Pagina 1 di 4 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 31

Discussione: Australia

  1. #1
    Vento forte
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    3,129
    Menzionato
    118 Post(s)

    Predefinito Australia



    Intensa ondata calda in Australia occidentale , con isoterme ad 850 hPa di oltre 30 C.
    con temp. massime tra i + 45 e + 50 gradi .





  2. #2
    Tempesta violenta
    Data Registrazione
    12/06/09
    Località
    Roma
    Messaggi
    13,427
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Australia

    Si ci sono stati molti ricoveri e sono morti decine di animali

  3. #3
    Vento fresco L'avatar di Federico Ogino
    Data Registrazione
    05/12/15
    Località
    Carmagnola (TO)
    Messaggi
    2,770
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Australia

    Tenete conto che ormai in AUS è già sera nell'ovest e notte nell'est

    Meteociel - Températures observées en Australie / Nouvelle-Zélande en temps réel

  4. #4
    Tempesta violenta
    Data Registrazione
    12/06/09
    Località
    Roma
    Messaggi
    13,427
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Australia


  5. #5
    Vento forte
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    3,129
    Menzionato
    118 Post(s)

    Predefinito Re: Australia




  6. #6
    Vento forte
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    3,129
    Menzionato
    118 Post(s)

    Predefinito Re: Australia


  7. #7
    Vento forte
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    3,129
    Menzionato
    118 Post(s)

    Predefinito Re: Australia

    Un secolo fa ,un annata particolarmente siccitosa in Australia ,
    il 1919 annata tra le piu aride .

    nel 1919 extreme drought in Australia .

    anche nel north New Zeland il 1919 annata avara di piogge , tra le piu siccitose .

  8. #8
    Vento forte
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    3,129
    Menzionato
    118 Post(s)

    Predefinito Re: Australia



    .. " Estate '18/2019 ( estate australe dic.18 , gen. feb 2019 ) è stata calda in Australia. Ma è stato il più caldo di sempre? L'estate 80 anni fa era discutibilmente calda, se non più calda. All'epoca, incendi di incendi più feroci bruciavano aree più grandi.

    Tuttavia, il ministro dell'Ambiente australiano, Melissa Price, ha recentemente reclamato gli incendi di questa estate come conseguenza dei cambiamenti climatici. Sono cresciuto con storie del mio defunto padre di terribili incendi boschivi - infernos - nel 1939. Gli incendi boschivi del Black Friday hanno distrutto quattro volte l'area di terreni agricoli e forestali come i devastanti incendi del febbraio 2009 - e venti volte più bruciati la scorsa estate. La cenere di quell'incendio boschivo cadde lontano come la Nuova Zelanda.
    Mio padre descriveva anni caldi e affamati nelle zone rurali del Victoria - proprio come John Steinbeck descriveva la vita contadina nella metà occidentale degli Stati Uniti negli anni '30 con la sua famosa "Grapes of Wrath". Ci furono difficoltà e ci furono tempeste di polvere negli Stati Uniti e anche nell'Australia sud-orientale.
    Nelle zone rurali del Victoria, l'estate del 1938-1939 era in media di almeno due gradi più calda di quella misurata con attrezzature equivalenti da allora.




    Eppure il ministro Price nega questa storia - la storia del mio defunto padre. Sta facendo affidamento sui dati di temperatura che sono stati ampiamente rimodellati. Questo rimodellamento è giustificato dall'Ufficio Australiano di Meteorologia sulla base del fatto che le temperature sono ora misurate usando un metodo non standard (letture puntuali) da apparecchiature non standard (sonde su misura nelle stazioni meteorologiche automatiche). A quanto pare, abbiamo bisogno di sapere quanto era caldo allora, rispetto all'equipaggiamento usato ora.
    Il 13 gennaio 1939 mio padre viveva non lontano da Rutherglen, vicino al fiume più lungo d'Australia, il fiume Murray. Ha descritto un vento caldo che soffia da nord-ovest.
    La stazione di ricerca agricola di Rutherglen ha uno dei record di temperatura più lunghi e continui per qualsiasi zona del Victoria rurale. Le temperature minime e massime sono state registrate per la prima volta a Rutherglen utilizzando attrezzature standard e calibrate nel novembre 1912. Considerando i primi 85 anni di temperature estive - non aggiustati / non omogeneizzati - l'estate più calda mai registrata a Rutherglen è l'estate del 1938/1939.
    Mentre quest'ultima estate del 2018/2019 era più calda secondo il ministro Price, tale richiesta non sarebbe passata in esame se valutata per il Guinness Book of records - a causa di tutti i cambiamenti nel modo in cui le temperature sono ora misurate a Rutherglen rispetto a quella estiva nel 1938/1939.

    A Rutherglen, il primo grande cambiamento avvenne il 29 gennaio 1998. Fu allora che i termometri a mercurio e alcol furono sostituiti con una sonda elettronica, costruita su misura secondo lo standard australiano Bureau of Meteorology, con le specifiche ancora da rendere pubbliche.

    Secondo la politica dell'Ufficio di presidenza, quando si verifica un cambiamento sostanziale delle attrezzature, dovrebbero essere necessari almeno tre anni (preferibilmente cinque) di registrazioni di temperatura sovrapposte / parallele, tranne che i termometri a mercurio e alcol (usati per misurare rispettivamente le temperature massime e minime) sono stati rimossi esattamente nello stesso giorno la sonda su misura è stata collocata nello schermo di Stevenson a Rutherglen, in diretta contravvenzione a questa politica.
    Nel 2011, l'Ufficio ha apportato ulteriori modifiche in quanto ha smesso di calcolare in media un secondo di letture dalla sonda di Rutherglen per un minuto. La temperatura massima registrata ogni giorno a Rutherglen è ora la più alta lettura a un secondo della sonda personalizzata. È corretto - lettura puntuale.
    Quindi, per ribadire, ora abbiamo un metodo non standard di misurazione (letture a punti) da apparecchiature non standard (sonde su misura) che rendono impossibile stabilire l'equivalenza delle temperature recenti da Rutherglen - o qualsiasi altra 695 del Bureau. sonde in stazioni meteorologiche automatiche sparse su tutta la massa dell'Australia - con dati storici.
    Poi c'è il rimodellamento - con il rimodellamento più recente che crea la Versione 2 di ACORN-SAT. Ciò ha comportato un aumento complessivo del 23% del tasso di riscaldamento tra le versioni 1 e 2 per le 112 stazioni meteorologiche che comprendono ACORN-SAT. Questo è il database utilizzato dall'Ufficio di presidenza e dal CSIRO per monitorare il cambiamento climatico in tutta l'Australia.
    A Rutherglen, un modesto tasso di riscaldamento nelle prime temperature massime di 0,7 gradi Celsius al Secolo è stato modificato a 1,3 gradi Celsius in ACORN-SAT Versione 2. Le variazioni al trend della temperatura minima sono più drammatiche: un leggero trend di raffreddamento di 0,3 gradi Celsius è stato modificato in riscaldamento di 1,9 gradi in ACORN-SAT versione 2 per Rutherglen.

    Questo rimodellamento - noto come omogeneizzazione - comporta il rilevamento di discontinuità e quindi le regolazioni che generalmente si traducono in un raffreddamento delle temperature precedenti rispetto al presente. Raffreddando il passato, le temperature attuali appaiono più calde. Ad esempio, considerando le temperature massime a Rutherglen, la più grande singola discesa (regolazione) alle temperature giornaliere si verifica dal 1 ° gennaio 1938 indietro nel tempo. L'Ufficio di presidenza classifica la calda estate del 1938/1939 come una "discontinuità" che è "statistica" in "causa" e poi raffredda tutti i giorni prima del 31 dicembre 1938 di 0,6 gradi Celsius fino al 1912 - l'inizio del record. *
    Questo è un imbarazzo per il metodo scientifico e un insulto alle 71 vite perse il 13 gennaio 1939.
    Per ripetere, l'ufficio non nega di apportare queste modifiche. Piuttosto sostiene che tali cambiamenti nella storia della temperatura di Rutherglen siano necessari per mostrare quale sarebbe stata la temperatura in quel momento, usando l'attrezzatura di oggi. Ma non c'è stato alcun cambio effettivo nell'equipaggiamento tra le versioni 1 e 2 di ACORN-SAT per Rutherglen. Quindi, questa ragione non ha senso.
    Il rimodellamento di Rutherglen e le altre 111 stazioni che compongono ACORN-SAT sono estese e fuorvianti. È stato correttamente descritto come "frode" dal commentatore Rowan Dean su Sky Television di domenica 10 marzo.
    Quindi, perché, per esempio, il Bureau ha abbassato le temperature minime giornaliere di altri 2,6 gradi Celsius nel giorno del bivacco del Black Friday? Per essere chiari, la temperatura minima del giorno dell'incendio boschivo del Black Friday a Rutherglen è stata misurata a 28,3 gradi Celsius. Questo valore è cambiato a 27,8 gradi Celsius in ACORN-SAT Versione 1, una riduzione di 0,5 gradi Celsius. Nella versione 2, la temperatura si riduce ulteriormente, ora archiviata a soli 25,7 gradi Celsius per il 13 gennaio 1939 - una riduzione di 2,6 gradi rispetto alla temperatura originale effettivamente registrata in quel giorno.
    C'è una vera storia del Victoria rurale: 71 uomini e donne sono morti in quel cespuglio il 13 gennaio 1939. Secondo il mio defunto padre, era straordinariamente caldo e il vento soffiava da nord-ovest.
    Il Bureau non ha mai rilasciato un comunicato stampa per far sapere al pubblico australiano che esiste una versione 2 di ACORN-SAT, con temperature storiche ancora più interessanti per Rutherglen e la maggior parte del resto dell'Australia rispetto alla Versione 1 che è stata pubblicata solo nel 2012.
    Solo pochi anni fa, il ministro allora responsabile del Bureau, Greg Hunt, sosteneva che la versione 1 di ACORN-SAT era la migliore pratica del mondo e la corretta cronologia della temperatura in Australia. Ora, abbiamo ACORN-SAT versione 2, e le temperature complessive sono state riscaldate di un ulteriore 23 percento rispetto alla Versione 1.
    Il rimodellamento dell'Ufficio di presidenza è su scala industriale: questo è necessario per generare una tendenza al riscaldamento globale coerente che non esiste nei dati grezzi non atomizzati provenienti dall'Australia rurale e regionale.
    Ci sono conseguenze per le generazioni future in questo rimodellamento. Colpisce il modo in cui comprendiamo la relazione tra clima e incendi. Inoltre, riducendo continuamente le temperature passate, c'è il potenziale per i nuovi giorni caldi record, le estati calde e gli anni più caldi per un clima ancora più fresco.
    Questa è una sciocchezza - coerente con il modo in cui il Bureau ora misura e rimodella la nostra storia della temperatura.
    Una versione diversa di questo articolo è stata pubblicata per la prima volta su The Spectator: https://www.spectator.com.au/2019/03/the-hottest-summer-on-record-except-for-the-ones-that-weve -cambiato/ " ..
    -



  9. #9
    Vento forte
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    3,129
    Menzionato
    118 Post(s)

    Predefinito Re: Australia

    .. " Le città di Melbourne, Sydney e Adelaide ospitano quasi la metà della popolazione australiana e sono spesso esposte a eventi di pioggia estrema e variabilità delle precipitazioni di anno in anno. Tuttavia, la maggior parte degli studi sulle precipitazioni in queste città e in generale nell'Australia sudorientale è limitata al 20 ° secolo a causa della disponibilità dei dati. In questo studio utilizziamo i dati sulle precipitazioni da una serie di fonti per esaminare quattro indici di precipitazioni per Melbourne, Sydney e Adelaide per il periodo 1839-2017. Ricaviamo la pioggia totale, il numero di giorni di pioggia, il giorno più piovoso del mese e il semplice indice giornaliero di intensità per ogni città negli ultimi 178 anni e troviamo relazioni relativamente coerenti tra tutti gli indici nonostante potenziali problemi di qualità dei dati associati ai dati storici. Identifichiamo diversi eventi estremi di precipitazioni giornaliere nel periodo pre-1900 a Sydney e Melbourne che meritano un ulteriore esame in quanto sembrano essere più estremi di qualsiasi cosa nel registro moderno. Troviamo una relazione moderata e relativamente stabile tra El Niño-Southern Oscillation (ENSO) e variazioni annuali delle precipitazioni totali e il numero di raindays in tutte e tre le città nel periodo di ricerca, ma nessuna relazione tra ENSO e il giorno più piovoso annuale, in accordo con altri studi che utilizzano serie temporali più brevi. " ..


    Comprendere la variabilità a lungo termine delle precipitazioni medie mensili e annuali, nonché i tempi e la gravità degli eventi di pioggia estrema su scale temporali più brevi è fondamentale per la gestione delle risorse idriche e la valutazione dei potenziali rischi per la vita e la proprietà. Gli eventi di forti precipitazioni possono essere particolarmente distruttivi in ​​aree ad alta densità di popolazione, come le città, dove possono facilmente causare milioni di dollari di danni alle infrastrutture e alla proprietà privata. Le città sud-est dell'Australia (SEA) di Sydney, Melbourne e Adelaide ( Fig. 1 ) ospitano il 45% della popolazione australiana ( Australian Bureau of Statistics, 2017 ) e sperimentano un'elevata variabilità delle precipitazioni, tra cui devastanti eventi piovosi ( Evans et al ., 2009 ; Jakob et al., 2011 ;Pepler et al., 2014 ). Le forti tempeste in queste città possono essere alcuni dei disastri più costosi in Australia ( Handmer et al., 2018 ). Nel giugno 2016, ad esempio, un forte evento piovoso lungo la costa orientale dell'Australia e i danni provocati dalle tempeste hanno causato danni per $ 420 milioni, inclusi $ 304 milioni nella parte orientale di Sydney e nella costa orientale del Nuovo Galles del Sud ( Insurance Council of Australia, 2018 ; NSW Dipartimento di giustizia, 2016 ).
    Gli eventi di precipitazioni estreme nel sud-est dell'Australia hanno origine da una serie di situazioni sinottiche, tra cui i cicloni di latitudine e i bassi della costa orientale ( Hopkins et al., 1997 ; Pepler et al., 2014 ), sistemi frontali forti e tempeste gravi associate ( Alexander e Power, 2012 ; Pook et al., 2006 ), e l'occasionale ciclone ex-tropicale ( Callaghan e Power, 2011 ; Power e Callaghan, 2016 ; Speer et al., 2009 ). I bassi della costa orientale possono verificarsi in tutta la regione in qualsiasi periodo dell'anno, anche se sono più comuni durante i mesi più freddi ( Pepler et al., 2014 ); le condizioni tropicali sono più diffuse durante i mesi più caldi (Callaghan and Power, 2011 ); e i sistemi frontali dominano durante l'inverno australe ( Pook et al., 2014 ). I temporali sono anche un importante motore delle precipitazioni localizzate estreme nell'Australia sud-orientale ( Dowdy and Catto, 2017 ). Sono particolarmente diffusi nella maggior parte della regione durante i mesi più caldi dell'anno, sebbene si verifichino anche relativamente frequentemente durante i mesi più freddi dell'anno lungo la costa orientale, anche vicino a Sydney ( Dowdy e Kuleshov, 2014 ).
    La variabilità delle precipitazioni in SEA è stata più volte collegata alle variazioni di El Niño-Southern Oscillation (ENSO). È noto che ENSO influisce sul numero di giorni di pioggia e sull'intensità delle precipitazioni nell'Australia orientale su scala annuale ( Nicholls e Kariko, 1993 ; Pui et al., 2012 ), con eventi di El Niño generalmente associati a una diminuzione del numero di raindays e in misura minore, la quantità di pioggia ricevuta ogni giorno. Gli eventi di La Niña sono stati invece associati ad un aumento dell'intensità e della frequenza degli eventi di pioggia estrema e degli impatti associati utilizzando una serie di parametri ( Jakob e Walland, 2016 , King et al., 2014 , Min et al. , 2013 ; Power e Callaghan, 2016; Pui et al., 2012 ).
    L'influenza sugli eventi di La Niña e sulle anomalie delle precipitazioni positive è più lineare di quella degli eventi di El Niño e delle anomalie delle precipitazioni negative ( Power et al., 2006 ). Queste relazioni, o teleconnessioni, mostrano inoltre variabilità multidecadale, con periodi di correlazioni più deboli tra ENSO e precipitazioni medie in vaste regioni dell'Australia identificate a metà del 18 ° secolo e tra il 1920 e il 1950 (ad esempio Power et al., 1999 ; Ashcroft et al. ., 2016a ). La variabilità della teleconnessione è stata associata a variazioni interdecediali nell'Oceano Pacifico ( Power et al., 1999 ; Cai and van Rensch, 2012 ), l'influenza concorrente di altri fattori climatici ( Ashcroft et al., 2016a)), o variabilità stocastica a bassa frequenza in pattern ENSO ( Kestin et al., 1998 ; Power et al., 2006 ; Wittenberg et al., 2014 ).
    La maggior parte di questi studi ha esaminato la relazione tra ENSO e indici di precipitazioni medie a scala stagionale o annuale. In termini di sistemi che portano precipitazioni estreme, non è stata identificata una relazione forte tra ENSO e i bassi della costa orientale ( Browning e Goodwin, 2016 , Pepler et al., 2014 ) né con la frequenza delle attività temporalesche nell'Australia sud-orientale ( Allen e Karoly, 2014 ; Dowdy, 2016 ).
    Gli studi che esplorano le recenti tendenze in termini di precipitazioni medie e precipitazioni estreme nell'Australia sud-orientale hanno identificato una tendenza generale all'essiccazione nei mesi più freddi, accompagnata da una tendenza a precipitazioni più estreme su scala giornaliera o sub-giornaliera, in particolare nei mesi più caldi ( Alexander e Arblaster, 2017 ; Gallant et al., 2007; Guerreiro et al., 2018 ; Haylock and Nicholls, 2000 ; Jakob et al., 2011 ; Jakob and Walland, 2016 ; King et al., 2013 ; Yilmaz et al., 2014 ). Tuttavia, l'elevata variabilità interannuale delle precipitazioni nella regione indica che le tendenze negli estremi più lunghi (ad es. Il mese o l'anno più piovoso) non sono significative (Jakob e Walland, 2016 ). Le proiezioni future di eventi di piogge estreme sulla VAS suggeriscono che è probabile che eventi di pioggia estrema aumentino di magnitudo, sebbene sia necessario più lavoro per determinare il significato di questi cambiamenti ( Alexander e Arblaster, 2017 ; Evans et al., 2017 ; Watterson et al. , 2017 ).
    Mentre vi è una grande quantità di ricerche sulla variabilità della piovosità media ed estrema nella VAS, la maggior parte degli studi si è concentrata sul periodo dal 1900, quando i dati osservativi e corrugati di dati sulle precipitazioni sono disponibili per l'intero continente australiano ( Jones et al., 2009) ). Lo studio più esteso degli eventi storici di precipitazioni estreme è il database di Callaghan e Helman (2008) e studi derivati ​​( Callaghan e Power, 2011 ; Power e Callaghan, 2016 ), che utilizzano una serie di fonti per identificare gravi tempeste risalenti al 1770 Costa orientale dell'Australia Tuttavia, questo set di dati è in gran parte qualitativo nel primo periodo. Browning e Goodwin (2016) e Pepler et al. (2017)ha utilizzato la Rianalisi del XX secolo ( Compo et al., 2011 ) per esplorare le variazioni a lungo termine dei bassi eventi della costa orientale dal 1871, sebbene entrambi gli studi abbiano riscontrato problemi con la capacità della rianalisi di catturare accuratamente eventi prima del XX secolo. Alexander et al. (2011) e Alexander e Power (2012) hanno anche esaminato la tempesta dalla metà alla fine del 19 ° secolo usando le registrazioni delle stazioni di pressione sub-giornaliera piuttosto che di pioggia, trovando un significativo calo delle condizioni meteorologiche durante questo periodo.
    Sulla scala temporale mensile e più lunga, Timbal e Fawcett (2013) e Ashcroft et al. (2014b) hanno sviluppato reti di stazioni pluviometriche a lungo termine per valutare la variabilità delle precipitazioni SEA dal 1865 al 1860 rispettivamente. Gergis e Ashcroft (2013) hanno inoltre utilizzato dati strumentali e documentali per studiare la variabilità delle precipitazioni nel Nuovo Galles del Sud verso l'insediamento europeo nel 1788. Questi studi chiariscono la variabilità delle precipitazioni del 19 ° secolo nel sud-est, ma si concentrano principalmente sulle precipitazioni medie, piuttosto che su qualsiasi metrica di eventi estremi con una risoluzione giornaliera.
    Nel loro sviluppo di un dataset storico per SEA, Ashcroft et al. (2014a) hannoidentificato una serie di fonti che includevano i conteggi del rainday (RD), i totali mensili delle precipitazioni (Rtot) e i totali più elevati giornalieri (Rx1day) per le città SEA di Sydney, Melbourne e Adelaide risalenti alla metà del XIX secolo. Queste osservazioni storiche aprono la possibilità di un confronto diretto tra i totali delle precipitazioni, i conteggi dei rainday e gli eventi estremi di precipitazioni giornaliere dal 1839 ad oggi.
    Qui descriviamo la variabilità interannuale delle precipitazioni nelle tre città di SEA per il periodo completo 1839-2017 per la prima volta utilizzando quattro indici di pioggia comuni sviluppati dal gruppo di esperti sugli indicatori di cambiamento climatico e sugli indici ( Zhang et al., 2011 ). Calcolando la relazione tra questi indici, identifichiamo i cambiamenti nel comportamento delle precipitazioni medie e estreme nelle tre città e le possibili questioni di qualità nei dati storici. Esploriamo i cambiamenti nei tempi di precipitazioni estreme e infine conduciamo un esame preliminare del rapporto tra queste osservazioni sulle precipitazioni e ENSO.





    I dati sulle precipitazioni per Sydney dal 1840 al 1851 sono stati estratti dalle tabelle meteorologiche mensili pubblicate nella Gazzetta del governo del Nuovo Galles del Sud ¸ che riassume le osservazioni fatte al faro di South Head all'ingresso di Sydney Cove ( Ashcroft et al., 2014a). Ogni tabella includeva la quantità totale di pioggia ricevuta ogni mese (in pollici), il numero di giorni con e senza pioggia, e le precipitazioni giornaliere più alte registrate, nonché la data della più alta piovosità giornaliera. Sono stati inoltre pubblicati riepiloghi settimanali, che ci hanno permesso di verificare gli importi delle precipitazioni mensili e giornaliere. Le tabelle furono pubblicate quasi ininterrottamente dalla metà del 1840 fino al 1851 per ciascuno dei siti, con solo pochi mesi di dati mancanti. Sono stati ottenuti dati digitalizzati da tabelle mensili addizionali per Sydney del 1851-1855 ( Reid, 1997 ), anche se le osservazioni originali non potevano essere localizzate ( Ashcroft et al., 2014a ).
    Ulteriori dati mensili per Sydney relativi al 1855-1859 sono descritti in Gergis e Ashcroft (2013) e provengono da osservazioni del meteorologo dilettante appassionato William Stanley Jevons ( Nicholls, 1998 ), nonché da un osservatorio astronomico nella parte occidentale di Sydney ( Ashcroft et al. , 2014a ). I totali mensili di questi record storici sulle precipitazioni sono stati precedentemente combinati per esplorare la variabilità delle precipitazioni a lungo termine nella SEA ( Gergis and Ashcroft, 2013 ). Questa combinazione di fonti significa che i valori delle precipitazioni mensili sono disponibili per Sydney dal 1840 al 2013, ma i conteggi del rainday ei valori Rx1day erano disponibili solo tra il 1840 e il 1851 e il 1856-2017.
    L'attuale stazione di BoM Sydney (Observatory Hill) (stazione BoM numero 066062) è stata inaugurata nel 1857 e le osservazioni giornaliere sulle precipitazioni continuano fino ad oggi. I dati della stazione BoM più vicina a dove sono state effettuate le osservazioni storiche (Hornby Light, numero di stazione BoM 066095) sono disponibili dal 1908 al 1918 e hanno mostrato una relazione relativamente buona tra gli indici di pioggia in entrambe le località nonostante 8 km di distanza (coefficiente di correlazione di Pearson r> 0,9 per i totali delle precipitazioni mensili e 0,7 per il giorno più piovoso di ogni mese). Più del 70% dei giorni più piovosi di ogni mese coincidevano in entrambe le stazioni.


    2.2 . Melbourne

    I dati di Melbourne per il 1840-1851 provenivano da tabelle riassuntive del Government Gazette identiche a quelle descritte per Sydney. Queste osservazioni storiche di Melbourne sono state fatte a Flagstaff Hill nel centro della città ( Ashcroft et al., 2014a ), e sono state combinate con le osservazioni a lungo termine della stazione di BoM (Ufficio regionale) di Melbourne (numero di stazione BoM 086071). La stazione di Melbourne (ufficio regionale) fornisce piogge giornaliere dal 1855 al giugno 2013 e ha avuto diversi cambi di posizione ( Linforth, 2011 ), sebbene nessuno superiore a 3 km. Le osservazioni sulle precipitazioni di fine settimana sono cessate nel sito di Melbourne nel 2012, con i totali delle piogge per il fine settimana del lunedì. Ciò porta ad un numero annuo di raindays ( Viney and Bates, 2004) e quindi i conteggi del rainday sono stati stimati dalle stazioni vicine a meno di 8 km di distanza (numeri di stazione 086232 e 086018) dal 2012 a luglio 2013. I dati sulle precipitazioni da luglio 2013 a dicembre 2017 sono stati presi dalla stazione di Melbourne Olympic Park (numero di stazione 086338) , che è anche a meno di 3 km dalle sedi di Melbourne (ufficio regionale) e dalla stazione storica. Diciotto mesi di dati sovrapposti tra le due stazioni (da luglio 2013 a dicembre 2015) hanno mostrato un ottimo accordo tra i dati nelle due sedi (coefficiente di correlazione di Pearson r> 0.8 per tutte le variabili e r> 0.98 per Rtot e Rx1Day). Sfortunatamente non è stato trovato alcun dato relativo a Melbourne per il periodo 1851-1855.


    2.3 . Adelaide

    I dati storici sulle precipitazioni di Adelaide dal 1839 al 1879 furono tratti dalle osservazioni di Sir George Strickland Kingston, che registrò diligentemente le piogge giornaliere nella sua casa nel centro di Adelaide ( Kingston, 1879). Le osservazioni di Kingston sono state incorporate nella stazione dell'ufficio regionale BoM di Adelaide (West Terrace, numero di stazione BoM 023000), che si trova a 1,1 km dalla residenza di Kingston. Questa stazione chiuse nel 1979, e l'ufficio regionale si trasferì nel 1977 a Kent Town, un sobborgo orientale interno a circa 3,2 km a est della posizione originale (numero di stazione BoM 023090). Per le due stazioni esistono due anni di dati sulle precipitazioni che si sovrappongono, con un ottimo accordo tra i totali mensili, i valori estremi delle precipitazioni per ogni mese e i conteggi delle precipitazioni (coefficiente di correlazione di Pearson r> 0.8 per tutte le variabili). I due dischi sono stati combinati per creare un set di dati continuo di Adelaide, utilizzando le osservazioni di Kent Town non appena disponibili. " ..






  10. #10
    Vento forte
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    3,129
    Menzionato
    118 Post(s)

    Predefinito Re: Australia


Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •