Pagina 3 di 15 PrimaPrima 1234513 ... UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 144
  1. #21
    Vento teso L'avatar di no surprises
    Data Registrazione
    09/12/10
    Località
    Altamura 474 m slm
    Età
    48
    Messaggi
    1,710
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Manifestazioni contro il cambiamento climatico

    Io penso sia stata una cosa positiva, certo non è così che si cambiano le sorti del pianeta, magari fosse così facile, però a me ha fatto piacere vedere tanti ragazzi solidali e così partecipi per un problema così grosso.
    Magari gli slogan e i cartelli erano retorici e banali, però un minimo di consapevolezza in più è scaturita da tutto ciò, anche per chi ha visto la tv e, magari, solo ieri ha "scoperto" che il nostro pianeta non se la passa benissimo.
    Forse alcuni politici hanno fatto orecchie da mercante o si saranno fatti una risata ma meglio un po' di casino, anche confuso e "inutile", che far finta che vada tutto bene o che, addirittura, "ormai è tardi" e, tanto vale...chi se ne frega...tanto noi fra un po' non ci saremo più...

    Se una ragazzina diventa protagonista di una iniziativa così lodevole ma ben venga, meglio queste cose che diventare protagonisti per una foto su instagram o un video idiota su youtube...
    Certo bisogna poi andare sul pratico, purtroppo i politici fanno per prima i propri interessi, soprattutto quelli delle superpotenze, non sarà facile mettere tutti d'accordo, anche se si può sperare di avere politici migliori in futuro e che abbiano idee perlomeno comuni.

    Intanto se i ragazzi di oggi si sensibilizzano per queste cose, ripeto, vivaddio, io l'avrei fatto senza pensarci e senza pregiudizi e non mi importava di essere giudicato (che è la "moda" di questa epoca, con questi social spesso invasivi quanto, a volte, realmente dannosi).
    Come ho effettivamente fatto, a mio tempo, manifestando (per esempio) contro il nucleare negli anni '80.
    "...if you try the best you can, the best you can is good enough". TY 2000

  2. #22
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    16,739
    Menzionato
    90 Post(s)

    Predefinito Re: Manifestazioni contro il cambiamento climatico

    Citazione Originariamente Scritto da robertino Visualizza Messaggio
    Le manifestazioni per salvaguardare l Ambiente con milioni di dimostranti sono iniziate 50 anni fa ,

    e in questi decenni , dal inizio degli anni '70 , la popolazione mondiale e' piu che raddoppiata , ma e' stata soprattutto l economia mondiale che e' incrementate in modo esponenziale , probabilmente aumentata di 7 volte
    influendo sul degrado degli ecosistemi , che ha raggiunto livelli inediti nella storia

    questo significa che nei prossimi decenni , in proiezione della crescita demografica , bisogna produrre di piu e questo aumenta anche la produzione e di conseguenza le emissioni di gas serra di origine antropica .

    quello verificatesi in questi decenni ,

    probabilmente la crescita economica e' l ' obbiettivo piu ' universalmente ' accettato nel mondo ,
    " capitalisti , comunisti , sia di centro , di destra , o sinistra , vogliono tutti la crescita economica . " il sistema che cresce al tasso piu alto e' considerato il migliore "

    Questa probabilmente e' la differenza , in questi decenni di manifestazioni ecologiche , da 50 anni , ad iniziare dalla storica manifestazione per salvaguardare l Ambiente del 22 aprile 1970 , e' stato fatto molto per lo sviluppo economico , tecnologico etc.
    ma meno per l Ambiente .

    Il programma per l Ambiente delle Nazioni Unite ( UNEP ) " Decoupling " , in sostanza bisogna ' disaccoppiare " la crescita economica dal degrado ecologico ,

    con l auspicio a ' fare di piu con meno ' riducendo le emissioni di sostanze inquinanti , di gas serra di origine antropica , sia i consumi di energia e materie prime che occorrono per produrre .
    Bell'intervento,sono perfettamente d'accordo.Bravissimo
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  3. #23
    myMeteoNetwork Team L'avatar di AbeteBianco
    Data Registrazione
    17/07/16
    Località
    Bellinzona (Ticino, Svizzera)
    Età
    20
    Messaggi
    2,712
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Manifestazioni contro il cambiamento climatico

    Citazione Originariamente Scritto da robertino Visualizza Messaggio
    Le manifestazioni per salvaguardare l Ambiente con milioni di dimostranti sono iniziate 50 anni fa ,

    e in questi decenni , dal inizio degli anni '70 , la popolazione mondiale e' piu che raddoppiata , ma e' stata soprattutto l economia mondiale che e' incrementate in modo esponenziale , probabilmente aumentata di 7 volte
    influendo sul degrado degli ecosistemi , che ha raggiunto livelli inediti nella storia

    questo significa che nei prossimi decenni , in proiezione della crescita demografica , bisogna produrre di piu e questo aumenta anche la produzione e di conseguenza le emissioni di gas serra di origine antropica .

    quello verificatesi in questi decenni ,

    probabilmente la crescita economica e' l ' obbiettivo piu ' universalmente ' accettato nel mondo ,
    " capitalisti , comunisti , sia di centro , di destra , o sinistra , vogliono tutti la crescita economica . " il sistema che cresce al tasso piu alto e' considerato il migliore "

    Questa probabilmente e' la differenza , in questi decenni di manifestazioni ecologiche , da 50 anni , ad iniziare dalla storica manifestazione per salvaguardare l Ambiente del 22 aprile 1970 , e' stato fatto molto per lo sviluppo economico , tecnologico etc.
    ma meno per l Ambiente .

    Il programma per l Ambiente delle Nazioni Unite ( UNEP ) " Decoupling " , in sostanza bisogna ' disaccoppiare " la crescita economica dal degrado ecologico ,

    con l auspicio a ' fare di piu con meno ' riducendo le emissioni di sostanze inquinanti , di gas serra di origine antropica , sia i consumi di energia e materie prime che occorrono per produrre .
    Interessante.
    Ultima modifica di AbeteBianco; 16/03/2019 alle 15:38

  4. #24
    Uragano L'avatar di Friedrich 91
    Data Registrazione
    04/07/07
    Località
    Milano (MI) 122 m/ Ferrara (FE) 9 m
    Età
    27
    Messaggi
    33,338
    Menzionato
    42 Post(s)

    Predefinito Re: Manifestazioni contro il cambiamento climatico

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    Sono d'accordo.
    Aggiungo che non è certo sbagliato manifestare contro l'indifferenza di fronte al GW(specie in un clima di riflusso culturale e di imperante negazionismo, poiché l'antiserrismo sta somigliando sempre più all'antivaccinismo) ma ricordiamo che dare la colpa solo ai politici è illogico e fuorviante ma soprattutto ingannevole: qualche embrionale politica ambientalista non è stata certo premiata dal consenso ma ha anzi suscitato le ire degli elettori e quindi è stata tutt'altro che pagante...Del resto, il 90% degli intervistati negli USA percepisce la vastità del problema ma si dichiara indisponibile a cambiare stile di vita..e questo purtroppo non vale solo per gli USA.L'Unione Europea,dal canto suo,è l'unico blocco di Stati ad aver messo in pratica,con un inevitabile costo in termini economici ,il Protocollo di Kyoto ma essa "pesa" meno del 10% sulle emissioni globali.
    Finché il riscaldamento globale non verrà percepito come una minaccia tale da far modificare gli stili di vita, saremo sempre all'Anno Zero.
    Cosa? Ma se gli ambientalisti in Italia sono quelli che sono riusciti negli anni '80, sulla scia di Chernobyl, a farci chiudere le centrali nucleari e di conseguenza a farci dipendere dall'estero pur essendo soggetti agli stessi rischi (paghiamo per essere cornuti e mazziati, un vero affare !) visto che in Francia, Svizzera e Germania le centrali nucleari esistono eccome e se avviene un incidente ce ne accorgiamo eccome anche noi.

    Gli "ambientalisti" in Italia hanno un potere enorme, e proprio il loro potere è una delle maggiori fonti di arretratezza del nostro Paese su diversi aspetti (energetico in primis).
    Avatar: Bei tempi che non torneranno più.

  5. #25
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    33
    Messaggi
    6,554
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Manifestazioni contro il cambiamento climatico

    Citazione Originariamente Scritto da Calibre Visualizza Messaggio
    Nonostante approvi in generale il farsi sentire riguardo tematiche inerenti il clima o comunque l'atmosfera in sè, che sono al giorno d'oggi prese abbastanza sottogamba, il titolo "manifestazioni contro il cambiamento climatico" mi fa un po' ridere. Come se uno dovesse manifestare contro la variabilità del clima, come se ciò non fosse nella normalità delle cose. Semmai avrei incentrato la manifestazione sull'inquinamento e sulla deforestazione, tuttavia se la tematica reale in oggetto avesse influenze serie anche sulle problematiche che ho appena nominato sarebbe comunque un'ottima cosa: il fine giustifica i mezzi (in questo caso, NON sempre!).

    Poi una cosa che veramente non comprendo è chi divide il mondo fra negazionisti e serristi, fra atei e credenti, fra comunisti e fascisti. Penso che siano proprio queste divisioni a generare le tensioni che spesso sfociano nel drammatico, nella guerra. Attenzione, non voglio dire che chi parla di negazionisti sia un guerrafondaio, ma indirettamente può favorire l'insorgenza di fasi molto spiacevoli. Il mondo è fatto di tante sfumature, di tanti colori, cerchiamo di vederli tutti anzichè fermarci al bianco e al nero.

    Infine una piccola nota su un video visto sul messaggero, dove veniva data voce ad alcuni ragazzi in piazza. Naturale che sia stato dato spazio nel video a disinformati, a "menefreghisti" specifici, fanno clic e quindi è un video che non fa testo. Ovvio che ci siano persone che scioperano solo per marinare la scuola, l'ho fatto anche io, chi è senza peccato scagli la prima pietra insomma... ma non tutti sono così, e meno male!
    mi fa molto piacere aver letto in questo td più di un intervento con i presupposti che poni
    sicuramente come ricorda no surprises il fine alla sensibilizzazione in alcuni casi giustifica i mezzi
    anche a costo di porre le tematiche in modo deontologicamente non propriamente impeccabile, per usare un eufemismo
    mi permetto di riportare delle riflessioni già fatte altrove
    l'uomo non so se si possa definire l'essere più intelligente ma è certamente l'essere più incoerente che abbia conosciuto la storia della vita
    ha compreso il cosmos che lo circonda a livelli straordinari, è riuscito a concepire elementi del tempo e dello spazio talmente lontani dalla propria realtà sensibile eppure non è riuscito a essere altrettanto abile nell'aspetto che a bocce ferme sembrava il più banala
    il rapporto con l'altro da se
    e questo non solo perchè possiede uno strumento tanto complesso che è come se ancora non ne controllasse bene il funzionamento, specialmente quando si tratta di raffrontarlo con un suo omologo
    ma soprattutto perchè per arrivare oltre ha bisogno di andare davvero contro natura
    ogni essere vivente singolo o gruppo ha sempre avuto in se l'istinto a procurarsi il proprio vantaggio personale e proliferare, poco importava se questo comportasse un danno per tutto ciò che era altro
    una società superiore dovrà arrivare ad accettare che quello che noi chiamiamo egoismo non è altro che questo, non possiamo liberarcene, è parte e ragione della vita stessa
    possiamo solo lavorare di cesello per renderlo meno dannoso
    quando sento ancor'oggi certa retorica: dobbiamo salvare il mondo, dobbiamo salvare il clima, dobbiamo salvare gli ecosistemi
    mi chiedo se veramente non ci si renda conto compiutamente di quanto sia ancora intrisa di un antropocentrismo espasperato questo modo di ragionare
    noi non dobbiamo salvare niente, possiamo solo salvare noi stessi
    metterci finalmente da parte e accettare di voler essere semplicemente un tassello come un altro
    allora potremmo avere la lucidità e la serenità di scegliere con quanta delicatezza (quella sì "innaturale" perché frutto di un livello del tutto nuovo di consapevolezza) affrontare il nostro modo di vivere con una lungimiranza che vada anche oltre il nostro vantaggio personale
    ma senza dimenticarlo, perchè non avrebbe senso, non è questo che ci salverà
    dobbiamo essere un esempio, non un sacrificio
    e poi superare il determinismo, ci è servito per secoli per incasellare, comprendere e inesorabilmente ci abbiamo ricamato sopra giudizi di merito, graduatorie di valore, per darci dei termini di riferimento, per sentirci sicuri
    gli stessi che ora ci ingabbiano pericolosamente
    come le medie in climatologia
    gli assi portanti del valore non si perdono, sono scritti dentro ognuno di noi, marchiati a fuoco, bisogna solo desiderare leggerli
    così come ogni cosa in natura dall'infinitamente grande in giù possiede la stessa simmetria

    Manifestazioni contro il cambiamento climatico-diapositiva1.jpg
    ma tutto il resto dev'essere fluido, sempre di più
    una struttura rigida ti serve per costruire, quando ancora non ti senti sicuro, hai bisogno di solidità
    ma quando devi andare (e devi crescere) la rigidità non funziona più
    la casa è un cubo, la sfera è una ruota, un pianeta, una stella
    Ultima modifica di Alessandro1985; 16/03/2019 alle 13:32

  6. #26
    Brezza leggera
    Data Registrazione
    10/06/18
    Località
    Somma Lombardo
    Età
    41
    Messaggi
    465
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Manifestazioni contro il cambiamento climatico

    Gli studenti manifestavano senza sapere minimamente per che cosa, alcuni intervistati non sapevano che cosa fossero l'effetto serra, nemmeno sapevano che il clima stesse cambiando e in che modo, alcuni hanno ammesso candidamente che l'avevano fatto per perdere un giorno di scuola e di essere una frana in scienze, di essere totalmente ignoranti in materia. Ecco che cosa penso, che si tratta sostanzialmente di ignoranti manipolabili da chi si vuole, anche quella Greta da cui è partito tutto è un ignorante che viene strumentalizzata per motivi politici dalla sinistra ecologista e anche da chi ha interesse a far credere che la CO2 abbia un'influenza moto forte nel riscaldamento, così si frena lo sviluppo dei paesi che potrebbero essere troppo competitivi. I paesi ricchi non vogliono che l'Africa si industrializzi ed allora ci martellano sull'idea che non si deve immettereCO2, mentre, dall'altra parte della barricata, ci sono i paesi emergenti che anche loro non vorrebbero che quelli già ricchi usassero tutte le loro risorse, altrimenti sarebbero sconftti in partenza. La teoria del riscaldamento antropico NON è abbrcciata da tutti gli scienziati, Zichichi ad esempio dice che l'uomo può incidere solo per il 10%, il restante è in mano alla natura. Se non lo sapete, vi informo che è stata la famiglia Rockfeller nel 1979 a mettere in circolazione per la prima volta la tesi dell'AGW, e l'aveva fatto per frenare lo sviluppo di gruppi industriali rivali.

  7. #27
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    10/08/09
    Località
    Roma 20 mt s.l.m.
    Messaggi
    790
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Manifestazioni contro il cambiamento climatico

    Partendo dal presupposto che sia una cosa positiva il fatto che giovani di tutto il mondo manifestino per salvare il nostro povero pianeta, credo che il problema sia legato ai messaggi distorti che servono ad hoc per non cambiare nulla o peggio per influenzare in modo subdolo le masse verso interessi più o meno occulti di grosse lobbi ecc... la "manifestazione contro il cambiamento climatico" ne è un esempio lampante, specie per chi come noi conosce a quante variazioni va in contro il clima a livello locale e non solo.

    Quindi grande appoggio a questi ragazzi, ma è necessario un approfondimento e una presa di coscienza sui reali problemi che affliggono il pianeta, altrimenti si rischia un al lupo al lupo molto pericoloso.

    Fatta questa premessa, è importante che oltre di CO2 (i cui effetti sono ancora tutti da quantificare) si inizi a parlare delle altre 1000 problematiche ambientali e direi anche sociali che sono legate essenzialmente a un modello di sviluppo sbagliato basato sul "dio PIL", sulla crescita, sull'individualismo e sull'accaparramento sfrenato.


    La globalizzazione va bene solo a livello di cooperazione tra paesi e molto meno di competizione. La qualità della vita dovrebbe essere al primo posto e un sistema efficiente e senza sprechi aiuta l'ambiente ma favorisce la decrescita e non la crescita perchè sarà necessaria meno energia, meno manodopera e meno risorse per ottenere un dato risultato che sia utile alla comunità. Occorre dunque creare nuove tipologie di lavoro (e in parte già ci sono) che siano funzionali a questa nuovo modello di "sviluppo" e di queste cose oggi si dovrebbero occupare gli economisti. Come oggi esistono "telefonini" sempre più compatti che in un piccolissimo spazio contengono tantissima informazione così dovranno essere le società del futuro per qualsiasi settore dell'economia e della vita sociale.

    Poi ci sono i modelli "endocosmici" : che cosa vogliamo? cosa può renderci felici e appagati di questa vita? Questi modelli di endocosmo oggi sono forniti in gran parte dalla pubblicità, dall'enorme macchina dello show-business e dai grossi mezzi di "informazione" compresa la rete anche se ne è in parte indenne. E' molto importante che nasca una coscienza collettiva (anche tramite il web) in grado di superare queste distorsioni e questi finti bisogni, di vederne la futilità e di rendersi indipendente dalle mode imposte dall'alto.

    ...serve una macchina grossa che consuma e che può raggingere i 200 in pochi secondi, o una macchinetta elettrica umile ma con una bella linea che si alimenta con energia fornita da eleganti specchi solari? E' più bello un mega concerto con 18000 megadecibel per vedere un ceffo che urla scompostamente oppure magari un concerto acustico con musica meravigliosa in un parco?

    ...creazione di finti bisogni che sono soprattutto funzionali a chi oggi, in modo spesso scriteriato, gestisce enormi risorse, denaro e potere.

    Detto questo è evidente che non è facile cambiare le cose, che se devo comprare qualcosa a un supermercato questa sarà imballata con quantità spropositate di plastica e materiale inutile oltre che inquinante, però è importante cominciare ad avere idea di un mondo possibile in armonia con l'ambiente e con noi stessi...

  8. #28
    Vento fresco
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    24
    Messaggi
    2,587
    Menzionato
    3 Post(s)

    Predefinito Re: Manifestazioni contro il cambiamento climatico

    Citazione Originariamente Scritto da Calibre Visualizza Messaggio
    Nonostante approvi in generale il farsi sentire riguardo tematiche inerenti il clima o comunque l'atmosfera in sè, che sono al giorno d'oggi prese abbastanza sottogamba, il titolo "manifestazioni contro il cambiamento climatico" mi fa un po' ridere. Come se uno dovesse manifestare contro la variabilità del clima, come se ciò non fosse nella normalità delle cose. Semmai avrei incentrato la manifestazione sull'inquinamento e sulla deforestazione, tuttavia se la tematica reale in oggetto avesse influenze serie anche sulle problematiche che ho appena nominato sarebbe comunque un'ottima cosa: il fine giustifica i mezzi (in questo caso, NON sempre!).

    Poi una cosa che veramente non comprendo è chi divide il mondo fra negazionisti e serristi, fra atei e credenti, fra comunisti e fascisti. Penso che siano proprio queste divisioni a generare le tensioni che spesso sfociano nel drammatico, nella guerra. Attenzione, non voglio dire che chi parla di negazionisti sia un guerrafondaio, ma indirettamente può favorire l'insorgenza di fasi molto spiacevoli. Il mondo è fatto di tante sfumature, di tanti colori, cerchiamo di vederli tutti anzichè fermarci al bianco e al nero.

    Infine una piccola nota su un video visto sul messaggero, dove veniva data voce ad alcuni ragazzi in piazza. Naturale che sia stato dato spazio nel video a disinformati, a "menefreghisti" specifici, fanno clic e quindi è un video che non fa testo. Ovvio che ci siano persone che scioperano solo per marinare la scuola, l'ho fatto anche io, chi è senza peccato scagli la prima pietra insomma... ma non tutti sono così, e meno male!
    Guarda, da ragazzo uscito dal liceo pochi anni fa posso dirti che io penso invece quello fosse il livello medio di preparazione, per cui non mi stupirei. Di certo è incoerente andare in piazza senza sapere di che si parla.

    A me non è piaciuto, ripeto, il fatto che si sia combattuto contro i cambiamenti climatici e non contro l'inquinamento in generale. Non solo è l'argomento più incerto probabilmente della scienza moderna, dove andamenti, proiezioni e ricerca devono proseguire. Ma ho il timore che se un domani non dovessero verificarsi le proiezioni dell'IPCC e di chi dice che saremo spacciati nel 2030 (e personalmente non ci credo considerando la ciclicità degli andamenti naturali che comunque incidono e l'andamento termico degli ultimi decenni) molte persone finiranno per pensare che si tratti di allarmi falsi, come nella storia di "al lupo, al lupo", finendo (a causa dell'eccessiva fusione tra il GW con altri problemi ambientali che io ritengo ben più pressanti e gravi) per credere che tutte le cause ambientaliste siano alla fine solo allarmi detti per dar fiato alla voce.
    Spero non sia così.

    Mi sarebbe davvero piaciuto che il tema fosse stato l'inquinamento. Non so voi, ma io ritengo ben più grave la produzione e lo smaltimento di plastiche non biodegradabili, di veleni che causano morti e malattie in noi uomini e nell'ecosistema, la deforestazione, l'incuria di molti che gettano l'immondizia per strada.
    Mi è parso che mettere troppo l'accento sul GW abbia eclissato questi temi, che secondo me sono ben più gravi.
    Ultima modifica di burian br; 16/03/2019 alle 13:54

  9. #29
    Vento teso L'avatar di Calibre
    Data Registrazione
    11/11/11
    Località
    Cagliari / Trieste
    Età
    23
    Messaggi
    1,748
    Menzionato
    8 Post(s)

    Predefinito Re: Manifestazioni contro il cambiamento climatico

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Guarda, da ragazzo uscito dal liceo pochi anni fa posso dirti che io penso invece quello fosse il livello medio di preparazione, per cui non mi stupirei. Di certo è incoerente andare in piazza senza sapere di che si parla.

    A me non è piaciuto, ripeto, il fatto che si sia combattuto contro i cambiamenti climatici e non contro l'inquinamento in generale. Non solo è l'argomento più incerto probabilmente della scienza moderna, dove andamenti, proiezioni e ricerca devono proseguire. Ma ho il timore che se un domani non dovessero verificarsi le proiezioni dell'IPCC e di chi dice che saremo spacciati nel 2030 (e personalmente non ci credo considerando la ciclicità degli andamenti naturali che comunque incidono e l'andamento termico degli ultimi decenni) molte persone finiranno per pensare che si tratti di allarmi falsi, come nella storia di "al lupo, al lupo", finendo (a causa dell'eccessiva fusione tra il GW con altri problemi ambientali che io ritengo ben più pressanti e gravi) per credere che tutte le cause ambientaliste siano alla fine solo allarmi detti per dar fiato alla voce.
    Spero non sia così.

    Mi sarebbe davvero piaciuto che il tema fosse stato l'inquinamento. Non so voi, ma io ritengo ben più grave la produzione e lo smaltimento di plastiche non biodegradabili, di veleni che causano morti e malattie in noi uomini e nell'ecosistema, la deforestazione, l'incuria di molti che gettano l'immondizia per strada.
    Mi è parso che mettere troppo l'accento sul GW abbia eclissato questi temi, che secondo me sono ben più gravi.
    Anche io sono uscito pochi anni fa dal liceo, 6 anni fa per la precisione, i ricordi freschi ci accomunano
    Comunque sarò troppo ottimista, ma non voglio credere che il livello medio fosse realmente quello. Poi in generale vedremo ciò che riuscirà a fare la nostra generazione, insomma, ai posteri l'ardua sentenza.

    Penso che anche nel caso in cui le proiezioni dell'IPCC non si rivelino corrette, cosa peraltro da chiarire per bene perchè in tal caso dovremmo piazzare un σ sul valore medio termico, riusciranno a comunicare il fatto che il GW stia facendo danni seri se l'interesse è reale nel farlo: ghiacciai che spariscono, assottigliamento/arretramento dei ghiacci artici e/o antartici, aumento dei fenomeni estremi, etc.
    Sono d'accordo, non ho gradito molto l'oggetto della manifestazione neanche io, ma se il fine rimane quello va bene anche così.

  10. #30
    Bava di vento
    Data Registrazione
    02/02/17
    Località
    Conversano (BA)
    Età
    27
    Messaggi
    170
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Manifestazioni contro il cambiamento climatico

    le future generazioni saranno una catastrofe! siamo in viaggio verso il baratro. ed era pure ora aggiungo

    Inviato dal mio SM-G965F utilizzando Tapatalk

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •