Risultati da 1 a 7 di 7
  1. #1
    Calma di vento
    Data Registrazione
    05/11/20
    Località
    Malmö
    Messaggi
    49
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Definizione di caldo umido

    "Caldo umido" è una delle espressioni più abusate in ambito meteorologico, soprattutto dai profani, ma non solo: praticamente, appena uno accumula un po' di sudore, dice che c'è un caldo umido. Sarebbe bello, però, che, almeno su questo forum, dessimo una definizione precisa di questa locuzione, così da non usarla a sproposito.

    Innanzitutto: conta soltanto il punto di rugiada? Mettiamo, cioè, che si definisca "caldo umido" la condizione in cui il punto di rugiada è maggiore o uguale a 20°. Ebbene, una temperatura di 21° con un punto di rugiada di 20° è quindi caldo umido? Ma 21° non è propriamente caldo. Bisogna allora porre delle condizioni anche sulla temperatura? E inoltre, mettiamo che ci sono 50° con un punto di rugiada di 20°; in tal caso, l'umidità relativa è 18,9% (il calcolo potete farlo con questo sito qui: Free Professional Online HUMIDITY CALCULATOR): si tratta comunque di caldo umido, dato che il punto di rugiada è maggiore o uguale a 20°? O bisogna porre condizioni anche sull'umidità relativa?

    Da qualche parte ho letto che si parla di caldo umido quando il punto di rugiada supera i 17°: beh, a me un punto di rugiada di 17° non sembra così eclatante. Voi che ne dite? Che definizione vogliamo dare?
    Ultima modifica di ItaloSvede; 14/03/2022 alle 01:12

  2. #2
    Uragano L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    27
    Messaggi
    17,915
    Menzionato
    901 Post(s)

    Predefinito Re: Definizione di caldo umido

    Citazione Originariamente Scritto da ItaloSvede Visualizza Messaggio
    "Caldo umido" è una delle espressioni più abusate in ambito meteorologico, soprattutto dai profani, ma non solo: praticamente, appena uno accumula un po' di sudore, dice che c'è un caldo umido. Sarebbe bello, però, che, almeno su questo forum, dessimo una definizione precisa di questa locuzione, così da non usarla a sproposito.

    Innanzitutto: conta soltanto il punto di rugiada? Mettiamo, cioè, che si definisca "caldo umido" la condizione in cui il punto di rugiada è maggiore o uguale a 20°. Ebbene, 21° è quindi caldo umido? Ma 21° non è propriamente caldo. Bisogna allora porre delle condizioni anche sulla temperatura? E inoltre, mettiamo che ci sono 50° con un punto di rugiada di 20°: in tal caso, l'umidità relativa è 18,9% (il calcolo potete farlo con questo sito qui: 404 Not Found è comunque caldo umido? O bisogna porre condizioni anche sull'umidità relativa?

    Da qualche parte ho letto che si parla di caldo umido quando il punto di rugiada supera i 17°: beh, a me un punto di rugiada di 17° non sembra così eclatante. Voi che ne dite? Che definizione vogliamo dare?
    Più semplicemente non è la temperatura di rugiada a definire "il caldo umido", ma l'umidità relativa.
    Di solito io parlo di caldo umido quando l'ur è sopra il 60-70% e il dp è maggiore o uguale a 20°, ma è una mia convenzione, non l'ho letta da nessuna parte.

  3. #3
    Vento forte
    Data Registrazione
    20/01/18
    Località
    Campobasso
    Messaggi
    4,275
    Menzionato
    29 Post(s)

    Predefinito Re: Definizione di caldo umido

    Veramente l'espressione più abusata è "caldo torrido con un alto tasso di umidità"
    Che sfiga, crepo!

  4. #4
    Vento moderato
    Data Registrazione
    09/12/20
    Località
    SS
    Età
    28
    Messaggi
    1,174
    Menzionato
    39 Post(s)

    Predefinito Re: Definizione di caldo umido

    Citazione Originariamente Scritto da ItaloSvede Visualizza Messaggio
    "Caldo umido" è una delle espressioni più abusate in ambito meteorologico, soprattutto dai profani, ma non solo: praticamente, appena uno accumula un po' di sudore, dice che c'è un caldo umido. Sarebbe bello, però, che, almeno su questo forum, dessimo una definizione precisa di questa locuzione, così da non usarla a sproposito.

    Innanzitutto: conta soltanto il punto di rugiada? Mettiamo, cioè, che si definisca "caldo umido" la condizione in cui il punto di rugiada è maggiore o uguale a 20°. Ebbene, 21° è quindi caldo umido? Ma 21° non è propriamente caldo. Bisogna allora porre delle condizioni anche sulla temperatura? E inoltre, mettiamo che ci sono 50° con un punto di rugiada di 20°: in tal caso, l'umidità relativa è 18,9% (il calcolo potete farlo con questo sito qui: 404 Not Found è comunque caldo umido? O bisogna porre condizioni anche sull'umidità relativa?

    Da qualche parte ho letto che si parla di caldo umido quando il punto di rugiada supera i 17°: beh, a me un punto di rugiada di 17° non sembra così eclatante. Voi che ne dite? Che definizione vogliamo dare?
    Stai scherzando quando dici che un dew point pari a 21°C non è caldo? Per dire, un dew point pari a 21°C sono 30°C con UR al 60%!
    L'accumulo di sudore tendenzialmente è un buon indicatore. Sulla definizione oggettiva esiste già l'heat index, che considera sia la temperatura che l'UR

  5. #5
    Calma di vento
    Data Registrazione
    05/11/20
    Località
    Malmö
    Messaggi
    49
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Definizione di caldo umido

    Citazione Originariamente Scritto da SsNo Visualizza Messaggio
    Stai scherzando quando dici che un dew point pari a 21°C non è caldo? Per dire, un dew point pari a 21°C sono 30°C con UR al 60%!
    Hai ragione, avevo sbagliato a scrivere: mancava un pezzo! Adesso ho corretto!

  6. #6
    Vento forte L'avatar di ale97
    Data Registrazione
    08/11/19
    Località
    Arbus (SU) 370 m/ Torino
    Età
    24
    Messaggi
    3,511
    Menzionato
    81 Post(s)

    Predefinito Re: Definizione di caldo umido

    Citazione Originariamente Scritto da ItaloSvede Visualizza Messaggio
    "Caldo umido" è una delle espressioni più abusate in ambito meteorologico, soprattutto dai profani, ma non solo: praticamente, appena uno accumula un po' di sudore, dice che c'è un caldo umido. Sarebbe bello, però, che, almeno su questo forum, dessimo una definizione precisa di questa locuzione, così da non usarla a sproposito.

    Innanzitutto: conta soltanto il punto di rugiada? Mettiamo, cioè, che si definisca "caldo umido" la condizione in cui il punto di rugiada è maggiore o uguale a 20°. Ebbene, una temperatura di 21° con un punto di rugiada di 20° è quindi caldo umido? Ma 21° non è propriamente caldo. Bisogna allora porre delle condizioni anche sulla temperatura? E inoltre, mettiamo che ci sono 50° con un punto di rugiada di 20°; in tal caso, l'umidità relativa è 18,9% (il calcolo potete farlo con questo sito qui: Free Professional Online HUMIDITY CALCULATOR): si tratta comunque di caldo umido, dato che il punto di rugiada è maggiore o uguale a 20°? O bisogna porre condizioni anche sull'umidità relativa?

    Da qualche parte ho letto che si parla di caldo umido quando il punto di rugiada supera i 17°: beh, a me un punto di rugiada di 17° non sembra così eclatante. Voi che ne dite? Che definizione vogliamo dare?

    Non conta solo il punto di rugiada, conta la combinazione tra temperatura e umidità.


    21°C con il 100% di umidità possono essere fastidiosi solo facendo attività fisica, ma non nelle altre situazioni. Qualcuno con il buon senso potrebbe pensare che il disagio avvertito sia uguale a quello che si potrebbe provare con 35°C e DP a 21? No.
    A parità di DP più la temperatura è alta e più è peggio ma non solo, anche un DP non troppo elevato può rendere il caldo abbastanza "umido".


    Prendo l'esempio di Lahore che pochi anni fa ha registrato una delle combinazioni più terribile in termini di mix T/UR, 50°C con 27 di DP. Credi che sarebbe peggio avere un DP di 30 ma con temperatura di 30°C ? Assolutamente no.


    E soprattutto quando si parla di certe temperature per me si può parlare di caldo umido dai 16 in poi di DP, senza dubbio. Ovviamente l'afa potrà anche essere lieve in quel caso, ma con 40°C e DP a 17 ad esempio la sensazione di afa (e non solo la sensazione) sarà ben presente e notevole.
    E poco importa se l'UR sarà intorno al 25%: è ininfluente, conta il livello di umidità assoluta e non quella relativa.

    Per temperature superiori ai 30°C parlerei di caldo umido con DP da 16 in poi (con vari livelli ovviamente, chiaro che con 30°C e DP a 16/17 l'afa sarà lieve e appena presente, ma andando verso i 35 questo diviene pi
    accentuato), per temperature tra i 25 e i 30°C considerei come limite i 17.5/18 di DP, per temperature tra 22 e 25 considererei 19.5/20 come limite, per temperature inferiori a 22°C per me non va proprio considerato.


    Come indicatori heat Index e altri funzionano molto meglio del solo DP, che nemmeno è un indicatore di disagio climatico tra l'altro.
    Ultima modifica di ale97; 14/03/2022 alle 01:59

  7. #7
    Uragano L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    27
    Messaggi
    17,915
    Menzionato
    901 Post(s)

    Predefinito Re: Definizione di caldo umido

    Citazione Originariamente Scritto da ale97 Visualizza Messaggio
    Non conta solo il punto di rugiada, conta la combinazione tra temperatura e umidità.


    21°C con il 100% di umidità possono essere fastidiosi solo facendo attività fisica, ma non nelle altre situazioni. Qualcuno con il buon senso potrebbe pensare che il disagio avvertito sia uguale a quello che si potrebbe provare con 35°C e DP a 21? No.
    A parità di DP più la temperatura è alta e più è peggio ma non solo, anche un DP non troppo elevato può rendere il caldo abbastanza "umido".


    Prendo l'esempio di Lahore che pochi anni fa ha registrato una delle combinazioni più terribile in termini di mix T/UR, 50°C con 27 di DP. Credi che sarebbe peggio avere un DP di 30 ma con temperatura di 30°C ? Assolutamente no.


    E soprattutto quando si parla di certe temperature per me si può parlare di caldo umido dai 16 in poi di DP, senza dubbio. Ovviamente l'afa potrà anche essere lieve in quel caso, ma con 40°C e DP a 17 ad esempio la sensazione di afa (e non solo la sensazione) sarà ben presente e notevole.
    E poco importa se l'UR sarà intorno al 25%: è ininfluente, conta il livello di umidità assoluta e non quella relativa.

    Per temperature superiori ai 30°C parlerei di caldo umido con DP da 16 in poi (con vari livelli ovviamente, chiaro che con 30°C e DP a 16/17 l'afa sarà lieve e appena presente, ma andando verso i 35 questo diviene pi
    accentuato), per temperature tra i 25 e i 30°C considerei come limite i 17.5/18 di DP, per temperature tra 22 e 25 considererei 19.5/20 come limite, per temperature inferiori a 22°C per me non va proprio considerato.


    Come indicatori heat Index e altri funzionano molto meglio del solo DP, che nemmeno è un indicatore di disagio climatico tra l'altro.
    E' la risposta più completa che c'è, ottimo Ale!

    In effetti il caldo desertico, quello davvero secco per antonomasia, vede valori di umidità assoluta molto più contenuti essendo il dp vicino allo zero.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •