Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 11
  1. #1
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di mat69
    Data Registrazione
    07/03/04
    Località
    Genova
    Età
    49
    Messaggi
    7,110
    Menzionato
    22 Post(s)

    MeteoNetwork Verifica outlook inverno 2018/2019

    Buona lettura

    Verifica outlook
    Matteo

    Freelance

  2. #2
    Vento teso
    Data Registrazione
    08/09/14
    Località
    ancona
    Età
    63
    Messaggi
    1,564
    Menzionato
    16 Post(s)

    Predefinito Re: Verifica outlook inverno 2018/2019

    Citazione Originariamente Scritto da mat69 Visualizza Messaggio
    Buona lettura

    Verifica outlook
    Grazie matteo avete fatto uno straordinario lavoro.

  3. #3
    Vento forte L'avatar di bugimeteo
    Data Registrazione
    14/07/06
    Località
    Hp=benessere
    Età
    43
    Messaggi
    4,829
    Menzionato
    17 Post(s)

    Predefinito Re: Verifica outlook inverno 2018/2019

    Complimenti sia per l Outlook che ha comunque avuto un buon risultato nella prima parte della stagione sia per questa forecast verfication .
    Ciao !
    Investo in un futuro meteoclimatico in palese enfasi scalare

  4. #4
    Comitato Tecnico Scientifico
    Data Registrazione
    23/05/04
    Località
    Porano (TR)
    Messaggi
    4,405
    Menzionato
    20 Post(s)

    Predefinito Re: Verifica outlook inverno 2018/2019

    Diciamo che i fatti nudi e crudi sono quelli dell'articolo. Sarebbe interessante indagare sui perché o meglio su di uno dei perché e di cui avevamo già accennato durante la stagione invernale. L'area pacifica è diventata elemento d'indagine al fine di consentire una buona trasmissione d'onda. Il continuo emergere di anomalie di GPT positive sulla West Coast di fatto costituisce elemento d'impedimento per la dinamica di trasmissione d'onda anche in atlantico. Un pattern meteorologico persistente in una zona "decisiva" per il jet stream nel comparto Euro atlantico......
    #SAVETHEBEAR

  5. #5
    Burrasca forte L'avatar di Marcoan
    Data Registrazione
    02/09/03
    Località
    Portogruaro (VE)
    Messaggi
    8,064
    Menzionato
    62 Post(s)

    Predefinito Re: Verifica outlook inverno 2018/2019

    Citazione Originariamente Scritto da Porano444 Visualizza Messaggio
    Diciamo che i fatti nudi e crudi sono quelli dell'articolo. Sarebbe interessante indagare sui perché o meglio su di uno dei perché e di cui avevamo già accennato durante la stagione invernale. L'area pacifica è diventata elemento d'indagine al fine di consentire una buona trasmissione d'onda. Il continuo emergere di anomalie di GPT positive sulla West Coast di fatto costituisce elemento d'impedimento per la dinamica di trasmissione d'onda anche in atlantico. Un pattern meteorologico persistente in una zona "decisiva" per il jet stream nel comparto Euro atlantico......
    Già Giuseppe...e credo proprio che per rimuovere quel deleterio pattern forse l'unico modo sarebbe una bella NINA est based....o forse dei pattern prettamente atmosferici per diluire le anomalie positive delle SSTA in quella porzione di oceano: il problema ( che mi faceva notare mat in alcuni "confronti telefonici" diretti) sta nell'heat content del Pacifico che non mostra segni di cedimento o di assestamento, e quindi un pò il gatto che si morde la coda e per tal motivo forse solo una nina decente potrebbe rimescolare le carte in tavola...forse.
    In ogni caso rinnovo i complimenti ed in ogni caso questo pattern ora incacrenito ormai da 6 anni in particolare nel semestre freddo conferma quello che ho sempre detto: quando il freddo colpisce il centro est USA per l'europa centro occidentale non c'è trippa, tutto sfila sull'est europa ( e nord europa) e al limite per il sud/centrosud italico parte est in particolare ( NAO +); non è affatto casuale che in questi ultimi 6 anni gli episodi invernali più decenti e crudi li abbia vissuti proprio qquel comparto italico menzionato.

  6. #6
    Vento forte L'avatar di bugimeteo
    Data Registrazione
    14/07/06
    Località
    Hp=benessere
    Età
    43
    Messaggi
    4,829
    Menzionato
    17 Post(s)

    Predefinito Re: Verifica outlook inverno 2018/2019

    Citazione Originariamente Scritto da Porano444 Visualizza Messaggio
    Diciamo che i fatti nudi e crudi sono quelli dell'articolo. Sarebbe interessante indagare sui perché o meglio su di uno dei perché e di cui avevamo già accennato durante la stagione invernale. L'area pacifica è diventata elemento d'indagine al fine di consentire una buona trasmissione d'onda. Il continuo emergere di anomalie di GPT positive sulla West Coast di fatto costituisce elemento d'impedimento per la dinamica di trasmissione d'onda anche in atlantico. Un pattern meteorologico persistente in una zona "decisiva" per il jet stream nel comparto Euro atlantico......
    Forse dovreste anche pensare di fare due outlook uno a fine novembre e uno a meta gennaio.
    I cambiamenti in atto (gw) sono talmente repentini e impattanti sulla circolazione emisferica( in particolar modo in inverno ) che il target trimestrale risulta essere troppo complesso
    Investo in un futuro meteoclimatico in palese enfasi scalare

  7. #7
    Comitato Tecnico Scientifico
    Data Registrazione
    23/05/04
    Località
    Porano (TR)
    Messaggi
    4,405
    Menzionato
    20 Post(s)

    Predefinito Re: Verifica outlook inverno 2018/2019

    Citazione Originariamente Scritto da bugimeteo Visualizza Messaggio
    Forse dovreste anche pensare di fare due outlook uno a fine novembre e uno a meta gennaio.
    I cambiamenti in atto (gw) sono talmente repentini e impattanti sulla circolazione emisferica( in particolar modo in inverno ) che il target trimestrale risulta essere troppo complesso
    E' un aspetto dibattuto da un po' di tempo sulla scorta di quanto hai giustamente ben evidenziato. Del resto il "banco" a livello di "TLC old style" è saltato da
    da un po' e il loro segnale, così lineare fino a 10/15 anni fa, ora è difficile da capire.
    I segnali si sovrappongo e, senza un motivo a noi conosciuto ( ma un motivo fisico sicuramente c'è) prevale o la forzante "X" o la forzante "Y".

    Penso che la strada per il futuro sia quella di fare un Outlook invernale diviso in 2 o 3 spezzoni. Al momento non c'è altra via percorribile se vogliamo avere dei "discreti" risultati.

    Parimenti siamo consapevoli che un Outlook unico il margine di errore è ampio.
    Quest'anno, come hai sottolineato, tutta la fase preparatoria è stata vista con buona approssimazione con il culmine nel MMW di Gennaio. Poi da lì in poi il posizionamento dei lobi del VP con quel pattern ancora in essere in area pacifica, non ha permesso agli esiti del MMW di forzare la circolazione su scala emisferica....

    Comunque tornando a noi la risposta è SI per il futuro penso che la strada sia quella di lavorare su range temporali più ristretti.
    Saluti, Giuseppe
    #SAVETHEBEAR

  8. #8
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    31
    Messaggi
    613
    Menzionato
    95 Post(s)

    Predefinito Re: Verifica outlook inverno 2018/2019

    Secondo me un aspetto importante che ha inficiato le analisi sul base tlc è stato la mancanza di una circolazione atmosferica Niño-like come tutti ci aspettavamo, alla fine il SOI è calato solo a fine inverno (il NOAA ha dichiarato la presenza del Niño solo a metà febbraio).

    Il promontorio anticiclonico a ridosso della west coast invece non credo sia stato l'elemento principale di disturbo, personalmente mi aspettavo quella dinamica e il rischio di derive orientali per noi, ma non era certamente una conclusione scontata.

    Rispetto al MMW secondo me invece si tende a sottovalutare quanto siano imprevedibili le conseguenze in troposfera. Questo tipo di eventi tende ad esaltare le caratteristiche caotiche della circolazione atmosferica, per cui i piccoli dettagli di come si realizza l'evento stratosferico e come interagisce con la situazione preesistente in troposfera possono produrre importanti differenze a livello locale, che sono assolutamente imprevedibili a inizio stagione.
    Quindi quando ci si aspetta un MMW relativamente precoce a maggior ragione la previsione è esposta a notevoli rischi.

    Ad ogni modo rinnovo i complimenti al CTS per il lavoro svolto, che non è stato poi troppo distante dalla realtà in termini di dinamiche complessive, specie se si considerano le caratteristiche di questo inverno che lo rendevano particolarmente difficile da prevedere.

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

  9. #9
    Tempesta violenta L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    27
    Messaggi
    14,522
    Menzionato
    75 Post(s)

    Predefinito Re: Verifica outlook inverno 2018/2019

    D'altronde la storia recente non può permettere altrimenti. Pressoché tutti gli studi, atti e non al raggiungimento dello scopo "previsione stagionale", hanno una certa base statistica fondata in anni dove il clima era sì in mutamento, ma non così drastico come gli ultimi 20 anni (grossomodo). La cosa inevitabilmente più saggia è fare un passo indietro e quindi restringere il range temporale di previsione.

    A parte questo, complimenti per il lavoro svolto, e in fase previsionale e in fase di review. bravi ragazzi!
    Si vis pacem, para bellum.

  10. #10
    Comitato Tecnico Scientifico
    Data Registrazione
    23/05/04
    Località
    Porano (TR)
    Messaggi
    4,405
    Menzionato
    20 Post(s)

    Predefinito Re: Verifica outlook inverno 2018/2019

    Al netto della bontà o meno dell'outlook del CTS la questione interessante è che nel momento in cui è stata chiara la dinamica di inizio inverno ECMWF e NASA hanno emesso stagionali per Gennaio con il forte reversal pattern a cui tutti più o meno pensavano e chi invece abbiamo solamente annusato parzialmente.
    Ad ogni buon conto se la dinamica circolatoria troposferica è stata improntata verso un evento T--> S di tipo major ( con doppia tipologia) è altrettanto vero che la dinamica stessa non ha permesso una rapida risoluzione dello stesso ( siamo stati oltre i 20 gg in split stratosferico). Nel momento in cui c'è la stata trasmissione di moto esterlies verso il basso le onde troposferiche erano posizionate in modo che NON si verificasse il potente reversal pattern in troposfera (AO- / NAO-).
    Dunque come giù detto ampiamente a suo tempo (prima di scomparire
    ), ci sono mancati, IMHO, dei tasselli conoscitivi nel capire che la dinamica legata al VP non avrebbe "rotto" la condizione circolatoria in area pacifica....
    La storia di fine Gennaio e Febbraio la conosciamo
    #SAVETHEBEAR

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •