Visualizza Risultati Sondaggio: Come vedete il futuro del clima italiano?

Partecipanti
81. Non puoi votare in questo sondaggio
  • 1

    14 17.28%
  • 2

    7 8.64%
  • 3

    7 8.64%
  • 4

    3 3.70%
  • 5

    3 3.70%
  • 6

    4 4.94%
  • 7

    5 6.17%
  • 8

    13 16.05%
  • 9

    21 25.93%
  • 10

    4 4.94%
Pagina 4 di 49 PrimaPrima ... 2345614 ... UltimaUltima
Risultati da 31 a 40 di 485
  1. #31
    Burrasca forte L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    25
    Messaggi
    8,973
    Menzionato
    432 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da rafdimonte Visualizza Messaggio
    Attenzione però, sono mutate le modalità delle precipitazioni stesse, sono aumentati i periodi siccitosi ( essendo aumentati i periodi di hp) ma nello stesso tempo è aumentata l' intensità delle precioitazioni intense e i periodi brevi dove piove in maniera esagerata.
    Ultimo esempio novembre 2019 in cui l' italia ha recuperato in un solo mese tutto il deficit idrico accunulato da inizio anno.
    Studi che lo dimostrino?

    Saremo OT comunque, ma questo è l’andamento pluvio italiano dal 1901:

    Anomalie termiche in Italia

  2. #32
    Tempesta
    Data Registrazione
    29/03/06
    Località
    cesano di senigallia
    Età
    42
    Messaggi
    11,257
    Menzionato
    54 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Studi che lo dimostrino?

    Saremo OT comunque, ma questo è l’andamento pluvio italiano dal 1901:

    Anomalie termiche in Italia
    Beh riguardo all' aumento di intensità delle precipitazioni, ai rain rate, alla frequenza delle alluvioni lampo ,gli studi sono molto meno capillari rispetto a quelli sulle temperature.
    Tuttavia questa cosa viene accertata anche da fior fior di climatologi e ne io e ne te abbiamo le competenze per negarlo.
    A parte questo, il grafico che hai messo della serie di berckley dal 1901 ad oggi conferma il mio pensiero di prima e cioè che dal 2000 ad oggi vi è stato un aumento di precipitazioni a livello medio italiano e conferma anche il periodo secco a cavallo degli anni 80 e 90 che avevo già visto nei dati cnr.
    e fu cosi che con mia grossa sorpresa il 26-27 febbraio 2018 mi accorsi che la meteo era ancora VIVA!

  3. #33
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    35
    Messaggi
    9,913
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da rafdimonte Visualizza Messaggio
    Voto 2.
    Il gw è un processo inarrestabile, fra un tot di anni si avvertiranno gravi disagi .
    Inoltre le parole " gravi disagi" sono molto generiche e vogliono dire tutto e niente, poichè se vogliamo i disagi ci sono già ora se pensiamo a tutti i disastri che stanno avvenendo ib termini di alluvioni gravi, ondate di calore pesanti e prolungate connesse al gw.
    Non credo a catastrofi o quantomeno tutti quelli che scrivono qui non faranno in tempo a vederle, poichè ammesso che ci saranno i tempi saranno piuttosto lunghi.
    È un qualcosa che mi procura molta molta frustrazione poiche da grande appassionato meteo non ce la faccio proprio a vedere un clima ridotto cosi.
    ma se volessi accettare un consiglio ti direi di star sereno che il clima non è e mai sarà "ridotto"
    capisco la tua frustrazione che è anche la mia visto che abbiamo gli stessi meteogusti ma quando si parla di questa materia sarebbe opportuno lasciar fuori ogni termine che implici valori morali o etici
    il clima a prescindere dalle cause che lo forzano possiede da sempre una sua variabilità, a volte più a volte meno marcata
    chi afferma che tale variabilità nel passato sia stata graduale sa di mentire perché non abbiamo gli strumenti per poter valutare nemmeno i valori assoluti delle macrofluttuazioni, figuriamoci i tassi di varianza, in compenso ci sono molti studi che lasciano presagire che alcune transizioni siano state eccezionalmente rapide
    ogni temperie climatica porta vantaggi o svantaggi a seconda del punto di vista che si osserva, e gli ecosistemi si dovranno modificare in funzione di essa, quindi cercare nello status x o y un vantaggio/svantaggio inequivocabile è un altro errore che a mio avviso permea l'attuale dissertazione sul tema
    senza contare che l'amplificazione della possibilità che determinati eventi vengano registrati e riportati su scala globale è inevitabilmente condizionata dalla capillare diffusione dell'uomo sul pianeta e dalla tecnologia che ha permesso un monitoraggio altrettanto capillare incidendo inevitabilmente sulla percezione degli stessi
    Ultima modifica di Alessandro1985; 15/12/2019 alle 23:49

  4. #34
    Burrasca L'avatar di wtrentino
    Data Registrazione
    14/05/13
    Località
    Zambana (TN)
    Età
    23
    Messaggi
    5,597
    Menzionato
    23 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Io indeciso tra la 4 e la 6.

    Se non si trova il modo di invertire la rotta termica in modo forzato a breve il gw galopperà come fa oggi con fenomeni violenti alternati a lunghe pause, come del resto sta già facendo.

    Prevedo l’opzione 4 se non si interverrà con sistemi di prevenzione su larga scala, se invece si sistemeranno un po’ di cose a livello idrogeologico si potrà resistere maggiormente a fenomeni inediti, con meno danni.

    A livello regionale lo scalino lo abbiamo passato con la tempesta Vaia per me. In quell’occasione si è vista l’importanza dei sistemi di prevenzione messi in piedi negli scorsi anni e decenni, ma per garantire una maggior tenuta a nuovi episodi simili o ancora peggiori bisogna continuare a investire sul territorio.




    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

  5. #35
    myMeteoNetwork Team L'avatar di capriccio
    Data Registrazione
    07/12/16
    Località
    Montemarciano (AN)
    Età
    57
    Messaggi
    4,480
    Menzionato
    91 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Personalmente sono molto indeciso e ho votato la 4, perchè, nel mio piccolo, sono convinto che questo percorso è oramai non modificabile, a meno che non sia la natura a farlo, ma non credo, o meglio spero, a stravolgimenti catastrofici nel breve, credo però in un graduale calo della qualità della vita per molte persone, in un incremento dell'impoverimento di ampie zone, un degrado costante, lento ma inesorabile, nulla stile film catastrofici, ma un declino dell'umanità, per molti

    Mauro
    MeteoNetwork
    Responsabile validazioni

    "La misura della reale temperatura dell'aria è l'arduo tentativo di misurare un misurando non misurabile" (Mauro Capriccio)

    "Quando parli con me di raffronti tra stazioni "vicine" sappi che per me 50 metri sono troppi" (Mauro Capriccio)

  6. #36
    Vento forte L'avatar di kima
    Data Registrazione
    10/10/12
    Località
    Glarus Nord
    Età
    41
    Messaggi
    3,426
    Menzionato
    51 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    La discussione nell'altro thread ha scoperto quel che io considero un tasto dolente, spesso causa di diatribe tra noi appassionati: l'approccio al GW.

    Premettendo che ognuno può esprimere la sua e che non è nello scopo del thread ostracizzare o convincere del contrario chi la pensa diversamente, mi piacerebbe sapere che tipo di approccio "epistemologico" ed emotivo abbiamo al futuro del clima italiano (non globale!).

    I numeri del sondaggio corrispondono alle opzioni sotto. Chi vuole potrà argomentare le sue motivazioni. Vietato discuterle e litigare.




    1) warming inesorabile e in accelerazione, nessun ritorno nemmeno momentaneo (bimestri, stagioni, qualche semestre/anno) a condizioni precedenti; prevedo catastrofi

    2) warming inesorabile, e in accelerazione, nessun ritorno nemmeno momentaneo (bimestri, stagioni, qualche semestre/anno) a condizioni precedenti; non cambierà molto nella vita di ogni giorno ma ne sono molto frustrato

    3) warming inesorabile, e in accelerazione, nessun ritorno nemmeno momentaneo (bimestri, stagioni, qualche semestre/anno) a condizioni precedenti; non cambierà molto nella vita di tutti i giorni e lo accetto/accetterò

    4) warming inevitabile, nessun rallentamento o stallo o inversione di tendenza ma non accelererà; prevedo catastrofi

    5) warming inevitabile, nessun rallentamento o stallo o inversione di tendenza ma non accelererà; non cambierà molto nella vita di tutti i giorni ma ne sono molto frustrato

    6)warming inevitabile, nessun rallentamento o stallo o inversione di tendenza ma non accelererà; non cambierà molto nella vita di tutti i giorni e lo accetto/accetterò

    7) warming altamente probabile, ma ammetto possibili rallentamenti o stalli o inversioni temporanee; prevedo catastrofi

    8) warming altamente probabile, ma ammetto possibili rallentamenti o stalli o inversioni temporanee; non cambierà molto nella vita di tutti i giorni, ma ne sono frustrato

    9)warming altamente probabile, ma ammetto possibili rallentamenti o stalli o inversioni temporanee; lo accetto

    10) prevedo un raffreddamento o stallo nei prossimi decenni
    Tapatalk non mi fa accedere al sondaggio, ma sono per la 2.
    Dover assistere alla scomparsa di molti ghiacciai alpini è una cosa che proprio non mi va giù.

  7. #37
    Vento moderato L'avatar di DuffMc92
    Data Registrazione
    18/02/17
    Località
    Conegliano (TV)
    Età
    27
    Messaggi
    1,322
    Menzionato
    4 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Ho votato la 8.
    Non cambierà niente nella vita di tutti i giorni, se non qualche nervoso in più di adesso preso nei social quando mi daranno del negazionista da una parte e del catastrofista dall'altra.

    Nel concreto, una pendenza di riscaldamento circa come quella avuta dal 2013/14 in poi si era già sperimentata per più tempo tra il 1980 e il 1998, solo con meno effetti tangibili da noi (per via della disposizione magnanima degli stessi indici che mi fanno credere a stalli e momentanee e deboli inversioni in futuro) e non è morto nessuno, perciò non vedo alcuna ''catastrofe inedita'' se non le solite castronate senza tempo dovute a: edilizia abusiva, scarsa ottimizzazione delle risorse idriche, problemi legati al disagio durante le ondate di caldo in estate; a ciò sommo le bestemmie alternate dei vari agricoltori e frutticoltori che hanno perso la propria produzione e i danni ai boschi (quasi sempre artificiali) causati da tempeste e sfavoniate. Se siamo sopravvissuti con pendenze del genere, non vedo il motivo di soccombere prossimamente né nel lungo termine, specie in un'epoca di progresso tecnologico pazzesco forse sempre più in grado di assecondare l'aumento demografico ancora, ahimè, lungi dallo stallo.

    Qualora non si verificasse alcuno stallo o nessuna inversione, il mio umore ne risentirebbe parecchio per due motivi essenziali: 1) la pura paranoia climatica legata all'aumento dei valori termici medi (come se scendessi di latitudine) con conseguente stravolgimento numerico delle tabelle a cui sono abituato; 2) il dover cominciare via via ad associare l'immutabile morfologia e vegetazione della mia zona ad un clima progressivamente più brutto e inadatto, compresi eventuali slittamenti temporali di certi fenomeni (prima brinata, fioriture dei vari alberi, ingiallimento delle foglie e via dicendo); sarebbe un vero colpo al cuore non rivedere mai più innevate certe piante che mi hanno visto crescere oppure constatare l'impossibilità di raggiungere certe temperature nonostante la stessa orografia di sempre oppure ancora non mettere più la felpa in certe serate di agosto come talvolta avveniva nell'era tra fine asilo e le elementari.

    Questa stessa frustrazione è quella che provo dal 2013, soprattutto pensando al periodo 2014-16 e al 2018, inasprita da una grossa punta di nostalgia per aver vissuto il clou dell'infanzia (6-10 anni) spalmato su una serie di inverni fighissimi, estati calde ma talvolta sorprendenti e stagioni intermedie con alti e bassi piuttosto eccitanti.
    Quindi di sicuro l'aspetto nostalgico peggiorerà parzialmente andando avanti con l'età (sia mia che del GW), pertanto mi auguro doppiamente che l'aspetto climatico non peggiori oltre; mi auguro ciò anche perché, al netto della poca cultura climatologica che ho, 1) non vedo come ci si potrebbe grigliare ancora nell'immediato, dato che congiunzioni troposferiche peggio di questa non ne esistono ed il suo unico precedente dal 1880 (1939-44) portò un riscaldamento che ai tempi avrebbe fatto spuntare delle Grete qua e là come i funghi e 2) consequenziale alla 1, mi sono spiegato un bel po' di cose che nel 2014-16 vedevo come segni inequivocabili di una maledizione irreversibile (come se fosse la Terra ad aver coniato il termine ''sostenibilità'' e noi umani lo avessimo violato per mera tracotanza).

  8. #38
    Burrasca forte L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    25
    Messaggi
    8,973
    Menzionato
    432 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Ringrazio tutti per il rispetto che state portando alle opinioni altrui, e per la partecipazione.

  9. #39
    Josh
    Ospite

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da Perlecano Visualizza Messaggio
    compreso tra l'opzione 2 e l'opzione 4;

    la pessimistica (la 2) presupporrebbe una correlazione fortissima (quasi esclusiva) tra CO2 e temperatura globale, tanto che - visto che la CO2 non solo aumenterà nei prossimi 2-3 decenni, ma con tutta probabilità aumenterà ad un ritmo sempre più rapido (il delta della concentrazione di CO2 globale, a parità di lasso di tempo tra rilevazione finale e rilevazione iniziale, è sempre maggiore: ciò significa che non solo il grafico della concentrazione di CO2 ha derivata sempre positiva, ma anche che il modulo di tale derivata positiva tende, seppur con le ovvie leggere discontinuità del caso, a salire).

    l'ottimistica (opzione 4) significa che, malgrado la concentrazione di CO2 sarà probabilmente "debolmente esponenziale" (come espresso nel punto precedente), ci saranno dei fattori che correggeranno il ribasso tale trend, portando un sostanziale proseguire con un coefficiente angolare nel trend di riscaldamento globale paragonabile a quello vistosi da fine anni '70 in poi (tali fattori essere le forzanti naturali, come 'sta benedetta attività solare debole e/o il ciclo dell'AMO, il quale vedrebbe presumibilmente una fase "down" tra non più di 10-15 anni - sia ben chiaro che sarebbe un minimo relativo: l'heat content globale porta una costante positiva che trasla verso l'alto la funzione termica dell'AMO e degli altri indici espressi nella funzione "temperatura"; oppure anche solo - senza scomodare esponenti clamorosamente diversi dall'1 - una proporzionalità diretta, ma debolmente logaritmica, tra aumento della temperatura del sistema "atmosfera" e aumento della concentrazione dei cosiddetti GHG, anidride carbonica in primis).

    ho scelto "prevedo catastrofi" poichè, per quanto sia un'espressione (ma neanche troppo) enfatizzante, l'altra opzione mi convinceva ancora meno: pensare che non possano esserci interferenze gravi nella vita quotidiana, dopo ulteriori decenni di riscaldamento particolarmente rapido (come si vede da 40 anni a questa parte), solo perchè magari appartieni al 20-30% della popolazione mondiale che lavora con l'aria condizionata, che ha l'aria condizionata pure a casa e che vive in una zona dove i termini "isola di calore", "heat index" e "dissesto idrogeologico" non si sa nemmeno cosa siano, da tanto sono alieni a tale microclima, sarebbe troppo un seguire un punto di vista del "benesserecentrismo".
    Concordo perfettamente ed anch'io mi colloco fra 2 e 4

  10. #40
    Josh
    Ospite

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Se credi avrà il clima della Libia e ciò causerebbe gravi disagi, c'è l'opzione 1.
    Comunque esistono gli USA meridionali, che io vedrei come più probabile scenario nel caso di un clima più caldo, anche perchè qui sarebbe afoso, e con infrastrutture moderne come le nostre e facenti capo a un paese ricco e industrializzato con alti standard di vita.
    Mah,l'Italia, a differenza degli USA,è un Paese in declino socio-economico almeno dal 1990 ed abbastanza negato per la pianificazione e la programmazione(oltre che estremamente eterogeneo); ci risvegliamo in genere nelle emergenze e siamo negati per la gestione ordinaria ed ordinata.
    Quanto al fatto che alle ondate di calore "ci abitueremmo e tanto si produce e si vive in tanti posti con clima estremamente caldo",dissento anche da questo(come quasi sempre da te ): il mondo prospero abita i climi temperato-freddi,con rare e limitate eccezioni. La caldazza non ha mai aiutato la produttività,altrimenti avremmo la Nigeria con l'HDI dei Paesi scandinavi o del Canada.Poi certo,per sopravvivere si può sopravvivere.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •