Pagina 9 di 9 PrimaPrima ... 789
Risultati da 81 a 89 di 89
  1. #81
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    16,829
    Menzionato
    91 Post(s)

    Predefinito Re: Quel giugno bollente del 1935

    Citazione Originariamente Scritto da Giuffrey Visualizza Messaggio
    allora Josh sarebbe impazzito durante il 1941-42: tre mesi di ondate Artico-Continentali con isoterme di -10-12 a più riprese al Sud

    anomalie finali di oltre -4-6 su Balcani, Mittel Europa e Europa orientale

    l'Inverno più freddo in Italia però, almeno dal 1800 in avanti, probabilmente fu il 1879/80, dai dati che ci sono delle stazioni

    chiuse a oltre -3.2 dalla media per via dell'accoppiata spaventosa Dicembre-Gennaio (circa -5.7 e -4 di anomalia in Italia !!!)
    Nella mia"firma"-e così torniamo "on topic"-trovi invece le estati italiane dal dopoguerra,raggruppate in base alle anomalie.
    Quanto onore(o disonore,dipende dai punti di vista)per l'estate 2009...
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  2. #82
    Vento teso
    Data Registrazione
    05/01/09
    Località
    Torino
    Età
    38
    Messaggi
    1,950
    Menzionato
    50 Post(s)

    Predefinito Re: Quel giugno bollente del 1935

    Citazione Originariamente Scritto da Nix novariensis Visualizza Messaggio
    Secondo me fu il 1829-30, in cui il gelo storico durò per tutto il trimestre........invece il 1879-80 contò un febbraio mite (+0.3)

    I dati di Torino parlano così
    1830 vs 1880
    dicembre: -3.4/-6.2 (!!!)
    gennaio: -4.6/-4.5
    febbraio: -3.6/+0.6

    A livello europeo, invece non c'è storia: il 1829-30 batte il 1879-80 tutta la vita, specie a gennaio dove nella MittelEuropa in molte zone fece più freddo che nel gennaio 1709

    Al contrario tra Paesi Bassi/Francia/N Italia il dicembre 1879 non ha precedenti

    Si tratta comunque di guerra tra titani

    Confermo, Il 1829-1830 è l'inverno piu freddo in italia sia secondo il cnr che nella ricostruzione di Casty(dal 1766) che nell'histalp(per il solo centro-nord italia), in europa in generale molto freddi specie dicembre e gennaio(nelle immagini sotto le anomalie secondo la ricostruzione di casty),l'histalp tra l'altro fornisce anche dati in griglia delle precipitazioni nevose dal 1801(nella terza immagine per l'intero trimestre invernale):
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate Quel giugno bollente del 1935-win1830-0.jpg   Quel giugno bollente del 1935-win1830-1.jpg   Quel giugno bollente del 1935-win1830-3.jpg  

  3. #83
    Banned
    Data Registrazione
    26/04/09
    Località
    Brigodunum (NO)
    Età
    30
    Messaggi
    17,857
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Quel giugno bollente del 1935

    Citazione Originariamente Scritto da elz Visualizza Messaggio
    Confermo, Il 1829-1830 è l'inverno piu freddo in italia sia secondo il cnr che nella ricostruzione di Casty(dal 1766) che nell'histalp(per il solo centro-nord italia), in europa in generale molto freddi specie dicembre e gennaio(nelle immagini sotto le anomalie secondo la ricostruzione di casty),l'histalp tra l'altro fornisce anche dati in griglia delle precipitazioni nevose dal 1801(nella terza immagine per l'intero trimestre invernale):
    Interessante
    Secondo la cartina sarei tra i 140 e i 160 cm stagionali......due volte e mezza il già generoso 2008-09


  4. #84
    Uragano L'avatar di Dream Design
    Data Registrazione
    13/10/04
    Località
    Napoli coll. 249 mt.
    Età
    31
    Messaggi
    15,960
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: Quel giugno bollente del 1935

    dipende dalle ricostruzioni e dalle zone poiche, per esempio, al CentroSud dalle poche stazioni su cui possiamo far riferimento, l accoppiata Dic e Genn 1880 fu apocalittica, solo a Roma Collegio sti due mesi chiusero rispettivamente a -4.7 e -4.2 mentre lo stesso binomio del 1830 chiuse con entrambi i mesi a -3 circa ...

    il Mediterraneo fa situazione un po a se stante rispetto al Mittel Europa anche perche per esempio, non tutti sanno che in Italia il mese piu freddo almeno dal 1800 in poi è stato il Gennaio 1864

    cmq chiudiamola qui per ora perche abbiamo travisato troppo XD

    NAPOLI, Febbraio 2018: IO C'ERO !!!

    www.faceweather.it

  5. #85
    myMeteoNetwork Team L'avatar di AbeteBianco
    Data Registrazione
    17/07/16
    Località
    Bellinzona (Ticino, Svizzera)
    Età
    20
    Messaggi
    2,780
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Quel giugno bollente del 1935

    Citazione Originariamente Scritto da zione Visualizza Messaggio
    In effetti e' indicato, x il 29 giugno: altresi' notevoli pure i +38° (altro valore tra i piu' alti di sempre x Sondrio !) indicati x il 29 Luglio !


    Questa ondata di caldo di giugno 1935 su wikipedia viene dichiarata come "eccezionale".

    Dalle scarne descrizioni che si leggono in rete e confermate dal bollettino citato da @zione, emergono valori assolutamente eccezionali a Sondrio +41°C e a Dongo +39.9°C. Sarebbero valori paragonabili o addirittura superiori a quelli registrati nella particolare configurazione semi-favonica dell'11 agosto 2003 durante un'ondata di caldo fortissima che non necessita presentazioni (secondo uno studio di MeteoSvizzera quella dell' 11/08/2003 è forse la configurazione più eccezionale in termini di caldo nelle vallate del sud delle Alpi da quando esistono le misurazioni).

    Poi sono andato a verificare gli annali del 1935 di MeteoSvizzera (pubblicati recentemente: L’archivio del tempo svizzero - MeteoSvizzera) e scopriamo come in canton Ticino viene descritta una storia ben diversa e meno eccezionale, parliamo di località situate alla medesima latitudine 15/70 km ad ovest.

    Nei giorni del 28/29 giugno 1935 sono state registrate le temperature più elevate di quel mese pure in canton Ticino, ma i valori sono decisamente più contenuti e per nulla eccezionali, il bollettino scansionato dice (pagina 117 dell'annale 1935):

    Bellinzona: +34.5°C
    Locarno-Muralto: +32.4°C
    Locarno-Monti: +31.2°C
    Lugano: +34.6°C

    Nel 2003 ad esempio le prime località fecero sui +37°C, Lugano +36°C.

    Va bene il discorso dei microclimi, ma mi sembrano discrepanze davvero notevoli e non giustificabili rispetto le zone limitrofe del Comasco e della Valtellina, la geografia è parecchio simile.
    Inoltre se quella del 1935 fosse stata un'ondata di caldo così eccezionale con 40°C in Lombardia, Piemonte, Veneto ed Emilia Romagna perché le fonti in rete che si trovano sono così scarne e sempre le solite ripetute? Ma come è possibile raggiungere valori del genere con un'ondata di caldo per nulla persistente (manco fosse il contesto siccitoso del 2017 o del 2003)? Alla storiella dell'effetto favonico stile 2003 io non credo. Va però detto che c'è un osservazione di Chiavenna che per quel giorno vede estremi di +28°C/+38°C che è un luogo estremamente favonico. La minima così elevata (anche se dubbia) mi fa comunque pensare che un locale effetto favonico ci possa essere stato, e quelle stazioni ticinesi che esponevo prima non sono le zone più soggette alle debole tendenze favoniche, al contrario del Ticino Settentrionale (da Bellinzona verso nord), spesso dei föhn locali non hanno raggiunto queste località (oggi ad esempio!). Quindi temperature locali veramente eccezionali superiori a +35/37°C dove non erano state eseguite misure potrebbero essere valori verosimili nella giusta configurazione, ma non giustifica a mio avviso tutti quei valori prossimi ai 40°C su TUTTO il Nord Italia con l'eccezione del Ticino guardacaso che ha una fonte di dati diversa.

    Inoltre nemmeno i +38°C di Sondrio del luglio 1935 trovano corrispondenza con i dati ticinesi, perché qui non risultano valori superiori a +31°C. Idem ad agosto con i +35°C valtellinesi che in Ticino sono invece +30°C, o addirittura i +29°C di settembre che in Ticino sono +26°C.

    Potrebbero essere sovrastimati quei valori italiani (io ho quanto meno il dubbio sulla loro affidabilità)? Dipende molto anche dalla schermatura (chissà come erano installate le stazioni!) in questi casi. È un tipico problema ricorrente nei dati storici. Per quanto ne so potevano essere termometri posizionati in pieno sole, non ho nessuna fonte a sostegno della validità delle misure!

    La configurazione di quei giorni giustifica temperature così elevate sul territorio italiano? Si nota a malapena un' isoterma di +20°C. Forse con un po' di tendenza favonica si sono raggiunti valori sbalorditivi, ma penso generalmente ben inferiori a cosa si descrive nel web.

    Quel giugno bollente del 1935-era_1_1935062900_1.pngQuel giugno bollente del 1935-era_1_1935062900_2.png


    EDIT: Stamattina sono andato su questo sito è ho notato parecchi dati interessanti anche per il Canton Ticino: ACQ: Annali

    In questi annali idrologici di Milano sono presenti tutti i dati citati in precedenza, pure le osservazioni svizzere che corrispondono a quanto trovato su MeteoSvizzera.

    Addirittura sono presenti dati di stazioni svizzere particolarmente soggette a favonio che ieri non avevo trovato.
    Ebbene, nelle stazioni di Grono e Comprovasco che conosco molto bene nel giugno 1935 sono state registrate temperature di "appena" +33.4°C e +33.0°C, dunque anche un'ipotetica configurazione favonica non sarebbe per nulla paragonabile a quella del 2003 (si raggiunsero rispettivamente +37.5°C e +41.5°C lì!).

    È veramente strana questa differenza rispetto la zona del Comasco, c'è anche un dubbio +36.9°C registrato a Bellano. In compenso notiamo un +31.2°C a Porlezza, coerente con i dati ticinesi.

    A ovest del Canton Ticino in val d'Ossola notiamo ancora valori particolarmente elevati, come i dubbi +35°C di Craveggia a 800 m di quota (!), mentre c'è pure un altro +35°C a Piedimulera ma a 243 m di quota e dunque lo ritengo coerente con i dati ticinesi.

    Cosa ne pensate?
    Ultima modifica di AbeteBianco; 02/01/2019 alle 11:06

  6. #86
    Uragano L'avatar di zione
    Data Registrazione
    15/06/02
    Località
    Sondrio 290 m. (SO)
    Età
    50
    Messaggi
    46,511
    Menzionato
    43 Post(s)

    Predefinito Re: Quel giugno bollente del 1935

    Citazione Originariamente Scritto da AbeteBianco Visualizza Messaggio
    Da un confronto con @Perlecano è emersa una discussione a proposito di questa ondata di caldo di giugno 1935 che addirittura su wikipedia viene dichiarata come "eccezionale".

    Dalle scarne descrizioni che si leggono in rete e confermate dal bollettino citato da @zione, emergono valori assolutamente eccezionali a Sondrio +41°C e a Dongo +39.9°C. Sarebbero valori paragonabili o addirittura superiori a quelli registrati nella particolare configurazione semi-favonica dell'11 agosto 2003 durante un'ondata di caldo fortissima che non necessita presentazioni (secondo uno studio di MeteoSvizzera quella dell' 11/08/2003 è forse la configurazione più eccezionale in termini di caldo nelle vallate del sud delle Alpi da quando esistono le misurazioni).

    Poi sono andato a verificare gli annali del 1935 di MeteoSvizzera (pubblicati recentemente: L’archivio del tempo svizzero - MeteoSvizzera) e scopriamo come in canton Ticino viene descritta una storia ben diversa e meno eccezionale, parliamo di località situate alla medesima latitudine 15/70 km ad ovest.

    Nei giorni del 28/29 giugno 1935 sono state registrate le temperature più elevate di quel mese pure in canton Ticino, ma i valori sono decisamente più contenuti e per nulla eccezionali, il bollettino scansionato dice (pagina 117 dell'annale 1935):

    Bellinzona: +34.5°C
    Locarno-Muralto: +32.4°C
    Locarno-Monti: +31.2°C
    Lugano: +34.6°C

    Nel 2003 ad esempio le prime località fecero sui +37°C, Lugano +36°C.

    Va bene il discorso dei microclimi, ma mi sembrano discrepanze davvero notevoli e non giustificabili rispetto le zone limitrofe del Comasco e della Valtellina, la geografia è parecchio simile.
    Inoltre se quella del 1935 fosse stata un'ondata di caldo così eccezionale con 40°C in Lombardia, Piemonte, Veneto ed Emilia Romagna perché le fonti in rete che si trovano sono così scarne e sempre le solite ripetute? Ma come è possibile raggiungere valori del genere con un'ondata di caldo per nulla persistente (manco fosse il contesto siccitoso del 2017 o del 2003)? Alla storiella dell'effetto favonico stile 2003 io non credo. Va però detto che c'è un osservazione di Chiavenna che per quel giorno vede estremi di +28°C/+38°C che è un luogo estremamente favonico. La minima così elevata (anche se dubbia) mi fa comunque pensare che un locale effetto favonico ci possa essere stato, e quelle stazioni ticinesi che esponevo prima non sono le zone più soggette alle debole tendenze favoniche, al contrario del Ticino Settentrionale (da Bellinzona verso nord), spesso dei föhn locali non hanno raggiunto queste località (oggi ad esempio!). Quindi temperature locali veramente eccezionali superiori a +35/37°C dove non erano state eseguite misure potrebbero essere valori verosimili nella giusta configurazione, ma non giustifica a mio avviso tutti quei valori prossimi ai 40°C su TUTTO il Nord Italia con l'eccezione del Ticino guardacaso che ha una fonte di dati diversa.

    Inoltre nemmeno i +38°C di Sondrio del luglio 1935 trovano corrispondenza con i dati ticinesi, perché qui non risultano valori superiori a +31°C. Idem ad agosto con i +35°C valtellinesi che in Ticino sono invece +30°C, o addirittura i +29°C di settembre che in Ticino sono +26°C.

    Potrebbero essere sovrastimati quei valori italiani (io ho quanto meno il dubbio sulla loro affidabilità)? Dipende molto anche dalla schermatura (chissà come erano installate le stazioni!) in questi casi. È un tipico problema ricorrente nei dati storici. Per quanto ne so potevano essere termometri posizionati in pieno sole, non ho nessuna fonte a sostegno della validità delle misure!

    La configurazione di quei giorni giustifica temperature così elevate sul territorio italiano? Si nota a malapena un' isoterma di +20°C. Forse con un po' di tendenza favonica si sono raggiunti valori sbalorditivi, ma penso generalmente ben inferiori a cosa si descrive nel web.

    Quel giugno bollente del 1935-era_1_1935062900_1.pngQuel giugno bollente del 1935-era_1_1935062900_2.png


    EDIT: Stamattina sono andato su questo sito è ho notato parecchi dati interessanti anche per il Canton Ticino: ACQ: Annali

    In questi annali idrologici di Milano sono presenti tutti i dati citati in precedenza, pure le osservazioni svizzere che corrispondono a quanto trovato su MeteoSvizzera.

    Addirittura sono presenti dati di stazioni svizzere particolarmente soggette a favonio che ieri non avevo trovato.
    Ebbene, nelle stazioni di Grono e Comprovasco che conosco molto bene nel giugno 1935 sono state registrate temperature di "appena" +33.4°C e +33.0°C, dunque anche un'ipotetica configurazione favonica non sarebbe per nulla paragonabile a quella del 2003 (si raggiunsero rispettivamente +37.5°C e +41.5°C lì!).

    È veramente strana questa differenza rispetto la zona del Comasco, c'è anche un dubbio +36.9°C registrato a Bellano. In compenso notiamo un +31.2°C a Porlezza, coerente con i dati ticinesi.

    A ovest del Canton Ticino in val d'Ossola notiamo ancora valori particolarmente elevati, come i dubbi +35°C di Craveggia a 800 m di quota (!), mentre c'è pure un altro +35°C a Piedimulera ma a 243 m di quota e dunque lo ritengo coerente con i dati ticinesi.

    Cosa ne pensate?
    Se considero solo Sondrio direi che c’è più di un dubbio sulla bontà del dato stesso, io stesso scorrendo i vari anni tramite gli annali avevo trovato qualche palese “incongruenza”.

    Quindi quel dato, almeno qui, lo prenderei con le pinze, ecco... Quel giugno bollente del 1935




    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

  7. #87
    myMeteoNetwork Team L'avatar di AbeteBianco
    Data Registrazione
    17/07/16
    Località
    Bellinzona (Ticino, Svizzera)
    Età
    20
    Messaggi
    2,780
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Quel giugno bollente del 1935

    Citazione Originariamente Scritto da zione Visualizza Messaggio
    Se considero solo Sondrio direi che c’è più di un dubbio sulla bontà del dato stesso, io stesso scorrendo i vari anni tramite gli annali avevo trovato qualche palese “incongruenza”.

    Quindi quel dato, almeno qui, lo prenderei con le pinze, ecco... Quel giugno bollente del 1935




    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
    Io sono anni che conosco questo caso del 1935, così come i 41°C di Sondrio, perché l'avevo letto su wikipedia che è semplice da raggiungere e mi ero veramente fatto l'idea che in quei giorni fece qualcosa di veramente rilevante anche se da prendere per quello che sono: Ondata di caldo del giugno 1935 - Wikipedia

    Poi adesso navigando nelle fonti "ufficiali" scopriamo che in realtà è tutta una "montatura" e c'è da relativizzare parecchio... in merito a questa ondata di caldo c'è stato un approccio veramente superficiale, adesso vedo di far sparire quanto prima possibile quella roba da wikipedia.


    Stazione Davis Vantage Pro 2 -> Dati live su altre piattaforme

  8. #88
    Vento fresco
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    2,907
    Menzionato
    112 Post(s)

    Predefinito Re: Quel giugno bollente del 1935

    Il mese estivo piu fresco in quell estate 1935 e' stato agosto , agosto 1935 , un po stile anni '70 , instabile e piovoso , in particolare al nord Italia

    in quel caldo giugno 1935 , Vasco Bergamaschi il 9 giugno del 1935 vince il Giro d Italia .

  9. #89
    myMeteoNetwork Team L'avatar di AbeteBianco
    Data Registrazione
    17/07/16
    Località
    Bellinzona (Ticino, Svizzera)
    Età
    20
    Messaggi
    2,780
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Quel giugno bollente del 1935

    La versione pulita senza dubbi sui dati di questa ondatina di caldo del 1935 l'abbiamo avuta proprio in questi giorni con qualcosa di più potente.

    L'unica cosa che non avrei detto nel commento di gennaio era il giustificare l'assenza dei 40°C con l'assenza della persistenza. In realtà se entrano le isoterme eccezionali (almeno finora ritenute tali) come la +26°C, i 40°C si possono fare anche senza chissà che contesto di base.

    Effettivamente l'ondata del 1935 presenta alcune analogie quella appena avuta, ad esempio Lugano ha registrato un valore simile ad allora e poi la disposizione dei massimi pressori nonché l'astronomia vagamente ci assomigliano. Tutto generalmente è però più caldo nell'ondata del giugno 2019.

    Quella del 1935 ne è una sua versione "antelitteram" per dirla come @Perlecano.
    Ultima modifica di AbeteBianco; 29/06/2019 alle 07:28

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •