Pagina 1 di 35 12311 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 348
  1. #1
    Vento moderato L'avatar di Perlecano
    Data Registrazione
    22/05/18
    Località
    Carbonate (CO) 267 m s.l.m.
    Età
    22
    Messaggi
    1,122
    Menzionato
    155 Post(s)

    Predefinito Luglio 2019: anomalie termiche e pluviometriche

    veniamo dal giugno più caldo di questo decennio (probabilmente) e altrettanto probabilmente dal secondo giugno più caldo di sempre in Italia, dietro a quello del 2003. vediamo come andrà luglio, che non parrebbe partire al massimo della godibilità frescofila (anzi), in ogni caso ecco come è andata nelle ultime dieci mensilità di luglio in Italia, con le anomalie termiche nazionali calcolate rispetto alla media 1981-2010:
    2009: +0,6 °C. Certamente a fasi calde, ma anche con rinfrescate, nonchè con un discreto profilo pluviometrico in varie aree del Paese.
    2010: +1,1 °C. la prima metà è stata caldissima e soprattutto afosissima, in particolare al Nord, specialmente nelle temperature minime (le notti tropicali non si contavano), dalla fine della seconda decade le temperature sono scese a livelli più umani.
    2011: -0,7 °C. A prezzo di qualche prefrontale tosto ma breve (con picchi ad esempio il 12 luglio in Sardegna), fu un mese ottimo come temperatura media in gran parte d'Italia, in alcune giornate al Nordest (ma non solo) le massime furono sottomedia davvero di tanto, generoso profilo pluviometrico per svariate regioni. Agosto vide una sorta di reversal pattern (diciamo) e fu molto caldo, specie al Centro-Nord e nella seconda metà.
    2012: +1,4 °C (sesto luglio più caldo dal 1900 in Italia). Zone dell'estremo Sud ebbero medie terribili (pure in Puglia si stette male), ma in generale il mese fu caldo dappertutto, forse giusto in Piemonte fu vicino alla norma. Picchi di calore pesanti al Nordest i primi giorni del mese, qualche primato per luglio anche per il Medio Tirreno, ondata calda piuttosto democratica in terza decade.
    2013: +0,6 °C. Instabilità spiccata e persistente al Sud, specie sul lato adriatico. Caldo costante e afoso al Nord, onda calda in terza decade che colpì duro soprattutto al Nordest (replicata, come target e durata, con ancora più vigore nella prima decade di agosto).
    2014: -1,3 °C, il più freddo (ex aequo con il 1986) del periodo post-1981. Fresco costante e tantissime piogge nella maggior parte del Paese, sottomedia con risvolti eccezionali nelle massime, specie al Nord. Rimontina di HP in seconda decade spazzata via dall'Atlantico in un battibaleno.
    2015: +2,8 °C (nettamente il luglio più caldo di sempre). Oltre 4 gradi in più del luglio dell'anno prima, ossia un remake (ma in quel caso prima ci fu il mese mite e poi l'omologo freddo) di dicembre 2000 e dicembre 2001. Anomalie pesanti dappertutto, ma al Nordovest in particolare (Torino, la Malpensa e altre stazioni meteo batterono agosto 2003 come media mensile integrale). Afa opprimente e caldo senza soluzione di continuità, picchi ragguardevoli ma, a fronte di una simile costanza della canicola, ci si poteva aspettare anche di più.
    2016: +0,8 °C. Clima noioso nella prima metà con sopramedia generalizzato ma senza estremi, in un contesto di tensione zonale. Break notevole al Nord attorno a metà mese. Seconda metà di luglio piuttosto monotona, con sopramedia molto debole in Italia.
    2017: +1,1 °C (a @Josh tempo fa dissi che mi pareva un po' sottostimato, ma mi sono dovuto ricredere, perchè al Nord terribile non fu). Piuttosto caldo al Settentrione ma senza picchi particolari, andò peggio al Centro-Sud, specie nelle Isole Maggiori si ebbero a più riprese ondate con valori estremi. A fine mese su scala sinottica si preparava l'onda rovente di inizio agosto 2017, il 4 agosto in particolare fu la giornata più calda della storia meteorologica nazionale.
    2018: +1,1 °C. Al Nord ben più caldo del luglio precedente, senza picchi particolari ma praticamente senza rinfrescate (fu quello il problemone settentrionale dell'estate 2018), anche al Sud sopra la media, fiammata all'estremo Sud il giorno 21; del trimestre estivo luglio fu il mese più democratico come anomalie, giugno e agosto furono più spiccatamente penalizzanti il Nord.
    "Ho visto braccia farsi gabbia, luce farsi nebbia, ho visto me scappare in strade fuorimano e i Nazgûl sopra la mia testa; primo brutto viaggio, primo punto critico, primo buco in cui precipito, risorgo coi versi con cui vi mortifico". (Heskarioth, Flashback).

  2. #2
    Brezza tesa L'avatar di damiano23
    Data Registrazione
    25/02/19
    Località
    Catania (CT) 7 mt.
    Messaggi
    691
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Luglio 2019: anomalie termiche e pluviometriche

    Citazione Originariamente Scritto da Perlecano Visualizza Messaggio
    veniamo dal giugno più caldo di questo decennio (probabilmente) e altrettanto probabilmente dal secondo giugno più caldo di sempre in Italia, dietro a quello del 2003. vediamo come andrà luglio, che non parrebbe partire al massimo della godibilità frescofila (anzi), in ogni caso ecco come è andata nelle ultime dieci mensilità di luglio in Italia, con le anomalie termiche nazionali calcolate rispetto alla media 1981-2010:
    2009: +0,6 °C. Certamente a fasi calde, ma anche con rinfrescate, nonchè con un discreto profilo pluviometrico in varie aree del Paese.
    2010: +1,1 °C. la prima metà è stata caldissima e soprattutto afosissima, in particolare al Nord, specialmente nelle temperature minime (le notti tropicali non si contavano), dalla fine della seconda decade le temperature sono scese a livelli più umani.
    2011: -0,7 °C. A prezzo di qualche prefrontale tosto ma breve (con picchi ad esempio il 12 luglio in Sardegna), fu un mese ottimo come temperatura media in gran parte d'Italia, in alcune giornate al Nordest (ma non solo) le massime furono sottomedia davvero di tanto, generoso profilo pluviometrico per svariate regioni. Agosto vide una sorta di reversal pattern (diciamo) e fu molto caldo, specie al Centro-Nord e nella seconda metà.
    2012: +1,4 °C (sesto luglio più caldo dal 1900 in Italia). Zone dell'estremo Sud ebbero medie terribili (pure in Puglia si stette male), ma in generale il mese fu caldo dappertutto, forse giusto in Piemonte fu vicino alla norma. Picchi di calore pesanti al Nordest i primi giorni del mese, qualche primato per luglio anche per il Medio Tirreno, ondata calda piuttosto democratica in terza decade.
    2013: +0,6 °C. Instabilità spiccata e persistente al Sud, specie sul lato adriatico. Caldo costante e afoso al Nord, onda calda in terza decade che colpì duro soprattutto al Nordest (replicata, come target e durata, con ancora più vigore nella prima decade di agosto).
    2014: -1,3 °C, il più freddo (ex aequo con il 1986) del periodo post-1981. Fresco costante e tantissime piogge nella maggior parte del Paese, sottomedia con risvolti eccezionali nelle massime, specie al Nord. Rimontina di HP in seconda decade spazzata via dall'Atlantico in un battibaleno.
    2015: +2,8 °C (nettamente il luglio più caldo di sempre). Oltre 4 gradi in più del luglio dell'anno prima, ossia un remake (ma in quel caso prima ci fu il mese mite e poi l'omologo freddo) di dicembre 2000 e dicembre 2001. Anomalie pesanti dappertutto, ma al Nordovest in particolare (Torino, la Malpensa e altre stazioni meteo batterono agosto 2003 come media mensile integrale). Afa opprimente e caldo senza soluzione di continuità, picchi ragguardevoli ma, a fronte di una simile costanza della canicola, ci si poteva aspettare anche di più.
    2016: +0,8 °C. Clima noioso nella prima metà con sopramedia generalizzato ma senza estremi, in un contesto di tensione zonale. Break notevole al Nord attorno a metà mese. Seconda metà di luglio piuttosto monotona, con sopramedia molto debole in Italia.
    2017: +1,1 °C (a @Josh tempo fa dissi che mi pareva un po' sottostimato, ma mi sono dovuto ricredere, perchè al Nord terribile non fu). Piuttosto caldo al Settentrione ma senza picchi particolari, andò peggio al Centro-Sud, specie nelle Isole Maggiori si ebbero a più riprese ondate con valori estremi. A fine mese su scala sinottica si preparava l'onda rovente di inizio agosto 2017, il 4 agosto in particolare fu la giornata più calda della storia meteorologica nazionale.
    2018: +1,1 °C. Al Nord ben più caldo del luglio precedente, senza picchi particolari ma praticamente senza rinfrescate (fu quello il problemone settentrionale dell'estate 2018), anche al Sud sopra la media, fiammata all'estremo Sud il giorno 21; del trimestre estivo luglio fu il mese più democratico come anomalie, giugno e agosto furono più spiccatamente penalizzanti il Nord.
    Ahhh... e a me nel luglio 2017 mi dicevano, poiché c'era stato quel forte caldo al sud: "Damiano, ad agosto è previsto caldo, giusto? Che giorno farà caldissimo?". Io risposi: "Il 4 agosto". E vero fu. Quel giorno 39°C e minima quasi sui 30°C e tutto ciò per molti giorni con il susseguirsi di massime di 39°C spaccati... io ripensavo a Gennaio 2017

  3. #3
    Brezza tesa L'avatar di damiano23
    Data Registrazione
    25/02/19
    Località
    Catania (CT) 7 mt.
    Messaggi
    691
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Luglio 2019: anomalie termiche e pluviometriche

    Citazione Originariamente Scritto da Perlecano Visualizza Messaggio
    veniamo dal giugno più caldo di questo decennio (probabilmente) e altrettanto probabilmente dal secondo giugno più caldo di sempre in Italia, dietro a quello del 2003. vediamo come andrà luglio, che non parrebbe partire al massimo della godibilità frescofila (anzi), in ogni caso ecco come è andata nelle ultime dieci mensilità di luglio in Italia, con le anomalie termiche nazionali calcolate rispetto alla media 1981-2010:
    2009: +0,6 °C. Certamente a fasi calde, ma anche con rinfrescate, nonchè con un discreto profilo pluviometrico in varie aree del Paese.
    2010: +1,1 °C. la prima metà è stata caldissima e soprattutto afosissima, in particolare al Nord, specialmente nelle temperature minime (le notti tropicali non si contavano), dalla fine della seconda decade le temperature sono scese a livelli più umani.
    2011: -0,7 °C. A prezzo di qualche prefrontale tosto ma breve (con picchi ad esempio il 12 luglio in Sardegna), fu un mese ottimo come temperatura media in gran parte d'Italia, in alcune giornate al Nordest (ma non solo) le massime furono sottomedia davvero di tanto, generoso profilo pluviometrico per svariate regioni. Agosto vide una sorta di reversal pattern (diciamo) e fu molto caldo, specie al Centro-Nord e nella seconda metà.
    2012: +1,4 °C (sesto luglio più caldo dal 1900 in Italia). Zone dell'estremo Sud ebbero medie terribili (pure in Puglia si stette male), ma in generale il mese fu caldo dappertutto, forse giusto in Piemonte fu vicino alla norma. Picchi di calore pesanti al Nordest i primi giorni del mese, qualche primato per luglio anche per il Medio Tirreno, ondata calda piuttosto democratica in terza decade.
    2013: +0,6 °C. Instabilità spiccata e persistente al Sud, specie sul lato adriatico. Caldo costante e afoso al Nord, onda calda in terza decade che colpì duro soprattutto al Nordest (replicata, come target e durata, con ancora più vigore nella prima decade di agosto).
    2014: -1,3 °C, il più freddo (ex aequo con il 1986) del periodo post-1981. Fresco costante e tantissime piogge nella maggior parte del Paese, sottomedia con risvolti eccezionali nelle massime, specie al Nord. Rimontina di HP in seconda decade spazzata via dall'Atlantico in un battibaleno.
    2015: +2,8 °C (nettamente il luglio più caldo di sempre). Oltre 4 gradi in più del luglio dell'anno prima, ossia un remake (ma in quel caso prima ci fu il mese mite e poi l'omologo freddo) di dicembre 2000 e dicembre 2001. Anomalie pesanti dappertutto, ma al Nordovest in particolare (Torino, la Malpensa e altre stazioni meteo batterono agosto 2003 come media mensile integrale). Afa opprimente e caldo senza soluzione di continuità, picchi ragguardevoli ma, a fronte di una simile costanza della canicola, ci si poteva aspettare anche di più.
    2016: +0,8 °C. Clima noioso nella prima metà con sopramedia generalizzato ma senza estremi, in un contesto di tensione zonale. Break notevole al Nord attorno a metà mese. Seconda metà di luglio piuttosto monotona, con sopramedia molto debole in Italia.
    2017: +1,1 °C (a @Josh tempo fa dissi che mi pareva un po' sottostimato, ma mi sono dovuto ricredere, perchè al Nord terribile non fu). Piuttosto caldo al Settentrione ma senza picchi particolari, andò peggio al Centro-Sud, specie nelle Isole Maggiori si ebbero a più riprese ondate con valori estremi. A fine mese su scala sinottica si preparava l'onda rovente di inizio agosto 2017, il 4 agosto in particolare fu la giornata più calda della storia meteorologica nazionale.
    2018: +1,1 °C. Al Nord ben più caldo del luglio precedente, senza picchi particolari ma praticamente senza rinfrescate (fu quello il problemone settentrionale dell'estate 2018), anche al Sud sopra la media, fiammata all'estremo Sud il giorno 21; del trimestre estivo luglio fu il mese più democratico come anomalie, giugno e agosto furono più spiccatamente penalizzanti il Nord.
    La fiammata all'estremo sud del 22-23 luglio 2018 fu paragonabile a quella del 12 luglio 2017 (non solo il 12 luglio). L'alta africana si spinse verso Sicilia, Calabria e parte del sud ma i venti di caduta sono stati soprattutto nella costa est siciliana.... mamma mia è stato l'evento che ha rovinato la memoria dell'estate che se non fosse avvenuto avrei classificato l'estate 2018 alla pari con quella del 2016, quest'ultima perfetta grazie a La Nina.

  4. #4
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise e Latina
    Messaggi
    17,028
    Menzionato
    96 Post(s)

    Predefinito Re: Luglio 2019: anomalie termiche e pluviometriche

    Citazione Originariamente Scritto da damiano23 Visualizza Messaggio
    La fiammata all'estremo sud del 22-23 luglio 2018 fu paragonabile a quella del 12 luglio 2017 (non solo il 12 luglio). L'alta africana si spinse verso Sicilia, Calabria e parte del sud ma i venti di caduta sono stati soprattutto nella costa est siciliana.... mamma mia è stato l'evento che ha rovinato la memoria dell'estate che se non fosse avvenuto avrei classificato l'estate 2018 alla pari con quella del 2016, quest'ultima perfetta grazie a La Nina.
    L'estate 2016 in Sicilia è la meno calda del secolo,poi viene la 2013 e la 2018 subito dopo.
    Purtroppo nel resto d'Italia la 2013 e la 2018 non furono affatto così favorevoli, mentre la 2016 ha chiuso a circa +0,3° sulla 81/10 ed è stata più penalizzante per il nord,soprattutto ad agosto ma alla fine niente di che per i canoni attuali.Però poi settembre a lungo è stato brutto.
    P.s. La Nina non c'entra un fico secco,credimi, la parziale salvezza venne dalla QBO e più ancora dallo IOD che per due terzi di stagione fu neutro.In ogni caso fu un'estate molto calda in Iberia.
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  5. #5
    Brezza tesa L'avatar di damiano23
    Data Registrazione
    25/02/19
    Località
    Catania (CT) 7 mt.
    Messaggi
    691
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Luglio 2019: anomalie termiche e pluviometriche

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    L'estate 2016 in Sicilia è la meno calda del secolo,poi viene la 2013 e la 2018 subito dopo.
    Purtroppo nel resto d'Italia la 2013 e la 2018 non furono affatto così favorevoli, mentre la 2016 ha chiuso a circa +0,3° sulla 81/10 ed è stata più penalizzante per il nord,soprattutto ad agosto ma alla fine niente di che per i canoni attuali.Però poi settembre a lungo è stato brutto.
    P.s. La Nina non c'entra un fico secco,credimi, la parziale salvezza venne dalla QBO e più ancora dallo IOD che per due terzi di stagione fu neutro.In ogni caso fu un'estate molto calda in Iberia.
    Localmente la Nina influisce eccome... chissà perché non c'è stata alcuna ondata di caldo... se ci fosse stato El Nino i 40°C erano sicuri, vedi l'estate del 2015, 2003 stesso ecc.. poi certamente altri fattori influiscono

  6. #6
    Bava di vento
    Data Registrazione
    14/08/17
    Località
    Muggia (TS) 35mslm
    Età
    36
    Messaggi
    116
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Luglio 2019: anomalie termiche e pluviometriche

    Mi acconterei di qualsiasi anomalia mensile sotto i +2 gradi sulla 81-10.

  7. #7
    Vento moderato L'avatar di Perlecano
    Data Registrazione
    22/05/18
    Località
    Carbonate (CO) 267 m s.l.m.
    Età
    22
    Messaggi
    1,122
    Menzionato
    155 Post(s)

    Predefinito Re: Luglio 2019: anomalie termiche e pluviometriche

    Citazione Originariamente Scritto da Dagur Visualizza Messaggio
    Mi acconterei di qualsiasi anomalia mensile sotto i +2 gradi sulla 81-10.
    non so se ti riferisci alla tua zona o a tutta l'Italia, ma a livello nazionale l'unico mese di luglio (da 120 anni) chiuso oltre i due gradi sopra la media 1981-2010 è quello del 2015 con +2,8 °C, in quanto al secondo e terzo posto (che sarebbero del 2003 e del 1983, rispettivamente) troviamo anomalie rispettivamente di +1,8 °C e di circa +1,6 °C sulla trentennale; questo per dire che, nonostante i preoccupanti tempi che corrono, si può ambire a qualcosa di meglio di, chessò, un mese di luglio a +1,9 °C, o anche +1,7 °C, sulla 1981-2010 in Italia, visto che anche per l'epoca più recente risulterebbe una anomalia molto marcata, essendo quest'ultima quasi senza precedenti (fai conto che luglio si è scaldato progressivamente, e quasi senza sosta, fin dal 1982, quindi la media 1981-2010 risente integralmente di questa tendenza al rialzo, ed è pertanto già molto "riscaldata", a differenza della media di giugno, che quasi non si è scaldato fino al 1996, e di agosto, che si è scaldato progressivamente ma con vari intoppi, ad esempio con un'impasse post-2003 durata qualche anno).
    "Ho visto braccia farsi gabbia, luce farsi nebbia, ho visto me scappare in strade fuorimano e i Nazgûl sopra la mia testa; primo brutto viaggio, primo punto critico, primo buco in cui precipito, risorgo coi versi con cui vi mortifico". (Heskarioth, Flashback).

  8. #8
    Brezza tesa L'avatar di DuffMc92
    Data Registrazione
    18/02/17
    Località
    Conegliano (Treviso) 65 m s.l.m.
    Messaggi
    861
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Luglio 2019: anomalie termiche e pluviometriche

    Citazione Originariamente Scritto da Perlecano Visualizza Messaggio
    veniamo dal giugno più caldo di questo decennio (probabilmente) e altrettanto probabilmente dal secondo giugno più caldo di sempre in Italia, dietro a quello del 2003. vediamo come andrà luglio, che non parrebbe partire al massimo della godibilità frescofila (anzi), in ogni caso ecco come è andata nelle ultime dieci mensilità di luglio in Italia, con le anomalie termiche nazionali calcolate rispetto alla media 1981-2010:
    2009: +0,6 °C. Certamente a fasi calde, ma anche con rinfrescate, nonchè con un discreto profilo pluviometrico in varie aree del Paese.
    2010: +1,1 °C. la prima metà è stata caldissima e soprattutto afosissima, in particolare al Nord, specialmente nelle temperature minime (le notti tropicali non si contavano), dalla fine della seconda decade le temperature sono scese a livelli più umani.
    2011: -0,7 °C. A prezzo di qualche prefrontale tosto ma breve (con picchi ad esempio il 12 luglio in Sardegna), fu un mese ottimo come temperatura media in gran parte d'Italia, in alcune giornate al Nordest (ma non solo) le massime furono sottomedia davvero di tanto, generoso profilo pluviometrico per svariate regioni. Agosto vide una sorta di reversal pattern (diciamo) e fu molto caldo, specie al Centro-Nord e nella seconda metà.
    2012: +1,4 °C (sesto luglio più caldo dal 1900 in Italia). Zone dell'estremo Sud ebbero medie terribili (pure in Puglia si stette male), ma in generale il mese fu caldo dappertutto, forse giusto in Piemonte fu vicino alla norma. Picchi di calore pesanti al Nordest i primi giorni del mese, qualche primato per luglio anche per il Medio Tirreno, ondata calda piuttosto democratica in terza decade.
    2013: +0,6 °C. Instabilità spiccata e persistente al Sud, specie sul lato adriatico. Caldo costante e afoso al Nord, onda calda in terza decade che colpì duro soprattutto al Nordest (replicata, come target e durata, con ancora più vigore nella prima decade di agosto).
    2014: -1,3 °C, il più freddo (ex aequo con il 1986) del periodo post-1981. Fresco costante e tantissime piogge nella maggior parte del Paese, sottomedia con risvolti eccezionali nelle massime, specie al Nord. Rimontina di HP in seconda decade spazzata via dall'Atlantico in un battibaleno.
    2015: +2,8 °C (nettamente il luglio più caldo di sempre). Oltre 4 gradi in più del luglio dell'anno prima, ossia un remake (ma in quel caso prima ci fu il mese mite e poi l'omologo freddo) di dicembre 2000 e dicembre 2001. Anomalie pesanti dappertutto, ma al Nordovest in particolare (Torino, la Malpensa e altre stazioni meteo batterono agosto 2003 come media mensile integrale). Afa opprimente e caldo senza soluzione di continuità, picchi ragguardevoli ma, a fronte di una simile costanza della canicola, ci si poteva aspettare anche di più.
    2016: +0,8 °C. Clima noioso nella prima metà con sopramedia generalizzato ma senza estremi, in un contesto di tensione zonale. Break notevole al Nord attorno a metà mese. Seconda metà di luglio piuttosto monotona, con sopramedia molto debole in Italia.
    2017: +1,1 °C (a @Josh tempo fa dissi che mi pareva un po' sottostimato, ma mi sono dovuto ricredere, perchè al Nord terribile non fu). Piuttosto caldo al Settentrione ma senza picchi particolari, andò peggio al Centro-Sud, specie nelle Isole Maggiori si ebbero a più riprese ondate con valori estremi. A fine mese su scala sinottica si preparava l'onda rovente di inizio agosto 2017, il 4 agosto in particolare fu la giornata più calda della storia meteorologica nazionale.
    2018: +1,1 °C. Al Nord ben più caldo del luglio precedente, senza picchi particolari ma praticamente senza rinfrescate (fu quello il problemone settentrionale dell'estate 2018), anche al Sud sopra la media, fiammata all'estremo Sud il giorno 21; del trimestre estivo luglio fu il mese più democratico come anomalie, giugno e agosto furono più spiccatamente penalizzanti il Nord.
    Bellissima analisi, grazie per il riepilogo nazionale! E ora chissà. Dai modelli pare tutto in leggero movimento; la prima decade è persa, il mese probabilmente ipotecato, ma magari si intravede l'ombra di un certo margine di recupero...

    (PS Mi torna in mente intanto che chiavica fu la 2013 qui al NE eccetto il bellissimo giugno e quanto bellina fu la 2009, luglio circa mezzo grado sotto la progressiva 1990-2018 delle stazioni OSMER più vicine, dopo un giugno ancora più fresco rispetto alla stessa media)
    La mia stazione: http://coneglianometeo.altervista.org/
    Stazione installata il 13 luglio 2015, sito attivo dal 28 agosto 2015.
    Estremi assoluti: -10.4° (7.1.2017); 38.8° (22.7.2015).

  9. #9
    Burrasca
    Data Registrazione
    29/11/13
    Località
    Lentate s/S (MB)
    Messaggi
    6,540
    Menzionato
    17 Post(s)

    Predefinito Re: Luglio 2019: anomalie termiche e pluviometriche

    Il Mediterraneo sta bollendo: NCEP SST Analysis

  10. #10
    Brezza tesa L'avatar di damiano23
    Data Registrazione
    25/02/19
    Località
    Catania (CT) 7 mt.
    Messaggi
    691
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Luglio 2019: anomalie termiche e pluviometriche

    Citazione Originariamente Scritto da Dagur Visualizza Messaggio
    Mi acconterei di qualsiasi anomalia mensile sotto i +2 gradi sulla 81-10.
    Fra non molto useremo la media 91-20

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •