Pagina 21 di 22 PrimaPrima ... 1119202122 UltimaUltima
Risultati da 201 a 210 di 219
  1. #201
    Vento teso L'avatar di paoloneve
    Data Registrazione
    31/07/08
    Località
    Torino nord-ovest (Parella)
    Età
    29
    Messaggi
    1,957
    Menzionato
    3 Post(s)

    Predefinito Re: Novembre 2018: anomalie termiche e pluviometriche

    A Torino novembre ha registrato un'anomalia di +1.5 °C rispetto alla media 1981-2010.
    Le anomalie a livello di decade sono state le seguenti:
    +2.3 °C (1^ decade);
    +1.0 °C (2^ decade);
    +1.2 °C (3^ decade).

    Per quanto riguarda le precipitazioni sono caduti 106 mm su Torino centro, valore ben superiore rispetto alla media 1981-2010 pari 68.8 mm.

  2. #202
    Vento teso L'avatar di paoloneve
    Data Registrazione
    31/07/08
    Località
    Torino nord-ovest (Parella)
    Età
    29
    Messaggi
    1,957
    Menzionato
    3 Post(s)

    Predefinito Re: Novembre 2018: anomalie termiche e pluviometriche

    L'autunno a Torino si classifica invece al secondo posto tra i più caldi in assoluto con un'anomalia di +1.9 °C (sempre media 1981-2010), quindi a brevissima distanza dal record del 2014 (+2.0 °C).

  3. #203
    Brezza tesa L'avatar di DuffMc92
    Data Registrazione
    18/02/17
    Località
    Conegliano (TV) 65 m s.l.m.
    Messaggi
    745
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Novembre 2018: anomalie termiche e pluviometriche

    Sicuramente inarrivabile il 2014, però per conferma aspetto i dati OSMER della stazione di Brugnera (PN), 20 km da qua.

    3 giorni in cui ho perso un decimo nelle minime a causa del salvataggio ogni 5 minuti in archivio, per cui è saltato fuori un 6.75(3), che il sito avrebbe arrotondato per difetto a 6.7.
    Massime senza problemi di questo tipo, ma al solito l'ombra perenne del condominio ha pesato, per fortuna meno di altri mesi grazie a una certa variabilità atmosferica.
    Notevole la differenza di accumulo mensile tra il pluviometro manuale che sto testando da 2 mesi e quello della stazione, ulteriormente penalizzato dalla vicinanza del palo.
    4 gelate e un surplus pluviometrico dopo tanto secco che mi hanno fatto salire novembre 2018 da un 3 a un 4+ o forse 4 e mezzo.
    Bellissimi gli ultimi giorni.

    Novembre 2018: anomalie termiche e pluviometriche-riepilogo-novembre-2018.png
    La mia stazione: http://coneglianometeo.altervista.org/
    Stazione installata il 13 luglio 2015, sito attivo dal 28 agosto 2015.
    Estremi assoluti: -10.4° (7.1.2017); 38.8° (22.7.2015).

  4. #204
    Uragano L'avatar di Dream Design
    Data Registrazione
    13/10/04
    Località
    Napoli coll. 249 mt.
    Età
    31
    Messaggi
    15,960
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: Novembre 2018: anomalie termiche e pluviometriche

    +1.5 sulla 71/00

    113 mm ... mese molto mite ma lontano dai record, piovosità nella norma e assenza di ondate di freddo premature

    Inviato dal mio ANE-LX1 utilizzando Tapatalk

  5. #205
    Brezza tesa L'avatar di Perlecano
    Data Registrazione
    22/05/18
    Località
    Carbonate (CO) 267 m s.l.m.
    Età
    22
    Messaggi
    982
    Menzionato
    139 Post(s)

    Predefinito Re: Novembre 2018: anomalie termiche e pluviometriche

    Di quanto novembre 2018 è stato più caldo di novembre 2017? Ecco l'incremento avutosi tra le due mensilità in alcune località italiane:
    Torino Caselle: +1,9 °C.
    Milano Linate: +1,8 °C.
    Genova Sestri Ponente: +0,2 °C.
    (Media Nordovest: +1,30 °C).
    Venezia Tessera: +2,4 °C.
    Trieste Barcola: +2,0 °C.
    Dobbiaco: +2,6 °C.
    Bologna Borgo Panigale: +2,3 °C.
    (Media Nordest: +2,33 °C).
    Firenze Peretola: +1,9 °C.
    Perugia Sant'Egidio: +1,3 °C.
    Ancona Falconara: +1,4 °C.
    Roma Ciampino: +1,9 °C.
    Pescara Aeroporto: +1,0 °C.
    (Media Centro: +1,50 °C).
    Grazzanise: +0,9 °C.
    Trevico (per una stazione montuosa in più e non lasciare Dobbiaco sola soletta): +0,2 °C.
    Bari Palese: +1,0 °C.
    Lamezia Terme: +2,2 °C (davvero calda la Calabria, scarti simili si sono avuti infatti a Reggio Calabria e in altre stazioni regionali).
    (Media Sud peninsulare: +1,08 °C).
    Palermo Punta Raisi: +0,6 °C.
    Cagliari Elmas: +1,5 °C.
    (Media Isole: +1,05 °C).

    Scarto medio italiano tra novembre 2017 e novembre 2018: +1,51 °C a favore di quest'ultimo. Essendo che nel 2017 novembre chiuse a -0,2 °C dalla media 1981-2010, questo novembre (stante la mia stima) dovrebbe chiudere a circa +1,3 °C sulla stessa trentennale. Magari di uno o due decimi verso il basso questo dato verrà ritoccato (stante il peso maggiore delle stazioni montane rispetto a quello che gli ho dato io, e in montagna tra lo scorso anno e questo c'è stata un po' meno differenza che in pianura), comunque chiuderemo con tutta probabilità di poco oltre il grado positivo di anomalia sulla 1981-2010. Su quest'ultima trentennale si basano gli scarti dalla media delle classifiche qui sotto riportate:
    Top 5 novembre più caldi dal 1900 ad oggi in Italia:
    1) 1926 (+2,9 °C).
    2) 2014 (+2,7 °C).
    3) 1963 (+2,3 °C).
    4) e 5) a pari merito: 2002 e 2012 (+1,9 °C).

    Top 5 novembre più freddi in Italia dal 1900 ad oggi:
    1) 1912 (-3,0 °C).
    2) 1922 (-2,8 °C).
    3) 1904 (-2,2 °C).
    4) e 5) a pari merito: 1920 e il non troppo lontano 1988 (-2,0 °C).

    Con i +1,3 °C sulla 1981-2010 da me stimati, il novembre 2018 dovrebbe chiudere grossomodo tra il nono e l'undicesimo posto dei novembre più caldi in Italia dal 1900 ad oggi.
    "Ho visto braccia farsi gabbia, luce farsi nebbia, ho visto me scappare in strade fuorimano e i Nazgûl sopra la mia testa; primo brutto viaggio, primo punto critico, primo buco in cui precipito, risorgo coi versi con cui vi mortifico". (Heskarioth, Flashback).

  6. #206
    myMeteoNetwork Team L'avatar di AbeteBianco
    Data Registrazione
    17/07/16
    Località
    Bellinzona (Ticino, Svizzera)
    Età
    20
    Messaggi
    2,782
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Novembre 2018: anomalie termiche e pluviometriche

    Citazione Originariamente Scritto da Perlecano Visualizza Messaggio
    Di quanto novembre 2018 è stato più caldo di novembre 2017? Ecco l'incremento avutosi tra le due mensilità in alcune località italiane:
    Torino Caselle: +1,9 °C.
    Milano Linate: +1,8 °C.
    Genova Sestri Ponente: +0,2 °C.
    (Media Nordovest: +1,30 °C).
    Venezia Tessera: +2,4 °C.
    Trieste Barcola: +2,0 °C.
    Dobbiaco: +2,6 °C.
    Bologna Borgo Panigale: +2,3 °C.
    (Media Nordest: +2,33 °C).
    Firenze Peretola: +1,9 °C.
    Perugia Sant'Egidio: +1,3 °C.
    Ancona Falconara: +1,4 °C.
    Roma Ciampino: +1,9 °C.
    Pescara Aeroporto: +1,0 °C.
    (Media Centro: +1,50 °C).
    Grazzanise: +0,9 °C.
    Trevico (per una stazione montuosa in più e non lasciare Dobbiaco sola soletta): +0,2 °C.
    Bari Palese: +1,0 °C.
    Lamezia Terme: +2,2 °C (davvero calda la Calabria, scarti simili si sono avuti infatti a Reggio Calabria e in altre stazioni regionali).
    (Media Sud peninsulare: +1,08 °C).
    Palermo Punta Raisi: +0,6 °C.
    Cagliari Elmas: +1,5 °C.
    (Media Isole: +1,05 °C).

    Scarto medio italiano tra novembre 2017 e novembre 2018: +1,51 °C a favore di quest'ultimo. Essendo che nel 2017 novembre chiuse a -0,2 °C dalla media 1981-2010, questo novembre (stante la mia stima) dovrebbe chiudere a circa +1,3 °C sulla stessa trentennale. Magari di uno o due decimi verso il basso questo dato verrà ritoccato (stante il peso maggiore delle stazioni montane rispetto a quello che gli ho dato io, e in montagna tra lo scorso anno e questo c'è stata un po' meno differenza che in pianura), comunque chiuderemo con tutta probabilità di poco oltre il grado positivo di anomalia sulla 1981-2010. Su quest'ultima trentennale si basano gli scarti dalla media delle classifiche qui sotto riportate:
    Top 5 novembre più caldi dal 1900 ad oggi in Italia:
    1) 1926 (+2,9 °C).
    2) 2014 (+2,7 °C).
    3) 1963 (+2,3 °C).
    4) e 5) a pari merito: 2002 e 2012 (+1,9 °C).

    Top 5 novembre più freddi in Italia dal 1900 ad oggi:
    1) 1912 (-3,0 °C).
    2) 1922 (-2,8 °C).
    3) 1904 (-2,2 °C).
    4) e 5) a pari merito: 1920 e il non troppo lontano 1988 (-2,0 °C).

    Con i +1,3 °C sulla 1981-2010 da me stimati, il novembre 2018 dovrebbe chiudere grossomodo tra il nono e l'undicesimo posto dei novembre più caldi in Italia dal 1900 ad oggi.
    Gran lavoro statistico quello che fai... non è per nulla un esercizio evidente quello di ponderare i dati e calcolare le anomalie sulla base di "interpolazioni" geografiche. È un compito da climatologia di alto livello, dunque complimenti.

    Per quel che riguarda la Svizzera sul sito di MeteoSvizzera sono disponibili le serie omogeneizzate dal 1864 di una decina di stazioni, ma pure dei set di dati interpolati che vogliono rappresentare un dato numerico di temperatura considerando su tutto il territorio "la temperatura media della Svizzera", oppure "la temperatura media del Sud delle Alpi". Questo lavoro a partire dal 1981 è basato su dati interpolati a griglia (le varie mappe delle anomalie nazionali che hanno una risoluzione elevata), mentre per i dati precedenti viene eseguita una ponderazione dei dati delle circa 10 stazioni climatologiche. Come dicevo l'altro giorno, notiamo come le due stazioni alpine (Gran San Bernardo e Säntis) abbiano un peso elevatissimo nel calcolo perché geograficamente il territorio svizzero è per il 60% alpino, 30% altopiano e 10% Giura.

    Qui il link a quella serie ponderata di MeteoSvizzera e relative spiegazioni di calcolo:
    Temperatura media svizzera - MeteoSvizzera


    Stazione Davis Vantage Pro 2 -> Dati live su altre piattaforme

  7. #207
    Presidente MeteoNetwork L'avatar di Jerry
    Data Registrazione
    13/06/02
    Località
    Mantova
    Età
    48
    Messaggi
    4,083
    Menzionato
    15 Post(s)

    Predefinito Re: Novembre 2018: anomalie termiche e pluviometriche

    Citazione Originariamente Scritto da Perlecano Visualizza Messaggio
    Di quanto novembre 2018 è stato più caldo di novembre 2017? Ecco l'incremento avutosi tra le due mensilità in alcune località italiane:
    Torino Caselle: +1,9 °C.
    Milano Linate: +1,8 °C.
    Genova Sestri Ponente: +0,2 °C.
    (Media Nordovest: +1,30 °C).
    Venezia Tessera: +2,4 °C.
    Trieste Barcola: +2,0 °C.
    Dobbiaco: +2,6 °C.
    Bologna Borgo Panigale: +2,3 °C.
    (Media Nordest: +2,33 °C).
    Firenze Peretola: +1,9 °C.
    Perugia Sant'Egidio: +1,3 °C.
    Ancona Falconara: +1,4 °C.
    Roma Ciampino: +1,9 °C.
    Pescara Aeroporto: +1,0 °C.
    (Media Centro: +1,50 °C).
    Grazzanise: +0,9 °C.
    Trevico (per una stazione montuosa in più e non lasciare Dobbiaco sola soletta): +0,2 °C.
    Bari Palese: +1,0 °C.
    Lamezia Terme: +2,2 °C (davvero calda la Calabria, scarti simili si sono avuti infatti a Reggio Calabria e in altre stazioni regionali).
    (Media Sud peninsulare: +1,08 °C).
    Palermo Punta Raisi: +0,6 °C.
    Cagliari Elmas: +1,5 °C.
    (Media Isole: +1,05 °C).

    Scarto medio italiano tra novembre 2017 e novembre 2018: +1,51 °C a favore di quest'ultimo. Essendo che nel 2017 novembre chiuse a -0,2 °C dalla media 1981-2010, questo novembre (stante la mia stima) dovrebbe chiudere a circa +1,3 °C sulla stessa trentennale. Magari di uno o due decimi verso il basso questo dato verrà ritoccato (stante il peso maggiore delle stazioni montane rispetto a quello che gli ho dato io, e in montagna tra lo scorso anno e questo c'è stata un po' meno differenza che in pianura), comunque chiuderemo con tutta probabilità di poco oltre il grado positivo di anomalia sulla 1981-2010. Su quest'ultima trentennale si basano gli scarti dalla media delle classifiche qui sotto riportate:
    Top 5 novembre più caldi dal 1900 ad oggi in Italia:
    1) 1926 (+2,9 °C).
    2) 2014 (+2,7 °C).
    3) 1963 (+2,3 °C).
    4) e 5) a pari merito: 2002 e 2012 (+1,9 °C).

    Top 5 novembre più freddi in Italia dal 1900 ad oggi:
    1) 1912 (-3,0 °C).
    2) 1922 (-2,8 °C).
    3) 1904 (-2,2 °C).
    4) e 5) a pari merito: 1920 e il non troppo lontano 1988 (-2,0 °C).

    Con i +1,3 °C sulla 1981-2010 da me stimati, il novembre 2018 dovrebbe chiudere grossomodo tra il nono e l'undicesimo posto dei novembre più caldi in Italia dal 1900 ad oggi.
    Complimenti sinceri per quanto hai fatto, che dati utilizzi?
    Marco Giazzi, Presidente MeteoNetwork

    Esiste quindi la possibilità di creare una realtà completamente nuova partendo da zero ma con forze nuove che abbiano voglia di divertirsi e lavorare. (Marco Giazzi, 27 Marzo 2002)

  8. #208
    Brezza tesa L'avatar di Perlecano
    Data Registrazione
    22/05/18
    Località
    Carbonate (CO) 267 m s.l.m.
    Età
    22
    Messaggi
    982
    Menzionato
    139 Post(s)

    Predefinito Re: Novembre 2018: anomalie termiche e pluviometriche

    Citazione Originariamente Scritto da Jerry Visualizza Messaggio
    Complimenti sinceri per quanto hai fatto, che dati utilizzi?
    Grazie!!! I miei dati sono teoricamente scadenti per qualità ma de facto forniscono un'immagine che si rivela piuttosto attendibile quando (qualche giorno dopo i miei resoconti) escono i dati ricavati da enti più autorevoli, per questo continuo a utilizzarli. Sarebbero i dati dell'archivio di ilm****.it. Per quanto quel sito abbia delle lacune (per usare un eufemismo) riguardo il tipo di meteorologia che propone, i dati in archivio sono gli stessi estremi termici, uniti alle temperature medie giornaliere, arrotondati all'unità delle stazioni meteo dell'AM che di volta in volta prendo in considerazione (sono sempre le stesse, a dire la verità). Sto più attento possibile a notare stazioni che improvvisamente sbarellano, in quel caso ne scelgo di limitrofe (tenendo presente l'importanza di un'interpolazione non proprio fatta a casaccio), evitando le prime sia nei raffronti con le medie trentennali, sia nei confronti con i mesi omologhi delle annate recenti. Una cosa buona che ho notato è che il profilo precipitativo e la copertura nuvolosa media non inficiano troppo la qualità dei dati riportati da ilm****.it, che presenta quindi dal punto di vista dell'archivio, un'affidabilità consueta più che discreta.

    Altre sovrastime/sottostime, benchè presenti, sono per varie ragioni più facilmente eliminabili: ad esempio ho notato che Milano Linate sovrastima le temperature giornaliere - da qualche mese a questa parte - tra 0,4 °C e 1,0 °C, per questo ho visto che la media di questo micro-range è 0,7 °C, quindi ho sottratto 0,7 dal dato grezzo del novembre 2018, dal nuovo valore corretto (benchè artigianalmente) ho calcolato una differenza dall'anno scorso più realistica possibile. Ho eliminato la stazione di Gioia del Colle (precedentemente di mio riferimento per le aree non litoranee del Sud peninsulare) perchè i dati per questo novembre sono stati quantomeno sospetti (troppo alti). Elimino costantemente alcuni decimi di grado (che aumentano al diminuire di copertura nuvolosa e piovosità) perchè mi sono accorto che Peretola sovrastima le massime in giornate particolarmente serene (e purtroppo non solo, come spesso accade per questo tipo di sovrastima, ciò accade nel semestre caldo, anzi). Con Perugia Sant'Egidio la faccenda è più complessa, le minime sono calate perchè ora vengono fatte dall'AM delle rilevazioni notturne che prima non c'erano, anche le medie giornaliere ne risentono ma ovviamente meno rispetto alle sole minime, ad esempio il +1,3 °C sull'omologo dello scorso anno è frutto di una stima non per forza precisissima, ma elaborata al meglio delle mie possibilità.

    Non vorrei che questa mia prolissità venisse scambiata per un mio tentativo di incensare la mia prassi di "indagine" che certamente non è così nobile negli intenti e nemmeno eccessivamente scrupolosa nella metodica, anzi; solamente ci tenevo a spiegare alcuni aspetti del mio lavoro.
    Ultima modifica di Perlecano; 02/12/2018 alle 19:52
    "Ho visto braccia farsi gabbia, luce farsi nebbia, ho visto me scappare in strade fuorimano e i Nazgûl sopra la mia testa; primo brutto viaggio, primo punto critico, primo buco in cui precipito, risorgo coi versi con cui vi mortifico". (Heskarioth, Flashback).

  9. #209
    Brezza tesa L'avatar di Perlecano
    Data Registrazione
    22/05/18
    Località
    Carbonate (CO) 267 m s.l.m.
    Età
    22
    Messaggi
    982
    Menzionato
    139 Post(s)

    Predefinito Re: Novembre 2018: anomalie termiche e pluviometriche

    Citazione Originariamente Scritto da AbeteBianco Visualizza Messaggio
    Gran lavoro statistico quello che fai... non è per nulla un esercizio evidente quello di ponderare i dati e calcolare le anomalie sulla base di "interpolazioni" geografiche. È un compito da climatologia di alto livello, dunque complimenti.

    Per quel che riguarda la Svizzera sul sito di MeteoSvizzera sono disponibili le serie omogeneizzate dal 1864 di una decina di stazioni, ma pure dei set di dati interpolati che vogliono rappresentare un dato numerico di temperatura considerando su tutto il territorio "la temperatura media della Svizzera", oppure "la temperatura media del Sud delle Alpi". Questo lavoro a partire dal 1981 è basato su dati interpolati a griglia (le varie mappe delle anomalie nazionali che hanno una risoluzione elevata), mentre per i dati precedenti viene eseguita una ponderazione dei dati delle circa 10 stazioni climatologiche. Come dicevo l'altro giorno, notiamo come le due stazioni alpine (Gran San Bernardo e Säntis) abbiano un peso elevatissimo nel calcolo perché geograficamente il territorio svizzero è per il 60% alpino, 30% altopiano e 10% Giura.

    Qui il link a quella serie ponderata di MeteoSvizzera e relative spiegazioni di calcolo:
    Temperatura media svizzera - MeteoSvizzera
    ti ringrazio per i complimenti , non li ritengo troppo meritati comunque, in ogni caso quando posso guardo la pagina che mi hai linkato! Come ho spiegato a Jerry nel post qui sopra, la mia fonte è teoricamente di quelle cattive, ma a livello pratico di quelle più che decenti, sempre che la si sappia interpretare e "correggere" un minimo.

    Ad esempio ho preso i dati (estremi meteo "istantanei" sulle 24 ore e calcolo di temperatura media per valore arrotondato all'unità aggiornato ogni 30 minuti) di 20 stazioni meteo in tutta Italia dal sito dell'AM nella prima decade di settembre, ho visto i valori dell'archivio di ilm****.it e ho trovato dati pressochè sovrapponibili, ovvio che un'approssimazione all'unità e l'utilizzo solo di un valore ogni mezz'ora tenderà a sovrastimare le minime, a sottostimare le massime, ma la temperatura media ti assicuro che era praticamente identica a quella arguibile dai confronti più puntuali fatti dal sito dell'AM, del resto la fonte (peraltro credo non esplicitata) per il sito meteo summenzionato è proprio il sito dell'AM.
    "Ho visto braccia farsi gabbia, luce farsi nebbia, ho visto me scappare in strade fuorimano e i Nazgûl sopra la mia testa; primo brutto viaggio, primo punto critico, primo buco in cui precipito, risorgo coi versi con cui vi mortifico". (Heskarioth, Flashback).

  10. #210
    Presidente MeteoNetwork L'avatar di Jerry
    Data Registrazione
    13/06/02
    Località
    Mantova
    Età
    48
    Messaggi
    4,083
    Menzionato
    15 Post(s)

    Predefinito Re: Novembre 2018: anomalie termiche e pluviometriche

    Citazione Originariamente Scritto da Perlecano Visualizza Messaggio
    Grazie!! I miei dati sono teoricamente scadenti per qualità ma de facto forniscono un'immagine che si rivela piuttosto attendibile quando (qualche giorno dopo i miei resoconti) escono i dati ricavati da enti più autorevoli, per questo continuo a utilizzarli. Sarebbero i dati dell'archivio di ilm****.it. Per quanto quel sito abbia delle lacune (per usare un eufemismo) riguardo il tipo di meteorologia che propone, i dati in archivio sono gli stessi estremi termici, uniti alle temperature medie giornaliere, arrotondati all'unità delle stazioni meteo dell'AM che di volta in volta prendo in considerazione (sono sempre le stesse, a dire la verità). Sto più attento possibile a notare stazioni che improvvisamente sbarellano, in quel caso ne scelgo di limitrofe (tenendo presente l'importanza di un'interpolazione non proprio fatta a casaccio), evitando le prime sia nei raffronti con le medie trentennali, sia nei confronti con i mesi omologhi delle annate recenti. Una cosa buona che ho notato è che il profilo precipitativo e la copertura nuvolosa media non inficiano troppo la qualità dei dati riportati da ilm****.it, che presenta quindi dal punto di vista dell'archivio, un'affidabilità consueta più che discreta.

    Altre sovrastime/sottostime, benchè presenti, sono per varie ragioni più facilmente eliminabili: ad esempio ho notato che Milano Linate sovrastima le temperature giornaliere - da qualche mese a questa parte - tra 0,4 °C e 1,0 °C, per questo ho visto che la media di questo micro-range è 0,7 °C, quindi ho sottratto 0,7 dal dato grezzo del novembre 2018, dal nuovo valore corretto (benchè artigianalmente) ho calcolato una differenza dall'anno scorso più realistica possibile. Ho eliminato la stazione di Gioia del Colle (precedentemente di mio riferimento per le aree non litoranee del Sud peninsulare) perchè i dati per questo novembre sono stati quantomeno sospetti (troppo alti). Elimino costantemente alcuni decimi di grado (che aumentano al diminuire di copertura nuvolosa e piovosità) perchè mi sono accorto che Peretola sovrastima le massime in giornate particolarmente serene (e purtroppo non solo, come spesso accade per questo tipo di sovrastima, ciò accade nel semestre caldo, anzi). Con Perugia Sant'Egidio la faccenda è più complessa, le minime sono calate perchè ora vengono fatte dall'AM delle rilevazioni notturne che prima non c'erano, anche le medie giornaliere ne risentono ma ovviamente meno rispetto alle sole minime, ad esempio il +1,3 °C sull'omologo dello scorso anno è frutto di una stima non per forza precisissima, ma elaborata al meglio delle mie possibilità.

    Non vorrei che questa mia prolissità venisse scambiata per un mio tentativo di incensare la mia prassi di "indagine" che certamente non è così nobile negli intenti e nemmeno eccessivamente scrupolosa nella metodica, anzi; solamente ci tenevo a spiegare alcuni aspetti del mio lavoro. Immagine
    Molto interessante... e ti piacerebbe magari potere lavorare con i dati della nostra rete meteo? Per produrre magari poi qualcosa..
    Marco Giazzi, Presidente MeteoNetwork

    Esiste quindi la possibilità di creare una realtà completamente nuova partendo da zero ma con forze nuove che abbiano voglia di divertirsi e lavorare. (Marco Giazzi, 27 Marzo 2002)

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •