Pagina 6 di 8 PrimaPrima ... 45678 UltimaUltima
Risultati da 51 a 60 di 74
  1. #51
    Vento forte L'avatar di EnnioDiPrinzio
    Data Registrazione
    15/09/12
    Località
    Lanciano (Chieti)
    Messaggi
    4,659
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Il 2018 agli scrutini(in attesa di dicembre). Qui i voti all'anno che sta per finire

    Io archivio il 2018 come un anno "senza infamia e senza lode" estate gradevole con pochissimi giorni a 30°o più (solo tre), ci sono stati periodi piovosi anche in estate (una alluvione) ma poi è tornato un po' di sole per una discreta produzione di vino ed olio.
    Neve sottomedia da me a Lanciano (35cm/50).
    L'estate quasi fresca è segnalata anche dal fatto che i due nevai che vedo dalla finestra hanno superato l'estate senza problemi (Maiella).

  2. #52
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    22/05/18
    Località
    Carbonate (CO) 267 m s.l.m.
    Età
    21
    Messaggi
    526
    Menzionato
    39 Post(s)

    Predefinito Re: Il 2018 agli scrutini(in attesa di dicembre). Qui i voti all'anno che sta per finire

    Citazione Originariamente Scritto da appassionato_meteo Visualizza Messaggio
    Ora metto il grafico delle temperature medie annuali:

    Allegato 498361

    Come detto all’inizio, abbiamo eguagliato il record del 2014; il risultato finale è identico per 2014 e 2018, ma l’andamento è stato ben diverso perché il 2014 è stato super piovoso (record assoluto con 2282 mm, +950 rispetto al 2018!) con mesi invernali caldissimi ed estate relativamente fresca mentre questo ha visto le anomalie principali concentrate fra metà aprile e la prima metà di novembre (con febbraio e marzo freddi).
    Il riscaldamento rispetto agli anni ’90 è evidentissimo: le medie decennali sono di 12.9°C, 13.6°C e 14°C, gli anni sottomedia prima erano sette, poi tre ed in questo decennio nessuno.
    Ora metto le temperature ad 850 hPa:

    Allegato 498362

    Anche le temperature in quota sono in aumento, ma l’andamento è un po' differente rispetto al suolo; curiosamente è stato eguagliato il 2014 (e il 2011) pure qui.
    Le medie decennali precedenti sono di 5.9°C, 5.8°C, 6°C; al momento questo decennio è balzato a ben 6.8°C con ben sette anni su otto tra i primi dieci più caldi (l’unico ad esserne fuori è il 2013 che è diciassettesimo).
    Le cose hanno iniziato a cambiare a partire dal 2006 circa e l’ultimo anno veramente freddo è al momento il 2010; questo perché in questo decennio si sono sommati i cambiamenti partiti in quelli precedenti ed essi non sono stati controbilanciati a differenza del passato.
    Infatti negli anni ’90 le estati si erano scaldate come pure gli inverni, ma gli autunni freddi avevano mascherato il tutto; nel decennio scorso gli inverni rigidi (i migliori nel complesso) avevano controbilanciato l’ulteriore riscaldamento estivo e l’inizio di quello autunnale e primaverile.
    Durante questo le estati sono salite ancora (ben 1.7°C dagli anni ’80), gli inverni sono peggiorati tornando ai livelli complessivi degli anni ’90 e il riscaldamento primaverile ed autunnale ha preso in pieno questo periodo; da qui “l’esplosione” delle medie annuali e di quella decennale.
    Adesso lo zero termico:

    Allegato 498363

    L’andamento è molto simile a quello delle temperature, in questo caso però il 2018 scivola al nono posto complessivo; le medie decennali sono di 2527, 2488, 2517 e 2644 metri, con un incremento complessivo di 117.
    Pure in questo caso il decennio corrente ha una media nettamente più alta dei precedenti con sette anni su otto tra i primissimi (anche qui il 2015 è in testa); il 2013 si conferma il meno anomalo (è in media) ed è ventesimo.
    Infine la pioggia:

    Allegato 498364

    Le medie decennali degli accumuli sono di 1456.6, 1493.7 e 1547.4; quelle dei giorni piovosi sono 100, 101 e 99, i giorni piovosi non mostrano tendenze mentre gli accumuli annuali sembrano crescere leggermente (da notare che in questo decennio abbiamo l’anno più piovoso e più secco della serie e per giunta uno dietro l’altro: 2014 e 2015).

    In conclusione, il 2018 è stato molto caldo sia al suolo che in quota; tuttavia non è così anomalo se consideriamo il contesto attuale, dato che non discosta molto dalla media degli ultimi otto anni.
    L’anno è stato caratterizzato da una lunga fase calda iniziata a metà aprile e conclusasi circa a metà novembre; la seconda metà primaverile è stata rovente ed aprile ha confermato il suo forte cambiamento avvenuto dal 2007 in poi.
    L’estate è stata calda sia al suolo che in quota (un po' più indietro come ZT e gpt), confermando la recente tendenza ad avere stagioni calde a ritmo incalzante; non ci sono state ondate di calore particolarmente forti, ma piuttosto pochissime pause (e una persistente instabilità).
    L’autunno è stato decisamente caldo, come non capitava da quattro anni; a fine ottobre la famosa sciroccata ha portato un sacco di danni su parte della zona montana del FVG, lo Scirocco a 200 km/h sulle cime dei monti “è un evento da annali” (definizione di un meteorologo dell’Arpa FVG).
    Dicembre non è stato né carne né pesce, gennaio insipido, mentre solo febbraio e marzo sono stati freddi e hanno riscattato le precedenti prestazioni deludenti.
    Leggerti è un grandissimo piacere; hai una passione straordinaria!
    "Ho visto braccia farsi gabbia, luce farsi nebbia, ho visto me scappare in strade fuorimano e i Nazgûl sopra la mia testa; primo brutto viaggio, primo punto critico, primo buco in cui precipito, risorgo coi versi con cui vi mortifico". (Heskarioth, Flashback).

  3. #53
    Presidente MeteoNetwork L'avatar di Jerry
    Data Registrazione
    13/06/02
    Località
    Mantova
    Età
    48
    Messaggi
    4,061
    Menzionato
    15 Post(s)

    Predefinito Re: Il 2018 agli scrutini(in attesa di dicembre). Qui i voti all'anno che sta per finire

    Citazione Originariamente Scritto da appassionato_meteo Visualizza Messaggio
    Ora metto il grafico delle temperature medie annuali:

    Allegato 498361

    Come detto all’inizio, abbiamo eguagliato il record del 2014; il risultato finale è identico per 2014 e 2018, ma l’andamento è stato ben diverso perché il 2014 è stato super piovoso (record assoluto con 2282 mm, +950 rispetto al 2018!) con mesi invernali caldissimi ed estate relativamente fresca mentre questo ha visto le anomalie principali concentrate fra metà aprile e la prima metà di novembre (con febbraio e marzo freddi).
    Il riscaldamento rispetto agli anni ’90 è evidentissimo: le medie decennali sono di 12.9°C, 13.6°C e 14°C, gli anni sottomedia prima erano sette, poi tre ed in questo decennio nessuno.
    Ora metto le temperature ad 850 hPa:

    Allegato 498362

    Anche le temperature in quota sono in aumento, ma l’andamento è un po' differente rispetto al suolo; curiosamente è stato eguagliato il 2014 (e il 2011) pure qui.
    Le medie decennali precedenti sono di 5.9°C, 5.8°C, 6°C; al momento questo decennio è balzato a ben 6.8°C con ben sette anni su otto tra i primi dieci più caldi (l’unico ad esserne fuori è il 2013 che è diciassettesimo).
    Le cose hanno iniziato a cambiare a partire dal 2006 circa e l’ultimo anno veramente freddo è al momento il 2010; questo perché in questo decennio si sono sommati i cambiamenti partiti in quelli precedenti ed essi non sono stati controbilanciati a differenza del passato.
    Infatti negli anni ’90 le estati si erano scaldate come pure gli inverni, ma gli autunni freddi avevano mascherato il tutto; nel decennio scorso gli inverni rigidi (i migliori nel complesso) avevano controbilanciato l’ulteriore riscaldamento estivo e l’inizio di quello autunnale e primaverile.
    Durante questo le estati sono salite ancora (ben 1.7°C dagli anni ’80), gli inverni sono peggiorati tornando ai livelli complessivi degli anni ’90 e il riscaldamento primaverile ed autunnale ha preso in pieno questo periodo; da qui “l’esplosione” delle medie annuali e di quella decennale.
    Adesso lo zero termico:

    Allegato 498363

    L’andamento è molto simile a quello delle temperature, in questo caso però il 2018 scivola al nono posto complessivo; le medie decennali sono di 2527, 2488, 2517 e 2644 metri, con un incremento complessivo di 117.
    Pure in questo caso il decennio corrente ha una media nettamente più alta dei precedenti con sette anni su otto tra i primissimi (anche qui il 2015 è in testa); il 2013 si conferma il meno anomalo (è in media) ed è ventesimo.
    Infine la pioggia:

    Allegato 498364

    Le medie decennali degli accumuli sono di 1456.6, 1493.7 e 1547.4; quelle dei giorni piovosi sono 100, 101 e 99, i giorni piovosi non mostrano tendenze mentre gli accumuli annuali sembrano crescere leggermente (da notare che in questo decennio abbiamo l’anno più piovoso e più secco della serie e per giunta uno dietro l’altro: 2014 e 2015).

    In conclusione, il 2018 è stato molto caldo sia al suolo che in quota; tuttavia non è così anomalo se consideriamo il contesto attuale, dato che non discosta molto dalla media degli ultimi otto anni.
    L’anno è stato caratterizzato da una lunga fase calda iniziata a metà aprile e conclusasi circa a metà novembre; la seconda metà primaverile è stata rovente ed aprile ha confermato il suo forte cambiamento avvenuto dal 2007 in poi.
    L’estate è stata calda sia al suolo che in quota (un po' più indietro come ZT e gpt), confermando la recente tendenza ad avere stagioni calde a ritmo incalzante; non ci sono state ondate di calore particolarmente forti, ma piuttosto pochissime pause (e una persistente instabilità).
    L’autunno è stato decisamente caldo, come non capitava da quattro anni; a fine ottobre la famosa sciroccata ha portato un sacco di danni su parte della zona montana del FVG, lo Scirocco a 200 km/h sulle cime dei monti “è un evento da annali” (definizione di un meteorologo dell’Arpa FVG).
    Dicembre non è stato né carne né pesce, gennaio insipido, mentre solo febbraio e marzo sono stati freddi e hanno riscattato le precedenti prestazioni deludenti.
    I miei migliori complimenti per questo signor riepilogo. Tanta tanta roba
    Marco Giazzi, Presidente MeteoNetwork

    Esiste quindi la possibilità di creare una realtà completamente nuova partendo da zero ma con forze nuove che abbiano voglia di divertirsi e lavorare. (Marco Giazzi, 27 Marzo 2002)

  4. #54
    Uragano L'avatar di Friedrich 91
    Data Registrazione
    04/07/07
    Località
    Ferrara (FE) 9 m s.l.m.
    Età
    27
    Messaggi
    32,735
    Menzionato
    42 Post(s)

    Predefinito Re: Il 2018 agli scrutini(in attesa di dicembre). Qui i voti all'anno che sta per finire

    A Dicembre do un 6,5 alla fine, mese di Dicembre molto "classico", con una prima decade mite e le successive due piuttosto fredde, senza eccessi ma freddo abbastanza costante prima da irruzione poi da inversione. In mezzo c'è stata anche un'occasione nevosa, che poteva finire un po' meglio ma comunque meglio che non vedere nulla proprio e un paio di giornate con galaverna depositata sugli alberi, non mi ricordavo più cosa volessero dire le inversioni termiche d.o.c. con nebbia e T sotto lo zero. Contando il -0,35 finale sulla media 1971-00 direi che si, Dicembre lo promuovo tranquillamente a sto giro.
    Avatar: Pianura Padana con le Alpi sullo sfondo.

  5. #55
    Uragano L'avatar di Dream Design
    Data Registrazione
    13/10/04
    Località
    Napoli coll. 249 mt.
    Età
    30
    Messaggi
    15,055
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: Il 2018 agli scrutini(in attesa di dicembre). Qui i voti all'anno che sta per finire

    il 2018 è - della mia serie storica che parte dal 2002 - l'anno più caldo insieme al 2015, con un anomalia uguale: +1.09 sulla 1971/2000

    per mesi:

    Gennaio: +2.3
    Febbraio: -1.0
    Marzo: -0.1
    Aprile: +3.3
    Maggio: +1.1
    Giugno: +0.6
    Luglio: +0.9
    Agosto: +0.9
    Settembre: +1.4
    Ottobre: +1.4
    Novembre: +1.3
    Dicembre: +0.9


    ed è anche stato il secondo anno più "bagnato" della serie, con 1231.1 mm

    è stato inoltre, e si sa, l'anno col maggiore accumulo nevoso (totale: 19 cm, 5 cm il 26 Febbraio e 14 il 27) dal 1985

    e l'anno in cui ho registrato credo la raffica di vento maggiore del nuovo millennio: 123.6 km/h

    un'anno di record opposti che ben collima col trend climatico attuale ... speriamo sai finita qui però, tanti mesi sopramedia inutili, senza neanche record di caldo che hanno rovinato la media annuale

    NAPOLI, Febbraio 2018: IO C'ERO !!!

    www.faceweather.it

  6. #56
    Tempesta violenta L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    27
    Messaggi
    13,433
    Menzionato
    63 Post(s)

    Predefinito Re: Il 2018 agli scrutini(in attesa di dicembre). Qui i voti all'anno che sta per finire

    dopo l'anno che tutti conoscete, da record assoluto per il NW ed Europa continentale, con gli 8 mesi più caldi di sempre, e dopo un dicembre che in parte poteva riscattare un pelo l'anno ai miei occhi e che invece finisce così:

    Il 2018 agli scrutini(in attesa di dicembre). Qui i voti all'anno che sta per finire-d31746051.png

    con forte sotto media pluvio e una presa per i fondelli di 12h di neve marcia senza accumulo con perturbazione arrivata ovviamente a cuscino sfatto, il voto non può che essere 2 giusto per il fine febbraio/inizio marzo.... Anche lato TS anno parecchio sotto tono... tante piovutine in estate servite solo a far aumentare l'afa e tenere verde come non mai la vegetazione anche a ferragosto. un'estate terribile, un autunno bollente, un inverno altrettanto. speriamo sia l'ultimo di questa serie che mi sembra oramai infinita.
    Si vis pacem, para bellum.

  7. #57
    Vento fresco L'avatar di AbeteBianco
    Data Registrazione
    17/07/16
    Località
    Bellinzona (Ticino, Svizzera)
    Età
    20
    Messaggi
    2,077
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Il 2018 agli scrutini(in attesa di dicembre). Qui i voti all'anno che sta per finire

    Come retrospettiva del 2018 espongo i miei dati confrontati con la norma e le tabelle riassuntive della mia stazione sulla piattaforma di Infoclimat (che è in francese). Giusto da precisare che la temperatura media visualizzata sull'immagine "generale" è calcolata con il metodo "semplificato min+max/2".

    Climatologie de l'annee 2018 a Preonzo - Infoclimat


    Il 2018 agli scrutini(in attesa di dicembre). Qui i voti all'anno che sta per finire-riassunto.jpgIl 2018 agli scrutini(in attesa di dicembre). Qui i voti all'anno che sta per finire-riassunto_2.jpgIl 2018 agli scrutini(in attesa di dicembre). Qui i voti all'anno che sta per finire-temp_giornaliere_andamento.pngIl 2018 agli scrutini(in attesa di dicembre). Qui i voti all'anno che sta per finire-precipitazioni_andamento.pngIl 2018 agli scrutini(in attesa di dicembre). Qui i voti all'anno che sta per finire-temperature_mensili.pngIl 2018 agli scrutini(in attesa di dicembre). Qui i voti all'anno che sta per finire-temperature_decadali.pngIl 2018 agli scrutini(in attesa di dicembre). Qui i voti all'anno che sta per finire-pluviometria.png

    Annata probabilmente da caldo record (+1.5°C sulla 1981/2010) e pure sottomedia pluviometrica soprattutto durante il semestre estivo.

    Da gennaio 2014 - MIN -9.1°C (28/02/2018) - MAX +37.2°C (22/07/2015)

  8. #58
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    15,831
    Menzionato
    67 Post(s)

    Predefinito Re: Il 2018 agli scrutini(in attesa di dicembre). Qui i voti all'anno che sta per finire

    Citazione Originariamente Scritto da Dream Design Visualizza Messaggio
    il 2018 è - della mia serie storica che parte dal 2002 - l'anno più caldo insieme al 2015, con un anomalia uguale: +1.09 sulla 1971/2000

    per mesi:

    Gennaio: +2.3
    Febbraio: -1.0
    Marzo: -0.1
    Aprile: +3.3
    Maggio: +1.1
    Giugno: +0.6
    Luglio: +0.9
    Agosto: +0.9
    Settembre: +1.4
    Ottobre: +1.4
    Novembre: +1.3
    Dicembre: +0.9


    ed è anche stato il secondo anno più "bagnato" della serie, con 1231.1 mm

    è stato inoltre, e si sa, l'anno col maggiore accumulo nevoso (totale: 19 cm, 5 cm il 26 Febbraio e 14 il 27) dal 1985

    e l'anno in cui ho registrato credo la raffica di vento maggiore del nuovo millennio: 123.6 km/h

    un'anno di record opposti che ben collima col trend climatico attuale ... speriamo sai finita qui però, tanti mesi sopramedia inutili, senza neanche record di caldo che hanno rovinato la media annuale
    L'anno più piovoso da te è il 2009 o il 2014?
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  9. #59
    Vento teso L'avatar di paoloneve
    Data Registrazione
    31/07/08
    Località
    Torino nord-ovest (Parella)
    Età
    28
    Messaggi
    1,942
    Menzionato
    3 Post(s)

    Predefinito Re: Il 2018 agli scrutini(in attesa di dicembre). Qui i voti all'anno che sta per finire

    Anno caldissimo il 2018 al NW: Nimbus Web Eventi Meteorologici

  10. #60
    Brezza tesa L'avatar di Andrea92
    Data Registrazione
    13/02/10
    Località
    Falcone (ME)
    Età
    26
    Messaggi
    510
    Menzionato
    3 Post(s)

    Predefinito Re: Il 2018 agli scrutini(in attesa di dicembre). Qui i voti all'anno che sta per finire

    Citazione Originariamente Scritto da Andrea92 Visualizza Messaggio
    Gennaio = 3
    Febbraio = 7
    Marzo = 5
    Aprile = 4
    Maggio = 5.5
    Giugno = 7
    Luglio = 5.5
    Agosto = 6.5
    Settembre = 4
    Ottobre = 6.5
    Novembre = 6
    Dicembre = loading..

    Media = ​5.4
    Concluso il 2018, ecco la classifica definitiva:

    Gennaio = 3
    Febbraio = 7
    Marzo = 5
    Aprile = 4
    Maggio = 5.5
    Giugno = 7
    Luglio = 5.5
    Agosto = 6.5
    Settembre = 4
    Ottobre = 6.5
    Novembre = 6
    Dicembre = 6


    Media = ​5.5

    ESTREMI ASSOLUTI (dal 2010):

    Massima più alta: +43.1°C il 30/06/2017
    Minima più alta: +27.0°C il 10/08/2017
    Massima più bassa: +6.3°C il 07/01/2017
    Minima più bassa: +1.3°C il 07/01/2017
    Heat Index più alto: +44.3°C il 30/06/2017
    Windchill più basso: -5.3°C ​il 07/01/2017
    Dew Point più alto: +27.4°C il 08/08/2017
    Dew Point più basso: -8.2°C il 27/04/2018
    Accumulo maggiore in 24h: 44.5 mm il 09/10/2011
    Rain rate più alto: 218.4 mm/hr il 20/08/2018
    Livello pressione più alto: 1036.8 hPa il 17/03/2010
    Livello pressione più basso: 984.6 hPa il 23/03/2016
    Raffica di vento più forte: 119 km/h il 06/03/2013

    Dati e record di Falcone: http://recordmeteofalcone.altervista.org

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •