Visualizza Risultati Sondaggio: Quale sarà lo scarto sui 12 mesi a livello nazionale sulla media 1981-2010?

Partecipanti
45. Non puoi votare in questo sondaggio
  • Da 1,2-1,3 °C in su sopra la media 1981-2010: di gran lunga l'anno più caldo di "sempre"

    10 22.22%
  • Tra 1,0 e 1,2 sopra la 1981-2010: paragonabile e forse un filo superiore al 2018

    5 11.11%
  • 0,9 °C circa sulla 1981-2010: più fresco del 2018 ma ben poco più fresco di 2014 e 2015

    11 24.44%
  • tra 0,7 °C e 0,8 °C sulla 1981-2010: al livello di 1994, 2003, 2016 e 2017

    5 11.11%
  • 0,6 °C o poco più sulla 1981-2010: al livello di 2011 e 2012

    1 2.22%
  • mezzo grado o appena oltre sulla 1981-2010: al livello grossomodo di 2000, 2007 e 2009

    3 6.67%
  • tra 0,3 e 0,4 gradi sulla 1981-2010: al livello di 2001, 2002, 2008 e 2013

    5 11.11%
  • tra 0,1 e 0,2 °C sulla 1981-2010: 1943, 1950, 1990, 1998, 2006, ...

    2 4.44%
  • in perfetta media 1981-2010 o leggermente sotto: 1982, 1988, 2004, 2010, ...

    2 4.44%
  • sottomedia sulla 1981-2010 di vari decimi: 2005 e 1996 gli esempi più recenti

    1 2.22%
Pagina 3 di 13 PrimaPrima 12345 ... UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 129
  1. #21
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    22/05/18
    Località
    Carbonate (CO) 267 m s.l.m.
    Età
    21
    Messaggi
    753
    Menzionato
    93 Post(s)

    Predefinito Re: Come chiuderà il 2019 in Italia a livello termico?

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro1985 Visualizza Messaggio
    sono d'accordo
    del resto se ti ricordi io preferisco postare i dati del nostro emisfero per fare certi discorsi proprio per le divergenze che sottolinei
    e tuttavia in questo caso il discorso non cambi
    0.74 il 2010
    0.79 il 2018
    quasi 0.3 in meno a livello emisferico rispetto al record del 2016
    noi abbiamo un pesante discorso di inerzia termica come sottolineava Josh con il mediterraneo e le alpi
    per cui quando ci sono pattern atmosferici consolidati i ricambi d'aria non riescono a essere così incisivi se non sono profondi e strutturati nel tempo
    ecco questo secondo me è un aspetto particolarmente significativo
    la minore variabilità atmosferica all'interno di periodi più o meno lunghi
    lo stiamo vedendo in questa stessa stagione invernale
    fasi in controtendenza all'interno di un determinato assetto circolatorio sono molto difficili
    ecco, se c'è un aspetto che sottolinea il nostro dato è questo prima che altri
    sicuramente l'inerzia italiana non l'hanno in molti, ma essa tende a limare le deviazioni standard per quanto riguarda i brevi periodi (in particolare la Valpadana è inerziale per eccellenza), in fin dei conti il 2018 è stato eccezionale - o comunque caldissimo - in vastissime aree d'Europa. Basti pensare, rimanendo al Nord Italia, i record di caldo della pianura in estate quanto poco siano diversi dalle medie termiche del periodo: in quasi nessun luogo della Valpadana il record di caldo supera di 10 gradi o più la media 1971-2000 (quindi neanche recentissima) del mese più caldo. Segno che le estati sono calde per via degli scarsi rimescolamenti d'aria, quindi i record non possono superare di moltissimo una media già pompata verso l'alto da questi vari fattori.

    Comunque sai cosa? L'inerzia demolisce la dinamicità (altrimenti non si chiamerebbe inerzia) ma non necessariamente gonfia le anomalie sul lungo periodo, questo mi premeva dire. Quel grado abbondante sul quadro nazionale del 2018 sarebbe capitato anche con un'orografia diversa e senza il Mediterraneo tra le scatole, per dire, ma probabilmente sarebbe stato il risultato di mesi caldi da far paura, di mesi abbastanza caldi ma non estremi, e di almeno due o tre mesi normalissimi (anche nel periodo estivo, perchè anche al netto dell'AMO, il Mediterraneo ci frega proprio nei mesi più caldi). La distribuzione delle anomalie sarebbe differente senza gli ostacoli ai rimescolamenti d'aria che hai citato, ma l'entità media, complessiva, delle stesse sarebbe - a mio avviso - del tutto paragonabile a quella che sperimentiamo nella realtà.
    "Ho visto braccia farsi gabbia, luce farsi nebbia, ho visto me scappare in strade fuorimano e i Nazgûl sopra la mia testa; primo brutto viaggio, primo punto critico, primo buco in cui precipito, risorgo coi versi con cui vi mortifico". (Heskarioth, Flashback).

  2. #22
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    33
    Messaggi
    5,988
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Come chiuderà il 2019 in Italia a livello termico?

    Citazione Originariamente Scritto da Perlecano Visualizza Messaggio
    sicuramente l'inerzia italiana non l'hanno in molti, ma essa tende a limare le deviazioni standard per quanto riguarda i brevi periodi (in particolare la Valpadana è inerziale per eccellenza), in fin dei conti il 2018 è stato eccezionale - o comunque caldissimo - in vastissime aree d'Europa. Basti pensare, rimanendo al Nord Italia, i record di caldo della pianura in estate quanto poco siano diversi dalle medie termiche del periodo: in quasi nessun luogo della Valpadana il record di caldo supera di 10 gradi o più la media 1971-2000 (quindi neanche recentissima) del mese più caldo. Segno che le estati sono calde per via degli scarsi rimescolamenti d'aria, quindi i record non possono superare di moltissimo una media già pompata verso l'alto da questi vari fattori.

    Comunque sai cosa? L'inerzia demolisce la dinamicità (altrimenti non si chiamerebbe inerzia) ma non necessariamente gonfia le anomalie sul lungo periodo, questo mi premeva dire. Quel grado abbondante sul quadro nazionale del 2018 sarebbe capitato anche con un'orografia diversa e senza il Mediterraneo tra le scatole, per dire, ma probabilmente sarebbe stato il risultato di mesi caldi da far paura, di mesi abbastanza caldi ma non estremi, e di almeno due o tre mesi normalissimi (anche nel periodo estivo, perchè anche al netto dell'AMO, il Mediterraneo ci frega proprio nei mesi più caldi). La distribuzione delle anomalie sarebbe differente senza gli ostacoli ai rimescolamenti d'aria che hai citato, ma l'entità media, complessiva, delle stesse sarebbe - a mio avviso - del tutto paragonabile a quella che sperimentiamo nella realtà.
    verissimo
    alla fine contano sempre le disposizioni bariche ricorrenti
    tolto l'inverno per l'europa centro occidentale il fresco viene dal flusso perturbato teso, quindi senza ondulazioni particolarmente profonde a stimolare le masse subtropicali
    se hai una roccaforte anticiclonica che impedisce costantemente la penetrazione delle depressioni non vai molto lontano
    tradotto in soldoni:

    2010 -1.11 -1.98 -0.88 -0.72 -1.49 -0.82 -0.42 -1.22 -0.79 -0.93 -1.62 -1.85

    2018 1.44 1.58 -0.93 1.24 2.12 1.09 1.39 1.97 1.67 0.93 -0.11 0.61

  3. #23
    Vento fresco
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    2,666
    Menzionato
    97 Post(s)

    Predefinito Re: Come chiuderà il 2019 in Italia a livello termico?

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    @robertino ,tu che idea ti sei fatta sul 2019 come anno(non come inverno,ripeto...come anno) ?
    annata 2019 a livello del 1994 .

  4. #24
    Vento fresco
    Data Registrazione
    08/10/11
    Località
    Firenze (FI)
    Età
    34
    Messaggi
    2,984
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Come chiuderà il 2019 in Italia a livello termico?

    Secondo me senza eccessive variazioni rispetto agli ultimi anni. Diciamo un +/-0,2 ℃ rispetto agli ultimi anni, ma probabilmente anche meno. In ogni caso, vedremo.

  5. #25
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    16,322
    Menzionato
    82 Post(s)

    Predefinito Re: Come chiuderà il 2019 in Italia a livello termico?

    Citazione Originariamente Scritto da robertino Visualizza Messaggio
    annata 2019 a livello del 1994 .
    Ahi...brutto affare
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  6. #26
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    16,322
    Menzionato
    82 Post(s)

    Predefinito Re: Come chiuderà il 2019 in Italia a livello termico?

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro1985 Visualizza Messaggio
    verissimo
    alla fine contano sempre le disposizioni bariche ricorrenti
    tolto l'inverno per l'europa centro occidentale il fresco viene dal flusso perturbato teso, quindi senza ondulazioni particolarmente profonde a stimolare le masse subtropicali
    se hai una roccaforte anticiclonica che impedisce costantemente la penetrazione delle depressioni non vai molto lontano
    tradotto in soldoni:

    2010 -1.11 -1.98 -0.88 -0.72 -1.49 -0.82 -0.42 -1.22 -0.79 -0.93 -1.62 -1.85

    2018 1.44 1.58 -0.93 1.24 2.12 1.09 1.39 1.97 1.67 0.93 -0.11 0.61
    Il 2010 non fu un anno caldo neanche nelle periferie dell'Europa occidentale,tipo sud Italia e sud Spagna. Il sopramedia iniziava da Serbia e Grecia e diventava feroce dalla Romania.
    Il 2005 è il contrario,caldo solo sulla fascia isole britanniche/Iberia occidentale e centrale.
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  7. #27
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    16,322
    Menzionato
    82 Post(s)

    Predefinito Re: Come chiuderà il 2019 in Italia a livello termico?

    Citazione Originariamente Scritto da Perlecano Visualizza Messaggio
    l'Italia però è terra emersa (che come sai presenta anomalie mediamente più alte rispetto a mari e - ancor di più - oceani) e soprattutto siamo nell'emisfero boreale (pare una ridondanza concettuale rispetto al punto precedente, perchè ci sono più terre emerse nell'emisfero nord e quindi è normale che come emisfero si stia scaldando di più, tuttavia credo che nella crescita più lenta nell'emisfero australe ci sia dell'altro). Considerando questo, non deve stupire che i recenti valori italiani siano vieppiù maggiori, come anomalie, rispetto alla media mondiale.

    Io credo che, più che sfortunati nell'ultimo decennio, siamo stati abbastanza fortunati negli anni '00, perchè un aumento termico di appena due decimi di grado rispetto al decennio precedente, in un contesto di global warming non rapidissimo in quegli anni ma comunque tangibile (nel 2005 e nel 2010 ritoccato il dato globale del 1998, nel mezzo ci fu una prosecuzione sui valori di massima), fu qualcosa di molto buono. Questo è un discorso puramente matematico ed esteso indistintamente a tutti i 12 mesi dell'anno, quanto sia disagevole per l'essere umano l'aumento rapido - tipico del Mediterraneo e dei Paesi dell'area - della caldazza del semestre ad alto irraggiamento (per persistenza soprattutto) è un altro paio di maniche (peraltro anch'esso meritevole di discussione).
    Purtroppo l'Italia raggiunge la massima penalizzazione,in termine di deviazione dalle trentennali, proprio nel periodo più caldo.
    Partiamo da medie già alte e finiamo dritti a quelle tunisine o persino egiziane, nelle grandi città.E' come essere colpiti su una ferita.
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  8. #28
    Vento fresco
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    2,666
    Menzionato
    97 Post(s)

    Predefinito Re: Come chiuderà il 2019 in Italia a livello termico?

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    Ahi...brutto affare
    annata 2019 a livello 1994

    e' un brutto affare , e per quale ragione ?

    perche' quell estate 1994 nel Mediterraneo e' stata in assoluto tra le piu calde

    un ' signor inverno ' come potrebbe risultare '18/2019 statisticamente anticipa anche estati piuttosto calde .

    esempio dopo mesi invernali molto freddi come feb 2003 , feb 2012 e gen. 2017 , sappiamo come sono state l estati.

  9. #29
    Vento fresco
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    2,666
    Menzionato
    97 Post(s)

    Predefinito Re: Come chiuderà il 2019 in Italia a livello termico?

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    Purtroppo l'Italia raggiunge la massima penalizzazione,in termine di deviazione dalle trentennali, proprio nel periodo più caldo.
    Partiamo da medie già alte e finiamo dritti a quelle tunisine o persino egiziane, nelle grandi città.E' come essere colpiti su una ferita.
    e questo per un intenso Monsone di Guinea , da oltre un decennio e' il " trend " che influisce sul ITCZ , per il Mediterraneo con intense ondate calde.

  10. #30
    Vento fresco
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    2,666
    Menzionato
    97 Post(s)

    Predefinito Re: Come chiuderà il 2019 in Italia a livello termico?

    Citazione Originariamente Scritto da Perlecano Visualizza Messaggio
    sicuramente l'inerzia italiana non l'hanno in molti, ma essa tende a limare le deviazioni standard per quanto riguarda i brevi periodi (in particolare la Valpadana è inerziale per eccellenza), in fin dei conti il 2018 è stato eccezionale - o comunque caldissimo - in vastissime aree d'Europa. Basti pensare, rimanendo al Nord Italia, i record di caldo della pianura in estate quanto poco siano diversi dalle medie termiche del periodo: in quasi nessun luogo della Valpadana il record di caldo supera di 10 gradi o più la media 1971-2000 (quindi neanche recentissima) del mese più caldo. Segno che le estati sono calde per via degli scarsi rimescolamenti d'aria, quindi i record non possono superare di moltissimo una media già pompata verso l'alto da questi vari fattori.

    Comunque sai cosa? L'inerzia demolisce la dinamicità (altrimenti non si chiamerebbe inerzia) ma non necessariamente gonfia le anomalie sul lungo periodo, questo mi premeva dire. Quel grado abbondante sul quadro nazionale del 2018 sarebbe capitato anche con un'orografia diversa e senza il Mediterraneo tra le scatole, per dire, ma probabilmente sarebbe stato il risultato di mesi caldi da far paura, di mesi abbastanza caldi ma non estremi, e di almeno due o tre mesi normalissimi (anche nel periodo estivo, perchè anche al netto dell'AMO, il Mediterraneo ci frega proprio nei mesi più caldi). La distribuzione delle anomalie sarebbe differente senza gli ostacoli ai rimescolamenti d'aria che hai citato, ma l'entità media, complessiva, delle stesse sarebbe - a mio avviso - del tutto paragonabile a quella che sperimentiamo nella realtà.
    AMO condiziona non solo l estate ma il semestre da aprile a ottobre in prevalenza piu caldi sopra media .
    ' scaduti " gli effetti dello Strat- warming , iniziano le ' tarantelle ' dei mesi sopra media ,
    esempio dopo un gelido e nevoso feb. 2012 , caldo marzo 2012 in assoluto tra i piu caldi , e sappiamo come e' stata l estate .
    Lo scorso aprile 2018 in assoluto tra i piu caldi come nel 2007 e 2011.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •