Pagina 2 di 21 PrimaPrima 123412 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 201
  1. #11
    Saba
    Ospite

    Predefinito Re: Divertiamoci un pò: schema ideale per la neve per ogni città

    per Bari e barese in generale le configurazioni ideali sono tipo:15dicembre 2007 ,15-16 dicembre 2010, 1-3gennaio/23-25febbraio 1993, 8aprile 2003, Marzo 1987, 17dicembre 1961 etc...ovvero tutte quelle configurazioni che hanno come comune denominatore, un bel minimo piazzato tra ionio e Egeo/Grecia il quale richiami correnti gelide dai vicini Balcani con conseguente Adriatic snow effect....
    Generalmente si possono verificare nevicate anche grazie ad una depressione mediterranea sul golfo di Taranto(genn1993)quando le termiche sono inferiori ai -7-8°C a 850hpa ... ed in casi estremamente più rari anche con mimimi sul basso tirreno (qualora vi sia una precedente omotermia della colonna d'aria)
    un fattore fondamentale affinchè nevichi in pianura sul barese,è l'attivazione della brezza di terra da ovest,che in concomitanza con ammassi nuvolosi provenienti dal mare sospinti da correnti più umide,può generare copiose neviate sin sul litorale
    Ultima modifica di Saba; 20/09/2012 alle 23:11

  2. #12
    Brezza tesa L'avatar di Stefano Riccio
    Data Registrazione
    25/10/10
    Località
    Firenze (FI)
    Età
    26
    Messaggi
    870
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Divertiamoci un pò: schema ideale per la neve per ogni città

    Citazione Originariamente Scritto da Giuffrey Visualizza Messaggio
    insomma per Napoli l'ideale sono quelle configurazioni a cavallo fra quelle buone per le centrali tirreniche (Firenze/Roma) e quelle per l'Italia meridionale e gli Adriatici
    Riguardo a questo però va detto che nella quasi totalità dei casi se nevica qui non nevica a Roma e viceversa.

    Comunque qui per avere neve di qualità è quasi d'obbligo il passaggio Atlantico su cuscinetto post irruzione da est, anche se per avere nevicate abbondanti va bene pure un ingresso dal Rodano (specie se è un nocciolo retrogrado da est che ha aggirato le Alpi), però col Rodano la qualità della neve è quasi sempre scadente rispetto ad un bel cuscinetto che con le giuste tempistiche da neve bella farinosa.
    Database dei record in Toscana: http://climaintoscana.altervista.org/
    Gruppo facebook dedicato al meteo e al clima in Toscana: https://www.facebook.com/groups/weatherintuscany/

  3. #13
    Tempesta violenta
    Data Registrazione
    12/06/09
    Località
    Roma
    Messaggi
    12,976
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Divertiamoci un pò: schema ideale per la neve per ogni città

    Citazione Originariamente Scritto da Stefano Riccio Visualizza Messaggio
    Riguardo a questo però va detto che nella quasi totalità dei casi se nevica qui non nevica a Roma e viceversa.

    Comunque qui per avere neve di qualità è quasi d'obbligo il passaggio Atlantico su cuscinetto post irruzione da est, anche se per avere nevicate abbondanti va bene pure un ingresso dal Rodano (specie se è un nocciolo retrogrado da est che ha aggirato le Alpi), però col Rodano la qualità della neve è quasi sempre scadente rispetto ad un bel cuscinetto che con le giuste tempistiche da neve bella farinosa.
    Beh dicembre 2005 e dicembre 2009 però hanno portato la nevona no? E non proprio papposa

  4. #14
    Bava di vento
    Data Registrazione
    05/02/12
    Località
    Selargius (CA)
    Messaggi
    145
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Divertiamoci un pò: schema ideale per la neve per ogni città

    Senza andare a scomodare il mitico 9 gennaio 1985, mi accontenterei di una configurazione come quella avuta il 3 gennaio 1993, giorno dell'ultima nevicata con accumulo a Cagliari. Stiamo parlando di una retrogressione continentale con minimo sul basso tirreno, con termiche a 850 hpa di -6°/-7° e tanta fortuna




  5. #15
    Uragano L'avatar di albedo
    Data Registrazione
    27/06/02
    Località
    Prato
    Età
    59
    Messaggi
    29,877
    Menzionato
    24 Post(s)

    Predefinito Re: Divertiamoci un pò: schema ideale per la neve per ogni città

    Il cuscinetto gelido precedente è essenziale, salvo rari casi di Rodano "stretto" diretto (28-29 dicembre 2005, in pratica fronti freddi che aggirano le Alpi, formano un minimo orografico e mandano aria umida ma fredda sulla Toscana con termiche inferiori ai - 6°/-8° a 850 hPa).
    Nel caso di cuscinetto gelido bello tosto, vanno bene tutti i fronti che entrano o dalla Francia direttamente via Rodano o facendo un giro più largo (via Carcassonne-Corsica) formando un minimo orografico non troppo a nord (altrimenti il richiamo caldo prevale), né troppo a sud (altrimenti mancano le precipitazioni e ci viene sparata bora con fiocchi appenninici asfittici). Le maggiori nevicate pratesi, da quelle del gennaio 1985 a quelle più recenti del dicembre 2010 e dicembre 2009, sono avvenute con queste configurazioni. Idem le nevicate del febbraio e 3 marzo 2005, quest'ultima particolarmente abbondante a Pistoia (fino a 30 cm) dove il cuscinetto resse fino a sera. Particolare fu la nevicata del 9 febbraio 1999, con grande tenuta del cuscinetto quando le termiche in quota si apprestavano ormai a superare lo 0°. Infatti il giorno dopo si squagliò tutta con 50 e più mm di pioggia e la parte est della piana (Firenze) videro pochissima neve. Simili e singolari furono le nevicate del 1 dicembre 1973 e 16 marzo 1987, in quanto i fronti provvenivano direttamente da nord, ma aggirarono le Alpi da ovest con piegatura improvvisa e secca verso il nord-Toscana che scaricò quantità inusitate vista la provenienza. Di solito quei fronti non fanno una mazza o quasi, solo vento.
    Rari i casi di sfondamento appenninico puro con retrogressioni continentali, e comunque forieri di nevicatelle senza accumulo o mai superiori ai 5 cm: la più abbondante che ricordo fu quelli del 6 febbraio 1991, ma aveva comunque una componente umida che il giorno successivo favorì un aggancio con tunneling atlantico. Altri casi più recenti sono stati quelli del 15 dicembre 2007 e notte fra 13-14 dicembre 2001, spolverate. Anche i 10 cm caduti nella notte fra il 31 gennaio e 1 febbraio 2012 non possono definirsi da sfondamento, in quanto indispensabile fu la formazione di un minimo tirrenico.
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate -rcfsr_1_2010121712.png  
    Ultima modifica di albedo; 20/09/2012 alle 23:10

    RECORD PRATO+PRATO EST 1921-2014: Anno + freddo: 13,4° (1940); Anno + caldo 16,4° (1943); Anno + piovoso 1788,1 mm (1937);
    Anno + asciutto 503,8 mm (1945); Min. assoluta - 13,8° (11 gen 1985); Max assoluta 41,0° (7 lug 1952); Mese + freddo 0,2° (feb 1929); Mese + caldo 28,9° (ago 2003)

  6. #16
    Uragano L'avatar di Marc0
    Data Registrazione
    18/11/05
    Località
    Vicino a cris28
    Età
    36
    Messaggi
    44,460
    Menzionato
    15 Post(s)

    Predefinito Re: Divertiamoci un pò: schema ideale per la neve per ogni città

    la perfezione:

    Amante della scienza didattica

  7. #17
    Banned
    Data Registrazione
    26/04/09
    Località
    Brigodunum (NO)
    Età
    30
    Messaggi
    17,857
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Divertiamoci un pò: schema ideale per la neve per ogni città

    I nevoni nella mia zona (che comunque è una delle meno nevose del NW, questo devo precisarlo) possono verificarsi in più modi
    Non c'è LA configurazione perfetta, ma varie strade in cui si può realizzare la congiuntura giusta per creare nevicate importanti

    Solitamente non è importante come arriva il freddo...può arrivare con un'irruzione artica, con una retrogressione, con una rodanata ecc.
    L'importante è che dopo il freddo ci siano sufficienti precipitazioni che consentano di sfruttare al massimo il cuscino
    per esempio basta una semplice perturbazione atlantica su un robusto cuscino freddo (a patto che non peschi aria caldissima dalla mauritania come nel dicembre 2009) oppure una retrogressione da est con aggancio atlantico


    Detto questo, le configurazioni che vanno per la maggiore sono queste
    Nuclei retrogradi che innescano ciclogenesi su Francia/Leone, che purtroppo negli ultimi anni sono diventate rare, a favore di quei minimacci bassi che affondano troppo a sud
    Queste configurazioni garantiscono
    - copiose precipitazioni per tutto l'evento
    - una continua alimantazione fredda in quota, che non consente al cuscino freddo di erodersi (oppure rallenta di molto la sua erosione)

    Ecco alcuni esempi

    50-60 cm nel novarese


    idem




    Perturbazione atlantica in seguito ad una potentissima ondata di gelo


    E poi il metro di neve del 1985



    Tanto per stare sul recente (anni 2000)
    43 cm a Briona


    35 cm a Briona



    Devo dire che non mi dispiacciono nemmeno queste, anche se non portano mai ai picchi delle configurazioni del 1947 o 1985
    goccia scandinava con ciclogenesi sulla Provenza e risposta sciroccale
    Senza cuscino parte in pioggia con +6, poi la T crolla e cadono 31 cm di neve






    Non sono configurazioni SPETTACOLARI?

  8. #18
    Burrasca L'avatar di -=VeNoSa=-
    Data Registrazione
    25/11/08
    Località
    Venosa (Pz) Alt. 415
    Età
    33
    Messaggi
    5,630
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Divertiamoci un pò: schema ideale per la neve per ogni città

    A differenza degli adriatici centrali, dalle nostre zone anche il tirreno può farci comodo.
    Infatti ho la "fortuna" di trovarmi in uno dei pochi corridoi appenninici dove le precipitazioni da W e SW non vengono del tutto assorbite dall'appennino, grazie allA valle del sele più quella dell'ofanto.
    Premesso ciò, la configurazione più pesante credo sia quella dello scorso febbraio, quando le prime nevicate avvennero già nei primi giorni del mese.
    Dapprima minimo sul tirreno (e non siamo in ombra per il motivo spiegato sopra) accompagnato da correnti al suolo da N NW (nevicò con una +1/+2 a 850hpa).

    -rtavn00220120203.png

    Passaggio del minimo sullo jonio, ritornante da est con temperature sottozero.
    Di seguito stazionamento ed allontanamento blando del minimo verso est con altre giornate nevose e temperature costantemente sottozero.

    Di solito questo tipo di configurazione porta sempre prima giornata di pioggia dal tirreno e poi neve con la ritornante da est, ma questa volta andò di lusso.

    Altre configurazioni sono quelle con il burian da est e minimo sullo jonio.
    ma anche con discese scandinave come questa

    -rtavn00120031224.png
    http://osservatoriometeolucano.it
    2008/09 6 cm *** 2009/10 3 cm *** 2010/11 5.5 cm *** 2011/12 100 cm
    2012/13 12 cm *** 2013/14 2 cm *** 2014/15 31 cm ***2015/16 0cm *** 2016/17 9cm

  9. #19
    Uragano L'avatar di albedo
    Data Registrazione
    27/06/02
    Località
    Prato
    Età
    59
    Messaggi
    29,877
    Menzionato
    24 Post(s)

    Predefinito Re: Divertiamoci un pò: schema ideale per la neve per ogni città

    Citazione Originariamente Scritto da Nix novariensis Visualizza Messaggio
    Non sono configurazioni SPETTACOLARI?
    Per rimpinguare le falde assetate sì. \as\\as\\as\\as\
    Penso che come configurazioni nevose, nonostante una relativa assonanza climatica sulla tempistica dei peggioramenti-miglioramenti, siamo agli antipodi.

    RECORD PRATO+PRATO EST 1921-2014: Anno + freddo: 13,4° (1940); Anno + caldo 16,4° (1943); Anno + piovoso 1788,1 mm (1937);
    Anno + asciutto 503,8 mm (1945); Min. assoluta - 13,8° (11 gen 1985); Max assoluta 41,0° (7 lug 1952); Mese + freddo 0,2° (feb 1929); Mese + caldo 28,9° (ago 2003)

  10. #20
    Banned
    Data Registrazione
    26/04/09
    Località
    Brigodunum (NO)
    Età
    30
    Messaggi
    17,857
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Divertiamoci un pò: schema ideale per la neve per ogni città

    Citazione Originariamente Scritto da albedo Visualizza Messaggio
    Per rimpinguare le falde assetate sì. \as\\as\\as\\as\
    Penso che come configurazioni nevose, nonostante una relativa assonanza climatica sulla tempistica dei peggioramenti-miglioramenti, siamo agli antipodi.
    il Piemonte e la TOscana agli antipodi? Mmmh, secondo me no
    Diciamo che la tua zona va a braccetto più con il basso piemonte che con la mai zona, ma quante volte godiamo assieme?

    E' vero che io non faccio mai grandi accumuli quando nevica copiosamente in Toscana, perchè di solito forti nevicate nella tua zona sono sintomo di una ciclogenesi piuttosto "bassa" per me, ma comunque ci sono parecchie volte in cui andiamo d'accordo

    Anche solamente negli ultimi anni abbiamo avuto episodi come il 18 dicembre 2009, il 17 dicembre 2010 o i primi di febbraio 2012
    Non ci sono stati nevoni nella mia zona, ma comunque sono state imbiancate contemporaneamente Briona e Prato
    Diciamo che con le dovute differenze, siamo più alleati di quanto si pensi

    vado molto meno d'accordo invece con il versante Adriatico per ovvie ragioni morfologiche...quando nevica da loro qui nel 90% dei casi c'è il fohn
    Quando nevica qua, nel 90% dei casi da loro c'è il richiamo caldo


Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •