Visualizza Risultati Sondaggio: Come vedete il futuro del clima italiano?

Partecipanti
78. Non puoi votare in questo sondaggio
  • 1

    14 17.95%
  • 2

    7 8.97%
  • 3

    6 7.69%
  • 4

    3 3.85%
  • 5

    3 3.85%
  • 6

    4 5.13%
  • 7

    5 6.41%
  • 8

    13 16.67%
  • 9

    20 25.64%
  • 10

    3 3.85%
Pagina 43 di 47 PrimaPrima ... 334142434445 ... UltimaUltima
Risultati da 421 a 430 di 467
  1. #421
    Burrasca L'avatar di wtrentino
    Data Registrazione
    14/05/13
    Località
    Zambana (TN)
    Età
    23
    Messaggi
    5,548
    Menzionato
    22 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da MeTeo72 Visualizza Messaggio
    Mah, secondo me le conclusioni non sono corrette, una riduzione del 60% di traffico e produzione industriale ha causato una minima riduzione nelle emissioni.
    Quindi bisognerebbe investire nel residenziale che è rimasto inalterato e sembrerebbe essere la vera fonte di CO2


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
    Mi sembra che anche i trasporti navali non scherzino...


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

  2. #422
    Bava di vento
    Data Registrazione
    07/06/16
    Località
    Varese
    Età
    48
    Messaggi
    233
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da wtrentino Visualizza Messaggio
    Mi sembra che anche i trasporti navali non scherzino...


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
    Tutto il traffico dalle navi agli aerei durante il periodo di chiusura si è ridotto notevolmente e le emissioni sono calate in quantità notevolmente inferiore.


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

  3. #423
    Vento fresco
    Data Registrazione
    05/01/09
    Località
    Torino
    Età
    40
    Messaggi
    2,120
    Menzionato
    83 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Le fonti di co2 le conosciamo bene, sono diffuse in molteplici ambiti motivo percui la decarbonizzazione richiede innovazione in numerosi settori; i trasporti, la produzione di energia elettrica e l'industria sono tutte fonti significative, il calo è limitato poichè è durato poco (con tempi diversi tra i vari paesi) con una successiva ripresa che comunque non torna ancora ai livelli pre- covid, alcuni settori non sono stati interessati o poco (i consumi residenziali anche in leggero aumento) ma lo sapevamo già che le azioni personali servono a poco non c'era bisogno del covid a dimostrarlo.






  4. #424
    Vento fresco
    Data Registrazione
    05/01/09
    Località
    Torino
    Età
    40
    Messaggi
    2,120
    Menzionato
    83 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    L'impatto climatico dipende dalle emissioni cumulate (almeno su scale temporali umane e prima del picco delle temperature) l'impatto della riduzione di quest'anno è circa 0.001°C


  5. #425
    Banned
    Data Registrazione
    26/05/20
    Località
    Varese
    Messaggi
    227
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da elz Visualizza Messaggio
    L'impatto climatico dipende dalle emissioni cumulate (almeno su scale temporali umane e prima del picco delle temperature) l'impatto della riduzione di quest'anno è circa 0.001°C

    Immagine
    Un millesimo di grado in meno in un anno.

    Ora faccio un mero esercizio di stile. Nel bilancio termico globale un millesimo di grado di GW in meno equivale, come ordine di grandezza verosimile, a una settimana significativamente sottomedia a livello continentale su 12 mesi.

    Mi piace pensare, ben consapevole che non funziona così, che il blocco produttivo, con tutta la m...da che ci ha portato, almeno ci regali una settimana in più di gelo e neve il prossimo inverno

    So benissimo che non è un calcolo possibile da fare, ma è bello pensarlo
    Ultima modifica di Alfredo89; 19/06/2020 alle 11:04

  6. #426
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    33
    Messaggi
    930
    Menzionato
    221 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da MeTeo72 Visualizza Messaggio
    Mah, secondo me le conclusioni non sono corrette, una riduzione del 60% di traffico e produzione industriale ha causato una minima riduzione nelle emissioni.
    Quindi bisognerebbe investire nel residenziale che è rimasto inalterato e sembrerebbe essere la vera fonte di CO2


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
    Dove c'è stata una riduzione del 60% del traffico le emissioni legate al traffico sono calate di conseguenza, ma la produzione industriale non è calata da nessuna parte del 60% (in Italia del 23% ad aprile) e i consumi domestici sono leggermente aumentati. Un calo di poche settimane su base annua non ha un grande impatto.

    Come vedi dai grafici che ha postato Elz il calo su scala globale è arrivato ad un massimo del 17%, se consideri che in quel momento la Cina stava già uscendo dal blocco e quindi stava aumentando non è affatto poco.

    Con gli altri settori che sono diminuiti molto meno rispetto ai trasporti e solo parte della popolazione mondiale coinvolta dal blocco non ci si poteva aspettare un impatto maggiore.

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

  7. #427
    Burrasca forte L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    25
    Messaggi
    8,296
    Menzionato
    363 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da MeTeo72 Visualizza Messaggio
    Mah, secondo me le conclusioni non sono corrette, una riduzione del 60% di traffico e produzione industriale ha causato una minima riduzione nelle emissioni.
    Quindi bisognerebbe investire nel residenziale che è rimasto inalterato e sembrerebbe essere la vera fonte di CO2


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
    La produzione industriale è calata il 7 Aprile solo del 19%. Il trasporto a terra del 36% e quello aereo del 60%.
    Se davvero anche produzione industriale e trasporto a terra fossero calati del 60%, quanto il traffico aereo, allora il calo delle emissioni di CO2 per il 7 Aprile sarebbe stato ben più consistente.

  8. #428
    Burrasca forte L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    25
    Messaggi
    8,296
    Menzionato
    363 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Per chi fosse interessato, su Meteoweb hanno postato la traduzione, con molti grafici correlati, di un articolo del "The Lancet" in cui si esegue una stima della popolazione globale per paese nel 2100.
    Viene anche analizzata la possibile composizione in termini di fasce d'età della popolazione, e la sua evoluzione dal 1950.

    L'Italia potrebbe dimezzare la sua popolazione, dopo il picco raggiunto nel 2014. Nel 2100 si stimano 30 milioni di persone, come a inizio Novecento.

    A livello mondiale si stima che il picco sarà 9,73 miliardi raggiunto nel 2064, seguito da un calo fino a 8,79 miliardi nel 2100.
    Oggi nascono 7 bambini per ogni persona che compie 80 anni. Nel 1950 erano 15. Nel 2100 si prevede che la relazione diverrà 1:1.
    Sempre a livello globale, nel 2100 il numero di ultraottantenni potrebbe essere di 870 milioni, su una popolazione di 8,8 miliardi (dunque il 10%!!). Solo 400 milioni i bambini sotto i 5 anni, mentre oggi sono 700 milioni.

    Molti paesi vedranno calare del 50% la popolazione. Oltre all'Italia, anche Giappone e Cina (quest'ultima arriverà a 700 milioni!).
    Altri paesi, quali Pakistan, India, USA, torneranno nel 2100 ad avere la popolazione che hanno attualmente nel 2020.

    L'età media globale passerà da 32,6 anni del 2017 a 42,6 anni nel 2100.
    2,37 miliardi di persone avranno più di 65 anni, e 1.7 miliardi meno di 20 anni.

    Forte riduzione della popolazione mondiale dal 2064: "Forti cali in Europa ed Asia, Italia dimezzata nel 2100". Tutti gli scenari di mortalita, fecondita e migrazioni Paese per Paese [DATI e GRAFICI] - Meteo Web

  9. #429
    Burrasca L'avatar di EnnioDiPrinzio
    Data Registrazione
    15/09/12
    Località
    Lanciano (Chieti)
    Messaggi
    5,306
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    A me dà fastidio l'inquinamento , non l'aumento di temperatura di origine antropica.
    Anche se l'uomo non ci fosse, il clima cambierebbe lo stesso, sia in senso freddo che in senso caldo, tutto ciò è dovuto a concause non del tutto chiarite.
    Pensare che il clima debba rimanere costante ed immutabile è un un'atteggiamento profondamente antiscientifico.
    Secondo alcuni studi, l'era glaciale è finita in modo repentino con aumenti di temperatura che fanno impallidire quelli odierni.

  10. #430
    Brezza leggera L'avatar di Tarcii
    Data Registrazione
    13/08/19
    Località
    Ambivere (BG)
    Età
    18
    Messaggi
    307
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Come ci approcciamo al GW

    Citazione Originariamente Scritto da EnnioDiPrinzio Visualizza Messaggio
    A me dà fastidio l'inquinamento , non l'aumento di temperatura di origine antropica.
    Anche se l'uomo non ci fosse, il clima cambierebbe lo stesso, sia in senso freddo che in senso caldo, tutto ciò è dovuto a concause non del tutto chiarite.
    Pensare che il clima debba rimanere costante ed immutabile è un un'atteggiamento profondamente antiscientifico.
    Secondo alcuni studi, l'era glaciale è finita in modo repentino con aumenti di temperatura che fanno impallidire quelli odierni.
    Pensare che il clima non possa cambiare è antiscientifico. Questo è vero. Tuttavia l'aumento termico di origine antropica non ha precedenti per la velocità con cui sta avvenendo è questo il vero problema probabilmente, causa di disastri naturali e distruzione dell'ambiente.
    Anywhere, whenever. Apart but still together...

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •