Pagina 293 di 301 PrimaPrima ... 193243283291292293294295 ... UltimaUltima
Risultati da 2,921 a 2,930 di 3003
  1. #2921
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    38
    Messaggi
    14,703
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoriamo le regioni d'Italia in crisi idrica

    Citazione Originariamente Scritto da Viva la fioca Visualizza Messaggio
    Ma poi ciò che non era coltivazione era pascolo sovrapascolato da tutti gli abitanti dei paesi che 3/4 bestie le avevano in ogni casa. I pastori itineranti pagavano una tassa al comune per poter far pascolare le bestie a bordo strada.. Ora 100mila euro di trattore e 50mila di trincia + gasolio per pulire bordo strada

    Inviato dal mio MAR-LX1B utilizzando Tapatalk
    esatto
    qui anche oggi sulla linea di cresta, dove la montagna è mediamente 1200-1300, rimane ancora adibita a pascolo
    specialmente ovicaprini
    ecco l'alpe nesdale

    C'ho la falla nel cervello


  2. #2922
    Burrasca L'avatar di Viva la fioca
    Data Registrazione
    09/07/10
    Località
    fraz. Vaccheria di Guarene 154 s.l.m.
    Età
    32
    Messaggi
    6,996
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoriamo le regioni d'Italia in crisi idrica

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro1985 Visualizza Messaggio
    esatto
    qui anche oggi sulla linea di cresta, dove la montagna è mediamente 1200-1300, rimane ancora adibita a pascolo
    specialmente ovicaprini
    ecco l'alpe nesdale

    Immagine
    I boschi non esistevano più in certi periodi storici

    Inviato dal mio MAR-LX1B utilizzando Tapatalk

  3. #2923
    Vento fresco
    Data Registrazione
    05/01/09
    Località
    Torino
    Età
    43
    Messaggi
    2,385
    Menzionato
    111 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoriamo le regioni d'Italia in crisi idrica

    l'analisi del wwa ha concluso che in questo caso l'influenza del gw è stata probabilmente limitata:

    Limited net role for climate change in heavy spring rainfall in Emilia-Romagna – World Weather Attribution

    Spiral: Limited net role for climate change in heavy spring rainfall in Emilia-Romagna

    evento raro più urbanizzazione le cause più probabili, non si risolve con più cemento ne scavi ne argini più alti, tutte soluzioni che accelerano il flusso e favoriscono l'erosione :

    The rarity of this event (a 1-in-200 year event) implies that it could not be expected that existing infrastructure be built to withstand such extreme rainfall. The finding that during the spring season, this type of event is not occurring more frequently, further complicates calls for adaptation within the region to this type of event. Adaptation decisions should be based on a holistic review of how the climate hasalready changed in the region, and future projections of changes. However, there are ‘low regret’ adaptation options that could be beneficial for this region because they have co-benefits for multiple hazards (e.g. floods, droughts, heat), as well as improving the wellbeing of the general public and biodiversity. For example, increasing the ‘sponginess’ of cities with the help of water and vegetation based nature-based solutions can offer multiple co-benefits
    Finally, natural flood risk management of various types (i.e. increasing forest cover, re-meandering streams, re-creating wetlands, etc.) can all have the effect of slowing down river flows, decreasing flashflood risk, and creating stronger ecosystem regulators areas; all in all, decrease flood impacts on both arable and urban areas. With many parts of Europe seeing increasing severe drought risk, various methods to store the water from these floods (e.g. in constructed wetlands, slower rivers, irrigation systems, etc.) could increase the resilience of agricultural systems in the region
    Ultima modifica di elz; 31/05/2023 alle 18:41

  4. #2924
    Uragano L'avatar di Heinrich
    Data Registrazione
    21/04/08
    Località
    Ban (Bz)
    Messaggi
    19,177
    Menzionato
    77 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoriamo le regioni d'Italia in crisi idrica

    Citazione Originariamente Scritto da elz Visualizza Messaggio
    Mentre con Vaia erano stati un po' meno "limited" nell'identificarli.

    Ad ogni modo cambia poco: il totale precipitato è statio impressionante. Evento secolare?
    o sto male, o posto male. O ho riposto male le fiducie nella civiltà umana, Uma Thurman capirebbe. O posto male o post-pandemia la fiducia nella scienza s'è persa come Andrea di De André che non sa tornare. Uma salvaci tu. Una firma che è un quasi haiku.

  5. #2925
    Uragano L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    31
    Messaggi
    26,919
    Menzionato
    423 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoriamo le regioni d'Italia in crisi idrica

    continua il periodo movimentato in zona. dopo un maggio a 170mm circa direi che il pericolo più grave è scampato, così come per molte località d'Italia che erano in pesante deficit.
    rimangono però delle zone ancora assetate, difficile che vengano innaffiate per bene in estate.
    Si vis pacem, para bellum.

  6. #2926
    Burrasca L'avatar di faggio58
    Data Registrazione
    16/06/05
    Località
    Fratta Terme-Bertinoro (FC)
    Età
    64
    Messaggi
    5,203
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoriamo le regioni d'Italia in crisi idrica

    Un quotidiano meno superficiale e senzazionalistico degli altri mette qualche puntino sulle i:

    Non si puo ancora dire se il cambiamento climatico abbia avuto un ruolo nelle alluvioni in Romagna - Il Post

    Inviato dal mio moto g 5G utilizzando Tapatalk

  7. #2927
    Vento fresco
    Data Registrazione
    05/01/09
    Località
    Torino
    Età
    43
    Messaggi
    2,385
    Menzionato
    111 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoriamo le regioni d'Italia in crisi idrica

    ecco perfetto questo articolo e c'è anche una parte sulla complessità dell'area mediterranea per le precipitazioni estreme di cui si parlava nel td sulle temperature globali:

    E potrebbero anche sembrare in controtendenza le une con le altre. «Il Mediterraneo per il ciclo dell’acqua è una zona veramente particolare del globo», spiega Federico Grazzini, meteorologo dell’Agenzia regionale per la prevenzione, l’ambiente e l’energia dell’Emilia-Romagna (Arpae) e ricercatore all’Università di Monaco di Baviera, che ha a sua volta collaborato con la WWA: «In generale c’è una forte diminuzione delle piogge sulla quantità totale annuale, però questa tendenza si manifesta in tutte le stagioni tranne l’autunno: in autunno invece c’è una tendenza all’aumento. In media le piogge diminuiscono, ma quando piove sono più intense, e questo sul suolo ha effetti molto diversi». Grazzini sta lavorando a uno studio sulle precipitazioni sull’Italia centro-settentrionale che mostra che gli eventi di pioggia estremi stanno diminuendo in frequenza, ma aumentando in intensità.

  8. #2928
    Vento moderato
    Data Registrazione
    09/12/20
    Località
    SS
    Età
    29
    Messaggi
    1,303
    Menzionato
    41 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoriamo le regioni d'Italia in crisi idrica

    Citazione Originariamente Scritto da SsNo Visualizza Messaggio
    Percentuale riempimento invasi in Sardegna al 31 marzo degli ultimi 10 anni
    2014 94,47%
    2021 92,07%
    2015 88,60%
    2019 88,01%
    2020 85,55%
    2022 84,32%
    2017 82,96%
    2016 78,80%
    2023 77,67%
    2018 70,54%
    Percentuale riempimento invasi in Sardegna al 30 aprile degli ultimi 10 anni
    2014 92,35%
    2015 88,46%
    2019 88,43%
    2020 87,77%
    2021 87,64%
    2022 84,74%
    2017 80,40%
    2023 76,06%
    2016 75,85%
    2018 73,43%

  9. #2929
    Vento moderato
    Data Registrazione
    09/12/20
    Località
    SS
    Età
    29
    Messaggi
    1,303
    Menzionato
    41 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoriamo le regioni d'Italia in crisi idrica

    Citazione Originariamente Scritto da SsNo Visualizza Messaggio
    Percentuale riempimento invasi in Sardegna al 30 aprile degli ultimi 10 anni
    2014 92,35%
    2015 88,46%
    2019 88,43%
    2020 87,77%
    2021 87,64%
    2022 84,74%
    2017 80,40%
    2023 76,06%
    2016 75,85%
    2018 73,43%
    Percentuale riempimento invasi in Sardegna al 31 maggio degli ultimi 10 anni
    2014 88,39%
    2018 85,99%
    2019 85,06%
    2022 84,84%
    2015 84,44%
    2021 82,15%
    2020 81,75%
    2023 78,58%
    2017 74,98%
    2016 72,74%

  10. #2930
    Vento fresco L'avatar di alnus
    Data Registrazione
    23/11/13
    Località
    Modena, campagna Est m30
    Età
    63
    Messaggi
    2,360
    Menzionato
    32 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoriamo le regioni d'Italia in crisi idrica

    Citazione Originariamente Scritto da glozzi Visualizza Messaggio
    Ci sono e non sei tu, con l'utente all'uso ci ho discusso, non so quanto, è arrivato persino a dire che è normale l'abbassamento idroelettrico del lago di Garda, quando l'isola dei conigli erano anni che non si raggiungeva a piedi, e mai in inverno, giusto enrico_3bmeteo aveva fatto il calcolo di quanti milioni di metri cubi di acqua manchino. Servirebbero tre mesi di pioggia continua

    Inviato dal mio SM-A307FN utilizzando Tapatalk
    E' bastato un mese di piogge (sul suo bacino) modeste.
    Enti regolatori dei grandi laghi

    E' di nuovo in media stagionale (vicina alla massima annuale) dopo poco più di un anno sotto media, preceduto da 4 anni di sopra media continuo.

    Anche Verbano e Lario sono in media ma da più tempo, il Sebino e' ai massimi storici.
    Enti regolatori dei grandi laghi

    Come avevo già detto, oscillazioni di un metro in questi laghi sono abbastanza normali e non richiedono tempi lunghi.
    Ultima modifica di alnus; 15/06/2023 alle 01:02

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •