Pagina 5 di 7 PrimaPrima ... 34567 UltimaUltima
Risultati da 41 a 50 di 68
  1. #41
    Uragano L'avatar di Dream Design
    Data Registrazione
    13/10/04
    Località
    Napoli coll. 249 mt.
    Età
    31
    Messaggi
    16,274
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: GLOBAL WARMING: Analisi Statistica Termica puntuale

    cercherò di mettere il "mio" GW dal Settembre 2001 (data dell'inizio ufficiale delle mie registrazioni) col grafico appena riesco.


    NAPOLI, Febbraio 2018: IO C'ERO !!!
    estremi dal 2001: -3.7 (2014) +38.1 (2007)


  2. #42
    Brezza leggera L'avatar di mky
    Data Registrazione
    10/08/16
    Località
    Borgnano (GO)
    Età
    49
    Messaggi
    447
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: GLOBAL WARMING: Analisi Statistica Termica puntuale

    Citazione Originariamente Scritto da elz Visualizza Messaggio
    si, questo sotto ad es. per gli us, e non è neanche detto ci sia molto da eliminare, se una stazione era già urbana e la città non è cresciuta come una megalopoli asiatica è probabile che ci sia poco o nulla variazione dell'uhi, emblematico il caso di londra dove le stazioni urbane si sono scaldate quanto quelle rurali mentre c'è ovviamente un trend più forte in quelle che erano rurali e sono state inglobate dalla città.

    Urban Heat Islands and U.S. Temperature Trends << RealClimate
    l'argomento mi interessa moltissimo, come tutte le spiegazioni che vengono date e confutate, il problema che viene sollevato è questo:
    GLOBAL WARMING: Analisi Statistica Termica puntuale-estate2019-anomaly.jpg
    e cioè, le isole di calore delle grandi metropoli sono evidenti anche da queste sintesi, e ovviamente influenzano non solo le medie locali, ma trattandosi di atmosfera, anche il resto del globo.
    In sintesi, il calore prodotto e derivato dalle isole di calore metropolitane, ma mettiamoci anche queslle cittadine o urbane-rurali, ha giocoforza una sua influenza climatica, secondo me, non proprio secondaria e non poco trascurabile a lungo andare. Si tratta pur sempre di "termosifoni tarati in sopramedia globale" accesi 24/24h.

  3. #43
    Vento fresco
    Data Registrazione
    05/01/09
    Località
    Torino
    Età
    39
    Messaggi
    2,001
    Menzionato
    53 Post(s)

    Predefinito Re: GLOBAL WARMING: Analisi Statistica Termica puntuale

    Citazione Originariamente Scritto da mky Visualizza Messaggio
    l'argomento mi interessa moltissimo, come tutte le spiegazioni che vengono date e confutate, il problema che viene sollevato è questo:
    GLOBAL WARMING: Analisi Statistica Termica puntuale-estate2019-anomaly.jpg
    e cioè, le isole di calore delle grandi metropoli sono evidenti anche da queste sintesi, e ovviamente influenzano non solo le medie locali, ma trattandosi di atmosfera, anche il resto del globo.
    In sintesi, il calore prodotto e derivato dalle isole di calore metropolitane, ma mettiamoci anche queslle cittadine o urbane-rurali, ha giocoforza una sua influenza climatica, secondo me, non proprio secondaria e non poco trascurabile a lungo andare. Si tratta pur sempre di "termosifoni tarati in sopramedia globale" accesi 24/24h.
    No quelle non sono isole di calore sono dovute al passaggio da un modello all'altro (gfs vs cfsr ) e sono su una griglia con diversa risoluzione motivo percui ci sono sempre quelle anomalie locali sempre nello stesso punto è evidente anche in aree non urbanizzate specie dove ci sono rilievi(l'anomalia negativa/meno positiva sulle alpi occidentali è anche una costante ma il gran san bernardo ha appena avuto la 2° estate più calda e un riscaldamento estivo dal 1970 superiore a quello delle città padane).

    Analisi modelli agosto 2019

    Estate Meteorologica 2019: Osservazioni e Resoconti
    Ultima modifica di elz; 12/09/2019 alle 11:11

  4. #44
    Brezza leggera L'avatar di mky
    Data Registrazione
    10/08/16
    Località
    Borgnano (GO)
    Età
    49
    Messaggi
    447
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: GLOBAL WARMING: Analisi Statistica Termica puntuale

    Citazione Originariamente Scritto da elz Visualizza Messaggio
    No quelle non sono isole di calore sono dovute al passaggio da un modello all'altro (gfs vs cfsr ) e sono su una griglia con diversa risoluzione motivo percui ci sono sempre quelle anomalie locali sempre nello stesso punto è evidente anche in aree non urbanizzate specie dove ci sono rilievi(l'anomalia negativa/meno positiva sulle alpi occidentali è anche una costante ma il gran san bernardo ha appena avuto la 2° estate più calda e un riscaldamento estivo dal 1970 superiore a quello delle città padane).

    Analisi modelli agosto 2019

    Estate Meteorologica 2019: Osservazioni e Resoconti
    grazie Elz, ma allora non hanno motivo di essere formulate se incorrette, e siamo al punto di partenza.
    Come si può calcolare e scindere con precisione l'effetto antropico produttivo di calore (combustione-produzione di calore-isole di calore) e l'effetto antropico contenitivo del calore (gas serra-CO2 ecc....), perchè, se la CO2 viene facilmente misurata e ha un impatto facilmente calcolabile in atmosfera, secondo me non abbiamo una idea certa del "calore antropico" che va disperdendosi in atmosfera e che, come la CO2, va alla deriva dall'equatore così come ai poli.
    Al netto della produzione di calore antropico (quantificato?), quale sarebbe l'effetto di 320 ppm o 412ppm di CO2 sulle medie attuali?
    Se prendiamo come riferimento solo il prodotto dei modelli sull'effetto della CO2 allora ci manca qualcosa.

  5. #45
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    32
    Messaggi
    714
    Menzionato
    98 Post(s)

    Predefinito Re: GLOBAL WARMING: Analisi Statistica Termica puntuale

    Citazione Originariamente Scritto da mky Visualizza Messaggio
    grazie Elz, ma allora non hanno motivo di essere formulate se incorrette, e siamo al punto di partenza.
    Come si può calcolare e scindere con precisione l'effetto antropico produttivo di calore (combustione-produzione di calore-isole di calore) e l'effetto antropico contenitivo del calore (gas serra-CO2 ecc....), perchè, se la CO2 viene facilmente misurata e ha un impatto facilmente calcolabile in atmosfera, secondo me non abbiamo una idea certa del "calore antropico" che va disperdendosi in atmosfera e che, come la CO2, va alla deriva dall'equatore così come ai poli.
    Al netto della produzione di calore antropico (quantificato?), quale sarebbe l'effetto di 320 ppm o 412ppm di CO2 sulle medie attuali?
    Se prendiamo come riferimento solo il prodotto dei modelli sull'effetto della CO2 allora ci manca qualcosa.
    Non é difficile avere una idea approssimativa del calore emesso dalle attività umane. La produzione di energia primaria globale è circa 160.000 TWh/anno, che corrisponde a circa 18.000 TW medi. Per il primo principio della termodinamica possiamo considerare questo valore come una buona approssimazione dell'energia rilasciata dalle attività umane (anche se le rinnovabili andrebbero considerate diversamente, questo è certamente un valore approssimato per eccesso). La superficie globale è circa 5x10^14 m2, quindi in termini di energia per metro quadro risulta un valore inferiore a 0,04 W/m2, quindi due ordini di grandezza in meno rispetto ad un forcing climaticamente rilevante a livello globale come può essere la CO2 antropica, un effetto paragonabile a un aumento delle concentrazioni di poche ppm.

    A livello locale può essere rilevante, ma tende comunque ad essere molto meno significativo rispetto alle variazioni di albedo, nell'esempio dell'autostrada fatto da Marco ad esempio ciò che fa la differenza è il fatto che l'asfalto al sole si scalda molto più di un prato, non il calore prodotto dalle macchine, che pure esiste ma in termini di energia rilasciata è minuscolo rispetto all'irraggiamento solare. Anche l'isola di calore urbana è solo in minima parte dovuta al calore emesso dalle attività umane (qualcosa di più in inverno con i riscaldamenti accesi) mentre la presenza di strade ed edifici ha un ruolo centrale.

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

  6. #46
    Uragano L'avatar di Lou_Vall
    Data Registrazione
    06/10/07
    Località
    Roccasparvera (CN) 668m. -Far West-
    Età
    31
    Messaggi
    23,105
    Menzionato
    26 Post(s)

    Predefinito Re: GLOBAL WARMING: Analisi Statistica Termica puntuale

    Non sarà la rivelazione del secolo, ma spesso parliamo di attività umane e di urbanizzazione.
    Ma il peso degli animali da allevamento, nessuno lo calcola?
    Quanti milioni di ovini, bovini, suini e pollame esistono nel mondo, e quanto scaldano? Quanti gas emettono?
    Perchè gli esseri umani sono sì tantissimi, ma la popolazione animale allevata ad hoc per l'uomo quanto impatta?
    Lou soulei nais per tuchi

  7. #47
    Vento forte
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    24
    Messaggi
    3,646
    Menzionato
    12 Post(s)

    Predefinito Re: GLOBAL WARMING: Analisi Statistica Termica puntuale

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Non é difficile avere una idea approssimativa del calore emesso dalle attività umane. La produzione di energia primaria globale è circa 160.000 TWh/anno, che corrisponde a circa 18.000 TW medi. Per il primo principio della termodinamica possiamo considerare questo valore come una buona approssimazione dell'energia rilasciata dalle attività umane (anche se le rinnovabili andrebbero considerate diversamente, questo è certamente un valore approssimato per eccesso). La superficie globale è circa 5x10^14 m2, quindi in termini di energia per metro quadro risulta un valore inferiore a 0,04 W/m2, quindi due ordini di grandezza in meno rispetto ad un forcing climaticamente rilevante a livello globale come può essere la CO2 antropica, un effetto paragonabile a un aumento delle concentrazioni di poche ppm.

    A livello locale può essere rilevante, ma tende comunque ad essere molto meno significativo rispetto alle variazioni di albedo, nell'esempio dell'autostrada fatto da Marco ad esempio ciò che fa la differenza è il fatto che l'asfalto al sole si scalda molto più di un prato, non il calore prodotto dalle macchine, che pure esiste ma in termini di energia rilasciata è minuscolo rispetto all'irraggiamento solare. Anche l'isola di calore urbana è solo in minima parte dovuta al calore emesso dalle attività umane (qualcosa di più in inverno con i riscaldamenti accesi) mentre la presenza di strade ed edifici ha un ruolo centrale.

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk
    Peraltro, il fatto che l'asfalto influenzi la temperatura dell'aria in maniera così determinante è una deformazione della verità (lo fa solo in un sottilissimo strato schiacciato al suolo).
    Una semplice dimostrazione fisica l'ho fatta in questo intervento in un altro thread (si parlava di aeroporti, e di come fossero inadeguati a registrare dati a fini climatici visto che queste rilevazioni dovrebbero riprodurre le condizioni meteo sulla pista, ma di fatto, come ho dimostrato, sono le stesse delle aree fuori pista):

    Stazioni Meteo di LAeroporti non dovrebbero essere inclusi e indicative come clima Locale

  8. #48
    Vento forte
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    24
    Messaggi
    3,646
    Menzionato
    12 Post(s)

    Predefinito Re: GLOBAL WARMING: Analisi Statistica Termica puntuale

    Citazione Originariamente Scritto da Lou_Vall Visualizza Messaggio
    Non sarà la rivelazione del secolo, ma spesso parliamo di attività umane e di urbanizzazione.
    Ma il peso degli animali da allevamento, nessuno lo calcola?
    Quanti milioni di ovini, bovini, suini e pollame esistono nel mondo, e quanto scaldano? Quanti gas emettono?
    Perchè gli esseri umani sono sì tantissimi, ma la popolazione animale allevata ad hoc per l'uomo quanto impatta?
    Se impatta, probabilmente è più per il commercio della carne che smuovono, o per coltivare i mangimi con cui li nutrono.

  9. #49
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    34
    Messaggi
    6,978
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: GLOBAL WARMING: Analisi Statistica Termica puntuale

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Se impatta, probabilmente è più per il commercio della carne che smuovono, o per coltivare i mangimi con cui li nutrono.
    sicuramente

  10. #50
    Burrasca forte L'avatar di Marcoan
    Data Registrazione
    02/09/03
    Località
    Portogruaro (VE)
    Messaggi
    8,376
    Menzionato
    69 Post(s)

    Predefinito Re: GLOBAL WARMING: Analisi Statistica Termica puntuale

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Non é difficile avere una idea approssimativa del calore emesso dalle attività umane. La produzione di energia primaria globale è circa 160.000 TWh/anno, che corrisponde a circa 18.000 TW medi. Per il primo principio della termodinamica possiamo considerare questo valore come una buona approssimazione dell'energia rilasciata dalle attività umane (anche se le rinnovabili andrebbero considerate diversamente, questo è certamente un valore approssimato per eccesso). La superficie globale è circa 5x10^14 m2, quindi in termini di energia per metro quadro risulta un valore inferiore a 0,04 W/m2, quindi due ordini di grandezza in meno rispetto ad un forcing climaticamente rilevante a livello globale come può essere la CO2 antropica, un effetto paragonabile a un aumento delle concentrazioni di poche ppm.

    A livello locale può essere rilevante, ma tende comunque ad essere molto meno significativo rispetto alle variazioni di albedo, nell'esempio dell'autostrada fatto da Marco ad esempio ciò che fa la differenza è il fatto che l'asfalto al sole si scalda molto più di un prato, non il calore prodotto dalle macchine, che pure esiste ma in termini di energia rilasciata è minuscolo rispetto all'irraggiamento solare. Anche l'isola di calore urbana è solo in minima parte dovuta al calore emesso dalle attività umane (qualcosa di più in inverno con i riscaldamenti accesi) mentre la presenza di strade ed edifici ha un ruolo centrale.

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk
    Si ma che c'entra scusa, l'asfalto c'è dappertutto mica solo in autostrada eppure la differenza è netta appena esci dal nastro autostradale rispetto ad una ststale: per me c'entrano e molto anche I numeri di auto e camion che circolano in un autostrada con un impatto netevole sulla temperatura.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •