Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    Burrasca L'avatar di paxo
    Data Registrazione
    13/11/15
    Località
    Caramanico T. (PE) 550 m s.l.m.
    Messaggi
    6,057
    Menzionato
    35 Post(s)

    Predefinito Temperature minime con l'alta pressione e cielo sereno

    Mi sono accorto che spesso nelle zone di collina/montagna con condizioni come quelle descritte nel titolo, si possono avere estese gelate anche con temperature positive. Cosa che credo non avvenga nei fondovalle e in pianura (correggetemi se sbaglio).
    Secondo voi quindi, fino a che punto ha senso confrontare le temperature minime tra località posizionate in punti così diversi? Che senso ha dire che a due metri dal suolo ho registrato una minima di 2 gradi se comunque il terreno è gelato? Invece se 2 gradi si registrano in un fondovalle il terreno non sarà gelato. Spero si sia capito quello che voglio dire, ditemi cosa ne pensate.

  2. #2
    Vento forte L'avatar di Tarcii
    Data Registrazione
    13/08/19
    Località
    Ambivere (BG)
    Età
    22
    Messaggi
    3,521
    Menzionato
    27 Post(s)

    Predefinito Re: Temperature minime con l'alta pressione e cielo sereno

    Citazione Originariamente Scritto da paxo Visualizza Messaggio
    Mi sono accorto che spesso nelle zone di collina/montagna con condizioni come quelle descritte nel titolo, si possono avere estese gelate anche con temperature positive. Cosa che credo non avvenga nei fondovalle e in pianura (correggetemi se sbaglio).
    Secondo voi quindi, fino a che punto ha senso confrontare le temperature minime tra località posizionate in punti così diversi? Che senso ha dire che a due metri dal suolo ho registrato una minima di 2 gradi se comunque il terreno è gelato? Invece se 2 gradi si registrano in un fondovalle il terreno non sarà gelato. Spero si sia capito quello che voglio dire, ditemi cosa ne pensate.
    Ha senso confrontare le temperature per uniformità di rilevazione, anche perché gran parte della nostre attività avvengono a 1,5 metri dal suolo circa.

    Tuttavia, ho notato anch'io questa cosa, ovviamente le gelate sono leggere, ma lo scambio termico che avviene a livello del suolo permette all'erba di avere uno strato di brina e temperatura più bassa, anche se una stazione meteo in pendio tra brezze e rimescolamento più efficiente può essere ben più calda. Al piano o in fondovalle questo è più difficile, inevitabilmente si forma uno strato di inversione termica.
    Tu mi dici, "Ti guardi? Sbagli a paragonarti"

  3. #3
    Uragano L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    29
    Messaggi
    23,299
    Menzionato
    973 Post(s)

    Predefinito Re: Temperature minime con l'alta pressione e cielo sereno

    Citazione Originariamente Scritto da paxo Visualizza Messaggio
    Mi sono accorto che spesso nelle zone di collina/montagna con condizioni come quelle descritte nel titolo, si possono avere estese gelate anche con temperature positive. Cosa che credo non avvenga nei fondovalle e in pianura (correggetemi se sbaglio).
    Secondo voi quindi, fino a che punto ha senso confrontare le temperature minime tra località posizionate in punti così diversi? Che senso ha dire che a due metri dal suolo ho registrato una minima di 2 gradi se comunque il terreno è gelato? Invece se 2 gradi si registrano in un fondovalle il terreno non sarà gelato. Spero si sia capito quello che voglio dire, ditemi cosa ne pensate.
    Infatti alcuni enti misurano anche la temperatura del terreno, ricordo per esempio che nei messaggi SYREP aeronautici di un tempo si misurava anche questo valore con un termometro a 5 cm di profondità. Brindisi Aeroporto, finchè era in mano all'Aeronautica Militare (2018), lo faceva.

    Ad esempio, in questa mattina del 29 Gennaio 2014 il messaggio SYREP evidenziava una temperatura minima del terreno di 0°, mentre quella dell'aria a 2 m era di 3,2°:

    Daily decoded synop report


    La temperatura del suolo è sempre più bassa di quella dell'aria soprastante, anche a pochi cm, perchè l'aria è un pessimo conduttore di calore (quindi si riscalda o raffredda meno), mentre il terreno perde calore per irraggiamento (in forma di radiazione infrarossa).
    Questo significa che anche con temperature positive dell'aria, persino a 2 cm dal suolo, il terreno può comunque gelare.


    Succede anche in Salento, non solo in collina o montagna: spesso, quando si avvicina lo zero (ma non lo si raggiunge) nelle campagne si forma uno strato di brina che imbianca vistosamente i prati nelle albe invernali più fredde.

  4. #4
    Vento teso L'avatar di Stefano Riccio
    Data Registrazione
    25/10/10
    Località
    Firenze (FI)
    Età
    31
    Messaggi
    1,819
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Temperature minime con l'alta pressione e cielo sereno

    Anche sui tetti in città capita di vedere la brina all'alba con minime positive dopo una notte serena, per non parlare delle auto se parcheggiate all'aperto, penso in generale qualsiasi superficie in caso di forte irraggiamento notturno si raffreddi meglio dell'aria quindi se l'esposizione e l'umidità lo permettono la brina si forma anche senza bisogno di andare sottozero nello strato d'aria sovrastante.
    Database dei record in Toscana: http://climaintoscana.altervista.org/
    Record assoluti: +43,1°C ad Antella il 06/08/2003; -26,0°C a Firenzuola l'08/01/1985.

  5. #5
    Uragano L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    29
    Messaggi
    23,299
    Menzionato
    973 Post(s)

    Predefinito Re: Temperature minime con l'alta pressione e cielo sereno

    Citazione Originariamente Scritto da Stefano Riccio Visualizza Messaggio
    Anche sui tetti in città capita di vedere la brina all'alba con minime positive dopo una notte serena, per non parlare delle auto se parcheggiate all'aperto, penso in generale qualsiasi superficie in caso di forte irraggiamento notturno si raffreddi meglio dell'aria quindi se l'esposizione e l'umidità lo permettono la brina si forma anche senza bisogno di andare sottozero nello strato d'aria sovrastante.
    C'è però una conditio sine qua non, vale a dire che il dew point sia sotto lo zero, e se la massa d'aria è particolarmente umida (come avviene nei bassi strati nei fondovalle) con temperature dell'aria sopra lo zero è probabile che nemmeno quella di rugiada lo sia, per quanto ambedue vicine a tale valore.

    Infatti nelle campagne salentine, o sui tetti di alcuni paesi qui nell'interno, capita solo nelle nottate invernali post-irruzione, quelle che associano al crollo termico anche un'ur relativamente bassa (mai superiore al 70%).
    Il motivo per cui sotto anticiclone @paxo ha l'impressione che capiti solo in montagna o collina può essere dovuto proprio a questo, perchè con gli anticicloni sui fondovalle o pianure magari si avvicina lo zero ma in un contesto di ur elevatissima con dp sopra lo zero.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •