Pagina 5 di 5 PrimaPrima ... 345
Risultati da 41 a 43 di 43
  1. #41
    Vento fresco L'avatar di appassionato_meteo
    Data Registrazione
    01/09/14
    Località
    Artegna (UD) 191 mslm
    Messaggi
    2,203
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Estati più calde della 2003 in alcune zone d'Italia: dove e quando?

    L’estate 2003 ad Udine, i cui dati al suolo partono dal 1991 ed in quota dal 1973 (ma al momento li considero dal 1981 perché prima hanno parecchie lacune), risulta inavvicinabile come medie al suolo e come temperatura ad 850 hPa; nel caso dello ZT e dei geopotenziali al suolo, la stagione 2003 perde invece la sua eccezionalità e devo dire che la cosa mi ha sorpreso.

    Ora metto alcuni dati:


    • Media minime 18.9°C, +2.5°C dalla media 1991/2018, segue la 2015 a 17.9°C, poi la 2012 a 17.3°C e la coppia 2008-2017 a 17°C.
    • Media medie 25.6°C, +3.2°C dal riferimento, segue la 2015 a 24.3°C, poi la 2012 a 23.8°C, la 2017 a 23.7°C, la 2013 a 23.4°C e la 2018 un decimo sotto.
    • Media massime 32.5°C, scarto di 3.9°C, seguono sei stagioni (2015, 2013, 2017, 2012, 2018 2006) comprese fra 30.5°C e 29.9°C.
    • Media ad 850 hPa 15.9°C, +2.6°C dalla media, segue la coppia 2012-2017 (15°C), la 2015 a 14.8°C, la 2018 a 14.6°C, la 1994 (14.2°C) e la 1983 (14.1°C).


    Se anche considerassimo la prima e la seconda metà estiva, la 2003 vince sempre: a volte in maniera nettissima e a volte di un soffio. Un paio di esempi del secondo caso sono le massime della prima metà (31.1°C contro i 30.8°C della 2006) e le minime della seconda parte (19°C contro i 18.9°C della 2015).

    Come dicevo in precedenza, l’estate 2003 perde la sua eccezionalità se consideriamo lo ZT e i gpt a 500 hPa:


    • Quota media ZT 3851 metri, +233 dalla media, è terza dietro alla 2015 (3881) e 2017 (3864), precede la 2012 (3818) e la 2016 (3741).
    • Geopotenziali medi di 5811 metri, +36 dalla media, è in testa davanti alla 2017 (5809), alla 2015 (5808), alla 2012 (5799), seguono quattro stagioni vicinissime (2016, 1994, 2018 e 1983) comprese fra 5791 e 5789 metri.


    La situazione è la stessa se consideriamo le due metà: nel caso dello ZT la 2003 è terza e quarta (per la seconda metà resiste il record della 1992 con 4140 metri) e nel caso dei gpt è terza e seconda (per la seconda parte il record è di nuovo del 1992 con ben 5849 metri).

    La stagione 2003 ha avuto due mesi molto anomali ossia giugno ed agosto; luglio è stato il più clemente dei tre anche se non ci è andato giù leggero.
    Giugno ha avuto medie al suolo di 19.3°C/25.3°C/31.8°C, con scarti dalle medie di 3.9°C, 4.1°C e 4.8°C; dispone di un vantaggio di almeno due gradi sugli immediati inseguitori, è stato l’unico veramente competitivo nei confronti degli altri due mesi (è praticamente equivalso ad un luglio/agosto caldi).
    Anche ad 850 hPa è inavvicinabile (15.6°C, +3.6°C di scarto), ha un vantaggio di 1.5°C sul secondo (il 2017) e di oltre due gradi sul terzo (il 2012); è undicesimo su 114 mesi estivi, è l’unico giugno ad essersi arrampicato così in alto.
    Luglio ha avuto medie di 17.8°C/24.7°C/31.5°C, con scarti di 0.8°C/1.5°C/2.1°C; è tra i primi nelle sue classifiche (sesto e quarto), è stato cmq caldo ma è molto lontano dal mese più cattivo di tutti.
    Ad 850 hPa non entra tra i primi dieci, è “solo” quattordicesimo (14.5°C) e curiosamente è poco sopra la media (0.3°C).
    Agosto è stato atroce, con medie di 19.6°C/26.8°C/34.4°C e scarti di 2.9°C/3.8°C/3.9°C; analogamente a giugno è inavvicinabile da tutti gli altri, ha un vantaggio da uno a due gradi sul secondo in classifica.
    Se invece lo mettiamo a confronto con tutti gli altri mesi, è stato quasi eguagliato dal luglio 2006 (19.1°C/26.7°C/34.4°C) ed avvicinato dal luglio 2015 (19.7°C/26.3°C/32.5°C); la parte finale del luglio 2006 e quella iniziale dell’agosto 2003 hanno la media giornaliera più alta di tutte le altre decadi (28.3°C per entrambe).
    Ad 850 hPa l’agosto 2003 ha segnato 17.8°C (+3.3°C), è stato il mese più caldo di tutti dal 1981 in poi anche mettendolo a confronto con tutti gli altri; nella sua classifica precede il 1992 di 1.1°C, in quella generale il luglio 1983 (17.2°C) ed il luglio 2015 (16.8°C) mentre il luglio 2006 è “solo” sesto (16°C).

    Come accaduto alla stagione intera, i mesi di quell’estate perdono la loro eccezionalità se si considerano ZT e gpt.
    Giugno è primo per entrambe le grandezze (3787 e 5806 metri, scarti di 526 e 61 metri), ha un vantaggio sul secondo di 15 metri; ha scarti importanti, ma non stacca gli altri in maniera così perentoria come nel caso delle temperature, non è così isolato rispetto agli altri giugni nella classifica che comprende tutti i mesi.
    Luglio è circa a metà delle sue classifiche, ha segnato medie di 3776 e 5791 metri, con scarti di 70 e 6 metri; da questi punti di vista, è stato un luglio come tanti e che può benissimo capitare in altre estati (e ne possiamo trovare esempi anche nelle stagioni degli anni ’80 e ’90).
    Agosto è quinto e terzo (3986 e 5837 metri, scarti di 214 e 42 metri) nelle sue classifiche, settimo e quinto in quelle di tutti i mesi; in testa a quella dei geopotenziali c’è curiosamente un terzetto (agosto 1992 e 2017, luglio 2006 con 5842 metri). Medie importanti anche in questo caso, ma non inavvicinabili come nel caso delle temperature.

    Ora metto i grafici delle grandezze considerate, in modo che si possa vedere meglio quanto esposto sopra:

    -min.jpg -med.jpg -max.jpg -850.jpg -zt.jpg -gpt.jpg

    In conclusione, nell’angolo nordorientale d’Italia l’estate 2003 rimane inavvicinabile come temperature al suolo ed in quota soprattutto grazie a giugno ed agosto caldissimi e difficilmente avvicinabili.
    Ci sono stati altri periodi con caldo intenso che hanno ricordato il 2003 ma nessuna stagione è stata in grado di competere davvero con la dominatrice assoluta; anche qui si nota come ultimamente ci sia un certo affollamento di estati recenti ai primi posti in classifica.
    Il discorso cambia un po' nel caso dello ZT e dei geopotenziali: l’estate 2003 perde la sua eccezionalità e la cosa mi ha un po' sorpreso, come pure mi ha sorpreso trovare la 2016 in alto e la 1992 dominatrice della seconda parte.

    Penso che queste considerazioni si possano estendere con buona approssimazione anche alla pianura e montagna triveneta, mi rimane però il dubbio per quanto riguarda la costa.
    Discussione che raccoglie medie e statistiche sulle grandezze in quota (principalmente medie ad 850 hPa, quota ZT, geopotenziali a 500 hPa) di Udine:
    http://forum.meteotriveneto.it/showt...tiche-in-quota

  2. #42
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    22/05/18
    Località
    Carbonate (CO) 267 m s.l.m.
    Età
    21
    Messaggi
    813
    Menzionato
    111 Post(s)

    Predefinito Re: Estati più calde della 2003 in alcune zone d'Italia: dove e quando?

    Citazione Originariamente Scritto da appassionato_meteo Visualizza Messaggio
    L’estate 2003 ad Udine, i cui dati al suolo partono dal 1991 ed in quota dal 1973 (ma al momento li considero dal 1981 perché prima hanno parecchie lacune), risulta inavvicinabile come medie al suolo e come temperatura ad 850 hPa; nel caso dello ZT e dei geopotenziali al suolo, la stagione 2003 perde invece la sua eccezionalità e devo dire che la cosa mi ha sorpreso.

    Ora metto alcuni dati:


    • Media minime 18.9°C, +2.5°C dalla media 1991/2018, segue la 2015 a 17.9°C, poi la 2012 a 17.3°C e la coppia 2008-2017 a 17°C.
    • Media medie 25.6°C, +3.2°C dal riferimento, segue la 2015 a 24.3°C, poi la 2012 a 23.8°C, la 2017 a 23.7°C, la 2013 a 23.4°C e la 2018 un decimo sotto.
    • Media massime 32.5°C, scarto di 3.9°C, seguono sei stagioni (2015, 2013, 2017, 2012, 2018 2006) comprese fra 30.5°C e 29.9°C.
    • Media ad 850 hPa 15.9°C, +2.6°C dalla media, segue la coppia 2012-2017 (15°C), la 2015 a 14.8°C, la 2018 a 14.6°C, la 1994 (14.2°C) e la 1983 (14.1°C).


    Se anche considerassimo la prima e la seconda metà estiva, la 2003 vince sempre: a volte in maniera nettissima e a volte di un soffio. Un paio di esempi del secondo caso sono le massime della prima metà (31.1°C contro i 30.8°C della 2006) e le minime della seconda parte (19°C contro i 18.9°C della 2015).

    Come dicevo in precedenza, l’estate 2003 perde la sua eccezionalità se consideriamo lo ZT e i gpt a 500 hPa:


    • Quota media ZT 3851 metri, +233 dalla media, è terza dietro alla 2015 (3881) e 2017 (3864), precede la 2012 (3818) e la 2016 (3741).
    • Geopotenziali medi di 5811 metri, +36 dalla media, è in testa davanti alla 2017 (5809), alla 2015 (5808), alla 2012 (5799), seguono quattro stagioni vicinissime (2016, 1994, 2018 e 1983) comprese fra 5791 e 5789 metri.


    La situazione è la stessa se consideriamo le due metà: nel caso dello ZT la 2003 è terza e quarta (per la seconda metà resiste il record della 1992 con 4140 metri) e nel caso dei gpt è terza e seconda (per la seconda parte il record è di nuovo del 1992 con ben 5849 metri).

    La stagione 2003 ha avuto due mesi molto anomali ossia giugno ed agosto; luglio è stato il più clemente dei tre anche se non ci è andato giù leggero.
    Giugno ha avuto medie al suolo di 19.3°C/25.3°C/31.8°C, con scarti dalle medie di 3.9°C, 4.1°C e 4.8°C; dispone di un vantaggio di almeno due gradi sugli immediati inseguitori, è stato l’unico veramente competitivo nei confronti degli altri due mesi (è praticamente equivalso ad un luglio/agosto caldi).
    Anche ad 850 hPa è inavvicinabile (15.6°C, +3.6°C di scarto), ha un vantaggio di 1.5°C sul secondo (il 2017) e di oltre due gradi sul terzo (il 2012); è undicesimo su 114 mesi estivi, è l’unico giugno ad essersi arrampicato così in alto.
    Luglio ha avuto medie di 17.8°C/24.7°C/31.5°C, con scarti di 0.8°C/1.5°C/2.1°C; è tra i primi nelle sue classifiche (sesto e quarto), è stato cmq caldo ma è molto lontano dal mese più cattivo di tutti.
    Ad 850 hPa non entra tra i primi dieci, è “solo” quattordicesimo (14.5°C) e curiosamente è poco sopra la media (0.3°C).
    Agosto è stato atroce, con medie di 19.6°C/26.8°C/34.4°C e scarti di 2.9°C/3.8°C/3.9°C; analogamente a giugno è inavvicinabile da tutti gli altri, ha un vantaggio da uno a due gradi sul secondo in classifica.
    Se invece lo mettiamo a confronto con tutti gli altri mesi, è stato quasi eguagliato dal luglio 2006 (19.1°C/26.7°C/34.4°C) ed avvicinato dal luglio 2015 (19.7°C/26.3°C/32.5°C); la parte finale del luglio 2006 e quella iniziale dell’agosto 2003 hanno la media giornaliera più alta di tutte le altre decadi (28.3°C per entrambe).
    Ad 850 hPa l’agosto 2003 ha segnato 17.8°C (+3.3°C), è stato il mese più caldo di tutti dal 1981 in poi anche mettendolo a confronto con tutti gli altri; nella sua classifica precede il 1992 di 1.1°C, in quella generale il luglio 1983 (17.2°C) ed il luglio 2015 (16.8°C) mentre il luglio 2006 è “solo” sesto (16°C).

    Come accaduto alla stagione intera, i mesi di quell’estate perdono la loro eccezionalità se si considerano ZT e gpt.
    Giugno è primo per entrambe le grandezze (3787 e 5806 metri, scarti di 526 e 61 metri), ha un vantaggio sul secondo di 15 metri; ha scarti importanti, ma non stacca gli altri in maniera così perentoria come nel caso delle temperature, non è così isolato rispetto agli altri giugni nella classifica che comprende tutti i mesi.
    Luglio è circa a metà delle sue classifiche, ha segnato medie di 3776 e 5791 metri, con scarti di 70 e 6 metri; da questi punti di vista, è stato un luglio come tanti e che può benissimo capitare in altre estati (e ne possiamo trovare esempi anche nelle stagioni degli anni ’80 e ’90).
    Agosto è quinto e terzo (3986 e 5837 metri, scarti di 214 e 42 metri) nelle sue classifiche, settimo e quinto in quelle di tutti i mesi; in testa a quella dei geopotenziali c’è curiosamente un terzetto (agosto 1992 e 2017, luglio 2006 con 5842 metri). Medie importanti anche in questo caso, ma non inavvicinabili come nel caso delle temperature.

    Ora metto i grafici delle grandezze considerate, in modo che si possa vedere meglio quanto esposto sopra:

    -min.jpg -med.jpg -max.jpg -850.jpg -zt.jpg -gpt.jpg

    In conclusione, nell’angolo nordorientale d’Italia l’estate 2003 rimane inavvicinabile come temperature al suolo ed in quota soprattutto grazie a giugno ed agosto caldissimi e difficilmente avvicinabili.
    Ci sono stati altri periodi con caldo intenso che hanno ricordato il 2003 ma nessuna stagione è stata in grado di competere davvero con la dominatrice assoluta; anche qui si nota come ultimamente ci sia un certo affollamento di estati recenti ai primi posti in classifica.
    Il discorso cambia un po' nel caso dello ZT e dei geopotenziali: l’estate 2003 perde la sua eccezionalità e la cosa mi ha un po' sorpreso, come pure mi ha sorpreso trovare la 2016 in alto e la 1992 dominatrice della seconda parte.

    Penso che queste considerazioni si possano estendere con buona approssimazione anche alla pianura e montagna triveneta, mi rimane però il dubbio per quanto riguarda la costa.
    grazie per il contributo, resoconto come sempre eccellente per la chiarezza espositiva e per il livello di dettaglio espresso.
    "Ho visto braccia farsi gabbia, luce farsi nebbia, ho visto me scappare in strade fuorimano e i Nazgûl sopra la mia testa; primo brutto viaggio, primo punto critico, primo buco in cui precipito, risorgo coi versi con cui vi mortifico". (Heskarioth, Flashback).

  3. #43
    Vento fresco L'avatar di appassionato_meteo
    Data Registrazione
    01/09/14
    Località
    Artegna (UD) 191 mslm
    Messaggi
    2,203
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Estati più calde della 2003 in alcune zone d'Italia: dove e quando?

    Citazione Originariamente Scritto da Perlecano Visualizza Messaggio
    grazie per il contributo, resoconto come sempre eccellente per la chiarezza espositiva e per il livello di dettaglio espresso.
    Grazie mille, sei troppo buono!
    Tu però sei più bravo perché sei uno dei pochi che riesce a fare statistiche su tutta l'Italia e non solo su una località specifica!
    Discussione che raccoglie medie e statistiche sulle grandezze in quota (principalmente medie ad 850 hPa, quota ZT, geopotenziali a 500 hPa) di Udine:
    http://forum.meteotriveneto.it/showt...tiche-in-quota

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •