Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 20
  1. #1
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    34
    Messaggi
    7,041
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito estate 1816 e anomalie recenti (confronti locali)

    mi interessava inserire qualche dato italiano ed europeo che rendesse l'idea della differenza tra quell'evento e i mesi a maggiori anomalie positive recenti
    così da valutare anche dove ci si discosta maggiormente
    comincio con milano linate

    19.5 contro 26.7 giugno 2003 +8
    20.9 contro 28.1 luglio 2015 +7.1
    18.4 contro 28.6 +10.2

  2. #2
    Vento fresco L'avatar di Giovanni78
    Data Registrazione
    19/12/16
    Località
    crodo(vb) 480-490m
    Messaggi
    2,629
    Menzionato
    13 Post(s)

    Predefinito Re: estate 1816 e anomalie recenti (confronti locali)

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro1985 Visualizza Messaggio
    mi interessava inserire qualche dato italiano ed europeo che rendesse l'idea della differenza tra quell'evento e i mesi a maggiori anomalie positive recenti
    così da valutare anche dove ci si discosta maggiormente
    comincio con milano linate

    19.5 contro 26.7 giugno 2003 +8
    20.9 contro 28.1 luglio 2015 +7.1
    18.4 contro 28.6 +10.2
    Si dice che a Formazza quell'anno non andarono via i mucchi di neve spalati a nord, specie quello dietro la chiesa, e restarono fino all'inverno successivo

  3. #3
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    34
    Messaggi
    7,041
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: estate 1816 e anomalie recenti (confronti locali)

    aggiungo una chicca
    aprile 2007 se la gioca per poco meno di 1.2 con agosto
    17.24

  4. #4
    myMeteoNetwork Team L'avatar di AbeteBianco
    Data Registrazione
    17/07/16
    Località
    Bellinzona (Ticino, Svizzera)
    Età
    21
    Messaggi
    2,875
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: estate 1816 e anomalie recenti (confronti locali)

    La serie di Basilea un po' la conosco, i mesi più caldi sono rispettivamente giugno 2003, luglio 2006 e agosto 2003.
    Nel 1816 i mesi estivi indicativamente risultarono -4°C/-5°C dalla norma 81-10, ma singolarmente non penso che siano stati i più freddi, anche se sono ovviamente lì in zona. Invece come trimestre quella del 1816 dovrebbe essere stata decisamente l'estate più fredda di ogni serie.
    Come divario tra 1816 e i primati di caldo dovremmo avere indicativamente qualcosa del genere: giugno 10°C, luglio 9°C, agosto 9°C. Tra l'estate 2003 e la 1816 oltre 8°C di differenza, ma comunque sempre più caldo per appartenere ad altre stagioni.
    Ultima modifica di AbeteBianco; 19/08/2018 alle 19:03


    Stazione Davis Vantage Pro 2 -> Dati live su altre piattaforme

  5. #5
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    32
    Messaggi
    715
    Menzionato
    98 Post(s)

    Predefinito Re: estate 1816 e anomalie recenti (confronti locali)

    Potenza della combinazione PEG + bassa attività solare (Dalton) + due eruzioni potentissime in pochi anni (1809 e 1815).
    Molto interessante analizzarne gli aspetti pratici locali, ottima idea.

  6. #6
    Bava di vento L'avatar di Max2003
    Data Registrazione
    08/08/18
    Località
    Funchal/Lampedusa
    Età
    14
    Messaggi
    59
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: estate 1816 e anomalie recenti (confronti locali)

    Devo fare una domanda OT: l'inverno 1816/1817 fu caldo e secco o freddo?

  7. #7
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    34
    Messaggi
    7,041
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: estate 1816 e anomalie recenti (confronti locali)

    sempre per la mia località
    piuttosto freddo dicembre -2
    e estremamente caldi per l'epoca gennaio e febbraio +1.7 e +2

  8. #8
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    32
    Messaggi
    715
    Menzionato
    98 Post(s)

    Predefinito Re: estate 1816 e anomalie recenti (confronti locali)

    Le grandi eruzioni vulcaniche tropicali sono pessime per gli inverni europei, tendono a rinforzare il VP e la NAO in particolare.
    Ci sono state anche pubblicazioni recenti che hanno confermato questa relazione, ad esempio questo

    https://www.stevenphipps.com/publica...net_change.pdf



    Non è ben chiaro il motivo e i modelli fanno fatica a replicare questa relazione empirica, soprattutto per quanto riguarda i primi due anni, ma i dati storici sono molto forti in questo senso, per l'Europa le grandi eruzioni portano estati fredde e inverni miti.
    Ultima modifica di snowaholic; 20/08/2018 alle 18:05

  9. #9
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    32
    Messaggi
    715
    Menzionato
    98 Post(s)

    Predefinito Re: estate 1816 e anomalie recenti (confronti locali)

    Tornando on topic, sarebbe interessante cercare dei dati francesi e inglesi...

    estate 1816 e anomalie recenti (confronti locali)-climate-anomalies-with-respect-to-the-1951-1980-period-in-1816-during-june-top-row.jpg

  10. #10
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    34
    Messaggi
    7,041
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: estate 1816 e anomalie recenti (confronti locali)

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Le grandi eruzioni vulcaniche tropicali sono pessime per gli inverni europei, tendono a rinforzare il VP e la NAO in particolare.
    Ci sono state anche pubblicazioni recenti che hanno confermato questa relazione, ad esempio questo

    https://www.stevenphipps.com/publica...net_change.pdf

    Immagine


    Non è ben chiaro il motivo e i modelli fanno fatica a replicare questa relazione empirica, soprattutto per quanto riguarda i primi due anni, ma i dati storici sono molto forti in questo senso, per l'Europa le grandi eruzioni portano estati fredde e inverni miti.
    bisognerebbe valutare fase qbo e solare al momento dell'evento per capire come possano essersi comportate le fasce strato e di conseguenza lo sviluppo del vps

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •