Pagina 6 di 7 PrimaPrima ... 4567 UltimaUltima
Risultati da 51 a 60 di 68
  1. #51
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    32
    Messaggi
    714
    Menzionato
    98 Post(s)

    Predefinito Re: GLOBAL WARMING: Analisi Statistica Termica puntuale

    Citazione Originariamente Scritto da Lou_Vall Visualizza Messaggio
    Non sarà la rivelazione del secolo, ma spesso parliamo di attività umane e di urbanizzazione.
    Ma il peso degli animali da allevamento, nessuno lo calcola?
    Quanti milioni di ovini, bovini, suini e pollame esistono nel mondo, e quanto scaldano? Quanti gas emettono?
    Perchè gli esseri umani sono sì tantissimi, ma la popolazione animale allevata ad hoc per l'uomo quanto impatta?
    Hanno calcolato tutto.
    FAO - News Article: Key facts and findings

    L'allevamento è una fonte significativa di gas serra, soprattutto metano e ossidi di azoto. Cui va aggiunto tutto il consumo di energia necessario per l'allevamento, il trasporto ecc.

    Poi ovviamente anche in questo caso il calore prodotto direttamente è trascurabile.

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

  2. #52
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    32
    Messaggi
    714
    Menzionato
    98 Post(s)

    Predefinito Re: GLOBAL WARMING: Analisi Statistica Termica puntuale

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Peraltro, il fatto che l'asfalto influenzi la temperatura dell'aria in maniera così determinante è una deformazione della verità (lo fa solo in un sottilissimo strato schiacciato al suolo).
    Una semplice dimostrazione fisica l'ho fatta in questo intervento in un altro thread (si parlava di aeroporti, e di come fossero inadeguati a registrare dati a fini climatici visto che queste rilevazioni dovrebbero riprodurre le condizioni meteo sulla pista, ma di fatto, come ho dimostrato, sono le stesse delle aree fuori pista):

    Stazioni Meteo di LAeroporti non dovrebbero essere inclusi e indicative come clima Locale
    Secondo me hai fatto molti errori nel tuo ragionamento.
    Il principale è trattare l'aria come un solido, ignorando i moti convettivi generati dal riscaldamento. L'aria calda che sta a contatto con l'asfalto sale e scalda ben oltre i due metri canonici delle misurazioni di temperatura.
    Il secondo errore è considerare la massa dell'aria molto superiore a quella dell'asfalto, ma la differenza di densità è tale che un cm di asfalto ha la stessa massa dei primi 20 metri di aria. Certo se consideri l'intera atmosfera la massa dell'aria è molto maggiore, ma lo scambio di energia avviene principalmente con gli strati a diretto contatto con il suolo.
    Quindi il discorso non regge, l'effetto dell'asfalto c'è ed è anche piuttosto forte, basta passare da un prato ad un parcheggio per rendersene conto.

    In assenza di vento è peggio, perché l'aria calda sale in verticale mentre il vento può rimescolare e portare aria più fresca da zone che si scaldano meno.

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

  3. #53
    Vento teso
    Data Registrazione
    08/09/14
    Località
    ancona
    Età
    63
    Messaggi
    1,688
    Menzionato
    16 Post(s)

    Predefinito Re: GLOBAL WARMING: Analisi Statistica Termica puntuale

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Hanno calcolato tutto.
    FAO - News Article: Key facts and findings

    L'allevamento è una fonte significativa di gas serra, soprattutto metano e ossidi di azoto. Cui va aggiunto tutto il consumo di energia necessario per l'allevamento, il trasporto ecc.

    Poi ovviamente anche in questo caso il calore prodotto direttamente è trascurabile.

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk
    Ciao domanda secca , pensi si possa almeno rallentare o invertire il trend caldo per cause naturali magari o anche tu lo giudichi irreversibile?

  4. #54
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    32
    Messaggi
    714
    Menzionato
    98 Post(s)

    Predefinito Re: GLOBAL WARMING: Analisi Statistica Termica puntuale

    Citazione Originariamente Scritto da Marcoan Visualizza Messaggio
    Si ma che c'entra scusa, l'asfalto c'è dappertutto mica solo in autostrada eppure la differenza è netta appena esci dal nastro autostradale rispetto ad una ststale: per me c'entrano e molto anche I numeri di auto e camion che circolano in un autostrada con un impatto netevole sulla temperatura.
    Le macchine ci sono anche nella statale, una statale trafficata non ha niente di meno rispetto ad una autostrada, dove peraltro le corsie sono più larghe e la distanza tra le macchine maggiore.

    Ma è in termini di energia che i conti non tornano, l'asfalto arroventato genera un flusso di calore continuo su tutta la superficie della strada, le macchine un riscaldamento localizzato, dei puntini che si muovono continuamente.

    Tra una statale e una autostrada la differenza principale è la dimensione, su una strada di dimensioni ridotte arriva più facilmente aria dai terreni circostanti.

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

  5. #55
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    32
    Messaggi
    714
    Menzionato
    98 Post(s)

    Predefinito Re: GLOBAL WARMING: Analisi Statistica Termica puntuale

    Citazione Originariamente Scritto da sponsi Visualizza Messaggio
    Ciao domanda secca , pensi si possa almeno rallentare o invertire il trend caldo per cause naturali magari o anche tu lo giudichi irreversibile?
    Rallentare temporaneamente si, i cicli ENSO e AMO sono potenzialmente abbastanza influenti da compensare il riscaldamento antropico per periodi brevi, magari con il supporto di qualche eruzione vulcanica. Ma sarebbero oscillazioni attorno ad un trend di costante aumento, a meno che non ci sia una riduzione delle emissioni antropiche.
    Per avere un raffreddamento duraturo invece ci vorrebbero eventi catastrofici decisamente non auspicabili.

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

  6. #56
    Burrasca forte L'avatar di Marcoan
    Data Registrazione
    02/09/03
    Località
    Portogruaro (VE)
    Messaggi
    8,386
    Menzionato
    69 Post(s)

    Predefinito Re: GLOBAL WARMING: Analisi Statistica Termica puntuale

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Le macchine ci sono anche nella statale, una statale trafficata non ha niente di meno rispetto ad una autostrada, dove peraltro le corsie sono più larghe e la distanza tra le macchine maggiore.

    Ma è in termini di energia che i conti non tornano, l'asfalto arroventato genera un flusso di calore continuo su tutta la superficie della strada, le macchine un riscaldamento localizzato, dei puntini che si muovono continuamente.

    Tra una statale e una autostrada la differenza principale è la dimensione, su una strada di dimensioni ridotte arriva più facilmente aria dai terreni circostanti.

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk
    No non sono d'accordo I volumi di traffico leggero e pesante su una statale e soprattutto d'estate sono mediamente molto inferiori a quelli di un'auto strada e i "puntini" sono molti molti di più su un autostrada e generano calore che per quanto localizzato essendo molto fitti si fa sentire..... È come immaginare tanti puntini molto ravvicinati su una retta, su una statale I puntini sono molto meno ravvicinati e numerosi.

  7. #57
    Vento forte
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    24
    Messaggi
    3,669
    Menzionato
    13 Post(s)

    Predefinito Re: GLOBAL WARMING: Analisi Statistica Termica puntuale

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Secondo me hai fatto molti errori nel tuo ragionamento.
    Il principale è trattare l'aria come un solido, ignorando i moti convettivi generati dal riscaldamento. L'aria calda che sta a contatto con l'asfalto sale e scalda ben oltre i due metri canonici delle misurazioni di temperatura.
    Il secondo errore è considerare la massa dell'aria molto superiore a quella dell'asfalto, ma la differenza di densità è tale che un cm di asfalto ha la stessa massa dei primi 20 metri di aria. Certo se consideri l'intera atmosfera la massa dell'aria è molto maggiore, ma lo scambio di energia avviene principalmente con gli strati a diretto contatto con il suolo.
    Quindi il discorso non regge, l'effetto dell'asfalto c'è ed è anche piuttosto forte, basta passare da un prato ad un parcheggio per rendersene conto.

    In assenza di vento è peggio, perché l'aria calda sale in verticale mentre il vento può rimescolare e portare aria più fresca da zone che si scaldano meno.

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk
    Ottima critica, come dicevo la fisica liceale è ricordo ormai antico per me

    In ogni caso credo che l'asfalto non possa influenzare particolarmente le misurazioni ad altezze di 1 m o 2 m, se non nell'ordine di decimi.
    In questo senso vanno queste ricerche:

    https://nature.berkeley.edu/classes/...GuanK_2011.pdf

    https://aip.scitation.org/doi/pdf/10.1063/1.5042995

    Ho provato a fare dei calcoli, ma non so la bontà degli stessi.

    Bisognerebbe innanzitutto definire le modalità con cui si può trasferire calore dall'asfalto all'aria. La conduzione la escluderei, se non per il sottilissimo strato di interfaccia.
    Resta l'irraggiamento (che di sicuro interverrà, leggo che l'atmosfera assorbe il 23% della radiazione solare globale, ipotizzo quindi possa avvenire lo stesso rispetto all'asfalto?) e la convezione. Quest'ultima calcolabile, ma non particolarmente capace di generare una grande differenza termica.

    In poche parole: parliamo di poco, sinceramente, e dunque non me la sentirei di sostenere che sull'asfalto a 2 m la temperatura dell'aria sia particolarmente più alta. Tanto più perchè parliamo di una condizione ideale senza vento, che non è costante. Peraltro, senza vento, la convezione che avviene è "naturale", e riduce lo scambio di calore, che è limitato agli strati vicini alla superficie.
    Ultima modifica di burian br; 15/09/2019 alle 00:48

  8. #58
    Bava di vento
    Data Registrazione
    07/06/16
    Località
    Varese
    Età
    47
    Messaggi
    157
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: GLOBAL WARMING: Analisi Statistica Termica puntuale

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Ottima critica, come dicevo la fisica liceale è ricordo ormai antico per me Immagine


    In ogni caso credo che l'asfalto non possa influenzare particolarmente le misurazioni ad altezze di 1 m o 2 m, se non nell'ordine di decimi.
    In questo senso vanno queste ricerche:

    https://nature.berkeley.edu/classes/...GuanK_2011.pdf

    https://aip.scitation.org/doi/pdf/10.1063/1.5042995

    Ho provato a fare dei calcoli, ma non so la bontà degli stessi.

    Bisognerebbe innanzitutto definire le modalità con cui si può trasferire calore dall'asfalto all'aria. La conduzione la escluderei, se non per il sottilissimo strato di interfaccia.
    Resta l'irraggiamento (che di sicuro interverrà, leggo che l'atmosfera assorbe il 23% della radiazione solare globale, ipotizzo quindi possa avvenire lo stesso rispetto all'asfalto?) e la convezione. Quest'ultima calcolabile, ma non particolarmente capace di generare una grande differenza termica.

    In poche parole: parliamo di poco, sinceramente, e dunque non me la sentirei di sostenere che sull'asfalto a 2 m la temperatura dell'aria sia particolarmente più alta. Tanto più perchè parliamo di una condizione ideale senza vento, che non è costante. Peraltro, senza vento, la convezione che avviene è "naturale", e riduce lo scambio di calore, che è limitato agli strati vicini alla superficie.
    Invece per me l’asfalto influenza la temperatura ben oltre i 2 m.
    Parto da un altro punto di vista, quello del volo.
    Con aerei piccoli mi è capitato diverse volte di beccare alcune “botte” o turbolenze singole sorvolando zone con asfalto scuro immerse nel verde e vento calmo, capita in genere sorvolando la pianura padana poiché la quota massima ammissibile per i voli a vista è 1000 ft ground (300 m).

    Quello che succede è che l’aria riscaldata dall’asfalto forma una bolla che cresce fino a quando si stacca da terra e sale.
    Gli uccelli e chi pratica il volo libero sfrutta questi fenomeni per guadagnare quota; spesso si formano anche cumuli più o meno grandi.

    Il vento se debole spinge la bolla lateralmente non facendola salire in verticale o se abbastanza forte inibisce il fenomeno completamente.


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

  9. #59
    Vento forte
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    24
    Messaggi
    3,669
    Menzionato
    13 Post(s)

    Predefinito Re: GLOBAL WARMING: Analisi Statistica Termica puntuale

    Citazione Originariamente Scritto da MeTeo72 Visualizza Messaggio
    Invece per me l’asfalto influenza la temperatura ben oltre i 2 m.
    Parto da un altro punto di vista, quello del volo.
    Con aerei piccoli mi è capitato diverse volte di beccare alcune “botte” o turbolenze singole sorvolando zone con asfalto scuro immerse nel verde e vento calmo, capita in genere sorvolando la pianura padana poiché la quota massima ammissibile per i voli a vista è 1000 ft ground (300 m).

    Quello che succede è che l’aria riscaldata dall’asfalto forma una bolla che cresce fino a quando si stacca da terra e sale.
    Gli uccelli e chi pratica il volo libero sfrutta questi fenomeni per guadagnare quota; spesso si formano anche cumuli più o meno grandi.

    Il vento se debole spinge la bolla lateralmente non facendola salire in verticale o se abbastanza forte inibisce il fenomeno completamente.


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
    I moti convettivi sono sempre presenti, d'altronde se non ci fossero saremmo in condizione di inversione termica.

    Ma in generale quei moti convettivi sull'asfalto o sulle piste si amalgamano con gli altri che avvengono dalle aree circostanti. Diciamo che influenzano il moto delle particelle d'aria, ma non la loro temperatura (non sensibilmente oltre un certo livello).
    Non credo cioè esistano dei canaloni verticali di correnti ascensionali convettive che si trovano a temperature molto più alte delle correnti circostanti.

  10. #60
    Uragano L'avatar di Dream Design
    Data Registrazione
    13/10/04
    Località
    Napoli coll. 249 mt.
    Età
    31
    Messaggi
    16,307
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: GLOBAL WARMING: Analisi Statistica Termica puntuale

    Citazione Originariamente Scritto da Dream Design Visualizza Messaggio
    cercherò di mettere il "mio" GW dal Settembre 2001 (data dell'inizio ufficiale delle mie registrazioni) col grafico appena riesco.
    Sto convertendo definitivamente la mia 71-10 (40 anni) con la 81-10 (30). Avevo i dati 81-10 solo che facendo la fusione li avevo eliminati quindi li sto recuperando, è un lavoraccio, non appena finisco posterò il grafico come promesso.

    Sono sempre stato restio alla 81-10 perchè alcuni mesi estivi o di mezza stagione appaiono "freddi" ma dopo la recente estate mi sono reso conto che ormai è inutile usare medie antiche, lo è già la 1971-2000 per l'estate, ormai il nostro clima è mutato ed è "giusto" che, per esempio, un estate come la 2016 possa essere definita normale (con la 81-10 è praticamente in media da me, ho fatto un esempio).



    NAPOLI, Febbraio 2018: IO C'ERO !!!
    estremi dal 2001: -3.7 (2014) +38.1 (2007)


Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •