Pagina 9 di 15 PrimaPrima ... 7891011 ... UltimaUltima
Risultati da 81 a 90 di 141
  1. #81
    Vento teso
    Data Registrazione
    08/09/14
    Località
    ancona
    Età
    63
    Messaggi
    1,903
    Menzionato
    19 Post(s)

    Predefinito Re: Analisi modelli: Dicembre 2019

    Citazione Originariamente Scritto da Piro Visualizza Messaggio
    Diciamo che dopo 3-4 anni di inverni in PNA+, proprio nel momento in cui ci vorrebbe un deciso rimbalzo in fase positiva, la PNA mostra un encefalogramma piatto totalmente deleterio per far fruttare le importanti modifiche in sede euroasiatica. E' inevitabile la prosecuzione del trend basso-atlantico senza un contributo netto dal Pacifico in grado di modulare positivamente il getto.

    PS- Nel mio range delle possibilità per questa stagione invernale, il "campione di fondo" è difatti rappresentato da un 2013/14, non mi sembra proprio ci siano i presupposti per un 2006/07 con fronte polare alto...
    appoggio in toto e ricordiamo bene che bella .... stagione

  2. #82
    Vento fresco
    Data Registrazione
    10/09/13
    Località
    Putignano
    Età
    45
    Messaggi
    2,061
    Menzionato
    19 Post(s)

    Predefinito Re: Analisi modelli: Dicembre 2019

    Senza voli pindarici e della solita frase “ci vogliono 24 ore per passare dalla +15 alla -25 li”....qual’è il pensiero verso questa carta?

    Analisi modelli: Dicembre 2019-3366b31c-f985-4866-b042-7dc0ddb90d08.png

  3. #83
    Vento fresco L'avatar di Mat87
    Data Registrazione
    17/04/13
    Località
    Viterbo (350 m)
    Età
    33
    Messaggi
    2,237
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Analisi modelli: Dicembre 2019

    Citazione Originariamente Scritto da Cristiano96 Visualizza Messaggio
    Non per parlare di altri lidi o per fare complimenti a questo forum, ma lì sono sempre ottimisti e guai a mostrarti pessimista, le tue analisi non saranno prese in considerazione.
    Credo sia proprio un modo per esorcizzare il brutto andazzo meteo che stiamo vivendo, e che la troposfera continua imperterrita a mostrate. Molti appassionati guardano quasi essenzialmente alla strato esaltandosi su movimenti che poi non si realizzano...è un ottimismo che in realtà non lo è...più una speranza di cambiamento che viene continuamente posticipata perchè evidentemente c'è qualcosa che purtroppo nel quadro barico non permette la sua realizzazione. E i modelli al momento proprio non fiutano cose belle.

    Direi che la situazione è cosi oggettivamente brutta che sarebbe già un successo clamoroso se sia aprisse un periodo normale e con temperature consone, perchè quello che vedono i modelli è qualcosa di aberrante e totalmente fuori da ogni schema.

    Persino il 2013-2014 ebbe una partenza ASSAI migliore dell'Inverno, almeno al centro-sud, anzi, vi fu una notevole irruzione a fine Novembre a cui seguì un periodo normale fin verso il 20 Dicembre. Nelle piane interne gelava ogni giorno con anche bei nebbioni/galaverne, quindi fu Inverno (magari non esaltante) fino a Natale. Quindi al momento siamo messi anche molto molto peggio.
    Anno 2019
    Pioggia: 601,0 mm (Agg. 3 Ottobre)
    Neve: 4,5 cm.

  4. #84
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    34
    Messaggi
    8,320
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Analisi modelli: Dicembre 2019

    Citazione Originariamente Scritto da fabio.campanella Visualizza Messaggio
    Senza voli pindarici e della solita frase “ci vogliono 24 ore per passare dalla +15 alla -25 li”....qual’è il pensiero verso questa carta?

    Analisi modelli: Dicembre 2019-3366b31c-f985-4866-b042-7dc0ddb90d08.png


  5. #85
    Burrasca forte L'avatar di Gangi
    Data Registrazione
    08/12/09
    Località
    Gangi(pa), San Pellegrino Terme(Bg)
    Età
    34
    Messaggi
    8,802
    Menzionato
    32 Post(s)

    Predefinito Re: Analisi modelli: Dicembre 2019

    Citazione Originariamente Scritto da giangi1 Visualizza Messaggio
    Reading, in realtà disegna scenari potenzialmente molto diversi: dà maggior credito ad una frenata zonale e ad una contestuale rimonta azzorriana con discesa fredda tra il 29 ed il 06 gennaio
    Ci potrebbe anche stare...le più forti ondate di freddo degli ultimi anni sono state: 30/31 dicembre 2014, 5/7 gennaio 2017, 4/5 gennaio 2019...guarda caso tutte in quel range temporale, strana coincidenza...vedremo quest'anno.

  6. #86
    Vento fresco L'avatar di appassionato_meteo
    Data Registrazione
    01/09/14
    Località
    Artegna (UD) 191 mslm
    Messaggi
    2,525
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Analisi modelli: Dicembre 2019

    Citazione Originariamente Scritto da Piro Visualizza Messaggio
    Diciamo che dopo 3-4 anni di inverni in PNA+, proprio nel momento in cui ci vorrebbe un deciso rimbalzo in fase positiva, la PNA mostra un encefalogramma piatto totalmente deleterio per far fruttare le importanti modifiche in sede euroasiatica. E' inevitabile la prosecuzione del trend basso-atlantico senza un contributo netto dal Pacifico in grado di modulare positivamente il getto.

    PS- Nel mio range delle possibilità per questa stagione invernale, il "campione di fondo" è difatti rappresentato da un 2013/14, non mi sembra proprio ci siano i presupposti per un 2006/07 con fronte polare alto...
    Scusami, cosa intendi per campione di fondo? L'ipotesi peggiore?
    Qual è l'ipotesi migliore che ti aspetti?
    Grazie
    Discussione che raccoglie medie e statistiche sulle grandezze in quota (principalmente medie ad 850 hPa, quota ZT, geopotenziali a 500 hPa) di Udine:
    http://forum.meteotriveneto.it/showt...tiche-in-quota

  7. #87
    Burrasca
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    25
    Messaggi
    5,563
    Menzionato
    28 Post(s)

    Predefinito Re: Analisi modelli: Dicembre 2019

    Citazione Originariamente Scritto da Gangi Visualizza Messaggio
    Ci potrebbe anche stare...le più forti ondate di freddo degli ultimi anni sono state: 30/31 dicembre 2014, 5/7 gennaio 2017, 4/5 gennaio 2019...guarda caso tutte in quel range temporale, strana coincidenza...vedremo quest'anno.
    Se è per questo si vede come accadano ogni due anni esatti, per cui quest'anno non ci toccherebbe

  8. #88
    Uragano L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    28
    Messaggi
    15,933
    Menzionato
    88 Post(s)

    Predefinito Re: Analisi modelli: Dicembre 2019

    Citazione Originariamente Scritto da fabio.campanella Visualizza Messaggio
    Senza voli pindarici e della solita frase “ci vogliono 24 ore per passare dalla +15 alla -25 li”....qual’è il pensiero verso questa carta?

    Analisi modelli: Dicembre 2019-3366b31c-f985-4866-b042-7dc0ddb90d08.png
    Che i centri di anomalia si sono spostati verso Est rispetto agli ultimi anni. L’anno scorso avevi la stessa cosa centrata tra Spagna, Francia e Mittel Europe.

    ps: fermo restando che si, ci vuole poco a raffreddare quelle zone e se non succede è perché non ci sono i presupposti di tirare giù il freddo da NE, dunque, non essendoci possibilità materiali di tiralo giù lì, figurarsi da noi... ergo, che in Romania ci sia la +15 o la -15 al momento non ci fa alcuna differenza. Che sia assurdo di per se, nessuno ne discuterebbe penso...
    Si vis pacem, para bellum.

  9. #89
    Brezza tesa L'avatar di damiano23
    Data Registrazione
    25/02/19
    Località
    Catania (CT) 7 mt.
    Messaggi
    904
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Analisi modelli: Dicembre 2019

    Analisi modelli: Dicembre 2019-nzasdr.png

    Analisi modelli: Dicembre 2019-vvvv.png



    Confrontando... Quel che si nota in una carta emisferica, presa ad arbitrio, è proprio l'attività zonale sparata e violenta in uscita dal Giappone che investì il Pacifico, e nell'inverno 2013/2014, specie a gennaio, i forti venti occidentali a 300 hPa nel Pacifico ne furono i protagonisti.
    La situazione era comunque diversa rispetto ad oggi nel 2014, anche perché a gennaio non si ergeva nessun hp in Europa nord-orientale, il FP era sì basso in Atlantico, specialmente ad inizio mese, ma non sempre stabile nel basso Atlantico, attività depressionaria stabilmente concentrata fra Groenlandia e Islanda. Mese concluso in un contesto di NAO positiva, NAO +0,29
    A febbraio si affermò totalmente il dominio atlantico, FP atlantico basso di latitudine, soprattutto a inizio mese, la cui influenza coinvolse esclusivamente l'Europa occidentale e si spinse non oltre l'Atlantico orientale...per 2/3 del mese l'attività zonale atlantica, per gli amici il getto in uscita da Terranova, fu teso, impossibile dunque l'elevazione di un hp verso nord e fase fredda atlantica stabile nell'omonimo oceano, il Jet Stream nel Pacifico cedette invece la presa, rallentò bruscamente a febbraio per la maggior parte del mese. Ci fu quindi un'anti-correlazione fra Jet Stream in uscita da Terranova e Jet Stream pacifico. Solo quando in terza decade la corrente a getto pacifica si intensificò, il JS atlantico rallentò bruscamente. Il tutto finì con un mese un Febbraio 2014 con NAO+ o meglio +1,34.
    Quest'anno invece ho notato che in autunno vi fu una correlazione tra JS del Pacifico e JS atlantico in cui all'aumentare dell'uno aumentava l'altro di intensità.. ma eravamo in un contesto di AO e NAO negativa, eccezionalmente Novembre 2019 chiuse positivo, a +0,28..
    una risposta che giustificherebbe il motivo della correlazione o anti-correlazione la potrebbero fornire vari parametri, cui l'ENSO.
    Sarei più felice nel vedere le prossime settimane entrambe correnti molto più deboli anche perché se è vero che vi sia uno stretto legame fra JS atlantico e JS pacifico allora l'hp delle Azzorre avrà/non avrà modo di elevarsi verso il Nord Atlantico, tutto dipende dalla forza del flusso zonale, in questo caso quello in uscita da Terranova. Mi può stare bene che un tratto della corrente a getto sia forte a sud della Groenlandia, ma quel che importa è che sia il JS basso di latitudine in uscita dall'America del Nord e che assuma la ondulazione a U per garantire la spinta azzorriana in Atlantico! Purtroppo tutto questo non avverrà, se non forse nel 2020.
    Ultima modifica di damiano23; 14/12/2019 alle 16:14

  10. #90
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    34
    Messaggi
    8,320
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Analisi modelli: Dicembre 2019

    Citazione Originariamente Scritto da appassionato_meteo Visualizza Messaggio
    Scusami, cosa intendi per campione di fondo? L'ipotesi peggiore?
    Qual è l'ipotesi migliore che ti aspetti?
    Grazie
    ciao, nel frattempo provo a risponderti sperando di non equivocare l'intervento di Luca
    credo intendesse semplicemente che per quella che è la circolazione tipo che ci possiamo aspettare sulla base dei parametri analizzati l'andamento della corrente a getto seguiterebbe a percorrere le sue traiettorie su paralleli piuttosto meridionali, ovviamente salvo casi di rinforzi eccezionali del vp che giocoforza spostano su un altro livello tutta la questione
    del resto io stesso negli anni omologhi più convincenti che avevo considerato trovavo sia nel 96 che nel 03 la stessa impronta
    questo può tradursi poi in caso di assenza di significativi episodi di divergenza del fp nel famigerato atlantico basso che mantiene alta la dinamicità pena il coinvolgimento di masse d'aria dalle caratteristiche più autunnali

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •