Visualizza Risultati Sondaggio: Come vedete il futuro del clima italiano?

Partecipanti
82. Non puoi votare in questo sondaggio
  • 1

    14 17.07%
  • 2

    7 8.54%
  • 3

    7 8.54%
  • 4

    3 3.66%
  • 5

    3 3.66%
  • 6

    4 4.88%
  • 7

    5 6.10%
  • 8

    13 15.85%
  • 9

    21 25.61%
  • 10

    5 6.10%
Pagina 14 di 49 PrimaPrima ... 4121314151624 ... UltimaUltima
Risultati da 131 a 140 di 485
  1. #131
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    36
    Messaggi
    12,351
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da Copernicus64 Visualizza Messaggio
    Il fatto è che se già abbiamo bisogno di unanimità significa che la scienza non sa dare una risposta univoca. Vale a dire che sulle questioni scientifiche il consensus dovrebbe essere al 100% perchè abbiamo di fronte un dato incontrovertibile, ma in ambito climatico non è così. Quindi bisognerebbe sempre avere l'umiltà di dire che forse è molto probabile che esista un effetto antropico apprezzabile, ma che bisognerebbe valutarne meglio l'entità. Poi è chiaro che sul principio di precauzione non si discute.
    ineccepibile

  2. #132
    Vento moderato L'avatar di Forever1929
    Data Registrazione
    04/09/07
    Località
    Santarcangelo di Rom
    Età
    51
    Messaggi
    1,068
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Sondaggio carino, faccio riflettere che quando sono entrato nei forum nel 2003-2004 ed almeno fino al 2012 molti utenti (la maggioranza) negavano l'esistenza del GW, neppure si ponevano il problema, quindi direi che passi avanti ne sono stati fatti sulla via della realtà.
    Sono state varie volte minacciato di essere bannato per le mie posizioni AGW dalla dirigenza del MTG.

    Ho votato la 1 perchè il disastro è già in atto con un clima irriconoscibile, se avrò da campare credo che ne vedrò delle belle, ma già avere mosche e zanzare ormai tutto l'anno è realtà.

    Detto questo ho però superato la fase della lotta e lamentela (che ho avuto per vari anni e che aveva come fine la sensibilizzazione verso chi negava) e sono entrato nella fase della inconvertibilità delle cose.

    Ormai a me Greta fa solo tenerezza.

    Non credo altresì che spariremo per il GW, semplicemente a lungo andare diminuirà la popolazione che si concentrerà nelle zone meno calde, del resto se andiamo a cercare terra sulla luna o su marte sarebbe meglio iniziare dai deserti che abbiamo qui.
    Ultima modifica di Forever1929; 21/12/2019 alle 09:30

  3. #133
    Tempesta L'avatar di alby83
    Data Registrazione
    28/05/06
    Località
    Cascina Amata ( CO ) 340m
    Età
    38
    Messaggi
    11,196
    Menzionato
    3 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    3 mi adeguo, la neve andro' a cercarmela sopra i 1.500.

    Disastri? Egoosticamente parlando in quest'area escluse frane locali (ma ci sono sempre state) non credo avremo nessun disastro.

  4. #134
    Vento forte
    Data Registrazione
    17/07/16
    Località
    Bellinzona (TI, Svizzera)
    Età
    23
    Messaggi
    4,601
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Votato la 9 perché è quella che lascia maggior margine di apprezzamento. Il trend non è lineare quindi possibili oscillazioni climatiche dovute ai fattori ciclici (sole, AMO, ecc.) le avremo anche in futuro solo che giocheranno un ruolo minoritario di fronte all'impronta data dal GW. Automaticamente la 9 include le opzioni precedenti, anche le più pessimistiche.
    Stazione Davis Vantage Pro 2

  5. #135
    Burrasca L'avatar di inocs
    Data Registrazione
    11/07/03
    Località
    Caposele (AV) - 480 m
    Età
    46
    Messaggi
    5,895
    Menzionato
    31 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da Copernicus64 Visualizza Messaggio
    Il fatto è che se già abbiamo bisogno di unanimità significa che la scienza non sa dare una risposta univoca. Vale a dire che sulle questioni scientifiche il consensus dovrebbe essere al 100% perchè abbiamo di fronte un dato incontrovertibile, ma in ambito climatico non è così. Quindi bisognerebbe sempre avere l'umiltà di dire che forse è molto probabile che esista un effetto antropico apprezzabile, ma che bisognerebbe valutarne meglio l'entità. Poi è chiaro che sul principio di precauzione non si discute.
    Ma la scienza non è solo verità lampante; come dicevo prima, e come anche Alessandro ha sottolineato, il motore primo della scienza è il suo metodo e il suo incedere nel tempo. Il metodo segna un cammino, un approccio umano alle cose del mondo, anche quando, o fino a quando, non conduce a verità certe. Io non dubito che venga applicato in climatologia come viene applicato nelle altre discipline, ciascuna ovviamente secondo le sue declinazioni.

    È il metodo scientifico che ci porta a supporre ci sia stato un big bang, ma non esiste verità provata e certa. È il metodo scientifico che ci porta a supporre che la vita, fino a condurre anche alla nostra comparsa, si sia formata a partire da molecole organiche e poi minuscoli organismi primordiali, ma non esiste verità provata e certa. Si potrebbe continuare all'infinito, e non è un caso che abbia usato due esempi la cui scala temporale è più ampia di quella climatica, così da renderli comparabili. Come dici tu dell'AGW: è molto probabile che ci sia stato qualcosa di simile a un big bang, ed è molto probabile la chiave di lettura della nascita e sviluppo della vita sulla terra. Ma non è certo. Però la prova o l'aumento del livello di certezza circa tali tesi, nonché la loro stessa smentita, potranno venire solo in seno alla scienza stessa, con i suoi metodi e tramite i suoi addetti ai lavori.

    Se dall'esistenza o meno di un big bang dipendessero le sorti della nostra specie, tu te la sentiresti di affermare spavaldamente (non tu copernicus, non dico a te che uso solo come spunto di discussione, dico "tu" essere umano generico) che poiché non è provato allora non è il caso di fare affidamento a ciò che il metodo scientifico ci lascia solo supporre fortemente? Soprattutto, avrebbe senso proporre una tesi diversa non sostenuta dal metodo scientifico ma di tipo solo dubitativo? (La scienza non prova al 100%, dunque può essere diverso o addirittura il contrario, quante volte lo sentiamo?)

    Questo è invece ciò che accade costantemente: col big bang, con l'evoluzione, con mille altre cose e anche con il clima. Poiché non è provata - pur essendoci indizi fortissimi, studi che si moltiplicano e consenso ampio tra gli addetti ai lavori - allora la tesi dell'AGW finisce per equivalere, specie nel dibattito extrascientifico, alla tesi opposta.
    È questo spostamento di peso che non regge - al di là del fatto che è ampiamente ammissibile e necessario un dibattito in merito - ed è pericoloso, poiché dal big bang o dall'evoluzione magari non discendono rischi immediati, dal clima sì. Peraltro, noi appassionati - che sappiamo bene quanto l'atmosfera sia caotica, pur affidandoci quotidianamente a mappe di previsione, figlie del metodo scientifico, che non possono dirimere tale caos se non in minima, meravigliosa, parte - dovremmo essere i primi latori di un messaggio di ampia fiducia nei confronti della ricerca anche climatologica. E invece stiamo qui a sottilizzare, fare distinguo, eccepire, banalizzare, supporre...In buona compagnia di una bella fetta, troppo grande, della restante umanità.

    Inviato dal mio Redmi Note 7 utilizzando Tapatalk

  6. #136
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    36
    Messaggi
    12,351
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da Forever1929 Visualizza Messaggio
    Sondaggio carino, faccio riflettere che quando sono entrato nei forum nel 2003-2004 ed almeno fino al 2012 molti utenti (la maggioranza) negavano l'esistenza del GW, neppure si ponevano il problema, quindi direi che passi avanti ne sono stati fatti sulla via della realtà.
    Sono state varie volte minacciato di essere bannato per le mie posizioni AGW dalla dirigenza del MTG.

    Ho votato la 1 perchè il disastro è già in atto con un clima irriconoscibile, se avrò da campare credo che ne vedrò delle belle, ma già avere mosche e zanzare ormai tutto l'anno è realtà.

    Detto questo ho però superato la fase della lotta e lamentela (che ho avuto per vari anni e che aveva come fine la sensibilizzazione verso chi negava) e sono entrato nella fase della inconvertibilità delle cose.

    Ormai a me Greta fa solo tenerezza.

    Non credo altresì che spariremo per il GW, semplicemente a lungo andare diminuirà la popolazione che si concentrerà nelle zone meno calde, del resto se andiamo a cercare terra sulla luna o su marte sarebbe meglio iniziare dai deserti che abbiamo qui.
    ma soprattutto rappresenta un oscuro presagio sulla incapacità e incompetenza (specialmente a medio lungo termine, che poi è la differenza che distingue da sempre uno statista illuminato da un propagandista da operetta) della classe dirigente a livello planetario
    che poi altro non è che lo specchio di un'assenza di consapevolezza della maggioranza della società che ne rende possibile l'insediamento
    del resto, si sa, i problemi sono sempre proiettati al di fuori di noi stessi

  7. #137
    Vento fresco
    Data Registrazione
    18/02/17
    Località
    Conegliano (TV)
    Età
    29
    Messaggi
    2,311
    Menzionato
    11 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da AbeteBianco Visualizza Messaggio
    Votato la 9 perché è quella che lascia maggior margine di apprezzamento. Il trend non è lineare quindi possibili oscillazioni climatiche dovute ai fattori ciclici (sole, AMO, ecc.) le avremo anche in futuro solo che giocheranno un ruolo minoritario di fronte all'impronta data dal GW. Automaticamente la 9 include le opzioni precedenti, anche le più pessimistiche.
    Bel ventaglio di spiegazioni condensate in tre righe ed altra sfumatura che si aggiunge al mazzo.

  8. #138
    Vento fresco
    Data Registrazione
    18/02/17
    Località
    Conegliano (TV)
    Età
    29
    Messaggi
    2,311
    Menzionato
    11 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da inocs Visualizza Messaggio
    Ma la scienza non è solo verità lampante; come dicevo prima, e come anche Alessandro ha sottolineato, il motore primo della scienza è il suo metodo e il suo incedere nel tempo. Il metodo segna un cammino, un approccio umano alle cose del mondo, anche quando, o fino a quando, non conduce a verità certe. Io non dubito che venga applicato in climatologia come viene applicato nelle altre discipline, ciascuna ovviamente secondo le sue declinazioni.

    È il metodo scientifico che ci porta a supporre ci sia stato un big bang, ma non esiste verità provata e certa. È il metodo scientifico che ci porta a supporre che la vita, fino a condurre anche alla nostra comparsa, si sia formata a partire da molecole organiche e poi minuscoli organismi primordiali, ma non esiste verità provata e certa. Si potrebbe continuare all'infinito, e non è un caso che abbia usato due esempi la cui scala temporale è più ampia di quella climatica, così da renderli comparabili. Come dici tu dell'AGW: è molto probabile che ci sia stato qualcosa di simile a un big bang, ed è molto probabile la chiave di lettura della nascita e sviluppo della vita sulla terra. Ma non è certo. Però la prova o l'aumento del livello di certezza circa tali tesi, nonché la loro stessa smentita, potranno venire solo in seno alla scienza stessa, con i suoi metodi e tramite i suoi addetti ai lavori.

    Se dall'esistenza o meno di un big bang dipendessero le sorti della nostra specie, tu te la sentiresti di affermare spavaldamente (non tu copernicus, non dico a te che uso solo come spunto di discussione, dico "tu" essere umano generico) che poiché non è provato allora non è il caso di fare affidamento a ciò che il metodo scientifico ci lascia solo supporre fortemente? Soprattutto, avrebbe senso proporre una tesi diversa non sostenuta dal metodo scientifico ma di tipo solo dubitativo? (La scienza non prova al 100%, dunque può essere diverso o addirittura il contrario, quante volte lo sentiamo?)

    Questo è invece ciò che accade costantemente: col big bang, con l'evoluzione, con mille altre cose e anche con il clima. Poiché non è provata - pur essendoci indizi fortissimi, studi che si moltiplicano e consenso ampio tra gli addetti ai lavori - allora la tesi dell'AGW finisce per equivalere, specie nel dibattito extrascientifico, alla tesi opposta.
    È questo spostamento di peso che non regge - al di là del fatto che è ampiamente ammissibile e necessario un dibattito in merito - ed è pericoloso, poiché dal big bang o dall'evoluzione magari non discendono rischi immediati, dal clima sì. Peraltro, noi appassionati - che sappiamo bene quanto l'atmosfera sia caotica, pur affidandoci quotidianamente a mappe di previsione, figlie del metodo scientifico, che non possono dirimere tale caos se non in minima, meravigliosa, parte - dovremmo essere i primi latori di un messaggio di ampia fiducia nei confronti della ricerca anche climatologica. E invece stiamo qui a sottilizzare, fare distinguo, eccepire, banalizzare, supporre...In buona compagnia di una bella fetta, troppo grande, della restante umanità.

    Inviato dal mio Redmi Note 7 utilizzando Tapatalk
    Avrebbe senso il discorso, ma si va a toppare sempre nello stesso punto: la certezza arbitraria che la tesi diversa non sia sostenuta dal metodo scientifico.

    Tesi che tra l'altro non è neanche una tesi, ma un insieme di ipotesi derivate da un approccio scientifico ad ognuna delle variabili che compongono la climatologia terrestre; da commenti del genere sembra che chiunque non studi la relazione CO2/temperatura sia un santone.

  9. #139
    Burrasca L'avatar di inocs
    Data Registrazione
    11/07/03
    Località
    Caposele (AV) - 480 m
    Età
    46
    Messaggi
    5,895
    Menzionato
    31 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da DuffMc92 Visualizza Messaggio
    Avrebbe senso il discorso, ma si va a toppare sempre nello stesso punto: la certezza arbitraria che la tesi diversa non sia sostenuta dal metodo scientifico.
    Ma non è affatto vero, questo ragionamento fa gioco all'equiparazione delle tesi/ipotesi/teorie di cui parlavo, ma non regge. Non vi è alcuna certezza arbitraria su nulla. La tesi contraria, approcciata dal metodo scientifico, è semplicemente minoritaria, meno probabile, via via accantonabile. Salvo prova contraria, come sempre.

    Inviato dal mio Redmi Note 7 utilizzando Tapatalk

  10. #140
    Uragano L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    27
    Messaggi
    16,968
    Menzionato
    871 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da inocs Visualizza Messaggio

    Questo è invece ciò che accade costantemente: col big bang, con l'evoluzione, con mille altre cose e anche con il clima. Poiché non è provata - pur essendoci indizi fortissimi, studi che si moltiplicano e consenso ampio tra gli addetti ai lavori - allora la tesi dell'AGW finisce per equivalere, specie nel dibattito extrascientifico, alla tesi opposta.
    In realtà l'evoluzione è un fatto, con miriadi di prove e non semplici indizi. Chi nega è solo un ignorante che non sa di che parla, con tutto il rispetto (ignorante non significa stupido). Tra l'altro con la genetica e la rivoluzione che ha rappresentato non c'è più spazio per il dubbio. Molti meccanismi restano sconosciuti di certo, ma che l'evoluzione sia avvenuta è un fatto.
    Spesso uso il paragone con l'omicidio: l'evoluzione è l'omicidio, è di certo avvenuto. Come sia avvenuto, i moventi, le dinamiche, non si conoscono del tutto. Chi nega l'omicidio sostenendo sia un suicidio contro ogni evidenza fa gioco sull'incertezza delle dinamiche e dei moventi per negarlo, non interessandosi dei riscontri oggettivi che mostrano come di suicidio non possa essersi trattato.
    Scusa la digressione, ma era per precisare.

    Per quanto concerne l'AGW: credo che non siano moltissimi che lo neghino del tutto. La discussione sta semmai nella percentuale per cui incide. Persino un utente visto come "negazionista" come MarcoAn in realtà ne riconosce un ruolo, sebbene minoritario! Quindi direi che la discussione andrebbe spostata non sulla dicotomia "AGW sì o no", ma "AGW: più del 50% o meno del 50%"?
    E sulla seconda domanda credo che non abbiamo ancora risposta, e che nemmeno ci sia uniformità nella comunità scientifica (vedi il Consensus Project citato da @DuffMc92)

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •