Visualizza Risultati Sondaggio: Come vedete il futuro del clima italiano?

Partecipanti
77. Non puoi votare in questo sondaggio
  • 1

    14 18.18%
  • 2

    7 9.09%
  • 3

    5 6.49%
  • 4

    3 3.90%
  • 5

    3 3.90%
  • 6

    4 5.19%
  • 7

    5 6.49%
  • 8

    13 16.88%
  • 9

    20 25.97%
  • 10

    3 3.90%
Pagina 28 di 42 PrimaPrima ... 18262728293038 ... UltimaUltima
Risultati da 271 a 280 di 412
  1. #271
    Burrasca
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    25
    Messaggi
    6,817
    Menzionato
    103 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    Esatto.Non so però se la diffusione di malattie "da climi caldi" nelle aree mediterranee sia davvero un non problema per i sistemi sanitari.Secondo me,pecchi di ottimismo...e sto pensando alla sanità delle regioni italo meridionali ed a quella greca.
    Al momento non conosco emergenze. Inoltre molte delle malattie tropicali esistevano già (come la malaria). Diciamo che potrebbe esserci oggi un maggiore terreno fertile, ma non è che prima non ci fosse. Le estati mediterranee sono da sempre tropicali, anche per le vecchie medie 51/80.

  2. #272
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    17,649
    Menzionato
    121 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Al momento non conosco emergenze. Inoltre molte delle malattie tropicali esistevano già (come la malaria). Diciamo che potrebbe esserci oggi un maggiore terreno fertile, ma non è che prima non ci fosse. Le estati mediterranee sono da sempre tropicali, anche per le vecchie medie 51/80.
    Col GW,l'estate tende a dilatarsi. Basti vedere il numero dei giorni sopra i 20° di media giornaliera a Roma 40 anni e quello di oggi.
    La mia prima fonte di informazioni meteo è stata rappresentata delle pagine del Televideo. Milano, Algeri, Belfast, Roma..

  3. #273
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    17,649
    Menzionato
    121 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Al momento non conosco emergenze. Inoltre molte delle malattie tropicali esistevano già (come la malaria). Diciamo che potrebbe esserci oggi un maggiore terreno fertile, ma non è che prima non ci fosse. Le estati mediterranee sono da sempre tropicali, anche per le vecchie medie 51/80.
    Dici?
    Come i cambiamenti climatici influenzano e influenzeranno le malattie infettive - Medici Oggi

    Qualche utente giustamente ha posto la questione se il GW porterà anche benifici all'umanità.A mio modesto avviso,sì ma solo alle alte latitudini.Per un siberiano,il GW è manna o poco ci manca.
    Alle medie e mediobasse latitudini(in particolare,vale per una zona border line e già di base caldissima in rapporto alla latitudine come le lande mediterranee), occorre davvero un ottimismo della volontà smisurato per vederne.
    La mia prima fonte di informazioni meteo è stata rappresentata delle pagine del Televideo. Milano, Algeri, Belfast, Roma..

  4. #274
    Burrasca
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    25
    Messaggi
    6,817
    Menzionato
    103 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    Dici?
    Come i cambiamenti climatici influenzano e influenzeranno le malattie infettive - Medici Oggi

    Qualche utente giustamente ha posto la questione se il GW porterà anche benifici all'umanità.A mio modesto avviso,sì ma solo alle alte latitudini.Per un siberiano,il GW è manna o poco ci manca.
    Alle medie e mediobasse latitudini(in particolare,vale per una zona border line e già di base caldissima in rapporto alla latitudine come le lande mediterranee), occorre davvero un ottimismo della volontà smisurato per vederne.
    Io sono scettico su possibili rischi. Che si diffondano insetti prima assenti e che veicolano patologie non costituisce un problema se si è capaci di affrontarlo.

    Quando dico che "non vedo emergenze" non è da intendere che non ci saranno nuovi problemi, ma che questi saranno roba da niente se si saprà come affrontarli.

    PEG o Pliocene, che faccia cioè freddo o caldissimo, basterebbe contenere i focolai di infezione e sviluppare nuove terapie o vaccini. Si è riusciti a ridurre innumerevoli infezioni, contenendole, non vedo perchè non possa avvenire domani con quelle nuove.
    Anche perchè ci sono già esseri umani che vivono in aree dove sono diffuse le malattie tropicali, e le principali cause di infezione non sono il clima caldo, ma le scarse condizioni igieniche.

  5. #275
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    17,649
    Menzionato
    121 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Io sono scettico su possibili rischi. Che si diffondano insetti prima assenti e che veicolano patologie non costituisce un problema se si è capaci di affrontarlo.

    Quando dico che "non vedo emergenze" non è da intendere che non ci saranno nuovi problemi, ma che questi saranno roba da niente se si saprà come affrontarli.

    PEG o Pliocene, che faccia cioè freddo o caldissimo, basterebbe contenere i focolai di infezione e sviluppare nuove terapie o vaccini. Si è riusciti a ridurre innumerevoli infezioni, contenendole, non vedo perchè non possa avvenire domani con quelle nuove.
    Anche perchè ci sono già esseri umani che vivono in aree dove sono diffuse le malattie tropicali, e le principali cause di infezione non sono il clima caldo, ma le scarse condizioni igieniche.
    Beh,è tautologico ragionare così Qualunque problema è ridimensionabile se sai affrontarlo ma non per questo cessa di costituire un problema Gli uomini si adattano a tutto ma qualunque adattamento è di per sé gravido di problemi ed incognite. Non solo. Secondo me dai per scontata un'efficienza dei sistemi sanitari su cui sarei molto più prudente e meno ottimista,francamente,
    "Basterebbe qua", "basterebbe là"...tutto facile a dirsi ma vedremo alla prova dei fatti. In generale no, non condivido questo ottimismo di stampo positivista nell'approccio al GW ma di questo abbiamo già parlato
    La mia prima fonte di informazioni meteo è stata rappresentata delle pagine del Televideo. Milano, Algeri, Belfast, Roma..

  6. #276
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    17,649
    Menzionato
    121 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Anche perchè ci sono già esseri umani che vivono in aree dove sono diffuse le malattie tropicali, e le principali cause di infezione non sono il clima caldo, ma le scarse condizioni igieniche.
    Ma guarda che (guardacaso) i Paesi a clima tropicale non sono esattamente al top per HDI ed aspettativa di vita,quindi non mi pare una strada così confortevole quella di dover fronteggiare problematiche simili alle loro
    La mia prima fonte di informazioni meteo è stata rappresentata delle pagine del Televideo. Milano, Algeri, Belfast, Roma..

  7. #277
    Burrasca
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    25
    Messaggi
    6,817
    Menzionato
    103 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    Beh,è tautologico ragionare così Qualunque problema è ridimensionabile se sai affrontarlo ma non per questo cessa di costituire un problema Gli uomini si adattano a tutto ma qualunque adattamento è di per sé gravido di problemi ed incognite. Non solo. Secondo me dai per scontata un'efficienza dei sistemi sanitari su cui sarei molto più prudente e meno ottimista,francamente,
    "Basterebbe qua", "basterebbe là"...tutto facile a dirsi ma vedremo alla prova dei fatti. In generale no, non condivido questo ottimismo di stampo positivista nell'approccio al GW ma di questo abbiamo già parlato
    Io invece lo ritengo un approccio corretto.

    Qui un elenco di malattie infettive e le loro possibili correlazioni con il cambiamento climatico. Come si legge, le cose sono molto più complesse, perchè premesso che un mondo più caldo (ma non solo quello) favorisce la propagazione di vettori (insetti che veicolano i microrganismi), dall'altro non bisogna sottovalutare le capacità di contenere le infezioni:

    https://www.infezmed.it/media/journa...2_3_2014_1.pdf

    La prova dei fatti c'è già, volendo: interi paesi del mondo sopravvivono e hanno prosperato millenni nonostante queste malattie. Senza andare all'Africa subsahariana, pensiamo all'Africa Settentrionale o al Medio Oriente. Culle della civiltà.
    Oggi siamo immensamente più sviluppati e capaci di allora, non credo ci faremmo mettere i bastoni tra le ruote più facilmente di allora.

    Inoltre, l'uso di insetticidi in agricoltura elimina i problemi non solo per le colture, ma anche per la sanità pubblica. Il vero motivo per il quale è stata abbattuta la malaria dall'Italia fu proprio questo. Malaria che qui causava anche morte da millenni, e ha influenzato addirittura il nostro genoma: la maggior percentuale di soggetti portatori sani di anemia falciforme nel Mediterraneo (detta appunto anemia mediterranea!) è proprio il retaggio genetico della storica esposizione al Plasmodio malarico. Infatti i globuli rossi di chi è portatore sano tendono a essere più fragili, e visto che il Plasmodio contamina appunto i globuli rossi, li indebolisce ancor di più provocandone l'autodistruzione. Un po' come se dei terroristi entrassero in una casa che si regge a mala pena, e iniziassero a farci dei test con le armi. Va da sè che crolla uccidendoli.

  8. #278
    Burrasca
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    25
    Messaggi
    6,817
    Menzionato
    103 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    Ma guarda che (guardacaso) i Paesi a clima tropicale non sono esattamente al top per HDI ed aspettativa di vita,quindi non mi pare una strada così confortevole quella di dover fronteggiare problematiche simili alle loro
    Le cause del loro scarso sviluppo credo siano altre. In passato intere civiltà hanno prosperato in quelle condizioni (egizia, mesopotamiche, Maya, Arabi, Persiani, Israele).
    Senza sviluppo poi sono esposti a pessime condizioni igieniche, che sono le vere cause delle epidemie o dei contagi.

  9. #279
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    17,649
    Menzionato
    121 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Le cause del loro scarso sviluppo credo siano altre. In passato intere civiltà hanno prosperato in quelle condizioni (egizia, mesopotamiche, Maya, Arabi, Persiani, Israele).
    Senza sviluppo poi sono esposti a pessime condizioni igieniche, che sono le vere cause delle epidemie o dei contagi.
    Non parlo della civiltà in generale ma delle civiltà attuali,in relazione ai sistemi economici per come sono concepiti oggi.
    La mia prima fonte di informazioni meteo è stata rappresentata delle pagine del Televideo. Milano, Algeri, Belfast, Roma..

  10. #280
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    17,649
    Menzionato
    121 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Io invece lo ritengo un approccio corretto.

    Qui un elenco di malattie infettive e le loro possibili correlazioni con il cambiamento climatico. Come si legge, le cose sono molto più complesse, perchè premesso che un mondo più caldo (ma non solo quello) favorisce la propagazione di vettori (insetti che veicolano i microrganismi), dall'altro non bisogna sottovalutare le capacità di contenere le infezioni:

    https://www.infezmed.it/media/journa...2_3_2014_1.pdf

    La prova dei fatti c'è già, volendo: interi paesi del mondo sopravvivono e hanno prosperato millenni nonostante queste malattie. Senza andare all'Africa subsahariana, pensiamo all'Africa Settentrionale o al Medio Oriente. Culle della civiltà.
    Oggi siamo immensamente più sviluppati e capaci di allora, non credo ci faremmo mettere i bastoni tra le ruote più facilmente di allora.

    Inoltre, l'uso di insetticidi in agricoltura elimina i problemi non solo per le colture, ma anche per la sanità pubblica. Il vero motivo per il quale è stata abbattuta la malaria dall'Italia fu proprio questo. Malaria che qui causava anche morte da millenni, e ha influenzato addirittura il nostro genoma: la maggior percentuale di soggetti portatori sani di anemia falciforme nel Mediterraneo (detta appunto anemia mediterranea!) è proprio il retaggio genetico della storica esposizione al Plasmodio malarico. Infatti i globuli rossi di chi è portatore sano tendono a essere più fragili, e visto che il Plasmodio contamina appunto i globuli rossi, li indebolisce ancor di più provocandone l'autodistruzione. Un po' come se dei terroristi entrassero in una casa che si regge a mala pena, e iniziassero a farci dei test con le armi. Va da sè che crolla uccidendoli.
    L'OMS non la pensa minimamente come te sull'influenza del GW sulla salute umana(e temo proprio che abbia ragione ) Ripeto: secondo me,sei troppo ottimista(come per la teoria del plateau ma di questo si è già parlato diffusamente ).
    La mia prima fonte di informazioni meteo è stata rappresentata delle pagine del Televideo. Milano, Algeri, Belfast, Roma..

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •