Pagina 18 di 37 PrimaPrima ... 8161718192028 ... UltimaUltima
Risultati da 171 a 180 di 370
  1. #171
    Vento forte
    Data Registrazione
    13/12/07
    Località
    MILANO
    Età
    37
    Messaggi
    3,947
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting nivoglaciale Alpi autunno 2019

    Citazione Originariamente Scritto da Z_M Visualizza Messaggio
    Il trend al riscaldamento autunnale è purtroppo assodato, anche leggendo le serie postate varie volte da alcuni forumisti in zone alpine (cuneese etc...). Questo sicuramente si traduce in maggiori possibilità per piogge a quote alte, che non mancavano di certo anche in passato, ma che ora sono probabilmente più frequenti.
    Sarebbe interessante vedere in ottobre di quanto è salita la media dello ZT rispetto 20/30 anni fa...

  2. #172
    Vento forte L'avatar di kima
    Data Registrazione
    10/10/12
    Località
    Glarus Nord
    Età
    41
    Messaggi
    3,161
    Menzionato
    27 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting nivoglaciale Alpi autunno 2019

    Citazione Originariamente Scritto da meazza Visualizza Messaggio
    Ottobre da tanti anni ormai può fare dilevate fino a quote alte (ecco perchè è a tutti agli effetti un mese potenzialmente alluvionale)... non facciamo passare il concetto che "ultimamente" piove fino a quote glaciali anche ad ottobre... perchè...20 anni fa non mi pare fosse poi tanto differente la situazione
    Beh si se il paragone lo facciamo con 20 anni fa magari la situazione non è tanto diversa. Dovremmo prendere a riferimento almeno la 61-90 per parlare di un „prima“.
    Qui a Glarona, che ben rappresenta il versante Nord alpino svizzero, ottobre è passato da 9,1 gradi della 61-90 a 9,7 della 81-10. Se per l ultimo decennio ci aggiungiamo un grado non credo che sbagliamo di tanto... E quindi si va intorno al grado e mezzo che ormai è più o meno fisso rispetto alla 61-90.

  3. #173
    Brezza tesa L'avatar di Z_M
    Data Registrazione
    16/12/16
    Località
    Savona
    Messaggi
    837
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting nivoglaciale Alpi autunno 2019

    Citazione Originariamente Scritto da meazza Visualizza Messaggio
    Sarebbe interessante vedere in ottobre di quanto è salita la media dello ZT rispetto 20/30 anni fa...
    già, non saprei però dove reperire il dato, cercando magari qualcosa si trova

  4. #174
    Brezza leggera
    Data Registrazione
    24/08/13
    Località
    Senigallia
    Età
    38
    Messaggi
    395
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting nivoglaciale Alpi autunno 2019

    Citazione Originariamente Scritto da meazza Visualizza Messaggio
    Sarebbe interessante vedere in ottobre di quanto è salita la media dello ZT rispetto 20/30 anni fa...
    In realtà penso che la situazione attuale sia il prodotto di due fattori nefasti: l'incremento dello zero termico e un pesante cambio nella dinamica delle pioggia autunnali.
    Per lo zero termico potremmo fare un stima brutale, ovvero ad un incremento di temperatura di 1.5°C più o meno corrisponde un innalzamento dello zero termico di circa 250m (considerando un papà e rate di 0.6°C/100m.
    A questo va aggiunto il fatto che 30-50 anni fa le precipitazioni arrivavano prevalentemente con le ormai latitanti perturbazioni atlantiche e quindi accompagnate da correnti occidentali più fresche. Invece negli ultimi anni le precipitazioni urunnali sono quasi esclusivamente dovute allo stau da richiamo prefrontale e spesso questa configurazione rimane bloccata per giorni. Ecco che all'aumento di 250m dello zero termico (stima rozza) va aggiunto un incremento della quota neve dovuto alla dinamica delle precipitazioni. Io mi sentirei di stimato In altri 200-300m.
    Riassumendo, se 30-50 anni fa, in ottobre la neve cominciava a scendere stabilmente intorno ai 2600-2800m, ora se ne sta confinata oltre i 3100m.

  5. #175
    Vento forte
    Data Registrazione
    13/12/07
    Località
    MILANO
    Età
    37
    Messaggi
    3,947
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting nivoglaciale Alpi autunno 2019

    Citazione Originariamente Scritto da giancasherpa Visualizza Messaggio
    In realtà penso che la situazione attuale sia il prodotto di due fattori nefasti: l'incremento dello zero termico e un pesante cambio nella dinamica delle pioggia autunnali.
    Per lo zero termico potremmo fare un stima brutale, ovvero ad un incremento di temperatura di 1.5°C più o meno corrisponde un innalzamento dello zero termico di circa 250m (considerando un papà e rate di 0.6°C/100m.
    A questo va aggiunto il fatto che 30-50 anni fa le precipitazioni arrivavano prevalentemente con le ormai latitanti perturbazioni atlantiche e quindi accompagnate da correnti occidentali più fresche. Invece negli ultimi anni le precipitazioni urunnali sono quasi esclusivamente dovute allo stau da richiamo prefrontale e spesso questa configurazione rimane bloccata per giorni. Ecco che all'aumento di 250m dello zero termico (stima rozza) va aggiunto un incremento della quota neve dovuto alla dinamica delle precipitazioni. Io mi sentirei di stimato In altri 200-300m.
    Riassumendo, se 30-50 anni fa, in ottobre la neve cominciava a scendere stabilmente intorno ai 2600-2800m, ora se ne sta confinata oltre i 3100m.
    Sostanzialmente daccordo ma....
    Andrebbero valutati anche se sono diminuite mediamente le pioggie ad ottobre e i giorni nuvolosi /sereni.... mettiamo che 30/50 anni fa ci fossero anche un 20/30% di giornate nuvolose in più ... potrebbe incidere su uno ZT più basso?
    Poi è un tantino esagerato dire che la neve se ne sta confinata molto spesso oltre i 3100 ad ottobre.... e direi più.... 2800/2900

    Sono abbastanza convinto che l'aumento termico rispetto al passato sia più in pianura che in quota (dove cmq c'è) ....

  6. #176
    Brezza leggera
    Data Registrazione
    24/08/13
    Località
    Senigallia
    Età
    38
    Messaggi
    395
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting nivoglaciale Alpi autunno 2019

    Citazione Originariamente Scritto da meazza Visualizza Messaggio
    Sostanzialmente daccordo ma....
    Andrebbero valutati anche se sono diminuite mediamente le pioggie ad ottobre e i giorni nuvolosi /sereni.... mettiamo che 30/50 anni fa ci fossero anche un 20/30% di giornate nuvolose in più ... potrebbe incidere su uno ZT più basso?
    Poi è un tantino esagerato dire che la neve se ne sta confinata molto spesso oltre i 3100 ad ottobre.... e direi più.... 2800/2900

    Sono abbastanza convinto che l'aumento termico rispetto al passato sia più in pianura che in quota (dove cmq c'è) ....
    Certo, la mia è una valutazione sommaria, più da chiacchiera da bar che altro. Andrebbero sicuramente valutati molti altri parametri, come gg nuvolosi, sereni umidità ecc. Ma questi influiscono sulla permanenza o meno dallo a neve eventualmente caduta, mentre la sostanza è che in ottobre non nevica più, e piove sempre più in alto.
    Si forse 3100m sono un po' tantini, ma negli ultimissimi anni siamo lì.
    Sull'ubicazione dell''aumento termico a naso mi viene da dire che è l'esatto contrario cioè più marcato in quota, ma attendo conferma o smentita.

  7. #177
    Burrasca L'avatar di digitos
    Data Registrazione
    21/06/05
    Località
    Lecco
    Età
    41
    Messaggi
    5,949
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting nivoglaciale Alpi autunno 2019

    Addirittura compare +17 al 23 ottobre...altro che zero termico a 3000 m...sarà mille metri più in alto

    Nowcasting nivoglaciale Alpi autunno 2019-gfsopme00_132_2.png

  8. #178
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    09/08/12
    Località
    Brescia
    Età
    35
    Messaggi
    767
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting nivoglaciale Alpi autunno 2019

    Citazione Originariamente Scritto da giancasherpa Visualizza Messaggio
    Certo, la mia è una valutazione sommaria, più da chiacchiera da bar che altro. Andrebbero sicuramente valutati molti altri parametri, come gg nuvolosi, sereni umidità ecc. Ma questi influiscono sulla permanenza o meno dallo a neve eventualmente caduta, mentre la sostanza è che in ottobre non nevica più, e piove sempre più in alto.
    Si forse 3100m sono un po' tantini, ma negli ultimissimi anni siamo lì.
    Sull'ubicazione dell''aumento termico a naso mi viene da dire che è l'esatto contrario cioè più marcato in quota, ma attendo conferma o smentita.
    Al di là di dati precisi che non ho nemmeno io, è indubbio che ottobre, che fino a qualche anno fa assieme a settembre non era stato soggetto più di tanto al riscaldamento, negli ultimi anni si è rifatto con gli interessi.
    Non servono cmq numeri per ricordare che quando ero piccolo ad ottobre pioveva molto, nevicava in montagna, e in pianura le piante erano gialle con le foglie che cadevano. Negli ultimi anni invece, sempre più sole, caldo fuori stagione, ottobrate continue, e poche piogge più da acquazzoni similestivi che non piogge continue tutto il giorno. Risultato, visibile a tutti, sono le montagne spoglie per quota neve altissima e gli alberi ancora verdi a metà ottobre...

  9. #179
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    09/08/12
    Località
    Brescia
    Età
    35
    Messaggi
    767
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting nivoglaciale Alpi autunno 2019

    Citazione Originariamente Scritto da giancasherpa Visualizza Messaggio
    In realtà penso che la situazione attuale sia il prodotto di due fattori nefasti: l'incremento dello zero termico e un pesante cambio nella dinamica delle pioggia autunnali.
    Per lo zero termico potremmo fare un stima brutale, ovvero ad un incremento di temperatura di 1.5°C più o meno corrisponde un innalzamento dello zero termico di circa 250m (considerando un papà e rate di 0.6°C/100m.
    A questo va aggiunto il fatto che 30-50 anni fa le precipitazioni arrivavano prevalentemente con le ormai latitanti perturbazioni atlantiche e quindi accompagnate da correnti occidentali più fresche. Invece negli ultimi anni le precipitazioni urunnali sono quasi esclusivamente dovute allo stau da richiamo prefrontale e spesso questa configurazione rimane bloccata per giorni. Ecco che all'aumento di 250m dello zero termico (stima rozza) va aggiunto un incremento della quota neve dovuto alla dinamica delle precipitazioni. Io mi sentirei di stimato In altri 200-300m.
    Riassumendo, se 30-50 anni fa, in ottobre la neve cominciava a scendere stabilmente intorno ai 2600-2800m, ora se ne sta confinata oltre i 3100m.
    Quoto tutto tranne le quote. La norma (escludendo pesanti sciroccate con blocco come quella del weekend, o le prime irruzioni artiche che ti possono portare neve anche sotto i 1000m) penso fossero le perturbazioni atlantiche con nevicate oltre i 2000m (ma anche 1800 - 1600m nella seconda metà del mese), non 2600/2800. Come dici tu, essendo sparito quel tipo di autunno, le gocce fredde o vortici mediterranei che ogni tanto passano tra un anticiclone africano e l'altro, portano ovviamente neve solo sopra i 3000m... anche perché passano in un "contesto caldo", senza aria fresca a seguito. Una volta invece non avevamo perenne anticiclone africano ad ottobre, quindi c'era già in partenza aria più fresca, poi le perturbazioni atlantiche passavano in serie, quindi continuavano a portare aria fresca e di conseguenza la quota neve era ben più bassa di quella che ti può portare quel singolo evento oggi, in mezzo a fasi anticicloniche calde. Non so se mi sono spiegato bene. Questa è la mia impressione.

  10. #180
    Brezza leggera
    Data Registrazione
    24/08/13
    Località
    Senigallia
    Età
    38
    Messaggi
    395
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Nowcasting nivoglaciale Alpi autunno 2019

    Citazione Originariamente Scritto da Damon Hill Visualizza Messaggio
    Quoto tutto tranne le quote
    Stupendo il concetto di non quotare le quote... e allora io rilancio quotando il non quotare le quote.
    Scherzi a parte, 2000 mi sembrano un po' bassi per la neve stabile al suolo ad ottobre, anche guardando 30-50 anni in dietro. Comunque prendendo la mia stima come limite superiore e la tua come limite inferiore. Ne viene fuori che l'incremento della quota neve per ottobre oscilla tra 1100 e 600m e tra oltre 330 e 120m per decennio. Impressionante. Tra 20 anni si rischierà di vedere pioggia in ottobre a 4000m
    Probabilmente bisognerebbe anche distinguere tra le diverse regioni alpine, penso che il versante alpino sud occidentale sia il più penalizzato.
    Comunque sarebbe interessante studiare la questione...

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •