Pagina 1 di 4 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 34
  1. #1
    Vento teso L'avatar di Perlecano
    Data Registrazione
    22/05/18
    Località
    Carbonate (CO) 267 m s.l.m.
    Età
    22
    Messaggi
    1,520
    Menzionato
    201 Post(s)

    Predefinito 2019: quarto anno più caldo della storia meteorologica italiana

    Sta per concludersi il quarto anno più caldo in Italia dall'inizio delle rilevazioni: secondo alcune mie stime (in larga misura avallate dai dati del CNR), l'anomalia complessiva del 2019 dovrebbe essere di +0,93/+0,94 °C sulla media 1981-2010. Per alcuni centesimi di grado non si salirebbe sul podio degli anni più caldi. Ecco i 10 anni più "bollenti" dal 1900 in poi su scala nazionale:
    1) 2018 (+1,12 °C sulla 1981-2010).
    2) 2015 (+0,98 °C).
    3) 2014 (+0,97 °C).
    4) 2019 (+0,93/+0,94 °C).
    5) 2016 (+0,80 °C).
    6) 2003 (+0,76 °C).
    7) 1994 e 2017 (+0,74 °C).
    9) 2012 (+0,68 °C).
    10) 2011 (+0,64 °C).

    Esce dalla top ten il 2000, che sta a +0,60 °C e che alla sua epoca si trovava al secondo posto, dietro al 1994 e con margine enorme sulla terza piazza (del 1997). Ora nei primi 10 posti in classifica troviamo otto annate (su 9 "disponibili") appartenenti al decennio in corso (2011-2019, con la sola eccezione del 2013), un'annata dello scorso decennio (2003, che nelle ultime sei annate è stata superata cinque volte - cioè sempre tranne nel 2017 - e che prima di allora non era stata mai superata) e un'annata degli anni '90, il 1994 (che per quell'epoca fu pauroso, forse ancora più eccezionale del 1961 rapportato al contesto in cui le medie termiche di quell'anno maturarono), che resiste stoicamente ai piani medio-bassi della top ten.

    Senza addentrarmi in distinzioni microclimatiche (molti mesi del 2019 hanno avuto una distribuzione molto eterogenea delle anomalie termiche sul territorio italico), analizziamo per sommi capi le varie mensilità:

    Gennaio 2019: -1,1 °C dalla 1981-2010. Secondo mese di gennaio più freddo di questo decennio (dopo il 2017), terzo di questo secolo (dopo il 2017 e il 2006).
    Febbraio 2019: +1,5 °C sulla 1981-2010. Solo quarto su nove tra i più caldi febbraio di questo decennio, nonostante il sopramedia marcato.
    Marzo 2019: +1,4 °C. Terzo marzo più caldo del decennio in corso, dopo il 2017 e il 2012. Dal 1900 in poi è invece in decima posizione (è il primo dei tanti mesi del 2019 che risultano in top ten dal 1900).
    Aprile 2019: +0,6 °C. L'aprile meno caldo di questo decennio, ex aequo con il 2012, nonostante il sopramedia complessivo (bisogna tornare al 2008 per trovare un aprile meno caldo di quello di quest'anno).
    Maggio 2019: -2,3 °C. Veramente storico! Nettamente il più freddo del nuovo secolo (stracciato il 2004 con il suo -1,7 °C) e il più freddo in assoluto nel periodo post-1991. Risulta al tredicesimo-quattordicesimo posto dei più freddi dal 1900 sul quadro Italia (e al settimo posto dal Secondo Dopoguerra).
    Giugno 2019: +2,7 °C. Cattivissimo, secondo posto dal 1900 (dietro all'assurdo giugno 2003) e giugno più caldo del decennio in corso (battuto giugno 2017 di 0,1/0,2 °C).
    Luglio 2019: +1,25 °C circa. Terzo posto in questo decennio (dietro a 2015 e 2012), ottavo posto dal 1900 (dietro a 2003, 1983, 2006, 1950 e 1928, oltre ai due già citati).
    Agosto 2019: +1,35 °C circa. Terzo posto in questo decennio (dietro a 2017 e 2012), settimo posto dal 1900 (dietro a 2003, 1994, 2009 e 1992, oltre ai due già citati).
    Settembre 2019: +1,2 °C. Appena fuori dalla top ten dal 1900 (è circa dodicesimo), sta al terzo posto per il decennio in corso (dietro a 2011 e 2018).
    Ottobre 2019: +1,5 °C. Terzo posto dal 1900, ex aequo con il 2014. Storicamente sta dietro soltanto al 2001 e al 2004 (piccola nota: i sette mesi di ottobre più caldi in Italia dal 1900 sono TUTTI appartenenti al nuovo secolo: il primo esponente del Novecento è l'ottobre 1990, che sta all'ottavo posto).
    Novembre 2019: +1,4 °C. Ottavo posto dal 1900 (al livello del lontano 1927), terzo posto per il decennio in corso (dietro a 2014, 2012 e 2018).
    Dicembre 2019: tra +1,7 °C e +1,8 °C. Primato per il nuovo secolo (dato che convenzionalmente il 2000 appartiene al secolo scorso), terzo posto dal 1900, dietro al primato ex aequo di 1915 e 2000.


    Primavera 2019: -0,09 °C. Secondo posto delle più fredde del nuovo secolo (dietro alla 2004 che sta a -0,77 °C e forse ormai è inarrivabile), clamorosamente spedita un soffio sottomedia da un maggio pazzesco, dopo un bimestre marzo-aprile chiuso a +1,0/+1,1 °C.
    Estate 2019: +1,77 °C. Praticamente al terzo posto ex aequo con la 2012 (tra le due ballano pochissimi centesimi, secondo alcuni dataset prevale la 2019 di 0,02 °C circa, secondo altri dataset prevale la 2012 sempre di un paio di centesimi). Storicamente dietro solo alle estati del 2003 e del 2017.
    Autunno 2019: +1,37 °C. Quarto posto dal 1900 ad oggi, dietro agli autunni del 2014, del 2018 e del lontano 1926.

    Primo semestre del 2019: +0,47 °C. Il meno caldo del periodo post-2013.
    Secondo semestre del 2019: +1,41 °C. Il più caldo della storia meteorologica italiana.
    Ultima modifica di Perlecano; 28/12/2019 alle 22:10
    "Ho visto braccia farsi gabbia, luce farsi nebbia, ho visto me scappare in strade fuorimano e i Nazgûl sopra la mia testa; primo brutto viaggio, primo punto critico, primo buco in cui precipito, risorgo coi versi con cui vi mortifico". (Heskarioth, Flashback).

  2. #2
    Burrasca
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    25
    Messaggi
    6,420
    Menzionato
    46 Post(s)

    Predefinito Re: 2019: quarto anno più caldo della storia meteorologica italiana

    Citazione Originariamente Scritto da Perlecano Visualizza Messaggio
    Primo semestre del 2019: +0,47 °C. Il meno caldo del periodo post-2013.
    Secondo semestre del 2019: +1,41 °C. Il più caldo della storia meteorologica italiana.
    Vedo che il paradosso che avevo evidenziato nel mio piccolo per Brindisi si è confermato anche sul quadro italico: a un primo semestre davvero fuori tema rispetto alla norma degli ultimi anni, è seguito un secondo semestre record pure per questo periodo!

  3. #3
    Vento forte L'avatar di cut-off
    Data Registrazione
    15/10/05
    Località
    Trento Sud (m.190 s.
    Età
    54
    Messaggi
    3,706
    Menzionato
    4 Post(s)

    Predefinito Re: 2019: quarto anno più caldo della storia meteorologica italiana

    Nel mio piccolo ai primi 5 posti della serie per Trento Sud ci sono 4 anni presenti anche nella classifica nazionale, con ordine leggermente diverso anche se pure nel mio caso con primato per il 2018 e 4° posto per il 2019 (dato però non ancora definitivo, ovviamente) a pari merito col 2015; l'unica differenza un po' più marcata riguarda il 2011, che nella mia serie risulta sul podio (al 3° posto) e in quella nazionale al 9° posto, mentre il 2016 che nella nazionale è 5° nella mia serie diventa 7°.

    Ad ogni modo questa è la mia top 5:

    1) 2018 = 13.77°c
    2) 2014 = 13.75°c
    3) 2011 = 13.57°c
    4) 2015 = 13.53°c
    4) 2019 = 13.53°c (al 27/12)
    Saluti a tutti, Flavio

  4. #4
    Vento teso L'avatar di Perlecano
    Data Registrazione
    22/05/18
    Località
    Carbonate (CO) 267 m s.l.m.
    Età
    22
    Messaggi
    1,520
    Menzionato
    201 Post(s)

    Predefinito Re: 2019: quarto anno più caldo della storia meteorologica italiana

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Vedo che il paradosso che avevo evidenziato nel mio piccolo per Brindisi si è confermato anche sul quadro italico: a un primo semestre davvero fuori tema rispetto alla norma degli ultimi anni, è seguito un secondo semestre record pure per questo periodo!
    poi se vogliamo fare il confronto tra il pentamestre gennaio-maggio e l'eptamestre giugno-dicembre, emerge una roba pazzesca: si passa dai +0,02 °C del primo periodo in esame ai +1,59 °C del secondo periodo! uno sbalzo di oltre un grado e mezzo...
    "Ho visto braccia farsi gabbia, luce farsi nebbia, ho visto me scappare in strade fuorimano e i Nazgûl sopra la mia testa; primo brutto viaggio, primo punto critico, primo buco in cui precipito, risorgo coi versi con cui vi mortifico". (Heskarioth, Flashback).

  5. #5
    Burrasca
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    25
    Messaggi
    6,420
    Menzionato
    46 Post(s)

    Predefinito Re: 2019: quarto anno più caldo della storia meteorologica italiana

    Citazione Originariamente Scritto da Perlecano Visualizza Messaggio
    poi se vogliamo fare il confronto tra il pentamestre gennaio-maggio e l'eptamestre giugno-dicembre, emerge una roba pazzesca: si passa dai +0,02 °C del primo periodo in esame ai +1,59 °C del secondo periodo! uno sbalzo di oltre un grado e mezzo...
    Esatto, qui se consideriamo il primo pentamestre abbiamo un sotto media lieve persino rispetto la 51/80 (!!) e il secondo eptamestre che (devo controllare però) potrebbe aspirare al primo posto assoluto!

  6. #6
    Vento teso L'avatar di Perlecano
    Data Registrazione
    22/05/18
    Località
    Carbonate (CO) 267 m s.l.m.
    Età
    22
    Messaggi
    1,520
    Menzionato
    201 Post(s)

    Predefinito Re: 2019: quarto anno più caldo della storia meteorologica italiana

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Esatto, qui se consideriamo il primo pentamestre abbiamo un sotto media lieve persino rispetto la 51/80 (!!) e il secondo eptamestre che (devo controllare però) potrebbe aspirare al primo posto assoluto!
    beh quel +0,02 °C sulla 1981-2010 per gennaio-maggio 2019 in Italia diventa +0,56 °C sulla 1951-1980... quindi periodo "sui generis" per le fasi fresche/fredde, questo sì, ma su scala nazionale si è stati nettamente sopra la 1951-1980.
    "Ho visto braccia farsi gabbia, luce farsi nebbia, ho visto me scappare in strade fuorimano e i Nazgûl sopra la mia testa; primo brutto viaggio, primo punto critico, primo buco in cui precipito, risorgo coi versi con cui vi mortifico". (Heskarioth, Flashback).

  7. #7
    Burrasca
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    25
    Messaggi
    6,420
    Menzionato
    46 Post(s)

    Predefinito Re: 2019: quarto anno più caldo della storia meteorologica italiana

    Citazione Originariamente Scritto da Perlecano Visualizza Messaggio
    beh quel +0,02 °C sulla 1981-2010 per gennaio-maggio 2019 in Italia diventa +0,56 °C sulla 1951-1980... quindi periodo "sui generis" per le fasi fresche/fredde, questo sì, ma su scala nazionale si è stati nettamente sopra la 1951-1980.
    Sisi, immaginavo, volevo solo sottolineare l'ancor più drastica differenza qui a Brindisi tra i due periodi in esame!

  8. #8
    Uragano L'avatar di Dream Designer
    Data Registrazione
    13/10/04
    Località
    Napoli coll. 249 mt.
    Età
    31
    Messaggi
    17,136
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: 2019: quarto anno più caldo della storia meteorologica italiana

    Dai miei dati che partono dal 2001, il 2019 sta per chiudere come il quarto anno più caldo quasi a pari merito col 2014 e 2003. Tenendo presente che il 1994 e il 2000 qui sono stati di fuoco, stimo che in generale il 2019 possa essere stato il 6° anno più caldo dal Dopoguerra.

    Bhe, si è già detto tutto fondamentalmente, fino al 31 Maggio in alcune regioni l'anno era addirittura sottomedia, poi il disastro totale.


    NAPOLI, Febbraio 2018: IO C'ERO !!!
    estremi dal 2001: -3.7 (2014) +38.1 (2007)


  9. #9
    Brezza tesa L'avatar di damiano23
    Data Registrazione
    25/02/19
    Località
    Catania (CT) 7 mt.
    Messaggi
    987
    Menzionato
    3 Post(s)

    Predefinito Re: 2019: quarto anno più caldo della storia meteorologica italiana

    Citazione Originariamente Scritto da Perlecano Visualizza Messaggio
    Sta per concludersi il quarto anno più caldo in Italia dall'inizio delle rilevazioni: secondo alcune mie stime (in larga misura avallate dai dati del CNR), l'anomalia complessiva del 2019 dovrebbe essere di +0,93/+0,94 °C sulla media 1981-2010. Per alcuni centesimi di grado non si salirebbe sul podio degli anni più caldi. Ecco i 10 anni più "bollenti" dal 1900 in poi su scala nazionale:
    1) 2018 (+1,12 °C sulla 1981-2010).
    2) 2015 (+0,98 °C).
    3) 2014 (+0,97 °C).
    4) 2019 (+0,93/+0,94 °C).
    5) 2016 (+0,80 °C).
    6) 2003 (+0,76 °C).
    7) 1994 e 2017 (+0,74 °C).
    9) 2012 (+0,68 °C).
    10) 2011 (+0,64 °C).

    Esce dalla top ten il 2000, che sta a +0,60 °C e che alla sua epoca si trovava al secondo posto, dietro al 1994 e con margine enorme sulla terza piazza (del 1997). Ora nei primi 10 posti in classifica troviamo otto annate (su 9 "disponibili") appartenenti al decennio in corso (2011-2019, con la sola eccezione del 2013), un'annata dello scorso decennio (2003, che nelle ultime sei annate è stata superata cinque volte - cioè sempre tranne nel 2017 - e che prima di allora non era stata mai superata) e un'annata degli anni '90, il 1994 (che per quell'epoca fu pauroso, forse ancora più eccezionale del 1961 rapportato al contesto in cui le medie termiche di quell'anno maturarono), che resiste stoicamente ai piani medio-bassi della top ten.

    Senza addentrarmi in distinzioni microclimatiche (molti mesi del 2019 hanno avuto una distribuzione molto eterogenea delle anomalie termiche sul territorio italico), analizziamo per sommi capi le varie mensilità:

    Gennaio 2019: -1,1 °C dalla 1981-2010. Secondo mese di gennaio più freddo di questo decennio (dopo il 2017), terzo di questo secolo (dopo il 2017 e il 2006).
    Febbraio 2019: +1,5 °C sulla 1981-2010. Solo quarto su nove tra i più caldi febbraio di questo decennio, nonostante il sopramedia marcato.
    Marzo 2019: +1,4 °C. Terzo marzo più caldo del decennio in corso, dopo il 2017 e il 2012. Dal 1900 in poi è invece in decima posizione (è il primo dei tanti mesi del 2019 che risultano in top ten dal 1900).
    Aprile 2019: +0,6 °C. L'aprile meno caldo di questo decennio, ex aequo con il 2012, nonostante il sopramedia complessivo (bisogna tornare al 2008 per trovare un aprile meno caldo di quello di quest'anno).
    Maggio 2019: -2,3 °C. Veramente storico! Nettamente il più freddo del nuovo secolo (stracciato il 2004 con il suo -1,7 °C) e il più freddo in assoluto nel periodo post-1991. Risulta al tredicesimo-quattordicesimo posto dei più freddi dal 1900 sul quadro Italia (e al settimo posto dal Secondo Dopoguerra).
    Giugno 2019: +2,7 °C. Cattivissimo, secondo posto dal 1900 (dietro all'assurdo giugno 2003) e giugno più caldo del decennio in corso (battuto giugno 2017 di 0,1/0,2 °C).
    Luglio 2019: +1,25 °C circa. Terzo posto in questo decennio (dietro a 2015 e 2012), ottavo posto dal 1900 (dietro a 2003, 1983, 2006, 1950 e 1928, oltre ai due già citati).
    Agosto 2019: +1,35 °C circa. Terzo posto in questo decennio (dietro a 2017 e 2012), settimo posto dal 1900 (dietro a 2003, 1994, 2009 e 1992, oltre ai due già citati).
    Settembre 2019: +1,2 °C. Appena fuori dalla top ten dal 1900 (è circa dodicesimo), sta al terzo posto per il decennio in corso (dietro a 2011 e 2018).
    Ottobre 2019: +1,5 °C. Terzo posto dal 1900, ex aequo con il 2014. Storicamente sta dietro soltanto al 2001 e al 2004 (piccola nota: i sette mesi di ottobre più caldi in Italia dal 1900 sono TUTTI appartenenti al nuovo secolo: il primo esponente del Novecento è l'ottobre 1990, che sta all'ottavo posto).
    Novembre 2019: +1,4 °C. Ottavo posto dal 1900 (al livello del lontano 1927), terzo posto per il decennio in corso (dietro a 2014, 2012 e 2018).
    Dicembre 2019: tra +1,7 °C e +1,8 °C. Primato per il nuovo secolo (dato che convenzionalmente il 2000 appartiene al secolo scorso), terzo posto dal 1900, dietro al primato ex aequo di 1915 e 2000.


    Primavera 2019: -0,09 °C. Secondo posto delle più fredde del nuovo secolo (dietro alla 2004 che sta a -0,77 °C e forse ormai è inarrivabile), clamorosamente spedita un soffio sottomedia da un maggio pazzesco, dopo un bimestre marzo-aprile chiuso a +1,0/+1,1 °C.
    Estate 2019: +1,77 °C. Praticamente al terzo posto ex aequo con la 2012 (tra le due ballano pochissimi centesimi, secondo alcuni dataset prevale la 2019 di 0,02 °C circa, secondo altri dataset prevale la 2012 sempre di un paio di centesimi). Storicamente dietro solo alle estati del 2003 e del 2017.
    Autunno 2019: +1,37 °C. Quarto posto dal 1900 ad oggi, dietro agli autunni del 2014, del 2018 e del lontano 1926.

    Primo semestre del 2019: +0,47 °C. Il meno caldo del periodo post-2013.
    Secondo semestre del 2019: +1,41 °C. Il più caldo della storia meteorologica italiana.
    Ottima sintesi di questo bellissimo (si fa per dire) anno. Un piccolo sguardo ai 12 mesi e si notano subito anomalie positive > +1°C e uniformemente distribuite, solo Aprile ha chiuso con un valore neutro/positivo in quanto l'anomalia termica mensile del centro-sud è stata negativa o parzialmente neutra ed ha compensata il bilancio positivo del resto del paese. Gennaio ottimo dal punto di vista termico, la mappa difatti lo mistra:
    -genn.png
    Anomalie fredde possenti su 2/3 del territorio rispetto alla trentennale grazie ai vigori dell'anticiclone russo siberiano, più volte comparso sul nostro paese ad inizio anno. 2° posto dietro Gennaio 2017, ovviamente non può reggere il confronto non solo perché gli eventi furono di una portata storica, ma anche perché l'Italia intera finì sotto media, con pesanti anomalie nel sud-est della penisola.

    Febbraio ha rovinato la media invernale praticamente dell'intero trimestre in quanto Dicembre 2018 non fu terribilmente caldo, pressoché chiuse con una media nazionale superiore alla 81/10 di +0,38 °C, difatti se si sommano i valori medi dei tre mesi (dic. 2018, gen. 2019, feb. 2019) viene fuori una media trimestrale di +0,26 °C, esattamente lo scarto fornito da Berkeley Earth. 34° inverno più caldo dal 1900 ad oggi. Alla pari con l'inverno 2016/2017, anche esso rovinato da febbraio!!! A quanto pare in Italia dopo Febbraio 2015, storico qui, dietro solo a Febbraio 2003 (per antonomasia il più freddo in assoluto nella mia città), gli ultimi febbrai hanno peggiorato la media invernale, 2016 in primis, 2018 l'eccezione.

    Marzo è stato qui terribile, mi meraviglia il fatto che abbia chiuso a soli +1,4 °C, se vi fossero state le stesse anomalie del meridione ma sparse in tutta Italia, sarebbero stati stracciati Marzo 2016 e Marzo 2017. Il regime pluviometrico di marzo è positivo al centro-nord mentre vi è un pesante deficit nel Mezzogiorno e in tutto il Mediterraneo! La mancanza di piogge fu molto evidente in Sicilia non solo per l'assenza di giorni piovosi ma anche la scarsità di precipitazioni...
    -marzo.jpg

    Aprile unico mese a concludersi con scarto neutro/positivo (+0,6 °C), abbastanza freddo al sud, totalmente diverso dal mese precedente, in tutto e per tutto. Mite/caldo altrove. Ottimo episodio giorno 4 localmente, sicuramente meglio di marzo malgrado la primavera meteorologica era già iniziata, precocemente in realtà... nulla da aggiungere.

    Maggio incredibile, quasi perfetto, in alcune aree un mese mistico... in quasi tutta Europa la prima e la seconda decade sono le più fredde dalle prime misurazione. Unico mese a concludersi sotto media a Parigi, tanto per citarne una.
    Straordinarie le incursioni polari marittime dell'8 e del 16-17, neve a quote basse al Nord. Il sotto media fu pronunciato e quasi una costante adiabatica. Purtroppo esso sarà l'ultimo mese del 2019 a chiudere sotto media su quadro nazionale, a peggiorar le cose sarà poi la QBO, in forte salita nell'estate 2019 e la NAO negativa...1° maggio più freddo a Catania su registrazioni 1951-2019.

    Giugno parte sorprendentemente fresco, quasi anomalo per il periodo, si risanó inoltre in 30 giorni circa, da maggio, il deficit pluviometrico e i primi 2 giorni di giugno furono all'insegna dell'instabilità e condizionati da un clima prettamente di inizio maggio. Per alcune aree le piogge dell'1-2 giugno rappresentarono il complessivo accumulo della stagione estiva, in quanto non piovve più da quel momento in poi se non a settembre.
    Un mese diabolico travestito da angelo, partito sulla falsariga di maggio, dal 7 in poi finì tutto con una libecciata e le temperature schizzarono pesantemente. Il peggio arrivò in 3a decade quando grazie al famoso affondo portoghese di una depressione si elevò l'anticiclone africano, con la sua 600 dam verso l'Italia e l'Europa occidentale. Cadono record quasi ovunque, a Milano previsti 41 °C, roba da matti ma in realtà si toccarono +36,5 °C, eguagliati con 2003 e 2005. Record a Bolzano, Verona, Mantova, Torino, Firenze pure nella stazione meteo sarda di Capo Caccia (SS), ecc. Anche al sud un inferno, chiude qui al 4° posto fra i mesi di giugno più caldi di sempre..record in Francia, specie nel sud, valori che sorprendentemente saranno battuti a Luglio 2019 e stracceranno il 2003. A fine giugno sembra ormai un lontanissimo ricordo il maggio appena trascorso.. peggior giugno del decennio, come riporta infatti Parlecano ma secondo al 2003.

    Luglio tremendamente caldo, il 10 si infiamma la Sicilia con una seconda libecciata, sembrava dovesse ripetersi il bis dell'estate 2007, ma non fu proprio così, per fortuna. A metà mese una fase perturbata regala un po' di piogge e dà tregua al meridione, regno della +20. Dal 20 le condizioni saranno tale che permetteranno una seconda elevazione dell'anticiclone verso il nord Europa, ovvero si rafforza la depressione d'Islanda. Il 24 infatti il vortice depressionario si ubica al largo dell'Irlanda con azione NW-SE e l'alta africana a forma di Ω ingloba l'Italia del nord. Quel che farà impressionare di questa ondata di caldo non saranno i gpt, bensì le isoterme...la +26 a Parigi non si era mai vista, nemmeno nel Luglio 1940, da record in Italia, Francia, Spagna e anche Monaco. Muro della +24 al confine con l'Italia e schizzano di nuovo i termometri al nord-ovest come a fine giugno, caldo da record in Lussemburgo, Belgio, paesi scandinavi ecc. Ultima decade per finire si conclude fortemente sopra media al Sud, si temeva il peggio, poiché regolarmente la cupola anticiclonica sarebbe dovuta slittare a E, verso noi, facendo dunque affluire aria caldissima, ma il salto termico fu meno evidente.

    Agosto inizia da brividi in Tunisia, ovest Sicilia e comparto tirrenico, libecciate continue, geopotenziali altissimi, da deserto, paragonato quasi ad Agosto 2017.. mese statico e anticiclonico, pochissimi i fronti perturbati al nord, in terza decade l'hp ricopre l'Europa orientale, impennano le temperature nel comparto balcanico e si rinforza il sopra media italico. Sono sorprendenti le anomalie termiche russe costantemente negative nel trimestre estivo.

    Settembre ancora estivo per buona parte e non interruppe il trend.
    Caldo e moderatamente piovoso, punte estive ancora al meridione, ma nessun record. Statico e anomalo, chiude al 12° posto fra i più caldi degli ultimi 68 anni, e al 6° posto più caldo per le minime.

    Ottobre, mese che riassume l'andazzo medio dell'autunno 2019. Mese dominato ovviamente per buona parte dell'hp, temperature non dissimili a quelle di settembre e dal sapore estivo, il dramma furono quegli affondi estremamente distanti dalla nostra penisola, e i richiami da libeccio e scirocco erano la norma, le westerlines indomabili. Altro mese poco interessante e da dimenticare.

    Novembre è il mese del sotto media del confine alpino. Mese partito veramente male al meridione a causa delle correnti sciroccali e dal libeccio. A Venezia si registra la marea più alta del secolo, 187 cm, inoltre la seconda dopo quella del 4 Novembre 1966. Si ripetono gli affondi basso atlantici e lo sprofondamento di depressioni atlantiche nel Mediterraneo centro-occidentale, ma non bastano piogge a migliorare il quadro termico, anzi si registrano giornate miti per via degli affondi troppo occidentali e piogge "calde".
    Ventilazione quasi sempre dal mare e minime notturne alte. Piogge atlantiche = serbatoio nevoso delle Alpi, alcune aree hanno fatto il pieno di neve, complice il ristretto sotto media, si sono registrati accumuli in alta quota veramente impressionanti, addirittura più di quanto dovesse cadere a gennaio/febbraio, e più neve perfino di un mese freddo ma secco come Gennaio 2017. Chiude al primo posto fra i più caldi mesi di novembre in Puglia, da record, non di meno anomalo in Abruzzo, Molise e Campania.

    Dicembre, ultimo mese del II decennio del 2000 e ultimo mese del 2019, un mese iniziato sulla falsariga di novembre, con forti saccature atlantiche molto occidentali, presenta nella parte centrale una fase stabile e anticiclonica, molto mite e calda per il periodo, in particolare al sud, giorno 13 l'affondo freddo nord-atlantico di Santa Lucia che non ha portato nessuna nevicata in pianura se non pioggia mista a neve, dove si pensava che 5 cm sarebbero stati scontati....mite e anticiclonico Natale ma la vera svolta l'abbiamo avuta adesso con l'interruzione della zonalità atlantica, porta dell'Atlantico finalmente sbarrata, ahimè è troppo tardi poter abbassare la grossa anomalia mensile in soli pochi giorni, tra l'altro esclusivamente in sud, preso per di più secondariamente dal fronte freddo nord europeo...

    Mi auguro vivamente che l'Atlantico non abbia alcuna possibilità di intervenire e di lanciare depressioni ma di restare bloccato, anche perché un periodo di NAO- fortemente negativa non dà alcuna possibilità di un'hp di blocco in area Atlantica e non permette SCAND+, il mio auspicio è che possa giungere al più presto una forte irruzione di aria continentale poiché vi è un miglioramento su scala europea, magari in stile 2017, e possa spazzare via la mitezza degli ultimi mesi... Gennaio non è un monologo anticiclonico ma un mese invernale, GW o no le ondate di freddo arrivano ogni anno (e sempre negli stessi luoghi) una variante non guasterebbe per una volta...
    Ultima modifica di damiano23; 30/12/2019 alle 14:57

  10. #10
    Uragano L'avatar di Lou_Vall
    Data Registrazione
    06/10/07
    Località
    Roccasparvera (CN) 668m. -Far West-
    Età
    32
    Messaggi
    23,870
    Menzionato
    36 Post(s)

    Predefinito Re: 2019: quarto anno più caldo della storia meteorologica italiana

    Citazione Originariamente Scritto da Perlecano Visualizza Messaggio
    Sta per concludersi il quarto anno più caldo in Italia dall'inizio delle rilevazioni: secondo alcune mie stime (in larga misura avallate dai dati del CNR), l'anomalia complessiva del 2019 dovrebbe essere di +0,93/+0,94 °C sulla media 1981-2010. Per alcuni centesimi di grado non si salirebbe sul podio degli anni più caldi. Ecco i 10 anni più "bollenti" dal 1900 in poi su scala nazionale:
    1) 2018 (+1,12 °C sulla 1981-2010).
    2) 2015 (+0,98 °C).
    3) 2014 (+0,97 °C).
    4) 2019 (+0,93/+0,94 °C).
    5) 2016 (+0,80 °C).
    6) 2003 (+0,76 °C).
    7) 1994 e 2017 (+0,74 °C).
    9) 2012 (+0,68 °C).
    10) 2011 (+0,64 °C).

    Esce dalla top ten il 2000, che sta a +0,60 °C e che alla sua epoca si trovava al secondo posto, dietro al 1994 e con margine enorme sulla terza piazza (del 1997). Ora nei primi 10 posti in classifica troviamo otto annate (su 9 "disponibili") appartenenti al decennio in corso (2011-2019, con la sola eccezione del 2013), un'annata dello scorso decennio (2003, che nelle ultime sei annate è stata superata cinque volte - cioè sempre tranne nel 2017 - e che prima di allora non era stata mai superata) e un'annata degli anni '90, il 1994 (che per quell'epoca fu pauroso, forse ancora più eccezionale del 1961 rapportato al contesto in cui le medie termiche di quell'anno maturarono), che resiste stoicamente ai piani medio-bassi della top ten.

    Senza addentrarmi in distinzioni microclimatiche (molti mesi del 2019 hanno avuto una distribuzione molto eterogenea delle anomalie termiche sul territorio italico), analizziamo per sommi capi le varie mensilità:

    Gennaio 2019: -1,1 °C dalla 1981-2010. Secondo mese di gennaio più freddo di questo decennio (dopo il 2017), terzo di questo secolo (dopo il 2017 e il 2006).
    Febbraio 2019: +1,5 °C sulla 1981-2010. Solo quarto su nove tra i più caldi febbraio di questo decennio, nonostante il sopramedia marcato.
    Marzo 2019: +1,4 °C. Terzo marzo più caldo del decennio in corso, dopo il 2017 e il 2012. Dal 1900 in poi è invece in decima posizione (è il primo dei tanti mesi del 2019 che risultano in top ten dal 1900).
    Aprile 2019: +0,6 °C. L'aprile meno caldo di questo decennio, ex aequo con il 2012, nonostante il sopramedia complessivo (bisogna tornare al 2008 per trovare un aprile meno caldo di quello di quest'anno).
    Maggio 2019: -2,3 °C. Veramente storico! Nettamente il più freddo del nuovo secolo (stracciato il 2004 con il suo -1,7 °C) e il più freddo in assoluto nel periodo post-1991. Risulta al tredicesimo-quattordicesimo posto dei più freddi dal 1900 sul quadro Italia (e al settimo posto dal Secondo Dopoguerra).
    Giugno 2019: +2,7 °C. Cattivissimo, secondo posto dal 1900 (dietro all'assurdo giugno 2003) e giugno più caldo del decennio in corso (battuto giugno 2017 di 0,1/0,2 °C).
    Luglio 2019: +1,25 °C circa. Terzo posto in questo decennio (dietro a 2015 e 2012), ottavo posto dal 1900 (dietro a 2003, 1983, 2006, 1950 e 1928, oltre ai due già citati).
    Agosto 2019: +1,35 °C circa. Terzo posto in questo decennio (dietro a 2017 e 2012), settimo posto dal 1900 (dietro a 2003, 1994, 2009 e 1992, oltre ai due già citati).
    Settembre 2019: +1,2 °C. Appena fuori dalla top ten dal 1900 (è circa dodicesimo), sta al terzo posto per il decennio in corso (dietro a 2011 e 2018).
    Ottobre 2019: +1,5 °C. Terzo posto dal 1900, ex aequo con il 2014. Storicamente sta dietro soltanto al 2001 e al 2004 (piccola nota: i sette mesi di ottobre più caldi in Italia dal 1900 sono TUTTI appartenenti al nuovo secolo: il primo esponente del Novecento è l'ottobre 1990, che sta all'ottavo posto).
    Novembre 2019: +1,4 °C. Ottavo posto dal 1900 (al livello del lontano 1927), terzo posto per il decennio in corso (dietro a 2014, 2012 e 2018).
    Dicembre 2019: tra +1,7 °C e +1,8 °C. Primato per il nuovo secolo (dato che convenzionalmente il 2000 appartiene al secolo scorso), terzo posto dal 1900, dietro al primato ex aequo di 1915 e 2000.


    Primavera 2019: -0,09 °C. Secondo posto delle più fredde del nuovo secolo (dietro alla 2004 che sta a -0,77 °C e forse ormai è inarrivabile), clamorosamente spedita un soffio sottomedia da un maggio pazzesco, dopo un bimestre marzo-aprile chiuso a +1,0/+1,1 °C.
    Estate 2019: +1,77 °C. Praticamente al terzo posto ex aequo con la 2012 (tra le due ballano pochissimi centesimi, secondo alcuni dataset prevale la 2019 di 0,02 °C circa, secondo altri dataset prevale la 2012 sempre di un paio di centesimi). Storicamente dietro solo alle estati del 2003 e del 2017.
    Autunno 2019: +1,37 °C. Quarto posto dal 1900 ad oggi, dietro agli autunni del 2014, del 2018 e del lontano 1926.

    Primo semestre del 2019: +0,47 °C. Il meno caldo del periodo post-2013.
    Secondo semestre del 2019: +1,41 °C. Il più caldo della storia meteorologica italiana.
    Solo per divertirmi, confronto le anomalie medie nazionali con le anomalie di qui (Boves Arpa)

    Gennaio 2019: -1,1° (qui 0,0°), qui gennaio perfettamente in media, niente di freddo.
    Febbraio 2019: +1,5° (qui +1,6°): combacia perfettamente.
    Marzo 2019: +1,4° (qui +1,9°): ben più caldo.
    Aprile 2019: +0,6° (qui +0,9°): ben più caldo.
    Maggio 2019: -2,3° (qui -1,5°): sottomedia ma non così tanto.
    Giugno 2019: +2,7° (qui +3,2°): non c'è confronto.

    Solo guardando il primo semestre, l'anomalia "Nord Ovest" è come al solito imbarazzante rispetto al quadro italico.
    Anomalia media italica: +0,5°.
    Anomalia del Nord-Ovest: +1,0°.
    Mezzo grado di anomalia positiva in più in un solo semestre.
    Non so più che cosa dire, stiamo diventando lo zimbello d'Europa.
    Lou soulei nais per tuchi

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •