Pagina 19 di 19 PrimaPrima ... 9171819
Risultati da 181 a 188 di 188
  1. #181
    Tempesta violenta
    Data Registrazione
    12/06/09
    Località
    Roma
    Messaggi
    13,083
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: L' Optimum Climatico Medioevale

    Sono perfettamente a conoscenza dell'olivicoltura in Piemonte, specie nella zona di Ivrea-Biella dove si è avviata anche una pregiata produzione locale

  2. #182
    Brezza leggera L'avatar di mky
    Data Registrazione
    10/08/16
    Località
    Borgnano (GO)
    Età
    49
    Messaggi
    426
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: L' Optimum Climatico Medioevale

    Un parametro non può essere preso come riferimento per un argomento complesso come il clima.
    Se parliamo di olivi e olivicoltura, dalle mie parti il Collio era territorio vocato per l'olivicoltura sia nel medioevo che nella PEG, 100-200 mt più in alto della pianura piante di olivo sono sopravvissute oltre che alle invasioni delle orde di Attila e dei Turchi, anche al freddo clima (con alterne fortune) della PEG.
    La gelata del '29 e (ahinoi) il fronte della I guerra mondiale hanno praticamente azzerato la presenza di questi alberi, tornati tra l'altro di gran moda negli ultimi 2 decenni. In pianura però tutt'ora, nonostante la moda, si fatica ancora ad ottenere dei risultati continui.
    Il microclima a volte può fare miracoli anche in periodi complessivamente più freddi di 2 gradi rispetto ai giorni nostri.
    Se poi Tizio ha piantato una pianta di banano nel giardino esposto a sud in Friuli, non per questo il clima è giocoforza adatto alla coltivazione delle banane.
    Discorso diverso per i ghiacciai, ovvio.

  3. #183
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    16,453
    Menzionato
    85 Post(s)

    Predefinito Re: L' Optimum Climatico Medioevale

    Citazione Originariamente Scritto da mky Visualizza Messaggio
    Un parametro non può essere preso come riferimento per un argomento complesso come il clima.
    Se parliamo di olivi e olivicoltura, dalle mie parti il Collio era territorio vocato per l'olivicoltura sia nel medioevo che nella PEG, 100-200 mt più in alto della pianura piante di olivo sono sopravvissute oltre che alle invasioni delle orde di Attila e dei Turchi, anche al freddo clima (con alterne fortune) della PEG.
    La gelata del '29 e (ahinoi) il fronte della I guerra mondiale hanno praticamente azzerato la presenza di questi alberi, tornati tra l'altro di gran moda negli ultimi 2 decenni. In pianura però tutt'ora, nonostante la moda, si fatica ancora ad ottenere dei risultati continui.
    Il microclima a volte può fare miracoli anche in periodi complessivamente più freddi di 2 gradi rispetto ai giorni nostri.
    Se poi Tizio ha piantato una pianta di banano nel giardino esposto a sud in Friuli, non per questo il clima è giocoforza adatto alla coltivazione delle banane.
    Discorso diverso per i ghiacciai, ovvio.
    Esatto
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  4. #184
    Vento teso
    Data Registrazione
    05/01/09
    Località
    Torino
    Età
    38
    Messaggi
    1,900
    Menzionato
    43 Post(s)

    Predefinito Re: L' Optimum Climatico Medioevale

    Questo famoso riferimento all'inverno che sembrava Luglio credo che sia solo stato ripreso male, in realtà è riferito all'assenza di precipitazioni fino a fine aprile ("la terra sembrava come fosse luglio") e i germogli che spuntarono tardi a causa della prolungata siccità e assenza di neve dell'inverno, l'inverno invece è descritto come piacevole, caldo(rispetto all'epoca e in questo presumibilmente incide anche il soleggiamento) e senza neve, non riesco proprio a credere che si possa morire stremati dal caldo in inverno neppure con il favonio più estremo, invece sono descritti un aumento di mortalità e ricoveri in estate e questo è decisamente più comprensibile.

    L' Optimum Climatico Medioevale-selection_051.png


    e poi vabbè a fine Luglio è piovuto ed era freddo che "sembrava autunno".

    L' Optimum Climatico Medioevale-selection_053.png
    https://static-content.springer.com/...MOESM1_ESM.pdf
    Ultima modifica di elz; 18/02/2019 alle 20:53

  5. #185
    Tempesta violenta
    Data Registrazione
    12/06/09
    Località
    Roma
    Messaggi
    13,083
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: L' Optimum Climatico Medioevale

    Citazione Originariamente Scritto da elz Visualizza Messaggio
    Questo famoso riferimento all'inverno che sembrava Luglio credo che sia solo stato ripreso male, in realtà è riferito all'assenza di precipitazioni fino a fine aprile ("la terra sembrava come fosse luglio") e i germogli che spuntarono tardi a causa della prolungata siccità e assenza di neve dell'inverno, l'inverno invece è descritto come piacevole, caldo(rispetto all'epoca e in questo presumibilmente incide anche il soleggiamento) e senza neve, non riesco proprio a credere che si possa morire stremati dal caldo in inverno neppure con il favonio più estremo, invece sono descritti un aumento di mortalità e ricoveri in estate e questo è decisamente più comprensibile.

    L' Optimum Climatico Medioevale-selection_051.png


    e poi vabbè a fine Luglio è piovuto ed era freddo che "sembrava autunno".

    L' Optimum Climatico Medioevale-selection_053.png
    https://static-content.springer.com/...MOESM1_ESM.pdf
    Belle queste cronache postate

  6. #186
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    16,453
    Menzionato
    85 Post(s)

    Predefinito Re: L' Optimum Climatico Medioevale

    Citazione Originariamente Scritto da elz Visualizza Messaggio
    Questo famoso riferimento all'inverno che sembrava Luglio credo che sia solo stato ripreso male, in realtà è riferito all'assenza di precipitazioni fino a fine aprile ("la terra sembrava come fosse luglio") e i germogli che spuntarono tardi a causa della prolungata siccità e assenza di neve dell'inverno, l'inverno invece è descritto come piacevole, caldo(rispetto all'epoca e in questo presumibilmente incide anche il soleggiamento) e senza neve, non riesco proprio a credere che si possa morire stremati dal caldo in inverno neppure con il favonio più estremo, invece sono descritti un aumento di mortalità e ricoveri in estate e questo è decisamente più comprensibile.

    L' Optimum Climatico Medioevale-selection_051.png


    e poi vabbè a fine Luglio è piovuto ed era freddo che "sembrava autunno".

    L' Optimum Climatico Medioevale-selection_053.png
    https://static-content.springer.com/...MOESM1_ESM.pdf
    Assolutamente d'accordo
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  7. #187
    Vento fresco
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    2,702
    Menzionato
    97 Post(s)

    Predefinito Re: L' Optimum Climatico Medioevale


  8. #188
    Vento fresco
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    2,702
    Menzionato
    97 Post(s)

    Predefinito Re: L' Optimum Climatico Medioevale

    .. " I dati del nucleo di ghiaccio suggeriscono che il clima di Svalbard era alquanto mite nel 1300 come lo è oggi. In effetti, le temperature estive potrebbero persino essere più alte ", spiega Elisabeth Isaksson.


    Nel corso degli ultimi mille anni, la temperatura media invernale nella "capitale" delle Longyearbyen di Svalbard è variata da meno 5 gradi Celsius intorno al 1000 dC a meno 25 gradi intorno al 1850.



    "Le storie su quanto sia stato freddo a Svalbard durante l'età d'oro della caccia e della cattura nel 19 ° secolo non sono esagerate", dice la ricercatrice Elisabeth Isaksson. Utilizzando i nuclei di ghiaccio provenienti da tre ghiacciai delle Svalbard, lei e i suoi colleghi hanno ricostruito un migliaio di anni di variazioni delle temperature invernali per Longyearbyen e per Vardø nella punta nord-orientale della Norvegia continentale.



    Temperature e isotopi

    Le temperature invernali sono state misurate dal 1911 a Longyearbyen e dal 1840 a Vardø. I ricercatori del progetto Svalbard ice core e variabilità climatica (SVICECLIM) hanno unito queste preziose serie temporali con dati provenienti da carote di ghiaccio perforate in tre diversi siti nelle Svalbard. La ricerca ha ricevuto finanziamenti nell'ambito del programma del Consiglio di ricerca norvegese sui cambiamenti climatici e gli impatti in Norvegia (NORKLIMA).


    I ricercatori hanno effettuato uno studio particolarmente dettagliato di un nucleo di ghiaccio lungo 121 metri estratto dal ghiacciaio di Lomonosovfonna, a 1230 metri sul livello del mare. Il ghiaccio nella parte inferiore del nucleo ha circa 1000 anni.



    Le proporzioni degli isotopi stabili 18O e 2H nel ghiaccio variano con la temperatura. La composizione isotopica può quindi essere utilizzata come proxy per le temperature storiche dell'aria prima del periodo per il quale abbiamo misurazioni strumentali. Le misurazioni del termometro di Vardø e Longyearbyen si sovrappongono con i dati del nucleo di ghiaccio al 1911 e al 1840. I ricercatori hanno utilizzato le temperature misurate da questi due siti e i dati degli isotopi dal nucleo di ghiaccio dal periodo di sovrapposizione (un metodo chiamato "ridimensionamento") a ricostruire quantitativamente le variazioni di temperatura precedenti.



    Lungo periodo di raffreddamento

    "I dati di un singolo nucleo di ghiaccio potrebbero non essere rappresentativi. Ma abbiamo usato carote di ghiaccio da diverse parti delle Svalbard, e possiamo essere abbastanza fiduciosi sui nostri risultati sulle fluttuazioni climatiche nelle Svalbard e nella Norvegia settentrionale fin dall'epoca dei Vichinghi ", dice Elisabeth Isaksson.


    Tre periodi

    Il progetto SVICECLIM ha mostrato che le tendenze della temperatura invernale nelle Svalbard e nella Norvegia settentrionale negli ultimi mille anni possono essere approssimativamente divise in tre. Per cominciare, c'è stato il lungo periodo di raffreddamento costante che inizia nel Medioevo. Questo fu seguito dal periodo molto freddo del 1800 e poi dal rapido riscaldamento iniziato intorno al 1900.


    "Il rapido riscaldamento durante il 20 ° secolo era già ben documentato. Ora abbiamo informazioni più affidabili sia nel 1800 che nei secoli precedenti. I dati del nucleo di ghiaccio suggeriscono che il clima di Svalbard era alquanto mite nel 1300 come lo è oggi. In effetti, le temperature estive potrebbero persino essere più alte ", spiega Elisabeth Isaksson.

    Elisabeth Isaksson e i suoi colleghi non sono affatto i primi scienziati ad aver forato carote di ghiaccio per indagare sui cambiamenti climatici del passato, ma nessuno ha mai fatto studi così dettagliati sulle carote di ghiaccio delle Svalbard. I più noti programmi di carotaggio su ghiaccio sono stati condotti in Groenlandia e in Antartide. Alcune delle carote di ghiaccio coprono un arco temporale molto più lungo rispetto a quelle di Svalbard - il nucleo di ghiaccio più profondo dell'Antartide risale a 800.000 anni fa.


    Svalbard ha un clima marittimo, che è fortemente influenzato dalle fluttuazioni di temperatura nell'Oceano Atlantico. La Groenlandia e l'Antartide sono molto più simili a grandi continenti con il loro clima. Ciò significa che i dati di base di ghiaccio di Svalbard completano i dati provenienti dalla Groenlandia e dall'Antartide.
    Le carote di ghiaccio possono dirci qualcosa di più delle temperature



    Elisabeth Isaksson e il suo team hanno estratto anche altre informazioni dai nuclei di ghiaccio. Hanno trovato prove delle eruzioni dei vulcani islandesi Laki e Grimsvötn nel 1783 e 1906, test nucleari sovietici negli anni '50 e '60 e del disastro di Chernobyl nel 1986. Tutti questi indicatori temporali sono importanti per i ricercatori quando cercano di datare i diversi strati dei nuclei di ghiaccio.



    I ricercatori hanno anche potuto studiare la diffusione di sostanze inquinanti nell'Artico. Sappiamo che la diffusione dello zolfo nell'atmosfera è iniziata verso il 1850. Le concentrazioni di inquinanti come PCB, DDT e ritardanti di fiamma bromurati sono aumentate gradualmente durante il 1900, ma hanno iniziato a diminuire di nuovo poiché il loro uso è stato vietato. Ora nuovi agenti inquinanti compaiono negli strati superiori di ghiaccio sui ghiacciai. " ..

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •