Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 20 di 20
  1. #11
    Tempesta violenta
    Data Registrazione
    12/06/09
    Località
    Roma
    Messaggi
    13,422
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: estate 1816 e anomalie recenti (confronti locali)

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Potenza della combinazione PEG + bassa attività solare (Dalton) + due eruzioni potentissime in pochi anni (1809 e 1815).
    Molto interessante analizzarne gli aspetti pratici locali, ottima idea.
    Quella che provocò quell'estate fu il Tambora cmq.
    Sul libro "I più grandi eventi meteorologici della storia" c'è un capitolo dedicato a quell'estate.
    In Europa e Nordamerica fu causa di carestie

  2. #12
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    32
    Messaggi
    711
    Menzionato
    97 Post(s)

    Predefinito Re: estate 1816 e anomalie recenti (confronti locali)

    Citazione Originariamente Scritto da Stefano De C. Visualizza Messaggio
    Quella che provocò quell'estate fu il Tambora cmq.
    Sul libro "I più grandi eventi meteorologici della storia" c'è un capitolo dedicato a quell'estate.
    In Europa e Nordamerica fu causa di carestie
    Certo, Tambora è l'eruzione del 1815 che citavo anche io. Ma quella eruzione è arrivata in un contesto già molto freddo, se accadesse adesso una eruzione identica non produrrebbe effetti simili.

  3. #13
    Tempesta violenta
    Data Registrazione
    12/06/09
    Località
    Roma
    Messaggi
    13,422
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: estate 1816 e anomalie recenti (confronti locali)

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Certo, Tambora è l'eruzione del 1815 che citavo anche io. Ma quella eruzione è arrivata in un contesto già molto freddo, se accadesse adesso una eruzione identica non produrrebbe effetti simili.
    Non ne sarei così convinto, la quantità di cenere catapultata nella stratosfera fu mostruosa in quell'occasione.
    Un'estate come quella al giorno d'oggi sarebbe una mezza catatstrofe

  4. #14
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    32
    Messaggi
    711
    Menzionato
    97 Post(s)

    Predefinito Re: estate 1816 e anomalie recenti (confronti locali)

    Citazione Originariamente Scritto da Stefano De C. Visualizza Messaggio
    Non ne sarei così convinto, la quantità di cenere catapultata nella stratosfera fu mostruosa in quell'occasione.
    Un'estate come quella al giorno d'oggi sarebbe una mezza catastrofe
    Puoi avere anche una eruzione mostruosa, ma la situazione di partenza non è irrilevante. Nel 1815 si veniva da una fase di raffreddamento intenso dovuto a vari fattori, ci furono diverse estati precedenti al 1816 che non furono poi molto distanti.
    Se prendi i dati CET quell'estate ebbe una media di 12,05, la più fredda dal 1700 e quattro gradi sotto il record storico, ma il 1810 era stata 12,7 e il 1812 12,5.
    Dal 1700 ne trovi solo 16 di estati così fredde e guarda caso due sono appena prima dell'anno senza estate. Si potrebbero controllare anche sui dati italiani le estati precedenti al 1816 e credo che la distanza dagli ultimi anni sarebbe enorme.
    Il clima terrestre ha una forte inerzia termica, i mari e gli oceani ci mettono secoli per smaltire il calore accumulato e negli ultimi due secoli ne hanno accumulato tantissimo.
    Quando due eruzioni avvengono in rapida sequenza il loro effetto è amplificato, perché la prima raffredda i mari e la seconda interviene su un sistema climatico già alterato.

    E l'eruzione del 1809 non era molto inferiore a Tambora, la sua fonte non è stata identificata ma probabilmente era posizionata leggermente più a Nord, motivo per cui nei ghiacci Groenlandesi ha lasciato una traccia simile a Tambora e in quelli antartici più debole.

    Ultima modifica di snowaholic; 22/08/2018 alle 15:17

  5. #15
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    32
    Messaggi
    711
    Menzionato
    97 Post(s)

    Predefinito Re: estate 1816 e anomalie recenti (confronti locali)

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro1985 Visualizza Messaggio
    bisognerebbe valutare fase qbo e solare al momento dell'evento per capire come possano essersi comportate le fasce strato e di conseguenza lo sviluppo del vps
    Che tu sappia ci sono dati QBO per quel periodo?
    In generale però uno degli effetti che viene ipotizzato è un aumento del gradiente termico, perché la stratosfera tropicale si potrebbe scaldare anche di 8-10 gradi, molto di più di quella polare che invece può anche raffreddarsi durante l'inverno.

  6. #16
    Tempesta violenta
    Data Registrazione
    12/06/09
    Località
    Roma
    Messaggi
    13,422
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: estate 1816 e anomalie recenti (confronti locali)

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Che tu sappia ci sono dati QBO per quel periodo?
    In generale però uno degli effetti che viene ipotizzato è un aumento del gradiente termico, perché la stratosfera tropicale si potrebbe scaldare anche di 8-10 gradi, molto di più di quella polare che invece può anche raffreddarsi durante l'inverno.
    Non credo ci siano dati, dato che all'epoca non era ancora stata scoperta la QBO

  7. #17
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    34
    Messaggi
    6,944
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: estate 1816 e anomalie recenti (confronti locali)

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Che tu sappia ci sono dati QBO per quel periodo?
    In generale però uno degli effetti che viene ipotizzato è un aumento del gradiente termico, perché la stratosfera tropicale si potrebbe scaldare anche di 8-10 gradi, molto di più di quella polare che invece può anche raffreddarsi durante l'inverno.
    devo controllare ma sinceramente ne dubito assai

  8. #18
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    32
    Messaggi
    711
    Menzionato
    97 Post(s)

    Predefinito Re: estate 1816 e anomalie recenti (confronti locali)

    Citazione Originariamente Scritto da Stefano De C. Visualizza Messaggio
    Non credo ci siano dati, dato che all'epoca non era ancora stata scoperta la QBO
    La presenza dei venti stratosferici è stata scoperta proprio grazie alle eruzioni vulcaniche, in particolare quella del Krakatoa (avvenuta in una fase negativa). In teoria sarebbe possibile ricostruire la fase QBO in base alle osservazioni della nube vulcanica in giro per il mondo, ma non so se ci siano sufficienti osservazioni per farlo e se qualcuno lo abbia fatto.

  9. #19
    Tempesta violenta
    Data Registrazione
    12/06/09
    Località
    Roma
    Messaggi
    13,422
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: estate 1816 e anomalie recenti (confronti locali)

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    La presenza dei venti stratosferici è stata scoperta proprio grazie alle eruzioni vulcaniche, in particolare quella del Krakatoa (avvenuta in una fase negativa). In teoria sarebbe possibile ricostruire la fase QBO in base alle osservazioni della nube vulcanica in giro per il mondo, ma non so se ci siano sufficienti osservazioni per farlo e se qualcuno lo abbia fatto.
    Apparte che la QBO è stata scoperta nel 1950, poi, è già tanto che per quell'anno si riesce ad avere qualche dato preciso (gli osservatori meteo fino a tardo settecento erano pochissimi)

  10. #20
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    32
    Messaggi
    711
    Menzionato
    97 Post(s)

    Predefinito Re: estate 1816 e anomalie recenti (confronti locali)

    Citazione Originariamente Scritto da Stefano De C. Visualizza Messaggio
    Apparte che la QBO è stata scoperta nel 1950, poi, è già tanto che per quell'anno si riesce ad avere qualche dato preciso (gli osservatori meteo fino a tardo settecento erano pochissimi)
    Lo so benissimo che la qbo come fenomeno ciclico è stata scoperta negli anni 50, ma la presenza dei venti stratosferici che a volte andavano verso est e altre volte verso ovest era nota da molto prima, la prima misura diretta tramite palloni sonda è del 1908 (ed era positiva, in contrasto con le osservazioni del Krakatoa)

    Ovviamente è impossibile avere serie completa per quegli anni, ma se a noi interessa valutare l'impatto delle eruzioni ci basta sapere a situazione in quel momento. Le grandi eruzioni vulcaniche producono effetti così particolari che generalmente vengono notate e riportate anche da fonti diverse dagli osservatori meteo assidui.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •