Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 28
  1. #1
    Uragano L'avatar di roby4061
    Data Registrazione
    20/06/02
    Località
    Villar Perosa e Villanova C.se (TO)
    Messaggi
    38,583
    Menzionato
    7 Post(s)

    Predefinito Alpinismo facile al Monte Niblè 3365 m, valle di Susa (TO)

    Finalmente è iniziata la stagione alpinistica. Ho voluto scegliere una meta non eccessivamente difficile né massacrante, visto il periodo di forma fisica non eccezionale.

    La scelta cade sul Monte Niblè 3365 m, in alta Val di Susa, sul confine tra Italia e Francia, montagna che avevo adocchiato un paio di anni fa durante la salita alla Cima del Vallonetto. Siamo in tre, io, Elisabetta e Romano, per questa gita, partiamo alle 14 da casa mia sabato pomeriggio, un po’ in ritardo sui miei piani.

    Arriviamo a Grange della Valle, sopra Exilles, a 1780 m di quota, scarponi ai piedi, ci carichiamo i pesanti zaini in spalla, e via verso il bivacco Blais. Nebbie di calore nascondono in parte le cime, ogni tanto esce il sole ad accendere i colori estivi. La prima parte della salita si svolge tra i larici, poi si esce nell’ampio vallone di Galambra, costellato di rododendri in fiore e grossi massi, infatti è pieno di boulderisti.. Verso l’alto si vede l’azzurro tra una nebbia e l’altra, in Francia, ovviamente, è sicuramente sereno. Il sentiero, ben segnato, comincia ad alzarsi di quota seriamente solo verso i 2100 m. Impennandosi… infatti si susseguono ripidi e stretti tornanti su un costone di magro pascolo, percorso suggestivo.

    Nella nebbia arriviamo ad una fontana, ne approfittiamo per una sosta. Poi ripartiamo, io rimango un po’ indietro e proseguo la salita da solo. Ed ecco, ad un tratto, la nebbia nella quale sono avvolto si dissolve, il sole mi colpisce, l’azzurro del cielo diventa incombente, così come le aspre pareti che mi sovrastano, chiazzate di neve. E’ come se tutto di un tratto si fossero dissolte le nubi all’unisono, brandelli di nebbie rimangono impigliati tra le creste, creando giochi di luci e contrasti magnifici. L’umore, nonostante la fatica, sale alle stelle. Il sole rende i prati dove sto salendo verdissimi, risaltando la fioritura multicolore.

    In bassa valle e verso la pianura è un fiorire di cumuli, qui in quota è pressoché sereno, anche se ancora qualche nebbia corre lungo i ripidi pendii. Recupero un po’ di terreno sui miei amici, vedo che non siamo soli, qualche camoscio ci guarda da lontano e poi riprende a brucare al sole. Eccomi anche io alla base del nevaio terminale. E’ assai ripido a vederlo da qui, alla fine di questo canale dovrebbe esserci il bivacco. Raggiungo quasi i miei amici, ed a metà canale ecco apparire l’arancione bivacco. Questi ultimi 100 metri sono assai faticosi, specie gli ultimi 10 su terriccio cedevole e intriso di acqua, ma alle 18.30 sono anche io al bivacco Blais, a 2912 m di quota, sul Col d’Ambin.

    Splendida la vista sul versante francese, il colle è sovrastato da una cuspide rocciosa strapiombante. Ci cambiamo, quindi un po di relax al sole del tardo pomeriggio, poi è ora di cena. Peccato che prendo freddo allo stomaco, e subito dopo la tisana digestiva ho qualche problema…

    Nel frattempo arrivano altri due alpinisti, non saremo soli questa notte. La luce è ancora forte, il sole alto, e osserviamo a lungo dopocena i giochi di luci e di nubi che si dissolvono e riformano di continuo. Arrivano ancora due francesi alle 21.30, quando noi ci siamo già messi a letto perché siamo cotti. Rispetto al caldo patito nei giorni scorsi qua si sta bene, e mi addormento presto. Peccato che sia destino che non debba dormire una notte come si deve… alla una e trenta di notte sento dei rumori fuori dal bivacco, passi, poi pietre che si spostano, infine voci.

    E poi la porta viene aperte con violenza, ci svegliamo del tutto, solo perché sono mezzo rincoglionito dal sonno trattengo le bestemmie… mi riaddormenterò a breve, i due arrivati si sistemano sulle panchine intorno al tavolo…e ci risvegliano alle 4 quando ripartono dal bivacco…volevano salire a vedere l’alba in vetta al Niblè!

    Alle 5 altri due si muovono e ci svegliano, e così alle 5.45… che andirivieni qua dentro.. alle 6.30 cediamo anche noi, suona la sveglia anche se io non dormivo più, ovviamente, già da un bel po’. Mi alzo ed esco fuori… è serenissimo verso la Francia, invece in Italia nubi basse, fiorire di cumuli, e due cumulonembi torreggianti spettacolari verso Torino. Accendo il telefono e mi chiama Alex, che sta per partire dal fondovalle… loro saliranno in giornata.

    Qualche foto e poi colazione, quindi partiamo alle 7.50 dal bivacco, anche se Romano ha un po’ patito la notte in quota. Percorriamo la cresta ovest del Niblè, che si presenta rocciosa e sfasciumosa in questa prima parte. Qualche roccetta, percorsa da una traccia di sentiero, poi la cresta si allarga e si fa detritica, fino ad arrivare a lambire la neve, a quota 3050 m, dove in teoria comincia il ghiacciaio, o meglio quel che ne resta. A fine stagione c’è solo un ghiacciaietto nerastro e in parte coperto da detriti… ora invece è tutto innevato.

    Visto che l’abbiamo portata su preferiamo legarci… eccesso di prudenza forse… ma non si sa mai!!

    Parto io come capocordata, cercando di tenere un passo tranquillo e regolare. C’è una traccia molto profonda, se si esce da questa si sprofonda perché il rigelo è stato molto scarso. Una rampa più ripida, con un tratto a metà con neve dura (sul solco di una slavina), poi siamo proprio su quel che dovrebbe essere il ghiacciaio. Non si vede nemmeno un crepaccio, solo qualche fessurazione nel manto nevoso. Verso i 3120 metri finalmente la neve riesce a reggere il mio peso, ed esco dalla traccia. I ramponi mordono che è un piacere, si sale bene.

    Siamo sempre all’ombra, la mole del Niblè, proprio davanti a noi, nasconde il sole, ma non fa assolutamente freddo, anzi. Mi dirigo fin quasi sotto il pendio finale, poi piego a destra con un mezzacosta, uscendo sulla spalla ed al sole. Che spettacolo! Nubi e nebbie ribolliscono sul versante italiano, creando luci spettacolari. Il mio umore sale ulteriormente, il fisico regge bene rispetto ad una settimana prima, quando, a soli 2200 m di quota, tiravo la lingua fuori…siamo quasi a 3300 m, manca poco.

    Un’ultima, ripida rampa, oltre 30°, ben tracciata, ci porta sulla crestina finale. La neve residua le dà l’aspetto dell’alta quota… sinuosa, delicata, aerea ma non troppo. Sembra un Castore in miniatura… ma quella montagna è un’altra cosa, anche come eleganza… però queste crestine nevose mi affascinano sempre, per la loro eleganza e sinuosità.

    La percorriamo, a sinistra la Francia, a destra l’Italia. Dopo la neve, sfasciumi e roccette, ed una traccia di sentiero. Un roccione, e poi ecco la vetta vicinissima. Proseguo, coi ramponi sulle rocce, quando un rumore di ghiaia che cade, vicino, mi spaventa… è una marmotta, gigante, che prendeva il sole sulla vetta ed al nostro arrivo si è terrorizzata ed è fuggita imbucandosi tra le rocce sotto la cima. Assurdo, quassù a quasi 3400 m…mai visto una marmotta così in alto. Dopo la volpe che io e Misty avvistammo sul ghiacciaio del Trajo a 3500 metri lo scorso agosto, ora questo… la natura non finisce mai di stupire.

    Pochi metri arrampicando sulle rocce coi ramponi ed eccoci alla croce di vetta del Monte Niblè 3365 m, sono le 9.30. Berg-heil!

    Sono stanco ma abbastanza in forma, l’amico Romano l’è cöit… Che panorama! Sulle alpi Francesi, sul Rocciamelone che emerge tra le nebbie, sul lontano Monviso… i cumuli sono sempre più grandi, ed ora anche sul versante francese è un fiorire di nubi. In lontananza, verso la pianura cuneese, un’incudine spettacolare si staglia contro il cielo. Fa caldo, caldissimo, e la nostra sosta in vetta è abbastanza lunga. Abbandoniamo l’idea della traversata alla Punta Ferrand. La via di cresta non pare molto semplice, per via della qualità della roccia (pessima), e poi il tempo pare peggiorare rapidamente e Romano ne ha già abbastanza… si potrebbe scendere e traversare alla base del Niblè sul ghiacciaio, però la neve è già molle e non abbiamo nessuna voglia di farci un mazzo…la Ferrand da lì non scappa, il posto è bello e farà piacere tornarci in seguito.

    Quindi scendiamo, prima le roccette, poi il ghiacciaio. Il sole intanto va via dietro cumuli sempre più imponenti, poi ritorna, poi sparisce di nuovo..quando arriviamo alla fine della neve troviamo l’amico Alex con altri tre soci, saliti in giornata. Lascio loro la nostra corda, per ogni evenienza. Due chiacchiere poi ci salutiamo e scendiamo al bivacco, in parte nella nebbia, mentre numerose cordate di un corso CAI si apprestano alla salita. Arriviamo al colle alle 11, ci riposiamo e concediamo uno spuntino. Approfittiamo del sole per riposare un po’, poi decidiamo di scendere a valle, visto che il cielo si è nuovamente chiuso.

    La discesa del canale innevato richiede qualche attenzione, preferisco scenderlo con la piccozza. E faccio bene, perché verso la fine del canale stesso, appena finito di pensare “certo che ci va niente a scivolare qui” che mi parte il piede destro e finisco col culo per terra…ma l’esperienza vuol dire, mi giro di riflesso “come un gatto” e pianto la picca nella neve…anche se è molle mi fermo subito. Santa Piccozza! :-P

    Riprendo la discesa mettendoci più attenzione, fuori dal nevaio ci riuniamo, e mi rimetto in abiti estivi.. il sole va e viene, fa caldo. Scendiamo quindi, con un bel tratto in mezzo alla nebbia, tra i fiori e le marmotte che fischiano, più scendiamo e più fa caldo.. siamo nel fondovalle ormai, e decidiamo di fermarci al rifugio Levi-Molinari per una birra.

    In pochi minuti siamo all’auto, e la via verso casa non è lunga. Bel week-end d’emozioni d’alta quota, quindi, finalmente! Era da metà ottobre che non passavo una notte in quota, ed è una cosa che ha sempre il suo fascino, così come lo “sferragliare” dell’alpinismo. Ancor più bello se, come questa e tante altre volte, parti dal fondovalle carico di colori ed odori estivi, e pian piano, solo con le tue forze, sali fin lassù, alle alte quote, sfiorati dalle nubi, tra roccia, cielo e neve, dove ancora si respira aria d’inverno.

    Alla prossima!































    Villar Perosa, B.ta Casavecchia (TO) 630 m
    Villanova C.se (TO) 376 m slm



  2. #2
    mattecapu
    Ospite

    Predefinito Re: Alpinismo facile al Monte Niblè 3365 m, valle di Susa (TO)

    sempre bellissime roby!!... che bei posti..!!

  3. #3
    Uragano L'avatar di roby4061
    Data Registrazione
    20/06/02
    Località
    Villar Perosa e Villanova C.se (TO)
    Messaggi
    38,583
    Menzionato
    7 Post(s)

    Predefinito Re: Alpinismo facile al Monte Niblè 3365 m, valle di Susa (TO)

























    spero vi piacciano!
    Villar Perosa, B.ta Casavecchia (TO) 630 m
    Villanova C.se (TO) 376 m slm



  4. #4
    Burrasca forte L'avatar di leonex
    Data Registrazione
    26/01/06
    Località
    Foggia - Roma
    Messaggi
    7,715
    Menzionato
    12 Post(s)

    Predefinito Re: Alpinismo facile al Monte Niblè 3365 m, valle di Susa (TO)

    Madò.. mi vengono le vertigini solo a guardare le foto.. posti stupendi !

  5. #5
    mattecapu
    Ospite

    Predefinito Re: Alpinismo facile al Monte Niblè 3365 m, valle di Susa (TO)

    anche queste ultime davvero belle!!

  6. #6
    Enrico_3bmeteo
    Ospite

    Predefinito Re: Alpinismo facile al Monte Niblè 3365 m, valle di Susa (TO)

    La più bella
    Le altre sono belle ma i colori non mi convincono. Forse, troppo giallo e troppo sature e buie.



  7. #7
    Banned
    Data Registrazione
    08/04/08
    Località
    Molfetta - Boyana/Sofia (BG)
    Età
    51
    Messaggi
    1,059
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Alpinismo facile al Monte Niblè 3365 m, valle di Susa (TO)

    spettacolari: foto e descrione...soprattutto dei rompi***** che vi hanno svegliati in piena notte!

  8. #8
    Uragano L'avatar di roby4061
    Data Registrazione
    20/06/02
    Località
    Villar Perosa e Villanova C.se (TO)
    Messaggi
    38,583
    Menzionato
    7 Post(s)

    Predefinito Re: Alpinismo facile al Monte Niblè 3365 m, valle di Susa (TO)

    ultimamente ho perso un po' la mano...poca ispirazione..

    però come al solito, in fondo sono 4-5 quelle che mi entusiasmano sul totale (ne ho fatte 120....)
    Villar Perosa, B.ta Casavecchia (TO) 630 m
    Villanova C.se (TO) 376 m slm



  9. #9
    Vento forte L'avatar di Matteo-CdP
    Data Registrazione
    27/03/06
    Località
    Roma - Casal de' Pazzi
    Età
    45
    Messaggi
    3,054
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Alpinismo facile al Monte Niblè 3365 m, valle di Susa (TO)

    Belle come sempre,e che posti!


  10. #10
    Everest
    Ospite

    Predefinito Re: Alpinismo facile al Monte Niblè 3365 m, valle di Susa (TO)

    Complimenti!!!!

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •