Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 21
  1. #1
    Vento moderato L'avatar di Aldo Meschiari
    Data Registrazione
    24/12/05
    Località
    Carpi (Mo)
    Messaggi
    1,261
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Domanda: la CO2 prodotta dai vulcani come va considerata?

    La CO2 prodotta dalle attività antropiche viene considerata una forzante perchè si va a forzare un ciclo naturale, ovvero a bruciare combustibili fossili che hanno in milioni di anno intrappolato il carbonio.
    Ma quella prodotta dai vulcani?
    La sua quantità è tale da andare a modificare il naturale ciclo del carbonio?
    Viene considerata parte del ciclo naturale o una forzante?

    grazie a chi vorrà rispondere

  2. #2
    Brezza leggera
    Data Registrazione
    18/09/19
    Località
    Catania
    Messaggi
    402
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Domanda: la CO2 prodotta dai vulcani come va considerata?

    Bella domanda, fra l'altro l'Etna ne emette in quantità, si parla di migliaia di tonnellate al giorno, e c'è anche la SO2 e varie altre finezze.
    Stromboli ne emette molto meno.

    Però nel mondo vulcani che hanno un pennacchio permanente, a che so io, sono molto pochi.

    Nel passato invece le cose possono essere andate diversamente. Attualmente i cosiddetti LIP, Large Igneous Province, sono sospettati di aver contribuito, se non scatenato, diverse estinzioni di massa. Si tratta di eruzioni basaltiche che in poche migliaia di anni (quanto poche è difficile dirlo, possono essere solo mille) esettono quantità spaventose di lave e gas con volumi che tranquillamente seppellirebbero l'Italia intera con uno strato spesso un Km. E tra i gas c'è la CO2. Al contrario delle eruzioni di vulcani andesitici tipo Krakatoa, le ceneri non dovrebbero essere significative.
    L'ultimo episodio si è verificato attorno alla fine del Cretaceo e ci sono discussioni su chi effettivamente abbia avuto un ruolo nella fine dei dinosauri (di alcuni dinosauri, i loro discendenti, gli uccelli, sono ancora fra noi) in opposizione al meteorite. Questo perché le datazioni sono un po' ballerine. Forse entrambi ci hanno messo del loro.

  3. #3
    Vento moderato
    Data Registrazione
    27/06/19
    Località
    Castellammare NA
    Età
    25
    Messaggi
    1,190
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Domanda: la CO2 prodotta dai vulcani come va considerata?

    No secondo me non lo è Aldo e spiego perché; il ciclo che rimuove la C02 dei vulcani è un ciclo sempre esistito cosidetto "lungo", perché il processo che rimuove in modo definitivo la C02 dall'ecosfera è quello dell'erosione dei silicati che a lungo termine trasporta il carbonio a grandi profondita' nel mantello terrestre. Da li' poi la C02 viene riemessa nel caso d'eruzioni vulcaniche. Ma è un ciclo lungo, molto lungo ci vogliono centinaia e centinai d'anni.
    Ma le eruzioni non sono costanti come le emissioni antropiche, sono piuttosto alquanto sporadiche se vogliamo ben considerare. E poi nelle eruzioni vi sono gli aereosol che hanno un effetto diluente di questo gas, cosa che nelle emissioni antropiche non avviene.
    Si stima attualmente che le emissioni antropiche siano di c.a. 29 miliardi di tons. l'anno. Sarebbero quindi in un anno 100 volte superiori a quelle dei vulcani. [EIA] Anche un'eruzione enorme come quella del Pinatubo e difficilmente discernibile nella registrazione della concentrazione di C02 del pianeta. In effetti il ritmo di concentrazione dopo l'eruzione , rallenta dopo l'episodio eruttivo, a causa del raffreddamento degli aeresol emessi nello stesso.

  4. #4
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    32
    Messaggi
    727
    Menzionato
    102 Post(s)

    Predefinito Re: Domanda: la CO2 prodotta dai vulcani come va considerata?

    Citazione Originariamente Scritto da Aldo Meschiari Visualizza Messaggio
    La CO2 prodotta dalle attività antropiche viene considerata una forzante perchè si va a forzare un ciclo naturale, ovvero a bruciare combustibili fossili che hanno in milioni di anno intrappolato il carbonio.
    Ma quella prodotta dai vulcani?
    La sua quantità è tale da andare a modificare il naturale ciclo del carbonio?
    Viene considerata parte del ciclo naturale o una forzante?

    grazie a chi vorrà rispondere
    La CO2 vulcanica fa parte del ciclo naturale, come ha giustamente notato @Kou la CO2 viene intrappolata sotto la crosta terrestre dai processi di subduzione e viene rilasciata dalle eruzioni vulcaniche. Parliamo comunque di un flusso veramente piccolo rispetto agli altri flussi naturali e anche quello antropico (meno dell'1% delle nostre emissioni).

    Anche le grandi eruzioni fanno poco, Pinatubo è stato pari allo 0,2% delle emissioni umane in quell'anno. Soltanto le fasi di attività estremamente intensa per periodi prolungati tipo siberian traps possono incidere significativamente sulle concentrazioni di CO2.


    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

  5. #5
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    34
    Messaggi
    7,342
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Domanda: la CO2 prodotta dai vulcani come va considerata?

    Citazione Originariamente Scritto da Kou Visualizza Messaggio
    No secondo me non lo è Aldo e spiego perché; il ciclo che rimuove la C02 dei vulcani è un ciclo sempre esistito cosidetto "lungo", perché il processo che rimuove in modo definitivo la C02 dall'ecosfera è quello dell'erosione dei silicati che a lungo termine trasporta il carbonio a grandi profondita' nel mantello terrestre. Da li' poi la C02 viene riemessa nel caso d'eruzioni vulcaniche. Ma è un ciclo lungo, molto lungo ci vogliono centinaia e centinai d'anni.
    Ma le eruzioni non sono costanti come le emissioni antropiche, sono piuttosto alquanto sporadiche se vogliamo ben considerare. E poi nelle eruzioni vi sono gli aereosol che hanno un effetto diluente di questo gas, cosa che nelle emissioni antropiche non avviene.
    Si stima attualmente che le emissioni antropiche siano di c.a. 29 miliardi di tons. l'anno. Sarebbero quindi in un anno 100 volte superiori a quelle dei vulcani. [EIA] Anche un'eruzione enorme come quella del Pinatubo e difficilmente discernibile nella registrazione della concentrazione di C02 del pianeta. In effetti il ritmo di concentrazione dopo l'eruzione , rallenta dopo l'episodio eruttivo, a causa del raffreddamento degli aeresol emessi nello stesso. Immagine
    questo è un passaggio importante tra l'altro
    perché in questa fase unitamente alla co2 è aumentata anche la SSR
    irradiazione solare di superficie
    cosa che come detto, per forza di cose, in presenza di massiccie e prolungate eruzioni non può accadere

  6. #6
    Vento forte
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    24
    Messaggi
    4,040
    Menzionato
    14 Post(s)

    Predefinito Re: Domanda: la CO2 prodotta dai vulcani come va considerata?

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    La CO2 vulcanica fa parte del ciclo naturale, come ha giustamente notato @Kou la CO2 viene intrappolata sotto la crosta terrestre dai processi di subduzione e viene rilasciata dalle eruzioni vulcaniche. Parliamo comunque di un flusso veramente piccolo rispetto agli altri flussi naturali e anche quello antropico (meno dell'1% delle nostre emissioni).

    Anche le grandi eruzioni fanno poco, Pinatubo è stato pari allo 0,2% delle emissioni umane in quell'anno. Soltanto le fasi di attività estremamente intensa per periodi prolungati tipo siberian traps possono incidere significativamente sulle concentrazioni di CO2.


    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk
    Una delle più grandi frottole che ho letto (e cui ho creduto, prima di documentarmi ovviamente) è che la CO2 emessa dai vulcani sia molta di più di quella antropica, roba che tutte le emissioni annue umane non sarebbero pari nemmeno a quella emessa in qualche giorno dai vulcani di tutto il pianeta.

  7. #7
    Burrasca L'avatar di Cristiano96
    Data Registrazione
    12/09/12
    Località
    Fasano
    Età
    23
    Messaggi
    6,627
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Domanda: la CO2 prodotta dai vulcani come va considerata?

    Nel 1991 Il Pinatubo emise 42 milioni di tonnellate di CO2, nello stesso anno le attività antropiche ne emisero 25 miliardi.
    Attualmente si stimano 300 milioni di tonnellate annue di CO2 emessa dai vulcani contro i 40 miliardi delle attività umane.

    Se ritrovo i dati ve li posto, purtroppo ho perso la fonte ma feci questa ricerca nel marzo scorso.
    Abbiamo imparato a volare come gli uccelli, a nuotare come i pesci, ma non abbiamo imparato l'arte di abbattere l’hp ad est.
    -Martin Luther King

  8. #8
    ovestest
    Ospite

    Predefinito Re: Domanda: la CO2 prodotta dai vulcani come va considerata?

    Citazione Originariamente Scritto da Cristiano96 Visualizza Messaggio
    Nel 1991 Il Pinatubo emise 42 milioni di tonnellate di CO2, nello stesso anno le attività antropiche ne emisero 25 miliardi.
    Attualmente si stimano 300 milioni di tonnellate annue di CO2 emessa dai vulcani contro i 40 miliardi delle attività umane.

    Se ritrovo i dati ve li posto, purtroppo ho perso la fonte ma feci questa ricerca nel marzo scorso.
    @Cristiano96 Com'è possibile che il Pinatubo avendo immesso 42 milioni di tonnellate di CO2 è riuscito a fare scendere per un paio di anni le temperature terrestri di circa mezzo grado mentre l’immissione annua di 300 milioni di CO2 di tutti i vulcani della Terra non ha nessun effetto sulla diminuzione delle temperature?

  9. #9
    Bava di vento
    Data Registrazione
    07/06/16
    Località
    Varese
    Età
    47
    Messaggi
    166
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Domanda: la CO2 prodotta dai vulcani come va considerata?

    Citazione Originariamente Scritto da ovestest Visualizza Messaggio
    @Cristiano96 Com'è possibile che il Pinatubo avendo immesso 42 milioni di tonnellate di CO2 è riuscito a fare scendere per un paio di anni le temperature terrestri di circa mezzo grado mentre l’immissione annua di 300 milioni di CO2 di tutti i vulcani della Terra non ha nessun effetto sulla diminuzione delle temperature?
    Perché la schermatura della radiazione solare da parte delle ceneri in atmosfera, ha maggior influenza.
    La CO2 è una coperta aggiuntiva, ma il sole è la fonte di calore


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

  10. #10
    Vento moderato
    Data Registrazione
    24/04/05
    Località
    savignano s/p formic
    Età
    59
    Messaggi
    1,021
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Domanda: la CO2 prodotta dai vulcani come va considerata?

    Citazione Originariamente Scritto da ovestest Visualizza Messaggio
    @Cristiano96 Com'è possibile che il Pinatubo avendo immesso 42 milioni di tonnellate di CO2 è riuscito a fare scendere per un paio di anni le temperature terrestri di circa mezzo grado mentre l’immissione annua di 300 milioni di CO2 di tutti i vulcani della Terra non ha nessun effetto sulla diminuzione delle temperature?
    quella che ha fatto scendere la temperatura è stata SO2, sparata in stratosfera in gran quantità, non ricordo bene il quantitativo, cosi ha schermato parzialmente i raggi solari, da qui il calo, non tutti i vulcani riescono a sfondare in stratosfera con le ceneri, e non tutti con una certa quantità, da poter modulare il clima
    -16,1 il 6 e il 14/02/2012 +39,7 il 04/08/201
    www.meteosystem.com/stazioni/savignanosulpanaro/

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •