Pagina 6 di 415 PrimaPrima ... 456781656106 ... UltimaUltima
Risultati da 51 a 60 di 4150
  1. #51
    Vento fresco L'avatar di mikisnow
    Data Registrazione
    14/12/15
    Località
    Ferrara
    Età
    40
    Messaggi
    2,277
    Menzionato
    4 Post(s)

    Predefinito Re: Gennaio 2017: commenti e discussioni sui modelli previsionali.

    Ok, con l' AO in campo tanto vale chiudere bottega allora.

  2. #52
    Vento fresco
    Data Registrazione
    13/11/03
    Località
    Mele - Fado (GE), 280 m
    Messaggi
    2,309
    Menzionato
    50 Post(s)

    Predefinito Re: Gennaio 2017: commenti e discussioni sui modelli previsionali.

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro669 Visualizza Messaggio
    E' il passaggio PNA+ a PNA- che determina forti oscillazioni del getto polare... Questo potrebbe poi determinare lunghe onde intrusive ...

    Immagine
    Be', sì, ma intrusive verso il Mar Caspio e l'Afghanistan però, cosa che sarebbe perfettamente compatibile con la situazione AO e NAO prevista...
    Gennaio 2017: commenti e discussioni sui modelli previsionali.-nao.sprd2.gif

    Gennaio 2017: commenti e discussioni sui modelli previsionali.-ao.sprd2.gif

    Tra l'altro l'accelerazione del getto vista in Reading fa paura...

    Gennaio 2017: commenti e discussioni sui modelli previsionali.-gfsopeu12_384_21.png

    e sembra in grado di avvettare masse d'aria mitissima (tra Sardegna e Baleari a un certo punto fioccano le +12°C a 850 hPa) dalle latitudini subtropicali del Nord Atlantico orientale (Azzorre, Madeira) verso il Mediterraneo centrale. Mi sa che da mercoledì entreremo in una (lunga) fase noiosa... GFS alle 240 ore appare meno estremo però...

  3. #53
    Moderatore MeteoNetwork Forum
    Data Registrazione
    08/12/05
    Località
    MeteoNetwork
    Messaggi
    103
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Gennaio 2017: commenti e discussioni sui modelli previsionali.

    Citazione Originariamente Scritto da valdoman Visualizza Messaggio
    Ma c'è pure febbraio, tutte le invernate storiche d'altronde sono a febbraio a parte il 1985 in cui ci fu la casualità di quel famoso stratwarming. Tolto il 1985 che ormai lo possiamo considerare un'anomalia, rimangono febbraio '29, febbraio '56, febbraio '91, febbraio 2005, febbraio 2012. E tutti questi febbraio rappresentano la normalità climatica degli inverni italiani, cioè il momento in cui il vpt inizia cedere lasciando spazio a incursioni artiche verso le basse latitudini.


    Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk

    Mi spieghi cosa c'entra Febbraio cortesemente? C'è scritto GENNAIO nel titolo di questo thread. Gennaio ripeto...
    Citazione Originariamente Scritto da iceberg Visualizza Messaggio
    ci aspettano 45-60 giorni di ao positiva, ormai è certo quindi onde corte e cavetti discount ,questo è prendere o lasciare
    Facciamo allora che ci rivediamo tra una settimana quando magari le cose sono cambiate.

  4. #54
    Vento fresco L'avatar di Alessandro669
    Data Registrazione
    21/01/12
    Località
    Roma
    Età
    33
    Messaggi
    2,234
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Gennaio 2017: commenti e discussioni sui modelli previsionali.

    Si ma gli effetti non è che ce li hai immediati .. guardati le perturbazioni gfs per farti un'idea di cosa significhi avere anche un alta polare...

    esempio



    Come ci arrivi a sta carta ? con oscillazioni del getto polare, che via via fanno si che le onde siano sempre più intrusive e stazionarie ..

  5. #55
    Uragano L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    29
    Messaggi
    18,505
    Menzionato
    195 Post(s)

    Predefinito Re: Gennaio 2017: commenti e discussioni sui modelli previsionali.

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro669 Visualizza Messaggio
    Si ma gli effetti non è che ce li hai immediati .. guardati le perturbazioni gfs per farti un'idea di cosa significhi avere anche un alta polare...

    esempio

    Immagine


    Come ci arrivi a sta carta ? con oscillazioni del getto polare, che via via fanno si che le onde siano sempre più intrusive e stazionarie ..
    L'anno scorso ha fatto tutto dicembre e metà gennaio con un'alta polare. Avere un'alta isolata sul polo 99/100 non significa nulla.
    Si vis pacem, para bellum.

  6. #56
    Vento forte
    Data Registrazione
    14/02/08
    Località
    Genova - Padova
    Messaggi
    4,384
    Menzionato
    67 Post(s)

    Predefinito Re: Gennaio 2017: commenti e discussioni sui modelli previsionali.

    Mi scuso se parlo ancora della stratosfera, ma in questo caso è per connetterla alla troposfera: diciamo che è un intervento a metà tra le due, considerando gli effetti della prima sulla seconda e viceversa. Una grande incognita rimane infatti, cosa succederà sull'Artico e di conseguenza nello scenario euro-atlantico. Qui l'opinione di Colarieti Tosti, piuttosto lunga ed elaborata, della quale estraggo le conclusioni, poco favorevoli ad una "imposizione" delle dinamiche stratosferiche su quelle troposferiche per gennaio:

    Inverno 2016 – L’aggiornamento dell’Outlook di CM | Climatemonitor

    ...
    La strada verso uno Stratcooling, i cui effetti sembrano poter raggiungere anche i bassi piani stratosferici sembra spianata. Questa dinamica potrà determinare tre macro comportamenti (i quali poi possono avere numerose sfumature):

    1.Una rapida risposta troposferica con incremento dei flussi di calore sia di ampiezza sempre maggiore che più convergenti e tali non solo da inibire il raffreddamento e approfondimento del vortice, ma da portarlo allo stato opposto fino anche alla sua scissione;

    2.Nessuna risposta troposferica perché le forzanti sono già in accordo con la dinamica stratosferica in imminente avvio, con netta chiusura del vortice per presa di vortictà e aumento delle velocità zonali alle alte latitudini;

    3.Un semi nulla di fatto, ovvero il raffreddamento e approfondimento stratosferico non riuscirà completamente nell’opera di cui al punto 2. La troposfera certo subirà il colpo ma in realtà la dinamica delle sue forzanti, vedi quanto già descritto, non collabora affatto con la volontà stratosferica di imporre la dinamica assunta.

    Quale di queste opzioni prevarrà? Ad oggi a dire il vero non vi sono sufficienti indizi per rispondere con oggettività al quesito, perché in primis gli stessi modelli deterministici non dimostrano affidabilità nel lungo termine giungendo a determinazioni spesso contraddittorie. Dovrete accontertarvi, quindi, della più modesta e certamente più fallibile mia opinione.

    Personalmente, con i dati a disposizione, anche se sottolineo ancora piuttosto scarsi, propendo maggiormente per la terza soluzione i cui motivi ho argomentato poco sopra. Quando tutto ciò potrà avvenire? Anche in questo caso in mancanza della famosa sfera di cristallo è assai difficile rispondere con una certa oggettività ma abbiamo alcuni indizi.
    ...

    Dal grafico possiamo notare l’assenza di attività dalla fine della prima decade di dicembre fino a circa la seconda metà della seconda decade del mese con relativo calo dei flussi di calore. Successivamente si nota una sua ripresa, pur non particolarmente pronunciata, che dovrebbe mantenersi tale fin quasi alla fine di gennaio, con ripresa dei flussi di calore. Dagli ultimi giorni del mese e dalla prima parte della prima decade di febbraio il modello prevede una nuova caduta dell’attività d’onda e presumibilmente dei flussi di calore ad esso associata. Subito dopo il modello prevede un’impennata dell’attività d’onda e di conseguenza dei flussi di calore associati. Vista l’entità corposa dell’aumento di ampiezza del segnale dell’attività d’onda è possibile che possa trattarsi dell’avvio di un riscaldamento stratosferico improvviso, anche di tipo principale, che se sarà confermato andrà valutato per gli effetti che potrà produrre a partire dalla parte finale dell’inverno. Nel grafico è riportato anche il valore aggiornato e previsto dell’indice AO trimestrale. Rispetto al primo step di elaborazione, proposto nel primo outlook, il calcolo definitivo lo pone al valore di -0,3 quindi lievemente negativo. Infine concludo invitando a monitorare nelle prossime settimane l’attività convettiva equatoriale in quanto ritengo che le sorti troposferiche, in funzione del cambio di pattern associato e descritto, saranno molto legate all’azione di quest’ultima.


    Dando dunque il mio parere, concordo a grandi linee con lui. Dovremo quindi cercare, per gennaio, una soluzione di sblocco più che possibile, ma non legata ad eventi stratosferici (forse per fortuna). Il vortice polare si manterrebbe disturbato, tra "ripartenze" mezze abortite e conseguenti "frenate", a causa dei disturbi troposferici più forti della forzante stratosferica. Guarderei dunque, con moderata fiducia, all'inamovibile (per ora) blocco freddo euroasiatico, ed al ciclo della MJO, che entrando in certe fasi potrebbe rafforzarsi ed aiutarci. Invito quindi anche a pesare le carte a lungo termine su questi fattori

  7. #57
    Banned
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    4,823
    Menzionato
    172 Post(s)

    Predefinito Re: Gennaio 2017: commenti e discussioni sui modelli previsionali.

    Citazione Originariamente Scritto da FilTur Visualizza Messaggio
    Mi scuso se parlo ancora della stratosfera, ma in questo caso è per connetterla alla troposfera: diciamo che è un intervento a metà tra le due, considerando gli effetti della prima sulla seconda e viceversa. Una grande incognita rimane infatti, cosa succederà sull'Artico e di conseguenza nello scenario euro-atlantico. Qui l'opinione di Colarieti Tosti, piuttosto lunga ed elaborata, della quale estraggo le conclusioni, poco favorevoli ad una "imposizione" delle dinamiche stratosferiche su quelle troposferiche per gennaio:

    Inverno 2016 – L’aggiornamento dell’Outlook di CM | Climatemonitor

    ...
    La strada verso uno Stratcooling, i cui effetti sembrano poter raggiungere anche i bassi piani stratosferici sembra spianata. Questa dinamica potrà determinare tre macro comportamenti (i quali poi possono avere numerose sfumature):

    1.Una rapida risposta troposferica con incremento dei flussi di calore sia di ampiezza sempre maggiore che più convergenti e tali non solo da inibire il raffreddamento e approfondimento del vortice, ma da portarlo allo stato opposto fino anche alla sua scissione;

    2.Nessuna risposta troposferica perché le forzanti sono già in accordo con la dinamica stratosferica in imminente avvio, con netta chiusura del vortice per presa di vortictà e aumento delle velocità zonali alle alte latitudini;

    3.Un semi nulla di fatto, ovvero il raffreddamento e approfondimento stratosferico non riuscirà completamente nell’opera di cui al punto 2. La troposfera certo subirà il colpo ma in realtà la dinamica delle sue forzanti, vedi quanto già descritto, non collabora affatto con la volontà stratosferica di imporre la dinamica assunta.

    Quale di queste opzioni prevarrà? Ad oggi a dire il vero non vi sono sufficienti indizi per rispondere con oggettività al quesito, perché in primis gli stessi modelli deterministici non dimostrano affidabilità nel lungo termine giungendo a determinazioni spesso contraddittorie. Dovrete accontertarvi, quindi, della più modesta e certamente più fallibile mia opinione.

    Personalmente, con i dati a disposizione, anche se sottolineo ancora piuttosto scarsi, propendo maggiormente per la terza soluzione i cui motivi ho argomentato poco sopra. Quando tutto ciò potrà avvenire? Anche in questo caso in mancanza della famosa sfera di cristallo è assai difficile rispondere con una certa oggettività ma abbiamo alcuni indizi.
    ...

    Dal grafico possiamo notare l’assenza di attività dalla fine della prima decade di dicembre fino a circa la seconda metà della seconda decade del mese con relativo calo dei flussi di calore. Successivamente si nota una sua ripresa, pur non particolarmente pronunciata, che dovrebbe mantenersi tale fin quasi alla fine di gennaio, con ripresa dei flussi di calore. Dagli ultimi giorni del mese e dalla prima parte della prima decade di febbraio il modello prevede una nuova caduta dell’attività d’onda e presumibilmente dei flussi di calore ad esso associata. Subito dopo il modello prevede un’impennata dell’attività d’onda e di conseguenza dei flussi di calore associati. Vista l’entità corposa dell’aumento di ampiezza del segnale dell’attività d’onda è possibile che possa trattarsi dell’avvio di un riscaldamento stratosferico improvviso, anche di tipo principale, che se sarà confermato andrà valutato per gli effetti che potrà produrre a partire dalla parte finale dell’inverno. Nel grafico è riportato anche il valore aggiornato e previsto dell’indice AO trimestrale. Rispetto al primo step di elaborazione, proposto nel primo outlook, il calcolo definitivo lo pone al valore di -0,3 quindi lievemente negativo. Infine concludo invitando a monitorare nelle prossime settimane l’attività convettiva equatoriale in quanto ritengo che le sorti troposferiche, in funzione del cambio di pattern associato e descritto, saranno molto legate all’azione di quest’ultima.


    Dando dunque il mio parere, concordo a grandi linee con lui. Dovremo quindi cercare, per gennaio, una soluzione di sblocco più che possibile, ma non legata ad eventi stratosferici (forse per fortuna). Il vortice polare si manterrebbe disturbato, tra "ripartenze" mezze abortite e conseguenti "frenate", a causa dei disturbi troposferici più forti della forzante stratosferica. Guarderei dunque, con moderata fiducia, all'inamovibile (per ora) blocco freddo euroasiatico, ed al ciclo della MJO, che entrando in certe fasi potrebbe rafforzarsi ed aiutarci. Invito quindi anche a pesare le carte a lungo termine su questi fattori
    la fase piu fredda tra gennaio e febbraio.

  8. #58
    Vento moderato L'avatar di valdoman
    Data Registrazione
    17/08/15
    Località
    Valdobbiadene (TV)
    Età
    42
    Messaggi
    1,186
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Gennaio 2017: commenti e discussioni sui modelli previsionali.

    Questa è buona, accendo la candela affinché sia la volta giusta...


    Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk

  9. #59
    Uragano L'avatar di Dream Designer
    Data Registrazione
    13/10/04
    Località
    Napoli 249 mt / Cassano D'Adda (MI)
    Età
    32
    Messaggi
    18,296
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: Gennaio 2017: commenti e discussioni sui modelli previsionali.

    Stamani, dopo le uscite modellistiche di ieri assolutamente negative, barlumi di speranza per il periodo 29 - 2 Gennaio anche questa volta proposti maggiormente da ECMWF a causa dell' isolamento di un vortice di aria fredda Artica che, per una spinta appena maggiore dell Alta verso nord, riesce a staccare il freddo fino alla nostra penisola

    GFS annusa, gli altri modelli per ora idem, vediamo se riusciamo a chiudere con una punta di freddo questo mese di Dicembre sicuramente non fra i peggiori ... però che noia Gennaio 2017: commenti e discussioni sui modelli previsionali.

    Inviato dal mio PLK-L01 utilizzando Tapatalk

  10. #60
    Banned
    Data Registrazione
    26/04/09
    Località
    Brigodunum (NO)
    Età
    31
    Messaggi
    17,856
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Gennaio 2017: commenti e discussioni sui modelli previsionali.

    Citazione Originariamente Scritto da valdoman Visualizza Messaggio
    Questa è buona, accendo la candela affinché sia la volta giusta...Immagine



    Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk
    Mi sembra comunque un 'onda cortissima che evolve W-E... se quella depressione tra Groenlandia e Islanda affondasse bene in mezzo all'oceano, avremmo invece un'elevazione decisa dell'HP oceanico. Peraltro la presenza del lobo siberiano in questa carta, ci porterebbe isoterme strutturate da nord verso di noi (non la "classica" -3 stupida degli ultimi anni). Buona la disposizione del VP, ma manca completamente ogni seppur minimo tentativo di elevazione atlantica. Essendo peraltro fantamenteo, speravo di vedere più "movimento"

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •