Visualizza Risultati Sondaggio: Come vedete il futuro del clima italiano?

Partecipanti
77. Non puoi votare in questo sondaggio
  • 1

    14 18.18%
  • 2

    7 9.09%
  • 3

    5 6.49%
  • 4

    3 3.90%
  • 5

    3 3.90%
  • 6

    4 5.19%
  • 7

    5 6.49%
  • 8

    13 16.88%
  • 9

    20 25.97%
  • 10

    3 3.90%
Pagina 37 di 42 PrimaPrima ... 273536373839 ... UltimaUltima
Risultati da 361 a 370 di 412
  1. #361
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    17,649
    Menzionato
    121 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da robertino Visualizza Messaggio
    in effetti ad ogni super El Nino tra il 1982/1983 ..... 1997/1998 ......2015/2016 corrisponde ad uno step climatico , gradino al rialzo , aumento della temperatura media globale e conseguente incremento delle anomalie sopra media .

    Per mitigare il ' sistema climatico ' per quanto caotico e complesso , sembra abbastanza chiaro che eventi forti NINA tipo come verificatesi tra il 1954 e 1956 e tra il 1973 e 1976 in assoluto tra i piu forti come durata e intensita' , anche in parte , coadiuvato anche da SSta mediamente piu fredde ( esempio come nel 2014 ) AMO - , comporterebbe ad una diminuzione della temperatura media globale , come verificatesi nel 2008 dopo una fase NINA .

    Negli anni '70 e' vero che le estati erano piu fresche e instabili ,
    ma al sud Italia un estate tra le piu stabili , se pur tra le piu fresche di quel decennio , e' l estate del 1978 che precede un mese di novembre '78 piu statici ' governato ' da HP , poi una delle piu intense ondate gelide in Europa tra dic. '78 e gennaio 1979

    estati instabili e fresche nel 1976 e 1977 , quando a ' domenica in ' il grande Corrado disse ' e' stata un estate 1977 fredda '

    periodo in cui tra il 1973 e 1977 gli articoli scientifici erano ben diversi rispetto adesso .
    L'estate 1978 in realtà è fra le più fresche del dopoguerra.Ebbe fasi azzorriane ed altre perturbate da nord; più raramente da ovest,a differenza dell'anno dopo.
    La fase più stabile e calda fu da fine luglio al 20 agosto ma è davvero poca cosa,oggi corrisponderebbe per medie termiche ad un giugno tipo quello del 2016
    La mia prima fonte di informazioni meteo è stata rappresentata delle pagine del Televideo. Milano, Algeri, Belfast, Roma..

  2. #362
    Vento teso L'avatar di Perlecano
    Data Registrazione
    22/05/18
    Località
    Carbonate (CO) 267 m s.l.m.
    Età
    22
    Messaggi
    1,566
    Menzionato
    231 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    L'estate 1978 in realtà è fra le più fresche del dopoguerra.Ebbe fasi azzorriane ed altre perturbate da nord; più raramente da ovest,a differenza dell'anno dopo.
    La fase più stabile e calda fu da fine luglio al 20 agosto ma è davvero poca cosa,oggi corrisponderebbe per medie termiche ad un giugno tipo quello del 2016
    esatto; la 1977 (anno prima) invece ebbe un gradiente netto tra Nord e Sud: per quanto non fosse assolutamente stata calda da nessuna parte, al Nord assunse risvolti clamorosi ed è diffusamente la più fredda dal Secondo Dopoguerra, mentre più a Meridione, benchè fu dappertutto ben sotto la norma 1981-2010, ci sono diverse estati più fresche di essa su scala trimestrale.
    "Ho visto braccia farsi gabbia, luce farsi nebbia, ho visto me scappare in strade fuorimano e i Nazgûl sopra la mia testa; primo brutto viaggio, primo punto critico, primo buco in cui precipito, risorgo coi versi con cui vi mortifico". (Heskarioth, Flashback).

  3. #363
    Vento forte
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    3,877
    Menzionato
    163 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    dopo un lavoro di revisione durato circa 7 anni , fra settembre 2013 e aprile 2014 , periodo in cui c'e stato un inverno '13/2014 tra i piu piovosi in assoluto in Europa e in Italia ,
    e' stato reso pubblico in forma di trilogia il quinto rapporto dell IPCC su i cambiamenti climatici , che e' la somma di conoscenze climatiche a livello globale che ha impegnato oltre 2.500 scienziati di ogni nazionalita'

    nella prima parte sono riassunte le conoscenze scientifiche sul clima , e del riscaldamento del pianeta

    la seconda parte descrive i rischi e illustra le possibilita' di adattarsi a gli effetti del riscaldamento

    la terza parte affronta il problema della mitigazione , cioe' come ridurre le emissioni di gas serra ,
    ridurre le emissioni del 40/70% entro il 2050

  4. #364
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    17,649
    Menzionato
    121 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da Perlecano Visualizza Messaggio
    esatto; la 1977 (anno prima) invece ebbe un gradiente netto tra Nord e Sud: per quanto non fosse assolutamente stata calda da nessuna parte, al Nord assunse risvolti clamorosi ed è diffusamente la più fredda dal Secondo Dopoguerra, mentre più a Meridione, benchè fu dappertutto ben sotto la norma 1981-2010, ci sono diverse estati più fresche di essa su scala trimestrale.
    La 1984 è ancora più fresca della 1977, ad esempio, in varie zone del CS. Stavo notando che fra il 1971 ed il 1974 varie estati ebbero estesi domini azzorriani e questo spiega perché siano state più calde fra Francia, Iberia e nord Italia che al CS. Soprattutto la 1974. La 1971 ebbe un paio di prefrontali fugaci ma intensi al CS. Chiaramente l'elemento della persistenza era del tutto assente in quelle estati. In Spagna le estati della seconda parte del decennio furono assai più fresche di quelle della prima parte, soprattutto quelle dal 1977 al 1979
    La mia prima fonte di informazioni meteo è stata rappresentata delle pagine del Televideo. Milano, Algeri, Belfast, Roma..

  5. #365
    Vento teso
    Data Registrazione
    27/06/19
    Località
    Castellammare NA
    Età
    26
    Messaggi
    1,855
    Menzionato
    8 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Raga, pero' scusandomi un attimino e senza doler a nessuno, comprendo la vs "simpatia" per i dati storici ma si va' un tantinel in ot proseguendo solo su questo piano. Ripeto capisco e si vede che son le date che v'appassionano (escono fuori in ogni thread. . ) pero' si dovrebbe discutere di come ci s'approccia al GW.

    Il problema piu' grande, per chi crede in un tot dell'AGW (o GW..) e non nega niente, credo sia la misura odierna del Carbon footprint , o impronta della misura in atmosfera della quantita' complessiva di gas nocivi.

    Il suo impatto nel lungo ciclo vitae e le metodologie di contrasto a tali problematiche.

  6. #366
    Calma di vento
    Data Registrazione
    01/06/17
    Località
    Peccioli (pi)
    Età
    68
    Messaggi
    5
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da Kou Visualizza Messaggio
    Raga, pero' scusandomi un attimino e senza doler a nessuno, comprendo la vs "simpatia" per i dati storici ma si va' un tantinel in ot proseguendo solo su questo piano. Ripeto capisco e si vede che son le date che v'appassionano (escono fuori in ogni thread. . ) pero' si dovrebbe discutere di come ci s'approccia al GW.

    Il problema piu' grande, per chi crede in un tot dell'AGW (o GW..) e non nega niente, credo sia la misura odierna del Carbon footprint , o impronta della misura in atmosfera della quantita' complessiva di gas nocivi.

    Il suo impatto nel lungo ciclo vitae e le metodologie di contrasto a tali problematiche.
    E quanto e come uno si accosta a questo problema anche negandolo Come ci approcciamo al GWCome ci approcciamo al GWCome ci approcciamo al GW

    Inviato dal mio SM-G903F utilizzando Tapatalk

  7. #367
    Vento forte
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    3,877
    Menzionato
    163 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    dopo un lavoro di revisione durato circa 7 anni , fra settembre 2013 e aprile 2014 , periodo in cui c'e stato un inverno '13/2014 tra i piu piovosi in assoluto in Europa e in Italia ,
    e' stato reso pubblico in forma di trilogia il quinto rapporto dell IPCC su i cambiamenti climatici , che e' la somma di conoscenze climatiche a livello globale che ha impegnato oltre 2.500 scienziati di ogni nazionalita'

    nella prima parte sono riassunte le conoscenze scientifiche sul clima , e del riscaldamento del pianeta

    la seconda parte descrive i rischi e illustra le possibilita' di adattarsi a gli effetti del riscaldamento

    la terza parte affronta il problema della mitigazione , cioe' come ridurre le emissioni di gas serra ,
    ridurre le emissioni del 40/70% entro il 2050

    Il premio Nobel per la chimica Paul Cruzten l ha definito questo periodo climatico era " Antropocene ' , letteralmente l era dell uomo, per sottolineare che in questa fase , da alcuni decenni , le attivita umane hanno influito sui cambiamenti bio-geo-fisici della Terra.

    Ma il genio umano nel campo Scientifico sempre in evoluzione ,

    in futuro con innovazioni tecnologiche puo fornire nuove fonti energetiche piu pulite e illimitate.

  8. #368
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    17,649
    Menzionato
    121 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da robertino Visualizza Messaggio
    dopo un lavoro di revisione durato circa 7 anni , fra settembre 2013 e aprile 2014 , periodo in cui c'e stato un inverno '13/2014 tra i piu piovosi in assoluto in Europa e in Italia ,
    E tra i più caldi
    La mia prima fonte di informazioni meteo è stata rappresentata delle pagine del Televideo. Milano, Algeri, Belfast, Roma..

  9. #369
    Vento forte
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    3,877
    Menzionato
    163 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    E tra i più caldi
    certo , annata 2014 tra le piu calde ,

    cosa che ho gia menzionato nel marzo del 2015 ..

    aprendo questo Thread
    .. ' Attività Solare , cicli Oceani - Vulcanismo - fluttuazioni Climatiche '..

    le calde annate come il 1998 , 2003 , 2005 , 2010 , 2014

    poi in seguito

    l' annata del 2016 e' in assoluto la piu calda a livello Globale

  10. #370
    Vento forte
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    3,877
    Menzionato
    163 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Dopo un lavoro di revisione durato circa 7 anni , fra settembre 2013 e aprile 2014 , periodo in cui c'e stato un inverno '13/2014 tra i piu piovosi in assoluto in Europa e in Italia ,
    e' stato reso pubblico in forma di trilogia il quinto rapporto dell IPCC su i cambiamenti climatici , che e' la somma di conoscenze climatiche a livello globale che ha impegnato oltre 2.500 scienziati di ogni nazionalita'

    nella prima parte sono riassunte le conoscenze scientifiche sul clima , e del riscaldamento del pianeta

    la seconda parte descrive i rischi e illustra le possibilita' di adattarsi a gli effetti del riscaldamento

    la terza parte affronta il problema della mitigazione , cioe' come ridurre le emissioni di gas serra ,
    ridurre le emissioni del 40/70% entro il 2050

    Il premio Nobel per la chimica Paul Cruzten l ha definito questo periodo climatico era " Antropocene ' , letteralmente l era dell uomo, per sottolineare che in questa fase , da alcuni decenni , le attivita umane hanno influito sui cambiamenti bio-geo-fisici della Terra.

    Ma il genio umano nel campo Scientifico sempre in evoluzione ,

    in futuro con innovazioni tecnologiche puo fornire nuove fonti energetiche piu pulite e illimitate.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •