Pagina 5 di 8 PrimaPrima ... 34567 ... UltimaUltima
Risultati da 41 a 50 di 76
  1. #41
    Vento teso
    Data Registrazione
    27/06/19
    Località
    Castellammare NA
    Età
    26
    Messaggi
    1,688
    Menzionato
    6 Post(s)

    Predefinito Re: Alpi Italiane: medie nivometriche e durata del manto nevoso


  2. #42
    Vento teso
    Data Registrazione
    27/06/19
    Località
    Castellammare NA
    Età
    26
    Messaggi
    1,688
    Menzionato
    6 Post(s)

    Predefinito Re: Alpi Italiane: medie nivometriche e durata del manto nevoso


  3. #43
    Vento teso
    Data Registrazione
    27/06/19
    Località
    Castellammare NA
    Età
    26
    Messaggi
    1,688
    Menzionato
    6 Post(s)

    Predefinito Re: Alpi Italiane: medie nivometriche e durata del manto nevoso


  4. #44
    Vento teso
    Data Registrazione
    27/06/19
    Località
    Castellammare NA
    Età
    26
    Messaggi
    1,688
    Menzionato
    6 Post(s)

    Predefinito Re: Alpi Italiane: medie nivometriche e durata del manto nevoso


  5. #45
    Vento teso
    Data Registrazione
    27/06/19
    Località
    Castellammare NA
    Età
    26
    Messaggi
    1,688
    Menzionato
    6 Post(s)

    Predefinito Re: Alpi Italiane: medie nivometriche e durata del manto nevoso

    Ghiacciao di Presena presso il passo del Tonale; è stato coperto da teloni in plastica per protezione.

  6. #46
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    09/06/17
    Località
    Castelli Romani
    Messaggi
    812
    Menzionato
    3 Post(s)

    Predefinito Re: Alpi Italiane: medie nivometriche e durata del manto nevoso

    Scusa Kou, grazie per le tue notizie sul ciardoney ed il Presena ma credo che tu sia un tantino fuori topic.
    Vai in "GLACIOLOGIA" forse è più appropriato. Qui stiamo discutendo di snowfall annuale sulle Alpi.

  7. #47
    Vento teso
    Data Registrazione
    27/06/19
    Località
    Castellammare NA
    Età
    26
    Messaggi
    1,688
    Menzionato
    6 Post(s)

    Predefinito Re: Alpi Italiane: medie nivometriche e durata del manto nevoso

    Si scusate non ho visto l'altro topic, volevo solo informare dell'attuale situazione, sai qui si dice "durata " per cui avevo pensato d'inserirlo.

  8. #48
    Vento fresco L'avatar di nevearoma
    Data Registrazione
    14/10/09
    Località
    Germania
    Messaggi
    2,813
    Menzionato
    57 Post(s)

    Predefinito Re: Alpi Italiane: medie nivometriche e durata del manto nevoso

    Citazione Originariamente Scritto da alnus Visualizza Messaggio
    Guarda, su Wikipedia puoi trovare le portate dei fiumi.
    Se fosse come dici, visto che la neve comunque prima o poi si scioglie, ci sarebbe una sostanziale parità tra i due versanti.
    Invece tra Rodano, Reno ed Eno scendono in tutto circa 3.400 mc/s; tra Po e Adige circa 1.600 mc/s. L'Adige è un terzo dell'Eno (te ne accorgi anche a occhio, viaggiando tra Verona e Monaco) e non è che il suo bacino montano sia molto più piccolo.
    Eh? Cosa vuol dire scendono "in tutto"? Ma poi dove? La portata si misura in un punto preciso, e ad esempio quella del Reno viene normalmente misurata a Colonia, a oltre 800 km dalla sorgente e dove il fiume ha già raccolto le acque di affluenti enormi come la Mosella o il Meno, da soli lunghi entrambi quasi quanto il Po. Il Rodano ha una portata non poi enormemente superiore a quella del Po, il che ci sta dato che non è molto più lungo, e inoltre il Rodano in realtà ha una buona parte della sua catchment area in zone non troppo nevose e non nordalpine (il Vallese). Ma poi la portata dei fiumi è influenzata da mille altri parametri, tra cui il regime torrentizio, la distribuzione pluviometrica, i suoli...

    Comunque guarda che i dati sulle precipitazioni e la frequenza ci sono. Anzi, nella stagione fredda tende proprio a piovere di più sul versante meridionale che in quello settentrionale, che in genere ha massimi pluviometrici molto più nettamente estivi.
    "In Africa non cresce il cibo. Non crescono i primi. Loro non hanno i contorni. Una fetta di carne magari la trovi, ma hanno un problema con i contorni. Per non parlare della frutta."

  9. #49
    Vento moderato L'avatar di alnus
    Data Registrazione
    23/11/13
    Località
    Modena, campagna Est m30
    Età
    59
    Messaggi
    1,076
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Alpi Italiane: medie nivometriche e durata del manto nevoso

    Citazione Originariamente Scritto da nevearoma Visualizza Messaggio
    Eh? Cosa vuol dire scendono "in tutto"? Ma poi dove? La portata si misura in un punto preciso, e ad esempio quella del Reno viene normalmente misurata a Colonia, a oltre 800 km dalla sorgente e dove il fiume ha già raccolto le acque di affluenti enormi come la Mosella o il Meno, da soli lunghi entrambi quasi quanto il Po. Il Rodano ha una portata non poi enormemente superiore a quella del Po, il che ci sta dato che non è molto più lungo, e inoltre il Rodano in realtà ha una buona parte della sua catchment area in zone non troppo nevose e non nordalpine (il Vallese). Ma poi la portata dei fiumi è influenzata da mille altri parametri, tra cui il regime torrentizio, la distribuzione pluviometrica, i suoli...

    Comunque guarda che i dati sulle precipitazioni e la frequenza ci sono. Anzi, nella stagione fredda tende proprio a piovere di più sul versante meridionale che in quello settentrionale, che in genere ha massimi pluviometrici molto più nettamente estivi.
    La portata del Reno non viene misurata solo a Colonia, ma in molti altri punti del suo corso. La portata media annuale del Reno al confine tra Germania ed Olanda è 2.300 mc/s.
    Naturalmente io non ho preso quella, ma la sua portata a Basilea, 1.200 mc/s, dove per esempio io l'ho attraversato a nuoto, e quando ci nuoti, nei fiumi, ti rendi conto molto bene se le portate che leggi su Wikipedia sono inventate o meno.

    Questo calcolo, cioè considerare solo la porzione di portata di origine alpina, io l'ho fatto per tutti i fiumi che scendono dalle Alpi, molti anni prima di trovare questa discussione qui. Proprio perchè mi incuriosiva il confronto delle precipitazioni tra i due versanti della catena.

    Il regime torrentizio cosa c'entra? Io cito portate medie annuali.

    Francamente mi sembra evidente che nei versanti francese, svizzero, tedesco, austriaco e sloveno piova e nevichi più che in quello italiano.

  10. #50
    Vento fresco L'avatar di nevearoma
    Data Registrazione
    14/10/09
    Località
    Germania
    Messaggi
    2,813
    Menzionato
    57 Post(s)

    Predefinito Re: Alpi Italiane: medie nivometriche e durata del manto nevoso

    Citazione Originariamente Scritto da alnus Visualizza Messaggio
    La portata del Reno non viene misurata solo a Colonia, ma in molti altri punti del suo corso. La portata media annuale del Reno al confine tra Germania ed Olanda è 2.300 mc/s.
    Naturalmente io non ho preso quella, ma la sua portata a Basilea, 1.200 mc/s, dove per esempio io l'ho attraversato a nuoto, e quando ci nuoti, nei fiumi, ti rendi conto molto bene se le portate che leggi su Wikipedia sono inventate o meno.

    Questo calcolo, cioè considerare solo la porzione di portata di origine alpina, io l'ho fatto per tutti i fiumi che scendono dalle Alpi, molti anni prima di trovare questa discussione qui. Proprio perchè mi incuriosiva il confronto delle precipitazioni tra i due versanti della catena.

    Il regime torrentizio cosa c'entra? Io cito portate medie annuali.

    Francamente mi sembra evidente che nei versanti francese, svizzero, tedesco, austriaco e sloveno piova e nevichi più che in quello italiano.
    Insomma il Reno a Basilea ha una portata media annua simile a quella del Po a Boretto, quando ancora peraltro il Po non ha accolto le acque del Mincio (l'ultimo affluente alpino). Nulla di strano, appunto - per di più il Po è noto per la sua ampia portata nonostante la sua ridotta lunghezza.

    Quello che sto cercando di farti capire è che è inutile e fuorviante prendere la portata per valutare indirettamente la pluviometria e la nivometria delle montagne da cui nascono quei fiumi, giacché esistono ottime stazioni meteo che la valutano invece direttamente; e non dicono quello che pensi tu, che ti piaccia oppure no.
    "In Africa non cresce il cibo. Non crescono i primi. Loro non hanno i contorni. Una fetta di carne magari la trovi, ma hanno un problema con i contorni. Per non parlare della frutta."

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •