Pagina 4 di 6 PrimaPrima ... 23456 UltimaUltima
Risultati da 31 a 40 di 60
  1. #31
    Fulviots
    Ospite

    Predefinito Re: Il GW aumenta realmente le possibilità di avere ondate di gelo severe ?

    Citazione Originariamente Scritto da ovestest Visualizza Messaggio
    mah....questa tua posizione mi sembra un pò di parte e influenzata dal fatto che vivi a Napoli e in questi anni ti è andata bene. Se vivessi a Milano, Trieste o Alghero o Pescara diresti lo stesso? Non credo.
    Hai tirato in ballo Trieste, ti posso dire che dal 2012 in poi, ma anche dal 2009, ci sono stati gli episodi più intensi dal 1985 e, in alcuni casi, vedi febbraio 2012, dal 1956 e fine febbraio 2018 dove si è registrata probabilmente la minima o una delle minime più basse tardive da molti decenni.
    Che sia un caso o frutto di qualcosa che noi ancora non comprendiamo non so dirtelo, ma l'esempio di Giuseppe calza bene, dagli anni 80 non si assisteva a irruzioni di magnitudo così forti e in alcuni casi anche durature. E il tutto in mezzo a una mitezza che disarma, basti pensare febbraio 2018, preceduto da gennaio a oltre +3° e seguito da aprile maggio ecc a +3°/+4° a oltranza! Nei tempi che furono, le irruzioni gelide erano incastonate a inverni di spessore o ad annate di rilievo.
    Ah, stasera nevica fin quasi Trieste, dove sono io nevicatona con 0.3° a novembre erano anni che non accadeva.

  2. #32
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    10/08/09
    Località
    Roma 20 mt s.l.m.
    Messaggi
    672
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Il GW aumenta realmente le possibilità di avere ondate di gelo severe ?

    Penso che sia la solita strategia di spiegare qualsiasi cosa in base ad unica tesi (GW). Siccome nell'ultimo decennio sono aumentati gli eventi di freddo estremo in Europa, si cerca di giustificare a posteriori una tendenza opposta alle attese. Vorrei sapere chi, dieci o 15 anni fa tra i sostenitori dell'AGW, avrebbe mai solo ipotizzato una tesi di questo tipo....
    personalmente penso che solo in alcuni contesti del tutto particolari il GW forse possa aver contribuito ad esempio aumentando i contrasti e innalzando verso nord la parte dell'onda in retrogressione (gennaio 2017?). Per il resto leggasi bassa attività solare (che influisce molto sui pattern e molto meno sulla T globale) coadiuvata anche dalla AMO in fase positiva

  3. #33
    Tempesta violenta
    Data Registrazione
    12/06/09
    Località
    Roma
    Messaggi
    12,937
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Il GW aumenta realmente le possibilità di avere ondate di gelo severe ?

    Anche su alcuni libri meteo ho letto infatti che il GW provoca maggiore energia nell'atmosfera, e ciò può paradossalmente favorire anche alcune ondate di freddo molto intenso

  4. #34
    Uragano L'avatar di Friedrich 91
    Data Registrazione
    04/07/07
    Località
    Ferrara (FE) 9 m s.l.m.
    Età
    27
    Messaggi
    33,063
    Menzionato
    42 Post(s)

    Predefinito Re: Il GW aumenta realmente le possibilità di avere ondate di gelo severe ?

    Citazione Originariamente Scritto da AbeteBianco Visualizza Messaggio
    Io dal mio punto di vista alpino direi anche che negli inverni di adesso sono poco presenti quelle ondate di freddo medio-forti ricorrenti nel primo decennio degli anni '2000, oppure contesti freddi che vanno oltre a singoli episodi.
    Si pensi ad esempio all'inverno 2001-02, febbraio 2003, inverni dal 2004 al 2006, Natale 2008, dicembre 2009 e dicembre 2010. Eventi che a livello assoluto non sono come un buran, ma rendono bene termicamente e oltretutto sono episodi meno "campati per aria" di una pausa in mezzo al mite come nel 2012 (oppure dopo una sconceria di gennaio come nel 2018)

    Inoltre qui l'ondata di dicembre 2014 è stata un flop, gennaio 2017 invece costantemente freddo ma anch'esso è stata un' occasione sprecata per come la vedo io.

    In fin dei conti delle singole irruzioni hanno reso bene gli episodi di febbraio 2012 e parzialmente febbraio 2018. In entrambi i casi la situazione precedente era mite e anonima, nel 2012 è poi in seguito iniziata subito la primavera, mentre nel 2018 l'evento stesso è stato quasi in primavera e dunque forzatamente con qualche limite rispetto la piena stagione invernale.
    Interessante. Io non posso dire la stessa cosa dei due eventi che hai citato, 2012 e 2018 (che siano campati per aria), ma posso sicuramente dirla per altri eventi ottimali come il Dicembre 2009, preceduto e seguito da una mitezza assai notevole. Così come tutto sommato posso dirla per il Febbraio 2003, tenendo conto che Novembre-Dicembre 2002 qua furono una schifezza incommensurabile, penso entrambi tra i più miti di sempre, e Gennaio, tolta la bellissima parentesi fredda tra il 6 e il 13, fu pure lui relativamente mite.

    Veniamo al 2012. Che il 2011-12 sia stato un inverno "durato solo 20 giorni" è una panzana totale, almeno per la bassa padana centro-orientale. Qui il 2011-12 vide un Dicembre mitissimo fino al 17-18 circa, poi con una fase discretamente fredda fino a Natale, il che lo fece chiudere come lievemente sopra media (circa +0,5 dalla 1971-00).

    Gennaio iniziò di nuovo assai mite e andò avanti così fino a circa l'11-12 del mese quando intervenne un primo raffreddamento, ma fu soprattutto dal 16 che iniziò una serie di giornate da inversione padana d.o.c. stante un anticiclone che prima fece affluire aria continentale poi spanciò: nebbia gelida e galaverna, con 4 giornate di ghiaccio filate.

    La terza decade proseguì con clima freddo, e dal giorno 30 ebbe inizio l'avvezione gelida continentale del Febbraio successivo (che tempi, ricordo che non stavo nella pelle in quei giorni lì, con più guardavo i modelli e più ero sbigottito ). Tanto che Gennaio 2012 qui chiuse a -0,3 dalla 1971-00. Insomma, 2011-12 SIGNOR inverno qua, molto meglio di tanti altri inverni pompatissimi come il 2005-06 dalle mie parti . E' però vero che dal 20-21 Febbraio scoppiò la primavera.

    2018....qui invece fu il contrario del 2012. Prima dell'evento ci fu il Gennaio mitissimo che conosciamo seguito da una prima decade di Febbraio altrettanto da film horror qui. Poi man mano dal 12-13 un bel raffreddamento, fino all'evento. All'ondata, conclusasi con le tre perturbazioni dell'1-4 Marzo, fece tuttavia seguito una fase di T nella norma fino al 17 Marzo, seguita poi da una nuova ondata di freddo da NE che tirò dritto fino al 25 Marzo, e ci portò a chiudere Marzo 2018 a -1.3 dalla 1971-00.
    Avatar: Pianura Padana con le Alpi sullo sfondo.

  5. #35
    Vento forte L'avatar di inocs
    Data Registrazione
    11/07/03
    Località
    Caposele - 480 m
    Età
    43
    Messaggi
    4,658
    Menzionato
    3 Post(s)

    Predefinito Re: Il GW aumenta realmente le possibilità di avere ondate di gelo severe ?

    Ah, ma hai rubato a piene mani dal mio avatar :-)


    Citazione Originariamente Scritto da Dream Design Visualizza Messaggio
    Dell'oggetto della discussione se n'è parlato spesso in TD sparsi, ho deciso però di aprire un TD apposito per cercare di discuterne circa le cause se è possibile ... e le dinamiche, partendo da queste quattro carte:


    Allegato 493692
    Allegato 493691
    Allegato 493690
    Allegato 493689

    (e qui il buon @inocs mi ha dato un'idea )

    in sostanza: fino a che il Febbraio 2012 ebbe modo di svilupparsi in Europa, con l'evento nevoso di Roma, il gelo al Nord severo e tanti altri episodi sembrava un'evento fine a se stesso (complice anche il Marzo che ne seguì e l'interno anno caldissimo), tuttavia, col caldo in costante aumento nelle medie mensili e annuali, si è assistito anche al ritorno di ondate di freddo di un certo spessore più a Sud: ecco il fine Dicembre 2014 e la -10-13 che sbarca al Sud, fino alle regioni Tirreniche, isoterme che mancavano dal 1981 in tali zone.

    Nel Gennaio 2017 poi, apparentemente "dal nulla", un massiccio lago di aria gelida Artico-Continentale piomba su Balcani e Italia, regalando due settimane di freddo veramente tenace, torna la -10 e oltre al Sud con la -15 sulle Adriatiche

    E infine, quest'anno: uno SW imponente fa scivolare giù una massa d'aria Buranica imponente regalando la maggiore ondata di gelo per la terza decade di Febbraio dal dopoguerra in tutta Europa, di nuovo la neve a Roma e la neve su tutta la città di Napoli dopo 62 anni.

    dal 1988, cioè dall'ipotetico gradino in sù del GW sopratutto in Europa, fino al 2006 circa, gli Inverni sono stati caratterizzati in Italia da episodi o anche da lunghi periodi di freddo moderato (specie primi anni 2000) ma a parte sporadici casi, in nessuno di questi Inverni si sono registrati eventi cosi massicci e a latitudini anche Mediterranee; per carità, inverni di un certo spessore (tipo il 1990/91 o 2004/05, o anche il successivo) ma che, sopratutto negli ultimi due casi, hanno sempre faticato a portare eventi storici in Italia, ma spesso sfiorati

    Prima del 1988 invece, come la storia ci ha sempre insegnato, il freddo era "maggiore a disposizione" in giro e quindi si alternavano inverni comunque freddi a inverni con ondate di gelo storiche

    Da dove nasce il dubbio ? Il dubbio nasce che sia a livello italico che mondiale proprio dal 2012/14 la temperature media è aumentata paurosamente, ma allora come è possibile avere una quantità di freddo cosi ogni volta, seppur limitata nel tempo rispetto ad anni fa, con tutto "il caldo" presente in giro ?

    Partendo dal presupposto che questi episodi di gelo ultimi non li reputo un caso isolato, l'idea personale è che a supporto di più caldo in giro, che si manifesta principalmente non tanto in episodi di caldo intenso ma in una sorta di livella meteo con le configurazioni dislocate qualche migliaio di chilometro più a Nord, in mancanza di episodi di freddo più zonale o di Articate (negli ultimi inverni si contano sulle dita di una mano), il gelo è come si fosse "compressato" a latitudini settentrionali e quando viene liberato scende giù in blocco, senza episodi di mezzo

    Per la mia, che seguo la meteo dai primi anni 2000 e registro i dati dal 2002 circa, posso confermare che i picchi di gelo avuti durante queste ondate di gelo ultime erano assolutamente utopici: negli ultimi quattro anni, ho personalmente registrato, all'interno di un trend volto ad un massiccio riscaldamento:

    - la temperatura minima più bassa in zona presumibilmente dal 1981/1985
    - la temperatura massima più bassa dal 1988
    - l'accumulo di neve maggiore dal Gennaio 1985 (da me, al centro storico come detto dal 1956)

    Pertanto credo che questo genere di episodi o di mesi si possa reiterare col tempo, al di là degli indici che caratterizzano singolarmente ogni inverno ... voi cosa ne pensate ?
    Inviato dal mio GT-I9301I utilizzando Tapatalk
    I modelli fanno e disfanno. I santoni del web cianciano.

    *
    Always looking at the sky

    *

  6. #36
    Vento forte
    Data Registrazione
    14/02/08
    Località
    Mantova - Padova
    Messaggi
    3,077
    Menzionato
    39 Post(s)

    Predefinito Re: Il GW aumenta realmente le possibilità di avere ondate di gelo severe ?

    Citazione Originariamente Scritto da Z_M Visualizza Messaggio
    per le mie zone potrei dire l'esatto contrario di un abitante del centro sud, la neve sulla città di Genova è diventata ad esempio sempre più una rarità.
    Per quanto io sia d'accordo con te, sulla neve a Genova ci andrei cauto. I miei colleghi genovesi dicevano che prima del 2005 era molto raro vederla in città, anzi erano anni che non succedeva (non so se dal Capodanno 1997, ma può darsi); viceversa dopo ci sono stati numerosi inverni con nevicate in città, a volte anche più volte. Certo anche lì dal 2014 al 2017 c'è stata "siccità" di neve, nel senso di nulla sulla città vera e propria e poco/pochissimo in collina e nell'interno; ma l'inverno scorso 2018 s'è imbiancata di nuovo anche Nervi, cosa ancora più rara perché totalmente protetta dalla tramontana scura e quindi soggetta a nevicate solo con nuclei molto freddi.

  7. #37
    Brezza tesa L'avatar di Z_M
    Data Registrazione
    16/12/16
    Località
    Savona
    Messaggi
    628
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Il GW aumenta realmente le possibilità di avere ondate di gelo severe ?

    Citazione Originariamente Scritto da FilTur Visualizza Messaggio
    Per quanto io sia d'accordo con te, sulla neve a Genova ci andrei cauto. I miei colleghi genovesi dicevano che prima del 2005 era molto raro vederla in città, anzi erano anni che non succedeva (non so se dal Capodanno 1997, ma può darsi); viceversa dopo ci sono stati numerosi inverni con nevicate in città, a volte anche più volte. Certo anche lì dal 2014 al 2017 c'è stata "siccità" di neve, nel senso di nulla sulla città vera e propria e poco/pochissimo in collina e nell'interno; ma l'inverno scorso 2018 s'è imbiancata di nuovo anche Nervi, cosa ancora più rara perché totalmente protetta dalla tramontana scura e quindi soggetta a nevicate solo con nuclei molto freddi.
    Ricordo una buona nevicata (intorno ai 15 cm) il 17 gennaio del 2001, esiste comunque una serie storica che posso recuperare con un po' di ricerche in rete.

  8. #38
    Vento fresco
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    2,534
    Menzionato
    93 Post(s)

    Predefinito Re: Il GW aumenta realmente le possibilità di avere ondate di gelo severe ?

    Citazione Originariamente Scritto da Copernicus64 Visualizza Messaggio
    Penso che sia la solita strategia di spiegare qualsiasi cosa in base ad unica tesi (GW). Siccome nell'ultimo decennio sono aumentati gli eventi di freddo estremo in Europa, si cerca di giustificare a posteriori una tendenza opposta alle attese. Vorrei sapere chi, dieci o 15 anni fa tra i sostenitori dell'AGW, avrebbe mai solo ipotizzato una tesi di questo tipo....
    personalmente penso che solo in alcuni contesti del tutto particolari il GW forse possa aver contribuito ad esempio aumentando i contrasti e innalzando verso nord la parte dell'onda in retrogressione (gennaio 2017?). Per il resto leggasi bassa attività solare (che influisce molto sui pattern e molto meno sulla T globale) coadiuvata anche dalla AMO in fase positiva

    nel nord Emisfero tra il 1980 e 1994 , la serie di annate con inverni con la piu bassa estensione nevosa in assoluto dal 1967 , durante l alta attivita Solare i piu intensi massimi Solari , l inverno 1981 il meno nevoso .

    dal 2008/2009 nel nord Emisfero inverni piu nevosi .

  9. #39
    Vento fresco
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    2,534
    Menzionato
    93 Post(s)

    Predefinito Re: Il GW aumenta realmente le possibilità di avere ondate di gelo severe ?

    Citazione Originariamente Scritto da marco85 Visualizza Messaggio
    A mio modestissimo parere no.
    Per quanto mi riguarda le cause di questo improvviso aumento statistico ravvicinato delle ondate fredde di grande rilevanza sono da imputarsi al Sole, che proprio dal 2008 è entrato in una fase di rara ed estrema debolezza.
    Da allora abbiamo avuto:
    -dicembre 2009
    -febbraio 2012
    -gennaio 2017
    -febbraio 2018

    e, come parametro secondo me piuttosto attendibile, si potrebbe usare la neve su Roma.
    L'ultima nevicata sulla città nella sua interezza fu nel 1991 (6cm) poi una lunghissima pausa (condita da sporadici fiocchi, qualche locale spolverata ma niente più) fino agli anni presi in considerazione:
    12/02/2010
    Neve in tutta la città, forte dalle 10.30 alle 11.30. Al suolo 1/2 cm in centro, accumuli maggiori (4/5 cm) nelle zone sud. (Ciampino 1/4, Fiumicino 1/6)
    17/12/2010
    Neve dalle 12 nelle zone sud della città e a Fiumicino poi anche in centro e periferia nord. Dalle 16 mista, poi pioggia. Accumuli di circa 1/2 centimetri in centro, fino a 4 zone nord.
    (Ciampino -6/4, Fiumicino -5/5, Roma Urbe -5/2)
    03/02/2012
    Neve nella notte solo sui quartieri sud/est 1-2 cm.
    Dalle 10 sui quartieri nord, poi dalle 12 anche in centro. Pioggia nelle zone sud. Dalla tarda serata neve in tutta la città.
    04/02/2012
    Nella notte neve forte in tutta la città fino alle 6 del mattino. Accumuli di circa 10 centimetri zone sud, 15 in centro e fino a 30 zone nord (Cassia/Trionfale).
    (Ciampino 0/3, Fiumicino 1/3, Roma Urbe 0/2)
    10/02/2012
    Dalla tarda mattinata neve intermittente sui quartieri nord, fiocchi anche in centro. Dalla serata neve debole/moderata in tutta la città e vento gelido. Accumuli complessivi di circa 5 cm, più abbondanti nelle zone di nord/ovest
    11/02/2012
    Mattinata serena, poi alle 12 temporale nevoso specie sui quartieri a sud/ovest.
    Accumuli complessivi tra i 5 e i 10 cm
    26/02/2018
    Neve abbondante durante la notte, dalle ore 01:00 alle ore 11:00 del mattino. Accumuli importanti, variabili dai 10 cm del litorale e zone Ovest ai 15 cm degli altri quartieri (Temperature: 0/3).
    28/02/2018
    Fiocchi di neve su diversi quartieri nella tarda serata ed anche in diretta TV durante il match di coppa Italia Lazio-Milan. Leggero velo su auto e prati nei quartieri più a Nord. Trasformazione in pioggia nella notte.

    qui trovate tutta la serie MeteoMio: il tuo meteo attendibile per Roma e provincia
    in effetti gli eventi nevosi e gelidi anche di portata storica dal 2009 ,
    anche dicembre 2010 e' stato storicamente gelido e nevoso in Europa.

    dal 2008 anche l autunno per il nord Emisfero e' piu nevoso

    il mese di ottobre estensione nevosa dal 1967,
    estensione piu bassa durante alta attivita Solare tra il 1979 e 1996 ,

    dal 2008/2009 bassa attivita' Solare ,
    ottobre piu nevosi per il nord Emisfero con estensione maggiore in particolare dal 2012 .

    Ultima modifica di robertino; 20/11/2018 alle 01:12

  10. #40
    Vento moderato
    Data Registrazione
    23/06/13
    Località
    Narni (TR) 120m
    Età
    33
    Messaggi
    1,429
    Menzionato
    13 Post(s)

    Predefinito Re: Il GW aumenta realmente le possibilità di avere ondate di gelo severe ?

    Citazione Originariamente Scritto da ovestest Visualizza Messaggio
    Ecco un altro esempio di messaggio un po’ campanilista (Terni fa parte della stessa regione in cui si trova Roma dalla quale non è molto distante), ma per sostenere la tesi contraria dell'autore di questo thread. Il mondo è grande e non si può stabilire una tesi solo in base al tempo che ha fatto e fa a Milano, a Napoli, New York o Città del Capo.
    al di là che Terni non si trova nel Lazio ma in Umbria (geografia vabbè...) è vero che siamo vicini (circa 90km) ed infatti anche qui sono aumentate le nevicate dal 2009 in poi.Inoltre è fuorviante dire che sono all'opposto dell'autore del thread, dato che entrambi crediamo che le ondate di gelo severe siano aumentate. E comunque non mi pare che il titolo sia una affermazione, semmai una domanda a cui al momento nessuno può dare risposte certe ma solo ipotesi e opinioni.
    Ho preso ad esempio Roma e non Terni per ovvie ragioni, la prima è che Roma la conoscono tutti e sanno quanto sia difficile veder nevicate (più difficile che a Terni, questo è certo) e perchè appariva senza troppe chiacchere come un primo elemento incontrovertibile di un certo fenomeno in aumento negli ultimi 10 anni.
    Si potrebbe parlare di molti argomenti, di varie parti del mondo, ma intanto questo sta succedendo qui, negli ultimi anni, e non su marte.
    Ultima modifica di marco85; 20/11/2018 alle 09:38
    dicembre 1996: la perfezione
    febbraio 2012: l'apoteosi
    febbraio 2018: la sorpresa

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •