Pagina 3 di 4 PrimaPrima 1234 UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 38
  1. #21
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    22/05/18
    Località
    Carbonate (CO) 267 m s.l.m.
    Età
    21
    Messaggi
    813
    Menzionato
    111 Post(s)

    Predefinito Re: Analisi delle 'anomalia' curva Annuale delle temperature. Domanda agli esperti:

    Citazione Originariamente Scritto da albedo Visualizza Messaggio
    Pure qui che siamo a 80 km dal mare.
    E ci sono molte anomalie simili anche in altri periodi dell'anno, riscontrabili più nel passato che nella fase attuale. Insolitamente spesso, per esempio, giugno è stato più caldo di luglio o di agosto o di entrambi. Abbiamo anche il caso del novembre 1978 più freddo di dicembre.
    Per la verità io non attribuivo questa tendenza a un clima "marittimo": il caso eclatante è giugno, quando casomai il clima marittimo dovrebbe comunque propendere a un giugno più fresco dei due mesi successivi, essendo il riscaldamento del mare più lento rispetto alla terraferma.

    Secondo me è più un discorso sull'effetto delle correnti fredde rispetto a quelle miti atlantiche (o mediterranee) prevalenti. Credo che aprile 2001 sia stato più freddo di marzo anche in Romagna, che non ha un clima propriamente marittimo.
    però ho notato che in Italia paradossalmente le zone lontane dal mare hanno una differenza media tra marzo e aprile maggiore rispetto alle zone litoranee o sublitoranee... probabilmente l'effetto raffreddante del mare (che tarda in primavera a scaldarsi) è già tangibile a marzo ma viene esasperato (rispetto ad aree "continentalizzate" che si scaldano più rapidamente) in aprile.
    "Ho visto braccia farsi gabbia, luce farsi nebbia, ho visto me scappare in strade fuorimano e i Nazgûl sopra la mia testa; primo brutto viaggio, primo punto critico, primo buco in cui precipito, risorgo coi versi con cui vi mortifico". (Heskarioth, Flashback).

  2. #22
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    22/05/18
    Località
    Carbonate (CO) 267 m s.l.m.
    Età
    21
    Messaggi
    813
    Menzionato
    111 Post(s)

    Predefinito Re: Analisi delle 'anomalia' curva Annuale delle temperature. Domanda agli esperti:

    Citazione Originariamente Scritto da Loreno Visualizza Messaggio
    Ciao, sono nuovo e ho trovato questo topic proprio digitando sui motori di ricerca parole come "marzo più freddo di aprile", quindi anzitutto grazie per l'interessantissima discussione! Perlecano tu dove hai trovato questa analisi? Mi piacerebbe avere il dato su Bologna perché sono certo di ricordare a memoria almeno un febbraio più caldo di marzo e un marzo più caldo di aprile. Riusciresti anche a fornirmelo tu?
    Chiarissima (e interessantissima) l'indicazione generale che è emersa, per cui con l'aumentare della continentalità si riduce la probabilità di episodi di questo tipo. Ma mi ha molto sorpreso la loro rarità (anzi, totale assenza) nelle serie storiche di Malpensa che, sappiamo, sul lungo periodo ha una differenza del tutto marginale rispetto a Borgo Panigale.
    Grazie mille!
    Ciao e benvenuto! Il sito Tutiempo ha gli archivi di svariate decine di stazioni dell'AM (e dell'ENAV), ci sono anche tantissime stazioni meteo fuori dall'Italia. Comunque googlando un semplice "Climate Tutiempo Borgo Panigale" ti trovi la serie storica bolognese come primo risultato... Credo che a Bologna siano ancora più frequenti che alla Malpensa i casi di dicembre più freddo di gennaio, essendo che l'irraggiamento è ancora più basso, il che agevola le inversioni (che sono in genere più intense, specialmente nelle ore diurne, nella tua zona che nella mia) e probabilmente rende la nebbia più persistente e più costante (dico "probabilmente" perchè non voglio sostituirmi a te... il clima bolognese lo conosci certamente meglio di me. )
    Occhio che alcune serie non sono affatto omogeneizzate: è questo il problema, in quell'archivio finiscono i dati grezzi, i problemi di sovrastima o di sottostima dei valori (termici e non solo), conseguenti ad un temporaneo o definitivo cambio di ubicazione della strumentazione, ad un difetto della strumentazione (ad esempio il termometro che non scherma più bene, prima che intervengano a fare manutenzione) eccetera, finiscono tali e quali, senza aggiustamenti, negli archivi consultabili sul sito. In ogni caso la situazione non è gravissima nella stazione di Bologna, guardando ad esempio i dati di Salerno Pontecagnano, di Crotone e di Foggia Amendola la situazione è disastrosa (lo è pure per le serie storiche molto frammentarie, come quella di Novara Cameri)... ma il capoluogo emiliano si difende discretamente bene, quanto ad affidabilità e "coerenza contestuale" dei dati nel corso del tempo.

    EDIT: il periodo 1997-2000 è un po' sovrastimato dalla stazione di Bologna, a ben guardare.
    Ultima modifica di Perlecano; 05/04/2019 alle 17:53
    "Ho visto braccia farsi gabbia, luce farsi nebbia, ho visto me scappare in strade fuorimano e i Nazgûl sopra la mia testa; primo brutto viaggio, primo punto critico, primo buco in cui precipito, risorgo coi versi con cui vi mortifico". (Heskarioth, Flashback).

  3. #23
    Vento fresco
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    24
    Messaggi
    2,001
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Analisi delle 'anomalia' curva Annuale delle temperature. Domanda agli esperti:

    Citazione Originariamente Scritto da Perlecano Visualizza Messaggio
    però ho notato che in Italia paradossalmente le zone lontane dal mare hanno una differenza media tra marzo e aprile maggiore rispetto alle zone litoranee o sublitoranee... probabilmente l'effetto raffreddante del mare (che tarda in primavera a scaldarsi) è già tangibile a marzo ma viene esasperato (rispetto ad aree "continentalizzate" che si scaldano più rapidamente) in aprile.
    Confermo. Ci sono giornate di Aprile e anche Maggio in cui spirando una tenue brezza le temperature possono variare anche di 3-4° tra le zone litoranee e l'entroterra.
    Un esempio che non dimenticherò mai è la giornata del 3 Aprile 2016: la brezza era debole, e riusciva ad essere efficace solo nel primo km dalla costa. Ci fu il fenomeno della lupa di mare (rarissimo, non accadeva da decenni, paradossalmente è ricapitato questo Novembre e due volte!): nebbia portata dalla brezza. Questa nebbia avvolse l'aeroporto di Brindisi per ore fino alle 16, facendo fermare il termometro a 13-14° addirittura durante quelle ore. Io, che abito a 900 m dall'aeroporto, avevo invece cielo sereno e 16°, sebbene vedessi verso l'aeroporto il cielo fuliginoso.
    Nelle zone interne di Brindisi, a 3 km dal mare, la temperatura addirittura raggiungeva i 19°, e 20° nella pianura retrostante Brindisi.

    Le stesse differenze termiche le riscontro quando spira la brezza per tutto Aprile e Maggio, anche se meno esasperate.
    In media la zona prossima al mare è più fresca dai 2 ai 3° come massime rispetto alle zone poste a più di 5 km da esso.
    Questo in belle giornate di alta pressione. Con basse pressioni organizzate la differenza è meno netta, e ovviamente quando soffia il vento da S.

    Normalmente le massime di Aprile in presenza di brezza sono solo più alte di qualche grado (2-3) rispetto a quelle di Marzo, mentre nelle zone poste nell'entroterra il delta è superiore.

  4. #24
    Vento fresco
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    24
    Messaggi
    2,001
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Analisi delle 'anomalia' curva Annuale delle temperature. Domanda agli esperti:

    Consiglio a entrambi il sito meteo-climat. Ci sono solo alcune stazioni meteo italiane riportate, tra cui Brindisi e proprio Bologna e Milano.

    Brindisi ha una serie che inizia nel 1951, e posso garantirvi che i dati sono ottimi, eccetto quelli dal 2012 in poi per le minime.

    Milano addirittura nel 1763! E Bologna dal 1811. Non so però quanto i dati siano completi (molti mesi presentano solo pochi giorni, non tutti), nè a quali stazioni corrispondano.
    Come sito è eccezionale, una vera manna per chi ama statistiche e quant'altro.

    Vi linko la pagina:
    Milano
    Bologna


  5. #25
    Calma di vento
    Data Registrazione
    05/04/19
    Località
    Bologna
    Messaggi
    6
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Analisi delle 'anomalia' curva Annuale delle temperature. Domanda agli esperti:

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Consiglio a entrambi il sito meteo-climat. Ci sono solo alcune stazioni meteo italiane riportate, tra cui Brindisi e proprio Bologna e Milano.

    Brindisi ha una serie che inizia nel 1951, e posso garantirvi che i dati sono ottimi, eccetto quelli dal 2012 in poi per le minime.

    Milano addirittura nel 1763! E Bologna dal 1811. Non so però quanto i dati siano completi (molti mesi presentano solo pochi giorni, non tutti), nè a quali stazioni corrispondano.
    Come sito è eccezionale, una vera manna per chi ama statistiche e quant'altro.

    Vi linko la pagina:
    Milano
    Bologna

    ottimo, grazie! fornisce addirittura i famigerati dati di temperatura minima più alta e temperatura massima più bassa per mese, una vera rarità. Anche se su Bologna fa un “merge” strano fra BLQ e, evidentemente, altre stazioni arcaiche (ovviamente l’aeroporto non esisteva nell’800) omettendo ad esempio la minima assoluta del gennaio ‘66 (-18,8) o la storica max di +1 del nevoso 18 aprile ‘91... ma in ogni caso ottima scoperta!

  6. #26
    Calma di vento
    Data Registrazione
    05/04/19
    Località
    Bologna
    Messaggi
    6
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Analisi delle 'anomalia' curva Annuale delle temperature. Domanda agli esperti:

    Citazione Originariamente Scritto da Perlecano Visualizza Messaggio
    Ciao e benvenuto! Il sito Tutiempo ha gli archivi di svariate decine di stazioni dell'AM (e dell'ENAV), ci sono anche tantissime stazioni meteo fuori dall'Italia. Comunque googlando un semplice "Climate Tutiempo Borgo Panigale" ti trovi la serie storica bolognese come primo risultato... Credo che a Bologna siano ancora più frequenti che alla Malpensa i casi di dicembre più freddo di gennaio, essendo che l'irraggiamento è ancora più basso, il che agevola le inversioni (che sono in genere più intense, specialmente nelle ore diurne, nella tua zona che nella mia) e probabilmente rende la nebbia più persistente e più costante (dico "probabilmente" perchè non voglio sostituirmi a te... il clima bolognese lo conosci certamente meglio di me. )
    Occhio che alcune serie non sono affatto omogeneizzate: è questo il problema, in quell'archivio finiscono i dati grezzi, i problemi di sovrastima o di sottostima dei valori (termici e non solo), conseguenti ad un temporaneo o definitivo cambio di ubicazione della strumentazione, ad un difetto della strumentazione (ad esempio il termometro che non scherma più bene, prima che intervengano a fare manutenzione) eccetera, finiscono tali e quali, senza aggiustamenti, negli archivi consultabili sul sito. In ogni caso la situazione non è gravissima nella stazione di Bologna, guardando ad esempio i dati di Salerno Pontecagnano, di Crotone e di Foggia Amendola la situazione è disastrosa (lo è pure per le serie storiche molto frammentarie, come quella di Novara Cameri)... ma il capoluogo emiliano si difende discretamente bene, quanto ad affidabilità e "coerenza contestuale" dei dati nel corso del tempo.

    EDIT: il periodo 1997-2000 è un po' sovrastimato dalla stazione di Bologna, a ben guardare.
    grazie mille anche a te, non lo conoscevo o meglio non mi ero mai soffermato sulla parte statistica. ora avrò solo mobile fino a lunedì ma poi vorrei dedicarmi a “regalarvi” un prospetto simile al tuo anche su Bologna.
    Comunque dici il vero, a Borgo Panigale dicembre più freddo del gennaio successivo è del tutto usuale (mi pare anche quest’anno), qua a dicembre è un lago di nebbia per un mix micidiale di cuscino padano continentale e cuscino adriatico (in presenza di SW il garbino sfonda da Imola in giù e in presenza di NW il foehn sfonda fino a Parma)... mentre già a metà gennaio la musica cambia con l’allungamento delle giornate...
    Grazie di tutto!
    Ultima modifica di Loreno; 05/04/2019 alle 21:10

  7. #27
    Calma di vento
    Data Registrazione
    05/04/19
    Località
    Bologna
    Messaggi
    6
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Analisi delle 'anomalia' curva Annuale delle temperature. Domanda agli esperti:

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Confermo. Ci sono giornate di Aprile e anche Maggio in cui spirando una tenue brezza le temperature possono variare anche di 3-4° tra le zone litoranee e l'entroterra.
    Un esempio che non dimenticherò mai è la giornata del 3 Aprile 2016: la brezza era debole, e riusciva ad essere efficace solo nel primo km dalla costa. Ci fu il fenomeno della lupa di mare (rarissimo, non accadeva da decenni, paradossalmente è ricapitato questo Novembre e due volte!): nebbia portata dalla brezza. Questa nebbia avvolse l'aeroporto di Brindisi per ore fino alle 16, facendo fermare il termometro a 13-14° addirittura durante quelle ore. Io, che abito a 900 m dall'aeroporto, avevo invece cielo sereno e 16°, sebbene vedessi verso l'aeroporto il cielo fuliginoso.
    Nelle zone interne di Brindisi, a 3 km dal mare, la temperatura addirittura raggiungeva i 19°, e 20° nella pianura retrostante Brindisi.

    Le stesse differenze termiche le riscontro quando spira la brezza per tutto Aprile e Maggio, anche se meno esasperate.
    In media la zona prossima al mare è più fresca dai 2 ai 3° come massime rispetto alle zone poste a più di 5 km da esso.
    Questo in belle giornate di alta pressione. Con basse pressioni organizzate la differenza è meno netta, e ovviamente quando soffia il vento da S.

    Normalmente le massime di Aprile in presenza di brezza sono solo più alte di qualche grado (2-3) rispetto a quelle di Marzo, mentre nelle zone poste nell'entroterra il delta è superiore.
    rispondo anche qui perché la tua testimonianza sulla lupa è davvero interessante! pensa che io l’ho vista a Torre dell’Orsa (LE) a inizio luglio, ero davvero ammirato in piena estate mi era successo solo nel Portogallo del nord di assistere a un simile fenomeno. Il contesto a Torre restava ovviamente balneare ma al passaggio di questi microstrati nebbiosi secondo me sì andava tranquillamente poco oltre i +20°!! ti lascio solo immaginare il delta rispetto a Lecce capoluogo...

  8. #28
    Vento fresco
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    24
    Messaggi
    2,001
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Analisi delle 'anomalia' curva Annuale delle temperature. Domanda agli esperti:

    Citazione Originariamente Scritto da Loreno Visualizza Messaggio
    ottimo, grazie! fornisce addirittura i famigerati dati di temperatura minima più alta e temperatura massima più bassa per mese, una vera rarità. Anche se su Bologna fa un “merge” strano fra BLQ e, evidentemente, altre stazioni arcaiche (ovviamente l’aeroporto non esisteva nell’800) omettendo ad esempio la minima assoluta del gennaio ‘66 (-18,8) o la storica max di +1 del nevoso 18 aprile ‘91... ma in ogni caso ottima scoperta!
    Esatto, è quello che pensavo per Bologna e penso anche per Milano. Probabilmente fonderà i dati dell'aeroporto dal 1951 circa (come per Brindisi) con quelli di qualche altra stazione attiva nel periodo precedente. Non so però quanto siano completi i dati, a volte qualche dato è mancante. Per Brindisi ciò non succede, però l'ho riscontrato in alcune altre stazioni meteorologiche.
    Naturalmente essendo dati così vecchi devono essere presi con le pinze visto che non so quanto fossero registrati a norma. Nè con quali strumenti.

    Analizzali, c'è di tutto: media delle medie, media delle minime e delle massime. Puoi persino inserire il numero di giorni (consecutivi o non) sopra o sotto una data temperatura! Per non parlare di altri dati come il numero di gelate (puoi trovare la conta anche di quelle). E' incredibile: io lo conosco da tre anni e ancora mi stupisco di quante funzioni ancora non ho sperimentato!
    Citazione Originariamente Scritto da Loreno Visualizza Messaggio
    rispondo anche qui perché la tua testimonianza sulla lupa è davvero interessante! pensa che io l’ho vista a Torre dell’Orsa (LE) a inizio luglio, ero davvero ammirato in piena estate mi era successo solo nel Portogallo del nord di assistere a un simile fenomeno. Il contesto a Torre restava ovviamente balneare ma al passaggio di questi microstrati nebbiosi secondo me sì andava tranquillamente poco oltre i +20°!! ti lascio solo immaginare il delta rispetto a Lecce capoluogo...
    Era pomeriggio? La nebbia di mattino non è rarissima (sebbene poco frequente) in estate. La lupa vera e propria è la nebbia che viene dal mare e che persiste di giorno. Io l'ho vista pochissime volte: il 3 Aprile 2016, poi due volte a Novembre 2018 e un paio di volte su un tratto di lungomare di Bari al ritorno in treno verso Brindisi alle 12,30 verso Maggio o Aprile 2017. E' raro beccarla.
    L'eccezionalità della lupa è che avvolge nella nebbia solo i primi metri di costa. A volte puoi vedere questi vapori che come delle mani si allungano per pochi metri sui lungomari mentre 100 m più indietro il cielo è sereno e la visibilità apparentemente ottima. Davvero un fenomeno che lascia sbigottiti, ancor di più per gli sbalzi termici: quel 3 Aprile, come ti dicevo, tra costa e i quartieri più interni (circa 3-4 km di distanza) c'era un delta di 6 gradi! Si passava da temperature nelle medie invernali (13°) a temperature da Maggio (19-20°). Divertente.
    Questo delta si osserva anche in normali giornate di alta pressione con la brezza in ogni stagione, ma è più ridotto, circa 2-3 gradi.

  9. #29
    Uragano L'avatar di albedo
    Data Registrazione
    27/06/02
    Località
    Prato
    Età
    60
    Messaggi
    30,037
    Menzionato
    24 Post(s)

    Predefinito Re: Analisi delle 'anomalia' curva Annuale delle temperature. Domanda agli esperti:

    Dicembre più freddo di gennaio qua è molto ricorrente: accade praticamente un anno su 4. Basta un'alta pressione con due sbuffi continentali in un contesto di mese asciutto. Dicembre, infatti, qua è il mese più nebbioso dell'anno e novembre è più nebbioso di gennaio, quando si può contare solo sull'inerzia termica post-soltizio e sulla migliore qualità delle irruzioni fredde. Ma la differenza della temperatura media fra i due mesi è di meno di 1°, facile quindi che dicembre alla fine risulti spesso più freddo di gennaio.
    Viceversa, tra luglio e agosto le differenze sono minime e si giocano la "palma" del mese più caldo sul filo dei centigradi. In passato le differenze erano più marcate, il trend all'avvicinamento fra i due mesi è iniziato negli anni '90.

    RECORD PRATO+PRATO EST 1921-2014: Anno + freddo: 13,4° (1940); Anno + caldo 16,4° (1943); Anno + piovoso 1788,1 mm (1937);
    Anno + asciutto 503,8 mm (1945); Min. assoluta - 13,8° (11 gen 1985); Max assoluta 41,0° (7 lug 1952); Mese + freddo 0,2° (feb 1929); Mese + caldo 28,9° (ago 2003)

  10. #30
    Calma di vento
    Data Registrazione
    05/04/19
    Località
    Bologna
    Messaggi
    6
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Analisi delle 'anomalia' curva Annuale delle temperature. Domanda agli esperti:

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Esatto, è quello che pensavo per Bologna e penso anche per Milano. Probabilmente fonderà i dati dell'aeroporto dal 1951 circa (come per Brindisi) con quelli di qualche altra stazione attiva nel periodo precedente. Non so però quanto siano completi i dati, a volte qualche dato è mancante. Per Brindisi ciò non succede, però l'ho riscontrato in alcune altre stazioni meteorologiche.
    Naturalmente essendo dati così vecchi devono essere presi con le pinze visto che non so quanto fossero registrati a norma. Nè con quali strumenti.

    Analizzali, c'è di tutto: media delle medie, media delle minime e delle massime. Puoi persino inserire il numero di giorni (consecutivi o non) sopra o sotto una data temperatura! Per non parlare di altri dati come il numero di gelate (puoi trovare la conta anche di quelle). E' incredibile: io lo conosco da tre anni e ancora mi stupisco di quante funzioni ancora non ho sperimentato!

    Era pomeriggio? La nebbia di mattino non è rarissima (sebbene poco frequente) in estate. La lupa vera e propria è la nebbia che viene dal mare e che persiste di giorno. Io l'ho vista pochissime volte: il 3 Aprile 2016, poi due volte a Novembre 2018 e un paio di volte su un tratto di lungomare di Bari al ritorno in treno verso Brindisi alle 12,30 verso Maggio o Aprile 2017. E' raro beccarla.
    L'eccezionalità della lupa è che avvolge nella nebbia solo i primi metri di costa. A volte puoi vedere questi vapori che come delle mani si allungano per pochi metri sui lungomari mentre 100 m più indietro il cielo è sereno e la visibilità apparentemente ottima. Davvero un fenomeno che lascia sbigottiti, ancor di più per gli sbalzi termici: quel 3 Aprile, come ti dicevo, tra costa e i quartieri più interni (circa 3-4 km di distanza) c'era un delta di 6 gradi! Si passava da temperature nelle medie invernali (13°) a temperature da Maggio (19-20°). Divertente.
    Questo delta si osserva anche in normali giornate di alta pressione con la brezza in ogni stagione, ma è più ridotto, circa 2-3 gradi.
    Era tarda mattinata ed era proprio come da te descritta, ma lo strato era molto molto basso (alto circa quanto una persona direi), probabilmente se accade in un contesto più freddo lo strato umido si fa più consistente e può offuscare il sole.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •