Pagina 1 di 35 12311 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 341
  1. #1
    Vento teso
    Data Registrazione
    22/05/18
    Località
    Carbonate (CO) 267 m s.l.m.
    Età
    23
    Messaggi
    1,906
    Menzionato
    372 Post(s)

    Predefinito Gennaio 2020: anomalie termiche e pluviometriche

    Primo mese del 2020 che parte con condizioni di mitezza (nulla di esasperato comunque); nel mezzo, una discesa ora vista con target balcanico, ma un po' di freddo potrebbe lambire l'est della penisola italiana. Prima decade di gennaio 2020 comunque dal sopramedia termico ipotecato. Vedremo cosa combinerà il mese nel prosieguo.

    Gennaio negli anni '70 stava a +0,03 °C di media sulla 1981-2010 su scala nazionale; negli anni '80 era a -0,34 °C (0,37 °C in meno rispetto al decennio precedente); brusco aumento negli anni '90 dove si arriva a +0,31 °C (ben 0,68 °C in più rispetto al decennio precedente); anni '00 con nuovo calo e assestamento in media 1981-2010 (+0,02 °C, 0,29 °C in meno rispetto al decennio precedente). Il decennio in corso, nonostante contenga il freddissimo gennaio 2017 e il comunque freddo gennaio 2019, risulta il più mite della storia meteo italiana, con +0,48 °C finora sulla 1981-2010 (+0,46 °C in più rispetto allo scorso decennio), anche se la differenza dal secondo posto (dei Novanta, in questo caso) è più ridotta che in altre mensilità.

    Ecco come sono andati termicamente in Italia i mesi di gennaio del decennio in corso:
    2011: -0,1 °C dalla 1981-2010.
    2012: -0,1 °C. Identico all'anno prima (intendo come anomalia), alcune inversioni degne di nota (al Nord, ma non solo) nelle prime due decadi, raffreddamento gli ultimi giorni del mese (specialmente dal 28 al Nord) come prodromo del Buran epocale che investì l'Europa a febbraio.
    2013: +0,4 °C. Foehn al Nord con picchi eccezionali al Nordovest (soprattutto il 5), più regolare e atmosfericamente variabile il prosieguo del mese, una nevicata modesta il 19 sempre al Settentrione, mese non molto freddo in nessun luogo d'Italia.
    2014: +2,2 °C, quarto più caldo dal 1900 dopo 1936, 2018 e 2007. Atlantico basso martellante che aveva iniziato a girare a mille nel dicembre 2013, sopramedia generalizzato e piovosità nettamente sopra la norma praticamente ovunque.
    2015: +1,0 °C. Mese più mite al Nord, tuttavia non è stato freddo da nessuna parte. Gradiente sia latitudinale che longitudinale. L'anticiclone quel mese fu occidentalizzato e questo pattern restò coriaceo fino all'estate di quell'anno.
    2016: +1,2 °C. Ricordo che i modelli a un certo punto sembravano positivi, ma col passare dei run tutto fu ridimensionato e diventò l'ennesimo gennaio alquanto mediocre (non estremamente caldo da nessuna parte, ma nemmeno freddo).
    2017: -1,8 °C, il più freddo del secolo in corso, battè il 2006. Prima decade davvero glaciale soprattutto al Centro-Sud (nei Balcani l'ondata fu addirittura epocale), estensione del freddo più francamente anche al Nord con l'avanzare del mese (anche se con meno parossismi che all'inizio), il calmierarsi del sottomedia a fine mese preannunciò un febbraio mitissimo.
    2018: +2,3 °C, secondo più caldo dal 1900, dopo il 1936 ed ex aequo con il 2007. Affondi perturbati in prima decade con temperature estremamente miti, tutto il mese resta ben sopramedia, la terza decade fu più anticiclonica rispetto alla prime due.
    2019: -1,1 °C. Secondo più freddo del decennio in corso, al Nord fu un altro mondo rispetto al Centro-Sud: se al Settentrione il mese chiuse in norma 1981-2010 o perfino un filo sopra, nell'Italia peninsulare si chiuse ovunque con un bello scarto negativo dalla trentennale.
    Ultima modifica di Perlecano; 03/01/2020 alle 01:44
    Siete in ogni mio respiro, in ogni pulsazione del ventricolo, nell'inchiostro di questa biro.

  2. #2
    Vento teso
    Data Registrazione
    22/05/18
    Località
    Carbonate (CO) 267 m s.l.m.
    Età
    23
    Messaggi
    1,906
    Menzionato
    372 Post(s)

    Predefinito Re: Gennaio 2020: anomalie termiche e pluviometriche

    I mesi di gennaio più caldi in Italia dal 1900 con il relativo scarto sulla 1981-2010:
    1) 1936 (+2,5 °C).
    2) 2007 e 2018 (+2,3 °C).
    4) 2014 (+2,2 °C).
    5) 1988 (+2,1 °C).
    6) 1948 e 1955 (+1,8 °C).
    8) 1921 e 2001 (+1,5 °C).
    10) 1994 e 2008 (+1,4 °C).
    12) 1996 (+1,3 °C).
    13) 1974, 1997 e 2016 (+1,2 °C).

    I mesi di gennaio più freddi (sempre dal 1900):
    1) 1942 (-4,4 °C).
    2) 1945 (-3,9 °C).
    3) 1905 e 1929 (-3,5 °C).
    5) 1947 (-3,4 °C).
    6) 1940 (-3,3 °C).
    7) 1935 (-3,2 °C).
    8) 1914 e 1963 (-2,9 °C).
    10) 1985 (-2,8 °C).
    11) 1907 e 1954 (-2,6 °C).
    13) 1981 (-2,3 °C).
    Siete in ogni mio respiro, in ogni pulsazione del ventricolo, nell'inchiostro di questa biro.

  3. #3
    Burrasca forte L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    25
    Messaggi
    8,317
    Menzionato
    363 Post(s)

    Predefinito Re: Gennaio 2020: anomalie termiche e pluviometriche

    Ecco la classifica per Gennaio, relativa a Brindisi, dal 1951.

    I mesi più caldi rispetto alla 81/10:

    1) 2001 (+2,4°)
    2) 1955 (+2,2°)
    3) 2014 (+1,8°)
    4) 1988, 2016 (+1,6°)
    5) 1971 (+1,4°)
    6) 1972 (+1,3°)
    7) 2007 (+1,2°)
    8) 2018 (+1°)
    9) 1962, 1970 (+0,9°)
    10) 1956, 1973, 1994, 1997 (+0,8°)


    I mesi più freddi rispetto alla 81/10:

    1) 2017 (-2,6°)
    2) 1981 (-2,2°)
    3) 1954 (-2,1°)
    4) 1963, 1967, 2019 (-1,9°)
    5) 1968 (-1,8°)
    6) 1953, 1985 (-1,7°)
    7) 1959 (-1,5°)
    8) 1966, 1979, 2006 (-1,3°)
    9) 1964, 1976 (-1,2°)
    10) 2000 (-1,1°)

  4. #4
    Vento teso
    Data Registrazione
    22/05/18
    Località
    Carbonate (CO) 267 m s.l.m.
    Età
    23
    Messaggi
    1,906
    Menzionato
    372 Post(s)

    Predefinito Re: Gennaio 2020: anomalie termiche e pluviometriche

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Ecco la classifica per Gennaio, relativa a Brindisi, dal 1951.

    I mesi più caldi rispetto alla 81/10:

    1) 2001 (+2,4°)
    2) 1955 (+2,2°)
    3) 2014 (+1,8°)
    4) 1988, 2016 (+1,6°)
    5) 1971 (+1,4°)
    6) 1972 (+1,3°)
    7) 2007 (+1,2°)
    8) 2018 (+1°)
    9) 1962, 1970 (+0,9°)
    10) 1956, 1973, 1994, 1997 (+0,8°)


    I mesi più freddi rispetto alla 81/10:

    1) 2017 (-2,6°)
    2) 1981 (-2,2°)
    3) 1954 (-2,1°)
    4) 1963, 1967, 2019 (-1,9°)
    5) 1968 (-1,8°)
    6) 1953, 1985 (-1,7°)
    7) 1959 (-1,5°)
    8) 1966, 1979, 2006 (-1,3°)
    9) 1964, 1976 (-1,2°)
    10) 2000 (-1,1°)
    'mazza se stanno in basso gennaio 2007 e, soprattutto, gennaio 2018...
    Siete in ogni mio respiro, in ogni pulsazione del ventricolo, nell'inchiostro di questa biro.

  5. #5
    Burrasca forte L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    25
    Messaggi
    8,317
    Menzionato
    363 Post(s)

    Predefinito Re: Gennaio 2020: anomalie termiche e pluviometriche

    Citazione Originariamente Scritto da Perlecano Visualizza Messaggio
    Primo mese del 2020 che parte con condizioni di mitezza (nulla di esasperato comunque); nel mezzo, una discesa ora vista con target balcanico, ma un po' di freddo potrebbe lambire l'est della penisola italiana. Prima decade di gennaio 2020 comunque dal sopramedia termico ipotecato. Vedremo cosa combinerà il mese nel prosieguo.

    Gennaio negli anni '70 stava a +0,03 °C di media sulla 1981-2010 su scala nazionale; negli anni '80 era a -0,34 °C (0,37 °C in meno rispetto al decennio precedente); brusco aumento negli anni '90 dove si arriva a +0,31 °C (ben 0,68 °C in più rispetto al decennio precedente); anni '00 con nuovo calo e assestamento in media 1981-2010 (+0,02 °C, 0,29 °C in meno rispetto al decennio precedente). Il decennio in corso, nonostante contenga il freddissimo gennaio 2017 e il comunque freddo gennaio 2019, risulta il più mite della storia meteo italiana, con +0,48 °C finora sulla 1981-2010 (+0,46 °C in più rispetto allo scorso decennio), anche se la differenza dal secondo posto (dei Novanta, in questo caso) è più ridotta che in altre mensilità.

    Ecco come sono andati termicamente in Italia i mesi di gennaio del decennio in corso:
    2011: -0,1 °C dalla 1981-2010.
    2012: -0,1 °C. Identico all'anno prima (intendo come anomalia), alcune inversioni degne di nota (al Nord, ma non solo) nelle prime due decadi, raffreddamento gli ultimi giorni del mese (specialmente dal 28 al Nord) come prodromo del Buran epocale che investì l'Europa a febbraio.
    2013: +0,4 °C. Foehn al Nord con picchi eccezionali al Nordovest (soprattutto il 5), più regolare e atmosfericamente variabile il prosieguo del mese, una nevicata modesta il 19 sempre al Settentrione, mese non molto freddo in nessun luogo d'Italia.
    2014: +2,2 °C, quarto più caldo dal 1900 dopo 1936, 2018 e 2007. Atlantico basso martellante che aveva iniziato a girare a mille nel dicembre 2013, sopramedia generalizzato e piovosità nettamente sopra la norma praticamente ovunque.
    2015: +1,0 °C. Mese più mite al Nord, tuttavia non è stato freddo da nessuna parte. Gradiente sia latitudinale che longitudinale. L'anticiclone quel mese fu occidentalizzato e questo pattern restò coriaceo fino all'estate di quell'anno.
    2016: +1,2 °C. Ricordo che i modelli a un certo punto sembravano positivi, ma col passare dei run tutto fu ridimensionato e diventò l'ennesimo gennaio alquanto mediocre (non estremamente caldo da nessuna parte, ma nemmeno freddo).
    2017: -1,8 °C, il più freddo del secolo in corso, battè il 2006. Prima decade davvero glaciale soprattutto al Centro-Sud (nei Balcani l'ondata fu addirittura epocale), estensione del freddo più francamente anche al Nord con l'avanzare del mese (anche se con meno parossismi che all'inizio), il calmierarsi del sottomedia a fine mese preannunciò un febbraio mitissimo.
    2018: +2,3 °C, secondo più caldo dal 1900, dopo il 1936 ed ex aequo con il 2007. Affondi perturbati in prima decade con temperature estremamente miti, tutto il mese resta ben sopramedia, la terza decade fu più anticiclonica rispetto alla prime due.
    2019: -1,1 °C. Secondo più freddo del decennio in corso, al Nord fu un altro mondo rispetto al Centro-Sud: se al Settentrione il mese chiuse in norma 1981-2010 o perfino un filo sopra, nell'Italia peninsulare si chiuse ovunque con un bello scarto negativo dalla trentennale.
    All'epocale per il 2017 nei Balcani, aggiungici anche per la Puglia .

    Se anche dovesse essere l'ultimo mese così freddo dei prossimi 100 anni, grato a Dio di averlo vissuto. Complessivamente risulta qui dietro solo al Febbraio 1965 di un decimo, e poco dietro (di soli +0,05°!) al Febbraio 1956!
    Il terzo mese più gelido dal 1951.

    Dai dati di Brindisi Casale nell'archivio di Berkeley risulterebbe un mese chiuso a 6,7° di media mensile, credo Gennaio o Febbraio 1947. In questo senso sarebbe quarto. Ma su quel dato ho più di qualche dubbio, in quanto non ho mai visualizzato i singoli dati che non sono disponibili, per cui non posso esprimermi.

  6. #6
    Burrasca forte L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    25
    Messaggi
    8,317
    Menzionato
    363 Post(s)

    Predefinito Re: Gennaio 2020: anomalie termiche e pluviometriche

    Citazione Originariamente Scritto da Perlecano Visualizza Messaggio
    Primo mese del 2020 che parte con condizioni di mitezza (nulla di esasperato comunque); nel mezzo, una discesa ora vista con target balcanico, ma un po' di freddo potrebbe lambire l'est della penisola italiana. Prima decade di gennaio 2020 comunque dal sopramedia termico ipotecato. Vedremo cosa combinerà il mese nel prosieguo.

    Gennaio negli anni '70 stava a +0,03 °C di media sulla 1981-2010 su scala nazionale; negli anni '80 era a -0,34 °C (0,37 °C in meno rispetto al decennio precedente); brusco aumento negli anni '90 dove si arriva a +0,31 °C (ben 0,68 °C in più rispetto al decennio precedente); anni '00 con nuovo calo e assestamento in media 1981-2010 (+0,02 °C, 0,29 °C in meno rispetto al decennio precedente). Il decennio in corso, nonostante contenga il freddissimo gennaio 2017 e il comunque freddo gennaio 2019, risulta il più mite della storia meteo italiana, con +0,48 °C finora sulla 1981-2010 (+0,46 °C in più rispetto allo scorso decennio), anche se la differenza dal secondo posto (dei Novanta, in questo caso) è più ridotta che in altre mensilità.

    Ecco come sono andati termicamente in Italia i mesi di gennaio del decennio in corso:
    2011: -0,1 °C dalla 1981-2010.
    2012: -0,1 °C. Identico all'anno prima (intendo come anomalia), alcune inversioni degne di nota (al Nord, ma non solo) nelle prime due decadi, raffreddamento gli ultimi giorni del mese (specialmente dal 28 al Nord) come prodromo del Buran epocale che investì l'Europa a febbraio.
    2013: +0,4 °C. Foehn al Nord con picchi eccezionali al Nordovest (soprattutto il 5), più regolare e atmosfericamente variabile il prosieguo del mese, una nevicata modesta il 19 sempre al Settentrione, mese non molto freddo in nessun luogo d'Italia.
    2014: +2,2 °C, quarto più caldo dal 1900 dopo 1936, 2018 e 2007. Atlantico basso martellante che aveva iniziato a girare a mille nel dicembre 2013, sopramedia generalizzato e piovosità nettamente sopra la norma praticamente ovunque.
    2015: +1,0 °C. Mese più mite al Nord, tuttavia non è stato freddo da nessuna parte. Gradiente sia latitudinale che longitudinale. L'anticiclone quel mese fu occidentalizzato e questo pattern restò coriaceo fino all'estate di quell'anno.
    2016: +1,2 °C. Ricordo che i modelli a un certo punto sembravano positivi, ma col passare dei run tutto fu ridimensionato e diventò l'ennesimo gennaio alquanto mediocre (non estremamente caldo da nessuna parte, ma nemmeno freddo).
    2017: -1,8 °C, il più freddo del secolo in corso, battè il 2006. Prima decade davvero glaciale soprattutto al Centro-Sud (nei Balcani l'ondata fu addirittura epocale), estensione del freddo più francamente anche al Nord con l'avanzare del mese (anche se con meno parossismi che all'inizio), il calmierarsi del sottomedia a fine mese preannunciò un febbraio mitissimo.
    2018: +2,3 °C, secondo più caldo dal 1900, dopo il 1936 ed ex aequo con il 2007. Affondi perturbati in prima decade con temperature estremamente miti, tutto il mese resta ben sopramedia, la terza decade fu più anticiclonica rispetto alla prime due.
    2019: -1,1 °C. Secondo più freddo del decennio in corso, al Nord fu un altro mondo rispetto al Centro-Sud: se al Settentrione il mese chiuse in norma 1981-2010 o perfino un filo sopra, nell'Italia peninsulare si chiuse ovunque con un bello scarto negativo dalla trentennale.
    All'epocale per il 2017 nei Balcani, aggiungici anche per la Puglia .

    Se anche dovesse essere l'ultimo mese così freddo dei prossimi 100 anni, sarò grato per sempre a Dio di averlo vissuto! Complessivamente risulta qui dietro solo al Febbraio 1965 di un decimo, e poco dietro (di soli +0,05°!) al Febbraio 1956!
    Il terzo mese più gelido dal 1951.

    Dai dati di Brindisi Casale nell'archivio di Berkeley risulterebbe un mese chiuso a 6,7° di media mensile, credo Gennaio o Febbraio 1947. In questo senso sarebbe quarto. Ma su quel dato ho più di qualche dubbio, in quanto non ho mai visualizzato i singoli dati che non sono disponibili, per cui non posso esprimermi.

  7. #7
    Burrasca forte L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    25
    Messaggi
    8,317
    Menzionato
    363 Post(s)

    Predefinito Re: Gennaio 2020: anomalie termiche e pluviometriche

    Citazione Originariamente Scritto da Perlecano Visualizza Messaggio
    'mazza se stanno in basso gennaio 2007 e, soprattutto, gennaio 2018...
    Sisi. La presenza del mare gioca questi scherzi, perchè in regimi anticiclonici i sopra media esasperati nelle max sono parzialmente compensati da sotto media di 2° nelle minime. Quindi complessivamente hai anomalie giornaliere sui +2°. Questo perchè in un mese medio dominano correnti settentrionali molto frequentemente, che provenendo dal mare alzano molto le medie minime. Infatti nel 2007 la media minime non fu molto anomala. Praticamente l'anomalia fu tutta a carico delle sole max.
    Se a ciò aggiungi qualche episodio freddo qua e là che ha abbassato quanto bastava la media max, questo spiega tutto.

    Nel 2018 ci fu la terza decade che fu sotto media. E per la prima metà vale la stessa considerazione che ti ho fatto per il 2007

  8. #8
    Burrasca
    Data Registrazione
    29/01/14
    Località
    Alpignano(TO)
    Età
    25
    Messaggi
    6,860
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Gennaio 2020: anomalie termiche e pluviometriche

    primi 2 giorni del mese a +4 dalla media decadale
    -0,5/10 contro una media -3,5/6

  9. #9
    Bava di vento L'avatar di Gianfranco
    Data Registrazione
    19/11/18
    Località
    Barletta
    Età
    20
    Messaggi
    242
    Menzionato
    3 Post(s)

    Predefinito Re: Gennaio 2020: anomalie termiche e pluviometriche

    Primi 3 giorni (quasi) di gennaio a Barletta
    -Media massime 13.9 (12.3 media) +1.6
    -Media minime 4.5 (5.5 media) -1.0
    -Temperatura media 9.2 (media di 8.9) +0.3 complessivo

    Inviato dal mio MAR-LX1A utilizzando Tapatalk

  10. #10
    Burrasca forte L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    25
    Messaggi
    8,317
    Menzionato
    363 Post(s)

    Predefinito Re: Gennaio 2020: anomalie termiche e pluviometriche

    Un esempio di come il vento dal mare, che in estate ci salva dalla calura eccessiva, è però una maledizione per noi costieri in inverno, eseguendo il compito opposto.

    Oggi minima a Brindisi di 8,3°. Sopra la media di Gennaio di 2°.
    Il vento tutta la notte è spirato da NW. E ci è andata pure bene, perchè per qualche ora è ruotato a WNW, direzione impura ma sufficiente a far affluire verso la città un po' dell'aria più fresca delle zone interne "miscelata" con quella mite che stanzia sulle superficie marine.

    Lecce Galatina: minima 0,8° , ben -3,5° dalla media.
    Qui invece il vento dal mare non è proprio soffiato. Premesso che a Lecce c'è una discreta area di inversione termica (valle della Cupa), se solo avesse spirato anche nel brindisino da SW (direzione pura delle brezze di terra) si sarebbe potuto scendere ad almeno 3°, e qui a 4°.

    Ecco come Brindisi ha avuto un inizio di Gennaio mite, e Lecce addirittura sotto media

    In appena 40 km ben 7,5° di escursione. E non è nemmeno il peggiore esempio. Anni fa (fine Dicembre 2008) ricordo una escursione di 11-12°, con una minima a Brindisi di 8° e Lecce a -2°.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •