Pagina 1 di 8 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 80
  1. #1
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di mat69
    Data Registrazione
    07/03/04
    Località
    Genova
    Età
    50
    Messaggi
    7,136
    Menzionato
    22 Post(s)

    Predefinito Focus terza decade: illusione o arrivo del freddo?

    L'idea di aprire questo thread nasce per meglio focalizzare, nel corso dei prossimi giorni, le dinamiche in coda ai modelli (ECMWF in particolare) partendo da quanto già osservato ieri.
    L'input di questa dinamica trae origine, ormai già a 96/120 h, dalla netta attenuazione delle vorticità nell'area contrassegnata e che segna la progressiva attenuazione del getto polare.
    Fin qui grossomodo c'è univocità di vedute tra i GM:

    Focus terza decade: illusione o arrivo del freddo?-18012100_1600.gif

    Il seguito si sviluppa grazie ad un forcing dinamico del vortice oceanico posto grossomodo sulla Groenlandia che crea i presupposti per un graduale aumento dei geopotenziali dapprima in prossimità del Regno Unito e poi in progressione sulla penisola Scandinava.
    Nel corso delle prossime emissioni vedremo se i Gm stiano inquadrando bene o meno la genesi di un blocco continentale sul continente europeo.
    Le linee nel lungo termine, al momento troppo grossolane, non permettono di fare valutazioni ancora affidabili circa questo sviluppo

    opss volevo inserire il thread nella stanza generale, scusate.
    Vediamo se i Mod. riescono a traslarlo.
    Matteo

    Freelance

  2. #2
    Comitato Tecnico Scientifico
    Data Registrazione
    23/05/04
    Località
    Porano (TR)
    Messaggi
    4,593
    Menzionato
    22 Post(s)

    Predefinito Re: Focus terza decade: illusione o arrivo del freddo?

    Matteo avevo scritto due righe anche io......
    Analisi modelli Inverno 2017-2018

  3. #3
    Comitato Tecnico Scientifico
    Data Registrazione
    23/05/04
    Località
    Porano (TR)
    Messaggi
    4,593
    Menzionato
    22 Post(s)

    Predefinito Re: Focus terza decade: illusione o arrivo del freddo?

    Citazione Originariamente Scritto da Porano444 Visualizza Messaggio
    Matteo avevo scritto due righe anche io......
    Analisi modelli Inverno 2017-2018
    Sulla stessa "lunghezza d'onda" atlantica......

  4. #4
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di mat69
    Data Registrazione
    07/03/04
    Località
    Genova
    Età
    50
    Messaggi
    7,136
    Menzionato
    22 Post(s)

    Predefinito Re: Focus terza decade: illusione o arrivo del freddo?

    Citazione Originariamente Scritto da Porano444 Visualizza Messaggio
    Matteo avevo scritto due righe anche io......
    Analisi modelli Inverno 2017-2018
    Ottimo
    Hai linkato il tuo post così si può intervenire pure di qua.
    Matteo

    Freelance

  5. #5
    Comitato Tecnico Scientifico
    Data Registrazione
    23/05/04
    Località
    Porano (TR)
    Messaggi
    4,593
    Menzionato
    22 Post(s)

    Predefinito Re: Focus terza decade: illusione o arrivo del freddo?

    Il jet stream punta più a nord dello 00
    Focus terza decade: illusione o arrivo del freddo?-gfs-5-126.png

    Ovvio attendiamo lo "schiarimento" dei GPT tra Islanda e Scandinavia.....

  6. #6
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di mat69
    Data Registrazione
    07/03/04
    Località
    Genova
    Età
    50
    Messaggi
    7,136
    Menzionato
    22 Post(s)

    Predefinito Re: Focus terza decade: illusione o arrivo del freddo?

    Citazione Originariamente Scritto da Porano444 Visualizza Messaggio
    Il jet stream punta più a nord dello 00
    Focus terza decade: illusione o arrivo del freddo?-gfs-5-126.png

    Ovvio attendiamo lo "schiarimento" dei GPT tra Islanda e Scandinavia.....
    La deviazione è un po' troppo a ridosso del continente come del resto questi diagrammi dell'andamento dei gpt rispettivamente nel regno unito e poi in scandinavia mettono al momento in evidenza che l'ufficiale è un po' estremo anche se la dinamica pare inquadrata:

    Focus terza decade: illusione o arrivo del freddo?-untitled.png Focus terza decade: illusione o arrivo del freddo?-untitled2.png
    Matteo

    Freelance

  7. #7
    Tempesta violenta L'avatar di Marco*
    Data Registrazione
    04/02/04
    Località
    Barletta (BT)
    Età
    31
    Messaggi
    13,689
    Menzionato
    8 Post(s)

    Predefinito Re: Focus terza decade: illusione o arrivo del freddo?

    Ciao Matteo

    È una dinamica che stiamo seguendo anche in stanza meridionale da qualche giorno ormai.
    Rallentamento, direi fisiologico, delle westerlies che coincide con il momento di massima espansione ed intensità del freddo pellicolare tra Scandinavia e Russia. Con la giusta pulsazione ad onda lunga in atlantico, potrebbe aprirsi una fase continentale di una certa magnitudo per il nostro continente (con modalità e tempi tutti da verificare ovviamente).

    C'è da capire quanto i principali gm andranno a suffragare questa dinamica. Reading ha dato un segnale chiaro questa mattina, mentre ukmo e gfs si tengono ancora a distanza.

    Volendo andare ad anticipare le prossime mosse dei centri di calcolo, al di là della MJO (di cui abbiamo già accennato ieri e che sarebbe ideale avere in fase 5 o - ancora meglio - 6), c'è da annotare una bella frustata del PNA che depone per una buona reattività dell'onda troposferica atlantica.





    **Always looking at the sky**

  8. #8
    Vento teso L'avatar di Calibre
    Data Registrazione
    11/11/11
    Località
    Cagliari / Trieste
    Età
    24
    Messaggi
    1,782
    Menzionato
    8 Post(s)

    Predefinito Re: Focus terza decade: illusione o arrivo del freddo?

    Può essere anche che inizialmente il blocco dinamico europeo sia troppo addossato al continente per poi "occidentalizzarsi" e quindi spostarsi un po' più a ovest grazie alle sollecitazioni indotte dal PNA?

  9. #9
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    34
    Messaggi
    7,125
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Focus terza decade: illusione o arrivo del freddo?


    è una dinamica che se anche se non presentasse la stessa tempistica vista nell'ufficiale reading avrebbe tutte le carte in regola per presentarsi con pulsazioni in serie sempre più ficcanti
    lo schema barico di massima su scala emisferica, e per cui i gm possono tornare utili anche sulle lunghe distanze, è sicuramente molto interessante

  10. #10
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di mat69
    Data Registrazione
    07/03/04
    Località
    Genova
    Età
    50
    Messaggi
    7,136
    Menzionato
    22 Post(s)

    Predefinito Re: Focus terza decade: illusione o arrivo del freddo?

    Citazione Originariamente Scritto da Marco* Visualizza Messaggio
    Ciao Matteo

    È una dinamica che stiamo seguendo anche in stanza meridionale da qualche giorno ormai.
    Rallentamento, direi fisiologico, delle westerlies che coincide con il momento di massima espansione ed intensità del freddo pellicolare tra Scandinavia e Russia. Con la giusta pulsazione ad onda lunga in atlantico, potrebbe aprirsi una fase continentale di una certa magnitudo per il nostro continente (con modalità e tempi tutti da verificare ovviamente).

    C'è da capire quanto i principali gm andranno a suffragare questa dinamica. Reading ha dato un segnale chiaro questa mattina, mentre ukmo e gfs si tengono ancora a distanza.

    Volendo andare ad anticipare le prossime mosse dei centri di calcolo, al di là della MJO (di cui abbiamo già accennato ieri e che sarebbe ideale avere in fase 5 o - ancora meglio - 6), c'è da annotare una bella frustata del PNA che depone per una buona reattività dell'onda troposferica atlantica.

    Immagine


    Ciao Marco,

    anche gli indici teleconnettivi richiamano verso una certa soglia di attenzione verso questo possibile sviluppo anche se i margini di indeterminatezza, data la distanza temporale, sono abbondanti.
    La Mjo, se coerente con lo sviluppo di un ridge atlantico in evoluzione a Scand+, dovrebbe picchiare sulle fasi 5/6, dapprima con una NAO ancora lievemente positiva che fornisce iniezione di gpt verso le latitudini settentrionali del vecchio continente.
    Il rischio della permanenza di una NAO troppo positiva invece comporterebbe un ridge altopressorio troppo a ridosso con notevole marginalizzazione della dinamica continentale.
    Matteo

    Freelance

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •