima aggiungo qualche considerazione generale

    Si Ŕ parlato di vento di libeccio come esempio per il Trentino, ma occorrerebbe specificare a quale quota... noi meteorologi a voltre tendiamo a semplificare riferendoci per esempio al vento medio (es alla quota di 500 hPa), per˛ il vento raramente soffia alle diverse quote con la stessa direzione. In caso di avvezione calda si ha per esempio una rotazione oraria (SE nei bassi strati, poi S, poi SW in alto ...)

    Ancora: le montagne influiscono sul sollevamento delle masse d'aria non solo in modo diretto, ma anche e spesso sopratutto in modo indiretto creando convergenze dei flussi nei bassi strati che a loro volta si traducono in movimenti verticali localizzati e a volte stazionari.
    Il modo in cui l'orografia si oppone al movimento delle masse d'aria, infatti, non Ŕ banale. In dipendenza della stabilitÓ della massa, della sua velocitÓ e dell'altezza dell'ostacolo (vedi ad esempio il numero di Froude) l'aria pu˛ cercare di scalvalcarlo o piuttosto aggirarlo, e in questo ha un ruolo decisivo anche la forza di Coriolis...

    Ultima modifica di ldanieli; 08/05/2019 alle 09:21

  6. #16
    Calma di vento
    Data Registrazione
    28/04/19
    LocalitÓ
    Roccaforte Mondový (CN)
    EtÓ
    31
    Messaggi
    33
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: 🌨️Cosa influisce e determina la nevositÓ oltre alla temperatura?

    Citazione Originariamente Scritto da ldanieli Visualizza Messaggio
    in aggiunta a quanto Ŕ stato scritto prima aggiungo qualche considerazione generale

    Si Ŕ parlato di vento di libeccio come esempio per il Trentino, ma occorrerebbe specificare a quale quota... noi meteorologi a voltre tendiamo a semplificare riferendoci per esempio al vento medio (es alla quota di 500 hPa), per˛ il vento raramente soffia alle diverse quote con la stessa direzione. In caso di avvezione calda si ha per esempio una rotazione oraria (SE nei bassi strati, poi S, poi SW in alto ...)

    Ancora: le montagne influiscono sul sollevamento delle masse d'aria non solo in modo diretto, ma anche e spesso sopratutto in modo indiretto creando convergenze dei flussi nei bassi strati che a loro volta si traducono in movimenti verticali localizzati e a volte stazionari.
    Il modo in cui l'orografia si oppone al movimento delle masse d'aria, infatti, non Ŕ banale. In dipendenza della stabilitÓ della massa, della sua velocitÓ e dell'altezza dell'ostacolo (vedi ad esempio il numero di Froude) l'aria pu˛ cercare di scalvalcarlo o piuttosto aggirarlo, e in questo ha un ruolo decisivo anche la forza di Coriolis...

    Non riesco a capire bene il ruolo delle montagne..

    Leggo magari che vengono aggirate o scavalcate, poi leggo che invece rilievi di 500 metri di altitudine influenzano o deviano..

    Devo fare distinzione da masse d'aria e nuvole o comunque le montagne hanno lo stesso effetto su di loro?


    Sinceramente non ho capito..

  7. #17
    Bava di vento
    Data Registrazione
    26/05/19
    LocalitÓ
    Fregona
    Messaggi
    148
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: 🌨️Cosa influisce e determina la nevositÓ oltre alla temperatura?

    Citazione Originariamente Scritto da Wolkenmesser Visualizza Messaggio
    Purtroppo non saprei, avendo studiato meteorologia in austria, consigliarti dei buoni manuali italiani sull'argomento. Tuttavia so che ce ne sono di molto buoni; puoi provare a fare questa domanda in un nuovo thread del forum, o a guardare i thread pi˙ vecchi. Giß in molti in passato hanno posto lo stesso quesito.

    Poi personalmente non ho mai letto tanti manuali all'universitß. Quello che so l'ho costruito con le lezioni, le dispense, la pratica e...la curiositß. Non ho imparato nel giro di una settimana.
    Adesso lavori giÓ?

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •