Pagina 1 di 10 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 100
  1. #1
    Vento fresco
    Data Registrazione
    17/12/06
    Località
    Lanciano (CH)
    Età
    48
    Messaggi
    2,275
    Menzionato
    26 Post(s)

    Predefinito nevaio Rif Franchetti 30 ottobre 2006...

    Posto queste foto in pieno inverno visto che gli accumuli nevosi sul gran Sasso sono praticamente di 30-50cm in più delle foto! Sigh! Preparaimoci al peggio? Gran Sasso autunno 2006....30 ottobre 2006 sono sulla parete Est del Corno Piccolo, di ritorno fotografo il nevaio del "Franchetti" che stranamente ogni anno resiste o addirittura aumenta! Nella prima foto si vedono anche sccenni di crepaccini (mini mini mini), nella seconda si vede anche una placca di ghiaccio puro ormai sotto la punta Cicchetti (circa 30/40mt*10)...Nella terzo torniamo un po' indietro...sono sulla Parete Est Corno Grande, la grossa comba ghiaiosa era piena di neve fino a metà luglio...ci torno a fine Agosto e resistono due placche ancora relativamente grandi nei pressi del Canalone Crentrale...penso che ormai superano l'estate....e invece torno il 1 ottobre e c'e' solo una residua placca di non piu' di 10/15mt*5! che, visto come è andata ad ottobre fino a metà novembre, penso sia sparita. Cmq la foto rappresenta la parte alta del Calderone il 1/10/2006...2 misere placche...e non finirà qui.
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate nevaio Rif Franchetti 30 ottobre 2006...-nevaio10.jpg   nevaio Rif Franchetti 30 ottobre 2006...-nevaio12.jpg   nevaio Rif Franchetti 30 ottobre 2006...-nevaio14.jpg  

  2. #2
    Burrasca L'avatar di Enrico_3bmeteo
    Data Registrazione
    06/03/03
    Località
    Roma
    Età
    56
    Messaggi
    6,413
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: nevaio Rif Franchetti 30 ottobre 2006...

    Citazione Originariamente Scritto da cristiano Visualizza Messaggio
    Posto queste foto in pieno inverno visto che gli accumuli nevosi sul gran Sasso sono praticamente di 30-50cm in più delle foto! Sigh! Preparaimoci al peggio? Gran Sasso autunno 2006....30 ottobre 2006 sono sulla parete Est del Corno Piccolo, di ritorno fotografo il nevaio del "Franchetti" che stranamente ogni anno resiste o addirittura aumenta! Nella prima foto si vedono anche sccenni di crepaccini (mini mini mini), nella seconda si vede anche una placca di ghiaccio puro ormai sotto la punta Cicchetti (circa 30/40mt*10)...Nella terzo torniamo un po' indietro...sono sulla Parete Est Corno Grande, la grossa comba ghiaiosa era piena di neve fino a metà luglio...ci torno a fine Agosto e resistono due placche ancora relativamente grandi nei pressi del Canalone Crentrale...penso che ormai superano l'estate....e invece torno il 1 ottobre e c'e' solo una residua placca di non piu' di 10/15mt*5! che, visto come è andata ad ottobre fino a metà novembre, penso sia sparita. Cmq la foto rappresenta la parte alta del Calderone il 1/10/2006...2 misere placche...e non finirà qui.
    Il nevaio del Franchetti non è un nevaio ma un glacionevato. Non è mai scomparso da quando lo osservo (1980). E' normale che sia in condizioni migliori del Calderone poiché si alimenta diversamente. Il primo approfitta della cattura (ormai poco), del sottovento e della neve diretta, mentre il secondo sopravvive grazie alla neve che scivola dai pendii sottostanti la Sella dei due Corni e dal "ballatoio"

  3. #3
    Vento fresco
    Data Registrazione
    17/12/06
    Località
    Lanciano (CH)
    Età
    48
    Messaggi
    2,275
    Menzionato
    26 Post(s)

    Predefinito Re: nevaio Rif Franchetti 30 ottobre 2006...

    Enrico, personalmente penso (mi aspetto anche smentite!) che il glacionevato del Franchette sopravviva grazie (come dici tu) al suo tipo di almentazione mentre il Calderone è in costante declino non perché siano diminuite le precipitazioni, anzi, a mio parere abbiamo avuto 4 anni consecutivi sopra la norma con quasi nessun riscorntro (se non minimo) su placche nevose residue a fine ablazione, ma perché la notevole quantità di neve che si deposità non subisce metamorfosi se non solo tarda primavera quando, la sua bassa densità è facile preda delle prime vere e proprie vampate africane. Secondo fattore sono le temperature estive che sono in continua crescita annullando di fatto ogni incremento nevoso annuale. Se in un'iverno abbiamo il 30% di neve in piu' che si traduce in circa 2/3mt di spessore medio in piu' a metà aprile alla quota del Calderone, basta (a mio avviso) che la stagione estiva inizi o finisca 15 giorni prima o dopo per azzerare l'effetto di un'interno inverno; mentre per il nevaio del franchetti "bastano" 5-6 slavine primaverili unite ad un accumule da vento che la "nicchia" si riempa piu' o meno uguale ogni anno, a meno di annate particolarmente secche o di estati particolamente calde.
    Caio

  4. #4
    Burrasca L'avatar di Enrico_3bmeteo
    Data Registrazione
    06/03/03
    Località
    Roma
    Età
    56
    Messaggi
    6,413
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: nevaio Rif Franchetti 30 ottobre 2006...

    Citazione Originariamente Scritto da cristiano Visualizza Messaggio
    Enrico, personalmente penso (mi aspetto anche smentite!) che il glacionevato del Franchette sopravviva grazie (come dici tu) al suo tipo di almentazione mentre il Calderone è in costante declino non perché siano diminuite le precipitazioni, anzi, a mio parere abbiamo avuto 4 anni consecutivi sopra la norma con quasi nessun riscorntro (se non minimo) su placche nevose residue a fine ablazione, ma perché la notevole quantità di neve che si deposità non subisce metamorfosi se non solo tarda primavera quando, la sua bassa densità è facile preda delle prime vere e proprie vampate africane. Secondo fattore sono le temperature estive che sono in continua crescita annullando di fatto ogni incremento nevoso annuale. Se in un'iverno abbiamo il 30% di neve in piu' che si traduce in circa 2/3mt di spessore medio in piu' a metà aprile alla quota del Calderone, basta (a mio avviso) che la stagione estiva inizi o finisca 15 giorni prima o dopo per azzerare l'effetto di un'interno inverno; mentre per il nevaio del franchetti "bastano" 5-6 slavine primaverili unite ad un accumule da vento che la "nicchia" si riempa piu' o meno uguale ogni anno, a meno di annate particolarmente secche o di estati particolamente calde.
    Caio


  5. #5
    Vento forte L'avatar di Ricky nibi
    Data Registrazione
    23/06/02
    Località
    Morbegno (SO) 230 m
    Età
    39
    Messaggi
    4,659
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: nevaio Rif Franchetti 30 ottobre 2006...

    Citazione Originariamente Scritto da cristiano Visualizza Messaggio
    Enrico, personalmente penso (mi aspetto anche smentite!) che il glacionevato del Franchette sopravviva grazie (come dici tu) al suo tipo di almentazione mentre il Calderone è in costante declino non perché siano diminuite le precipitazioni, anzi, a mio parere abbiamo avuto 4 anni consecutivi sopra la norma con quasi nessun riscorntro (se non minimo) su placche nevose residue a fine ablazione, ma perché la notevole quantità di neve che si deposità non subisce metamorfosi se non solo tarda primavera quando, la sua bassa densità è facile preda delle prime vere e proprie vampate africane. Secondo fattore sono le temperature estive che sono in continua crescita annullando di fatto ogni incremento nevoso annuale. Se in un'iverno abbiamo il 30% di neve in piu' che si traduce in circa 2/3mt di spessore medio in piu' a metà aprile alla quota del Calderone, basta (a mio avviso) che la stagione estiva inizi o finisca 15 giorni prima o dopo per azzerare l'effetto di un'interno inverno; mentre per il nevaio del franchetti "bastano" 5-6 slavine primaverili unite ad un accumule da vento che la "nicchia" si riempa piu' o meno uguale ogni anno, a meno di annate particolarmente secche o di estati particolamente calde.
    Caio
    analisi veramente eccellente, secondo me hai centrato in pieno la questione
    osservatorio meteo dei Burnigui di Andalo Valtellino www.meteovaltellina.it
    http://www.youtube.com/elnibi

  6. #6
    Vento fresco
    Data Registrazione
    17/12/06
    Località
    Lanciano (CH)
    Età
    48
    Messaggi
    2,275
    Menzionato
    26 Post(s)

    Predefinito Re: nevaio Rif Franchetti 30 ottobre 2006...

    grazie a tutti e due! Troppo buoni!

  7. #7
    Vento fresco
    Data Registrazione
    17/12/06
    Località
    Lanciano (CH)
    Età
    48
    Messaggi
    2,275
    Menzionato
    26 Post(s)

    Predefinito Re: nevaio Rif Franchetti 30 ottobre 2006...

    nel 2007 la situazione del glacionevato è stata pessima la la buona annata precedente l'ha salvato dall'estinzione. Estinzione che si rischia quest'anno se l'estate perdura come ormai solito fino a metà di ottobre con le prime piogge autunnali che non sono più neve da molti anni a questa parte a queste quote....
    il 29 luglio di quest'anno abbiamo MENO neve del 30 ottobre del 2006...ecco le foto
    nevaio Rif Franchetti 30 ottobre 2006...-franch29-luglio2012.jpgnevaio Rif Franchetti 30 ottobre 2006...-franch29-luglio2012b.jpgnevaio Rif Franchetti 30 ottobre 2006...-franch29-luglio2012d.jpgnevaio Rif Franchetti 30 ottobre 2006...-franch29-luglio2012c.jpg

    questo è invece il nevaio alla destra della morena del Calderone....l'unico in discrete condizioni poichè a beneficiato della neve orientale più del glacio nevato del Franchetti che "vive" di sottovento ai venti predominanti occidentali quest'anno praticamente assenti.
    nevaio Rif Franchetti 30 ottobre 2006...-nevaioanticcalderone29luglio2012.jpg

    In TUTTO il comprarto occidentalde del Gran Sasso non è rimasta 1 chiazza di neve...solo nel 2007 e 1990 (forse) siamo arrivati a tanto. Ho potuto osservare 2 microchiazze sotto lo scrimone (dove fino al 1994 era perenne) e 1 microchiazza sulla conchetta dietro la vetta dell'Intermesoli.
    Sotto il CORNO PICCOLO non è rimasta nemmeno 1 chiazza di neve....considerate che do solito non spariscono prima dei primi di settembre e molti anni passano l'estate....
    anno micidiale che bissa il drammaticissimo 2007....a soli 5 anni di distanza. Pazzesco

  8. #8
    Vento fresco
    Data Registrazione
    17/12/06
    Località
    Lanciano (CH)
    Età
    48
    Messaggi
    2,275
    Menzionato
    26 Post(s)

    Predefinito Re: nevaio Rif Franchetti 30 ottobre 2006...

    guardate in 6 giorni di africa quanta se ne scioglie...nevaio Rif Franchetti 30 ottobre 2006...-franch-4-ago-2012.jpgnevaio Rif Franchetti 30 ottobre 2006...-franch29-luglio2012d.jpg

  9. #9
    Bava di vento L'avatar di Pianella Meteo
    Data Registrazione
    23/07/12
    Località
    Pianella, Italy
    Messaggi
    170
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: nevaio Rif Franchetti 30 ottobre 2006...

    ho fatto il collage che rende meglio la situazione
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate nevaio Rif Franchetti 30 ottobre 2006...-nevaio-franchetti-ago12.jpg  

  10. #10
    Vento fresco
    Data Registrazione
    17/12/06
    Località
    Lanciano (CH)
    Età
    48
    Messaggi
    2,275
    Menzionato
    26 Post(s)

    Predefinito Re: nevaio Rif Franchetti 30 ottobre 2006...

    situazione il 28 agosto 2012...glacionevato Franchetti prossimo all'estinzione come MAI accaduto nell'ultimo secolo almeno...se non interviene una nevicata decente (oltre 15cm) temo non ce la farà, il suo spessore è ridotto ad un paio di metri nel punto massimo. Qui l'ablazione procede fino ai primi di ottobre, specie se alle prime perturbazioni piove invece di nevicare...
    nevaio Rif Franchetti 30 ottobre 2006...-glacion-franchetti-28-ago-2012b.jpg
    nevaio Rif Franchetti 30 ottobre 2006...-glacion-franchetti-28-ago-2012.jpg

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •