Pagina 5 di 20 PrimaPrima ... 3456715 ... UltimaUltima
Risultati da 41 a 50 di 197
  1. #41
    Uragano L'avatar di Friedrich 91
    Data Registrazione
    04/07/07
    Località
    Ferrara (FE) 9 m s.l.m.
    Età
    27
    Messaggi
    32,737
    Menzionato
    42 Post(s)

    Predefinito Re: Divertiamoci un pò: schema ideale per la neve per ogni città

    Citazione Originariamente Scritto da Snowstorm84 Visualizza Messaggio
    Qui la configurazione migliore è quella che vede interagire una bassa pressione sul Mediterraneo occidentale con un afflusso freddo proveniente dalla porta della bora in modo da avere una specie di scirocco freddo.
    Con questa qua (per esempio) 12 cm di neve e giornata di ghiaccio (mancata persino nel 2005)

    Allegato 271392

    Con questa 27 cm \sk\

    Allegato 271394

    Nevicata del secolo a MN, 80 cm \sk\\sk\\sk\

    Allegato 271396

    Vanno bene anche le retrogressioni da E che passano sulle Alpi e innescano loro stesse una ciclogenesi mediterranea, ma sono più "delicate" perchè se non c'è un cuscino molto robusto (come nel gennaio 2006) non ci mette molto a girare in acqua.
    Le irruzioni artiche dal Rodano portano poca roba il 99% delle volte, a meno che non nevichi con -3° come nel dicembre 2009 (e allora con 4-5 mm di precipitazione si fanno 15 cm )
    E' vero, quella del 13-14-15-16 Dicembre 1933 me la ero dimenticata

    Nevone assurdo anche a Ferrara quella volta, per 4 giorni di fila, con ben 68 cm totali (di cui se non ricordo male 39 solo il 15/12).
    Un evento che da solo vale un intero inverno
    Avatar: Pianura Padana con le Alpi sullo sfondo.

  2. #42
    Uragano L'avatar di albedo
    Data Registrazione
    27/06/02
    Località
    Prato
    Età
    59
    Messaggi
    29,369
    Menzionato
    24 Post(s)

    Predefinito Re: Divertiamoci un pò: schema ideale per la neve per ogni città

    Citazione Originariamente Scritto da Stau Visualizza Messaggio
    E' vero, quella del 13-14-15-16 Dicembre 1933 me la ero dimenticata
    Azz, ti facevo più giovane

    RECORD PRATO+PRATO EST 1921-2014: Anno + freddo: 13,4° (1940); Anno + caldo 16,4° (1943); Anno + piovoso 1788,1 mm (1937);
    Anno + asciutto 503,8 mm (1945); Min. assoluta - 13,8° (11 gen 1985); Max assoluta 41,0° (7 lug 1952); Mese + freddo 0,2° (feb 1929); Mese + caldo 28,9° (ago 2003)

  3. #43
    Brezza leggera
    Data Registrazione
    20/07/10
    Località
    Genova (GE)
    Età
    35
    Messaggi
    375
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Divertiamoci un pò: schema ideale per la neve per ogni città

    Ad integrazione di quanto già scritto e graficamente illustrato per Genova da Mat69...

    Credo che l'ideale per la mia città affinchè si possano avere importanti accumuli nevosi, affatto rari sino a qualche anno fa, ormai purtroppo già da qualche anno però decisamente più occasionali, ma verosimilmente soltanto a causa di una maggiore sfortuna nel posizionamento del minimo e/o soprattutto della curvatura delle correnti in quota tanto a 700, quanto ad 850 hpa.
    Dovrebbero pertanto aversi correnti a media quota da SSE, possibilmente non troppo orientali e tanto meno eccessivamente tendenti da OSO. Non peraltro, ma la condizione perchè si attivi il fenomeno della Tramontana Scura (TS) ovvero risucchio di aria fredda-gelida di origine padana e/o sub-padana accumulatasi nei bassi strati e valicante i bassi passi, colli appenninici centro-occidentali liguri Giovi e Turchino su tutti; nei giorni possibilmente immediatamente precedenti l'avvio della fase instabile-perturbata. Sulla quale andasse a scorrere aria generalmente più calda- ma soprattutto nettamente più umida-instabilizzante di provenienza marittima( Mar Ligure e/o Tirreno-Mediterraneo), ma non necessariamente alle quote superiori. Tanto da favorire l'innesco al suolo di venti da NNE (risucchio freddo) combinati possibilmente con venti umidi da SSE alle quote più alte e conseguente adeguato ricarico umido a tutte le quote della colonna d'aria delle zone interessate dalle precipitazioni, presso l'aria costiera genovesa grossomodo estesa da Cornigliano-Sampierdarena verso i quartieri di San Martino, Sturla, Quarto (limite ideale dei maggiori effetti della Tramontana Scura) (TS). Tutto questo, nonostante l'attivazione del probabile(contestuale) processo (auspicabilmente) di lenta-graduale erosione dell'(indispensabile) cuscino padano ed associato riscaldamento alle quote più alte delle temperature della colonna procedendo eneralmente da SSE verso ONO, causa richiamo caldo-umido per il transito del fronte perturbato. In tali condizioni può pertanto arrivare a nevicare sulla costa o al livello delle aree pianeggianti cittadine pur con isoterme in quota non particolarmente basse, sino a 0/-1° specie tra dicembre e gennaio, od in presenza di spessi cuscini padani, tali da assicurare un buon risucchio gelido da parte della TS.
    Isoterme ideali per la neve dovrebbero comunque essere -5/-7° ad 850 hpa. (artico-continentale, non necessariamente pellicolare) per nevicate con accumulo in presenza di precipitazioni di un certo rilievo sin sui settori costieri cittadini, anche nelle zone-quartieri più al limite e non necessariamente dovute al rovesciamento dell'aria fredda verso i bassi strati.
    Isoterme più basse, almeno -7/-9° ad 850 hpa. senza cuscino padano e/od in caso di mancata attivazione della TS, pur con precipitazioni di media intensità. Isoterme ancor più basse si devono attendere per nevicate con accumuli al suolo cittadino( non necessariamente importanti) sino in prossimità della costa, nei periodi-mesi limite della stagione fredda, ovvero fine novembre ed inizio-metà marzo, salvo in presenza di rovesci nevosi e/o forte instabilità generalmente più tipica di quei periodi dell'anno, che producesse forte rovesciamento rispetto ai "mesi centrali" dell'inverno,

  4. #44
    Vento fresco L'avatar di Fabione
    Data Registrazione
    28/11/05
    Località
    Bergamo
    Età
    33
    Messaggi
    2,120
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Divertiamoci un pò: schema ideale per la neve per ogni città

    Per Bergamo credo che la migliore configurazione (intesa come più produttiva, col minor rischio pioggia e che capiti non ogni morte di papa) per la neve, sia una goccia retrograda da NE che passi nel mezzo della Germania e poi si fermi nella Valle del Rodano, senza scivolare a W o SW (tipo 27/1/2006, si attivarono venti da NE che rovinarono la colonna e inibirono le precipitazioni) e senza scendere a sud (minimo troppo basso per far risalire le precipitazioni).
    Questo vale a partire da condizioni di colonna isotermica, senza quindi bisogno di temperature troppo negative...sennò quasi qualunque libecciata andrebbe bene per fare il nevone
    Il 27-28 dicembre 2005 è l'esempio perfetto per un connubio precipitazioni intense/temperature mai in aumento...24 centimetri dalle 8 di mattina alle 19/20 con temperature tra 0.5°C e -0.5°C.
    NB: NO alle sciroccate.
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate -archives-2005-12-28-12-0.png  
    Ultima modifica di Fabione; 21/09/2012 alle 13:24

  5. #45
    Uragano L'avatar di Dream Design
    Data Registrazione
    13/10/04
    Località
    Napoli coll. 249 mt.
    Età
    30
    Messaggi
    15,060
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: Divertiamoci un pò: schema ideale per la neve per ogni città

    Citazione Originariamente Scritto da Giuffrey Visualizza Messaggio
    anche se il caldo è ancora dietro l'angolo, cominciamo a traghettarci nel semestre freddo con questa ideuzza che mi è venuta in mentre, forse dopo le fregature di Febbraio \as\ in pratica voglio sapere da voi qual'è lo schema PERFETTO per una nevicata importante nelle vostre città, in basse all'assetto barico, temperature etc

    per la mia città, Napoli, il discorso negli ultimi decenni si è un pò complicato: anche se il linea generale siamo leggermente più fortunati di altre zone poste sul lato tirrenico per via del fatto che la città si sviluppa fino a 467 metri di altezza (quindi qualche cagatina di piccione ogni anno la fa), la situazione è ben diversa se si considera il centro città e il porto dove l'isola di calore si è ingigantita a dismisura e metà delle nevicate senza accumulo o delle acqua-neve degli ultimi 20 anni probabilmente si sarebbero trasformate in nevicate con accumulo

    considerate che Napoli centro l'ultima nevicata seria (ovvero oltre gli 1-2 cm) l'ha registrata il 26 Febbraio 1973, quando caddero circa 5 cm al porto (qui oltre 10)

    successivamente spolverate di 1-2 cm durante il Gennaio 1985, Gennaio 1981, Gennaio 1979, Marzo 1987, Dicembre 1988 (quando ci fu la giornata di ghiaccio) e Marzo 2005

    poi il buio, solo gragnolate insipide, insomma i napoletani avrebbero di che lamentarsi, altro che Roma !!! Però ripeto, parliamo della zona bassa della città, già dove sto io è tutta un altra storia, anche se pure qui nevicate come quelle del Febbraio scorso a Roma ce le sognamo dal Gennaio 1985 (quando qui fecero 15 cm )

    detto questo, oggi, allo stato attuale, per ricevere una nevicata seria, quindi oltre la spolverata, su TUTTA LA CITTA', lo schema configurativo a mio avviso dovrebbe risultare questo: Burian da NE puro, minimo semi-stazionario fra Basso Tirreno e Sicilia con venti fortissimi da NE e termiche comprese fra la -5 e la -8. Minimo ne troppo ad Est per rimanere a secco e ne troppo a Nord che ci svantaggia, insomma per Napoli l'ideale sono quelle configurazioni a cavallo fra quelle buone per le centrali tirreniche (Firenze/Roma) e quelle per l'Italia meridionale e gli Adriatici

    A dire il vero, basterebbe anche meno di una -5-8 con quel tipo d'aria continentale (il 4 Febbraio scorso nevicò con una -1 qui) ma per Napoli centro con l'isola di calore iperconcentrata non basta, Roma per esempio ha l'isola di calore molto sviluppata ma il calore tende a disperdersi perchè è una città di pianura larga dove c'è inversione, a Napoli invece ci sono colline superurbanizzate e il mare vicino e non si disperde un tubo !

    Lo schema preso in esempio è pari a quello del 21 Ottobre 2007, ovvero della giornata più fredda degli ultimi 130 anni ALMENO per Napoli per Ottobre ... cosa successe quel giorno ?

    con una -0-1 striminzita pioggia con vento fortissimo da NE per tutto il giorno e neve oltre i 400-500 metri (c'erano tipo +4+5 a ora di pranzo) ... immaginatevi cosa sarebbe potuto accadere in pieno Inverno \fp\
    d'altronde proprio quel giorno la configurazione era esattamente come quella proposta da me, 3 Febbraio 1956:



    ingente aria continentale in entrata con venti forti da NE, termiche fra la -4 e la -7, minimo poco più a Nord della Sicilia, entrata dell'aria fredda ne troppo alta che fa nevicare solo a Roma e ne troppo bassa che ci fa rimanere a secco

    quel giorno fece fra i 15 e i 30 cm in tutta la città

    NAPOLI, Febbraio 2018: IO C'ERO !!!

    www.faceweather.it

  6. #46
    Tempesta violenta L'avatar di Marco*
    Data Registrazione
    04/02/04
    Località
    Barletta (BT)
    Età
    30
    Messaggi
    13,641
    Menzionato
    8 Post(s)

    Predefinito Re: Divertiamoci un pò: schema ideale per la neve per ogni città

    lo schema perfetto per il 90% del'Italia peninsulare è l'irruzione dei primi giorni del Febbraio 1956
    penso irripetibile nei prossimi 200 anni


    **Always looking at the sky**

  7. #47
    Vento forte L'avatar di Alessandro86
    Data Registrazione
    03/01/06
    Località
    Roma SW Spinaceto
    Età
    32
    Messaggi
    4,495
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Divertiamoci un pò: schema ideale per la neve per ogni città

    -eur.gif
    questa è la configurazione della notte tra il 3/4 febbraio, quì a Roma ha nevicato con -1.3° 850hpa, benedetta aria fredda contintale!
    -radiosondaggio-mezzanotte-4-feb.jpg
    questa invece è la configurazione dell'11 febbraio, nuova nevicata:
    -eur-11-feb.gif
    stazione meteo :
    Davis vantage PRO2wireless ventilata 24h in giardino:http://casalbrunori.altervista.org/G...antage_Pro.htm

    Davis sul tetto online: http://www.viverein.org/meteo/index.htm

  8. #48
    Tempesta violenta L'avatar di falcon!!!
    Data Registrazione
    02/05/07
    Località
    Castiglione d/S (MN)
    Età
    29
    Messaggi
    12,903
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Divertiamoci un pò: schema ideale per la neve per ogni città

    Per Milano direi questa. Nevicata abbondante in piu riprese (22cm il 6, 22cm il 7), terminata senza pioggia, e freddo con HP e inversioni a seguire.

    [

  9. #49
    Vento fresco L'avatar di Fabri93
    Data Registrazione
    19/04/09
    Località
    Empoli (FI)
    Messaggi
    2,963
    Menzionato
    4 Post(s)

    Predefinito Re: Divertiamoci un pò: schema ideale per la neve per ogni città

    Citazione Originariamente Scritto da albedo Visualizza Messaggio
    Il cuscinetto gelido precedente è essenziale, salvo rari casi di Rodano "stretto" diretto (28-29 dicembre 2005, in pratica fronti freddi che aggirano le Alpi, formano un minimo orografico e mandano aria umida ma fredda sulla Toscana con termiche inferiori ai - 6°/-8° a 850 hPa).
    Nel caso di cuscinetto gelido bello tosto, vanno bene tutti i fronti che entrano o dalla Francia direttamente via Rodano o facendo un giro più largo (via Carcassonne-Corsica) formando un minimo orografico non troppo a nord (altrimenti il richiamo caldo prevale), né troppo a sud (altrimenti mancano le precipitazioni e ci viene sparata bora con fiocchi appenninici asfittici). Le maggiori nevicate pratesi, da quelle del gennaio 1985 a quelle più recenti del dicembre 2010 e dicembre 2009, sono avvenute con queste configurazioni. Idem le nevicate del febbraio e 3 marzo 2005, quest'ultima particolarmente abbondante a Pistoia (fino a 30 cm) dove il cuscinetto resse fino a sera. Particolare fu la nevicata del 9 febbraio 1999, con grande tenuta del cuscinetto quando le termiche in quota si apprestavano ormai a superare lo 0°. Infatti il giorno dopo si squagliò tutta con 50 e più mm di pioggia e la parte est della piana (Firenze) videro pochissima neve. Simili e singolari furono le nevicate del 1 dicembre 1973 e 16 marzo 1987, in quanto i fronti provvenivano direttamente da nord, ma aggirarono le Alpi da ovest con piegatura improvvisa e secca verso il nord-Toscana che scaricò quantità inusitate vista la provenienza. Di solito quei fronti non fanno una mazza o quasi, solo vento.
    Rari i casi di sfondamento appenninico puro con retrogressioni continentali, e comunque forieri di nevicatelle senza accumulo o mai superiori ai 5 cm: la più abbondante che ricordo fu quelli del 6 febbraio 1991, ma aveva comunque una componente umida che il giorno successivo favorì un aggancio con tunneling atlantico. Altri casi più recenti sono stati quelli del 15 dicembre 2007 e notte fra 13-14 dicembre 2001, spolverate. Anche i 10 cm caduti nella notte fra il 31 gennaio e 1 febbraio 2012 non possono definirsi da sfondamento, in quanto indispensabile fu la formazione di un minimo tirrenico.
    Quoto in tutto,per la mia città la perfezione è stata il 17 dicembre 2010 (nevicata da cuscinetto),stupenda che è durata sempre con temperature sottozero,però mi è piaciuto molto anche quello che è successo quest'anno in quanto nuovo per i miei occhi
    Mi ricordo anche il bel 2005 e 2009,ma ormai sorpassati da questi ultimi eventi,vedremo cosa succederà quest'anno

  10. #50
    Burrasca forte L'avatar di Fabry18
    Data Registrazione
    23/02/06
    Località
    Tagliacozzo (AQ)
    Messaggi
    9,820
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Divertiamoci un pò: schema ideale per la neve per ogni città

    direi il febbraio scorso...
    110 cm tra il 3-4
    No spoken word....Just a scream

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •