Pagina 4 di 19 PrimaPrima ... 2345614 ... UltimaUltima
Risultati da 31 a 40 di 183
  1. #31
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    34
    Messaggi
    8,576
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Tendenza stagionale Primavera 2020

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Questo è quanto sostiene quella ricerca. In moltissime altre sono identificati dei cicli. Ciò nemmeno dimostra esistano, ma tant'è, è da dire.
    sì ma al netto di questo sinceramente mi aspettavo delle conclusioni un tantinello meno scontate
    senza contare che le ultime tre righe le trovo abbastanza imbarazzanti, specie visto come intitolano lo studio

  2. #32
    Vento forte
    Data Registrazione
    01/03/15
    Località
    Napoli
    Messaggi
    3,680
    Menzionato
    154 Post(s)

    Predefinito Re: Tendenza stagionale Primavera 2020

    .. ' Le fluttuazioni multidecadali delle piogge estive dell'India, delle piogge estive del Sahel e dell'attività dell'uragano atlantico osservate nel 20 ° secolo non sembrano essere correlate a El Nino e all'oscillazione meridionale (ENSO) [ Folland et al. , 1986 ; Ward , 1998 ; Goldenberg et al. , 2001 ], sebbene ENSO possa modulare la variabilità annuale di questi fenomeni [ Ward , 1998 ]. Il cambiamento climatico antropogenico può contribuire alla riduzione a lungo termine delle precipitazioni del Sahel nel XX secolo [ Held et al. , 2005], ma il meccanismo delle variazioni multidecadali non è ancora chiaro. Analisi empiriche hanno proposto un legame tra un contrasto interemisferico nelle anomalie della temperatura della superficie del mare Atlantico (SST) e le variazioni delle precipitazioni estive saheliane [ Folland et al. , 1986 ; Ward , 1998 ]. La variazione multidecadale dell'attività degli uragani nell'Atlantico è stata anche statisticamente collegata a tali anomalie dell'SST nell'Atlantico [ Gray , 1990 ; Landsea et al. , 1999 ; Goldenberg et al. , 2001]. La variabilità a bassa frequenza nell'Oceano Atlantico è spesso chiamata "Oscillazione multidecadale dell'Atlantico" (AMO), con un indice definito come la media dell'area sull'intero Nord Atlantico di anomalie SST medie annuali filtrate a basso passaggio (LF), dopo aver rimosso qualsiasi trend lineare [ Enfield et al. , 2001 ; Sutton and Hodson , 2005 ; Knight et al. , 2005 ]. L'AMO è suggerito per essere indotto dalle variazioni della circolazione della termoalina atlantica (THC) e dalle fluttuazioni di trasporto del calore oceanico associate [ Folland et al. , 1986 ; Gray et al. , 1997 ; Delworth e Mann , 2000 ; Knight et al. , 2005].
    [3] I collegamenti tra l'AMO, le piogge estive del Sahel e l'attività dell'uragano atlantico nel corso del XX secolo si basavano principalmente su analisi statistiche dei dati osservati. Un precedente studio di modellistica [ Vitart e Anderson , 2001] ha simulato l'impatto della variabilità interdecadale nell'Atlantico SST sull'attività dell'uragano atlantico. In questo studio, con entrambe le analisi statistiche dei dati osservati e esperimenti attentamente progettati utilizzando il modello climatico GFDL CM2.1, mostriamo che l'AMO svolge un ruolo importante nel forzare le variazioni multidecadali del 20 ° secolo dell'India e delle piogge estive del Sahel e dei tropicali Circolazione atmosferica atlantica di cruciale importanza per l'attività dell'uragano atlantico. Ciò porta a una relazione in fase tra le piogge estive a bassa frequenza dell'India e del Sahel e l'attività degli uragani nell'Atlantico. Questa variabilità osservata rientra nell'intervallo individuato dai singoli membri dell'ensemble del nostro esperimento di modellazione. In questo studio, adottiamo la definizione comunemente accettata sopra per l'indice AMO osservato e modellato,Enfield et al. , 2001 ; Sutton and Hodson , 2005 ; Knight et al. , 2005]. Il semplice detrimento applicato in questa definizione di AMO potrebbe non separare in modo chiaro il segnale AMO indotto dal THC dal cambiamento climatico antropogenico e l'esatto meccanismo che causa tale AMO definito è ancora incerto. Tuttavia, la nostra attenzione qui non è sulla definizione o sul meccanismo dell'AMO, ma sulla risposta del sistema climatico globale alle fluttuazioni multidecadali dell'Atlantico. Qui i nostri risultati di modellazione provengono da un solo modello climatico e devono essere ulteriormente testati con altri modelli. La detrazione lineare idealizzata applicata alla variabilità osservata discussa in questo documento non rimuove necessariamente tutta l'influenza del cambiamento delle forzature esterne. Le fluttuazioni delle forzanti esterne su una tendenza lineare possono aver contribuito ad alcune delle variabilità multidecadali osservate.

    2. Analisi dell'impatto di AMO con dati osservati


    [4] Per prima cosa confrontiamo l'indice AMO osservato con le serie temporali delle anomalie delle piogge estive osservate (da giugno a settembre - JJAS) sul Sahel e sull'India centro-occidentale ( Figure 1a – 1c ). Tutti i dati sono stati filtrati passa-basso (LF) con una risposta in frequenza che scende al 50% al periodo di cutoff di 10 anni per concentrarsi sulla scala temporale multidecadale, sebbene i dati non filtrati siano mostrati anche nella Figura 1 . Tutti i dati osservati sono stati detratti prima delle analisi. Vi è pochissima tendenza lineare nelle piogge estive dell'India centro-occidentale. Le precipitazioni estive del Sahel hanno una tendenza decrescente che potrebbe essere correlata alla forzatura antropica [ Held et al. , 2005] ed è dello stesso ordine della variabilità multidecadale. L'India centro-occidentale è la principale regione dei monsoni, dove le precipitazioni estive sono fortemente correlate con All India Summer Rainfall [ Parthasarathy et al. , 1994 ]. Nell'India centro-occidentale, il periodo umido multidecadale è in fase con la fase AMO positiva (caldo Nord Atlantico) durante la metà del 20 ° secolo (∼ 1926-1965); i periodi di siccità sono in fase con la fase AMO negativa sia all'inizio (∼1901–1926) che alla fine del 20 ° secolo (651965–1995) ( Figure 1a e 1c ). La serie temporale delle precipitazioni estive dell'India centro-occidentale è in fase con le precipitazioni estive del Sahel ( Figure 1b e 1c ). Il modello spaziale principale (EOF 1, dall'analisi della funzione ortogonale empirica, Figura 2a) delle anomalie delle piogge estive osservate nel XX secolo nella regione, che coprono sia l'Africa sia l'India, suggeriscono anche una relazione in fase tra l'India e le precipitazioni estive del Sahel. Le serie temporali di questo modello spaziale sono in fase con l'indice AMO osservato ( Figure 1a e 1d ).
    Figura 1Apri nel visualizzatore di figure PowerPoint

    Variabilità osservata e modellata. L'ombreggiatura del colore è i dati filtrati passa-basso (LF) e la linea tratteggiata verde è il dato non filtrato. (a) Indice AMO osservato (K), derivato da HADISST [ Rayner et al. , 2003 ]. (b) anomalie delle precipitazioni osservate nel JJAS Sahel (mediamente superiore a 20 ° O-40 ° E, 10-20 ° N). Tutti i dati sulle precipitazioni osservati provengono dall'Unità di ricerca sul clima (CRU), University of East Anglia, Regno Unito (CRU-TS_2.1). (c) anomalie delle precipitazioni osservate nell'India centro-occidentale JJAS (media su 65–80 ° E, 15–25 ° N). (d) Serie temporali osservate del modello dominante (PC 1) delle anomalie delle piogge LF JJAS. (e) Numero anomalo di uragano maggiore dell'Atlantico osservato (asse a sinistra, dati originali dal database degli uragani del bacino atlantico-HURDAT, senza correzioni di bias dal 1944 al 1969 come recentemente raccomandato daLandsea [2005] , non vi sono dati affidabili prima del 1944) e osservò l'Indice di urto dell'uragano (1958–2000), derivato da ERA ‐ 40 [ Simmons and Gibson , 2000] (m / s, linea continua marrone per dati LF, linea tratteggiata marrone per dati non filtrati, asse a destra). (f) Indice AMO modellato (K). (g) Anomalie delle precipitazioni del JJAS Sahel modellate. (h) Anomalie delle piogge modellate nell'India centro-occidentale JJAS. (i) PC ​​modellato 1 delle anomalie delle piogge LF JJAS. (j) Indexed Hurricane Shear Index (m / s). Tutti i dati LF in questo documento sono stati filtrati usando la funzione Matlab 'filtfilt', con un filtro passa-basso basato sulla finestra di Hamming e una risposta in frequenza che scende al 50% al periodo di taglio di 10 anni. Tutte le serie temporali delle precipitazioni sono normalizzate dalla SD dei corrispondenti dati LF, ovvero 9,1 e 5,5 mm / mese per le figure 1b e 1g; 12,5 e 7,1 mm / mese per le figure 1c e 1h, 371 e 261 mm / mese per le figure 1d e 1i. Le linee azzurre indicano l'interruttore di fase di AMO.
    figura 2Apri nel visualizzatore di figure PowerPoint

    Schema spaziale principale delle anomalie delle piogge JJAS a bassa frequenza del XX secolo su Africa e India. (a) EOF 1 (31%) delle anomalie delle piogge LF JJAS osservate. (b) EOF 1 (67%) di anomalie della pioggia modellate LF JJAS. (c) Regressione delle anomalie delle piogge LF JJAS osservate sull'indice AMO osservato. (d) Regressione delle anomalie delle piogge LF JJAS modellate sull'indice AMO modellato. Le precipitazioni osservate provengono da CRU ‐ TS_2.1. Le regressioni originali corrispondono a 1 DS dell'indice AMO, le figure 2a e 2c sono normalizzate dalla DS delle serie temporali osservate del modello dominante, cioè PC1 (371 mm / mese), e le figure 2b e 2d sono normalizzate dalla DS di modellato PC1 (261 mm / mese). L'EOF1 modellato spiega una percentuale molto più elevata di varianza dovuta alla media dell'insieme.
    [5] L'indice AMO osservato è anche in fase con le serie temporali osservate del numero dei principali uragani atlantici e l'indice di urto dell'uragano ( figure 1a e 1e ), coerenti con studi precedenti [ Gray , 1990 ; Landsea et al. , 1999 ; Goldenberg et al. , 2001 ]. Qui l'Indice di taglio dell'uragano è definito come il taglio verticale anomalo 200 ‐ hPa– 850 ‐ hPa del vento zonale moltiplicato per −1, calcolato durante la stagione dell'uragano, da agosto a ottobre-ASO e mediato sulla parte sud-centrale del principale regione di sviluppo (MDR) di Atlantic Hurricanes (70 ° O-20 ° O, 10 ° N-14 ° N).

    3. Modellare l'impatto di AMO


    [6] Studiamo il legame causale tra l'AMO e la variabilità multidecadale sopra descritta simulando l'impatto dell'AMO sul clima con un modello accoppiato ibrido. Utilizziamo l'ultimo modello di circolazione generale dell'atmosfera oceanica completamente accoppiato GFDL (CM2.1) con livelli di forzatura radiativa dell'anno 1860, che produce un clima moderno ragionevole come osservato [ Delworth et al. , 2006]. Creiamo un modello accoppiato ibrido sostituendo la componente oceanica completamente dinamica di CM2.1 sopra il bacino atlantico (34 ° S ‐ 66 ° N) con un oceano di lastre immobili, che interagisce con l'atmosfera solo attraverso scambi di flussi di calore superficiale. I bacini oceanici al di fuori dell'Atlantico rimangono completamente dinamici. Esiste una zona cuscinetto su ciascuno dei confini nord e sud del bacino atlantico, specificata con la climatologia dall'integrazione del controllo CM2.1, per collegare la lastra atlantica con altri bacini oceanici e impedire la generazione e la propagazione delle onde oceaniche Kelvin da l'Atlantico verso altri bacini oceanici. Progettiamo il modello accoppiato ibrido per valutare l'impatto della variabilità atlantica a bassa frequenza specificata attraverso il ponte atmosferico. Un flusso di calore climatologico (qflux) diagnosticato dall'integrazione del controllo CM2.1, che rappresenta l'effetto della convergenza del trasporto di calore orizzontale nell'oceano e lo scambio di calore tra la superficie e l'oceano profondo, è prescritto sulla lastra atlantica. L'esperimento di controllo del modello accoppiato ibrido produce un clima molto simile all'esperimento di controllo di CM2.1 e alle osservazioni moderne.
    [7] Negli esperimenti perturbati, oltre al qflux climatologico, prescriviamo un qflux anomalo sopra la lastra Atlantico nel modello accoppiato ibrido per rappresentare le fluttuazioni simili all'AMO. Osservazioni [ Haney , 1971 ] mostrano che il rapporto tra superficie di calore aria-mare Flusso anomalia e SST (∂ Q / ∂ SST ) sopra l'oceano è dell'ordine di 30 W / m 2 / K . A bassa frequenza (scale temporali multidecadali), l'anomalia qflux specificata nella lastra Atlantic dovrebbe essere bilanciata dall'anomalia del flusso di calore superficiale. Quindi deriviamo il modello qflux anomalo sull'Atlantico, δ Q ( W / m 2), moltiplicando una costante di 30 W / m 2 / K per l'osservato [ Rayner et al. , 2003 ] ha ridotto la differenza SST multidecadale dell'Atlantico, δ SST ( K ), tra la fase AMO positiva (1941–1960) e la fase AMO negativa (1971–1990). Aggiungiamo quindi un piccolo flusso di calore negativo uniformemente nell'Atlantico al modello qflux anomalo per assicurare che la media annuale δ Q abbia un integrale spaziale zero sull'Atlantico. Il modello di anomalia qflux, δ Q, fornisce un aumento implicito del trasporto di calore nell'Oceano Atlantico nord-orientale attraverso l'equatore, corrispondente ad un aumento del THC atlantico e un'anomalia SST di dipolo su scala del bacino (riscaldamento sull'Atlantico settentrionale e raffreddamento sull'Atlantico meridionale).
    [8] Abbiamo condotto un ensemble di 10 membri di esperimenti perturbati con il modello accoppiato ibrido. Ogni esperimento (con condizioni iniziali diverse dall'integrazione del controllo CM2.1) è forzato dalle stesse serie temporali del qflux anomalo, Q ( t ), nell'Atlantico che è modulato dall'indice AMO osservato, AMO ( t ), da Dal 1901 al 2000, ovvero Q ( t ) = δ Q × ( AMO ( t ) / δ AMO ). Qui δ AMO = 0,32 Kè la differenza tra il valore medio AMO osservata tra il periodo settentrionale caldo (1941-1960) e periodo freddo (1971-1990), corrispondente alla configurazione anomala qflux δ Q . Questa metodologia ci consente di forzare il modello ad avere fluttuazioni simili ad AMO sull'Atlantico. Tutti i risultati modellati mostrati sono mezzi ensemble a 10 membri degli esperimenti perturbati per riflettere l'impatto della variabilità atlantica imposta. L'approccio ensemble viene utilizzato per migliorare il rapporto segnale-rumore. L'anomalia modellata è definita come la differenza dalla media di 100 anni degli esperimenti perturbati (simile alla climatologia dell'esperimento di controllo). La media di 100 anni (1901–2000) dell'indice AMO osservato è zero, quindi non c'è tendenza lineare nei risultati modellati. Tutti i dati sono LF con un periodo di interruzione di 10 anni.

    4. Confronto dei risultati della modellazione con le analisi delle osservazioni


    [9] L'indice AMO simulato dell'ensemble medio ha una fase e un'ampiezza simili a quelle dell'indice AMO osservato ( figure 1a e 1f ), convalidando in tal modo il progetto sperimentale. Le serie temporali simulate del Sahel e delle precipitazioni estive dell'India centro-occidentale ( Figure 1g e 1h ) sono in fase con l'indice AMO simulato e mostrano variazioni multidecadali simili a quelle osservate ( Figure 1b e 1c ). Il modello dominante simulato (EOF 1) delle precipitazioni estive del 20 ° secolo su Africa e India è molto simile a quello osservato ( figure 2a e 2b ) e le serie temporali associate mostrano variazioni multidecadali simili a quelle osservate ( figure 1d e 1i ). Tutte le serie temporali delle precipitazioni nella Figura 1sono normalizzati dalla loro deviazione standard (DS) e il rapporto tra SD osservata e modellata è 1,65 (9,1 contro 5,5 mm / mese) per le precipitazioni del Sahel, 1,76 (12,5 contro 7,1 mm / mese) per le precipitazioni dell'India centro-occidentale, e 1,42 (371 contro 261 mm / mese) per le serie temporali del modello dominante (PC 1). La media dell'ensemble di solito riduce l'ampiezza modellata della variabilità. Le serie temporali osservate del modello dominante (PC 1) delle anomalie delle piogge LF JJAS sulla regione che coprono sia l'Africa che l'India rientrano nell'intervallo compreso tra i singoli membri dell'insieme dell'esperimento di modellazione (cioè dal minimo al massimo di 10 ensemble membri) e generalmente rimane entro ± 1 DS (calcolata da 10 membri di ensemble) della media di ensemble modellata ( Figura 3a). Il modello di regressione delle precipitazioni estive su Africa e India sull'indice AMO dal 1901 al 2000 ( figure 2c e 2d ) è molto simile al modello dominante (EOF 1) delle precipitazioni estive ( figure 2a e 2b ) sia per i risultati osservati che modellati , suggerendo che il modello principale delle piogge estive multidecadali su Africa e India nel 20 ° secolo può essere spiegato dalla regressione sull'indice AMO.
    Figura 3Apri nel visualizzatore di figure PowerPoint

    Variabilità LF osservata e modellata, insieme alla diffusione sui membri dell'insieme modellato. (a) Serie storiche del modello dominante (PC 1) delle anomalie delle piogge LF JJAS su Africa e India (mm / mese), come mostrato nelle Figure 1d e 1i ma senza normalizzazione. (b) LF Hurricane Shear Index (m / s), come mostrato nelle Figure 1e e 1j . I dati osservati sulla linea continua blu, la linea continua rossa è la media dell'insieme dei risultati della modellazione e le aree coperte da linee nere mostrano ± 1 DS (calcolata da 10 membri dell'insieme dell'esperimento della modellazione) sulla media dell'insieme.
    [10] L'indice simulato di taglio dell'uragano è anche in fase con l'indice AMO simulato nel corso del 20 ° secolo e presenta un'ampiezza e una fase simili a quelle osservate ( figure 1f e 1j ). L'indice di urto dell'uragano osservato rimane all'interno dell'intervallo individuato dai singoli membri dell'insieme dell'esperimento di modellazione e entro ± 1 DS (calcolato da 10 membri dell'insieme) della media dell'insieme modellato ( Figura 3b ). Sia le osservazioni che i risultati del modello ( Figura 4 ) mostrano riduzioni simili del taglio verticale durante la fase AMO positiva sopra il MDR tropicale del Nord Atlantico, favorendo lo sviluppo di Atlantic Hurricanes [ Gray , 1990 ; Goldenberg et al. , 2001]. Tale riduzione del taglio verticale, dell'SST più caldo associato e della pressione del livello del mare più bassa (SLP) sopra l'MDR, sono i principali fattori nella proiezione dell'attività dell'uragano atlantico sopra la norma nell'ultimo decennio dal 1995, quando l'AMO osservato ( Figura 1a ) passato a una fase positiva [ Goldenberg et al. , 2001 ].
    Figura 4Apri nel visualizzatore di figure PowerPoint

    Regressione di LF anomalo taglio verticale ASO del vento zonale sull'indice AMO (m / s, 1958–2000), corrispondente a 1 DS dell'indice AMO. (a) Utilizzo dei dati ERA ‐ 40 e HADISST. (b) Utilizzo dei risultati modellati. Le linee verdi indicano l'MDR tra 10 ° N e 20 ° N. L'indice di urto dell'uragano nelle figure 1e e 1j è mediato sulla scatola blu (70 ° W-20 ° O, 10 ° N-14 ° N, parte centro-sud dell'MDR), dove le correlazioni tra taglio verticale e maggiore gli uragani sono i più forti [ Goldenberg et al. , 2001 ].
    [11] Nel nostro modello la fase AMO positiva porta a uno spostamento verso nord della Zona di Convergenza Intertropicale (ITCZ) e una circolazione rovesciata atmosferica anomala con movimento in aumento a nord dell'equatore e movimento in discesa a sud dell'equatore sull'Atlantico tropicale. Quindi sopra il MDR tropicale del Nord Atlantico, gli alisei est orientali sono indeboliti e i venti zonali di livello superiore diventano più verso ovest (cioè meno da ovest), con conseguente riduzione del taglio verticale del vento zonale lì. Mediata sulla parte centro-meridionale dell'MDR, il cambiamento simulato dei venti zonali da 200mb è circa quattro volte più forte di quello degli alisei da 850mb. Lo spostamento verso nord dell'ITCZ atlantico è associato a anomali venti di superficie a sud-ovest sul Sahel e sull'India, una convergenza di umidità superficiale e quindi un aumento delle precipitazioni monsoniche estive sul Sahel e sull'India. La fase AMO positiva porta a una superficie più calda e a ridurre la SLP su Asia ed Eurasia e a ridurre la copertura nevosa sul Tibet, che potrebbe anche rafforzare il monsone estivo indiano.
    [12] Vi sono significative correlazioni elevate tra l'AMO e altre variabilità a bassa frequenza. Ad esempio ( Figura 5), nel corso del XX secolo, la correlazione tra l'AMO osservato e le precipitazioni estive dell'India centro-occidentale è 0,58, significativa al livello del 95% anche con solo 11 gradi di libertà effettivi (DOF); la correlazione tra l'OMO osservato e le precipitazioni estive del Sahel è 0,71, significativa al livello del 95% anche con solo 7 dof effettivi. Qui i dof effettivi sono derivati ​​dal tempo di decorrelazione per la correlazione tra variabili. D'altra parte, a bassa frequenza (LF con un periodo di interruzione di 10 anni), l'indice NINO3 osservato è svalutato (anomalie SST medie annue medie su 5 ° S ‐ 5 ° N e 150 ° O-90 ° O), media annua L'indice di oscillazione del Decadal del Pacifico e le anomalie SST medie annue detratte dell'Oceano Indiano mostrano correlazioni basse non significative (-0,17, -0,26 e -0. 27 rispettivamente) con l'anomalia delle precipitazioni estive dell'India centro-occidentale osservata nel corso del 20 ° secolo. I nostri risultati di modellizzazione mostrano significative correlazioni elevate tra l'AMO modellato e l'altra variabilità modellata a bassa frequenza e tra la variabilità modellata e osservata a bassa frequenza, dimostrando la relazione in fase tra le precipitazioni estive del Sahel e dell'India a bassa frequenza e l'attività dell'uragano atlantico osservata (Figura 5 )
    Figura 5Apri nel visualizzatore di figure PowerPoint

    Correlazioni tra anomalie LF mostrate nella Figura 1 . La correlazione è mostrata accanto al collegamento tra le variabili LF. Il numero tra parentesi indica il livello a cui la correlazione è significativa con il 2 a coda di Student t -test, con il DOF effettivo stimato dai tempi di decorrelazione. Tutte le correlazioni sono superiori a 1901–2000, tranne per il fatto che quelle correlazioni con il numero di uragano maggiore dell'Atlantico osservato sono superiori a 1944–2000.

    5. Conclusione e discussione


    [13] I nostri perturbati esperimenti per il 20 ° secolo usando il modello accoppiato ibrido sono esperimenti semi-idealizzati, che mettono direttamente in relazione le fluttuazioni simili a quelle dell'AMO con l'anomalia del trasporto di calore oceanico cross-equatoriale. Il nostro studio precedente [ Zhang e Delworth , 2005] ha scoperto che l'accoppiamento a un oceano di lastre con qflux anomalo dell'Atlantico specificato (cioè un'anomalia implicita del trasporto di calore nell'oceano indotta dalla variazione di THC) può riprodurre lo spostamento ITCZ ​​atlantico indotto dalla variazione di THC simile a quello di un modello completamente accoppiato. I nostri risultati di modellazione con il modello accoppiato ibrido suggeriscono che l'AMO ha un ruolo di primo piano nella variazione multidecadale del 20 ° secolo delle precipitazioni estive dell'India / Sahel e dell'attività dell'uragano atlantico, e fornisce un legame causale tra l'AMO e queste variazioni. I nostri risultati concordano anche con il precedente studio di modellistica [ Vitart e Anderson , 2001] che il raffreddamento sull'Atlantico settentrionale tropicale durante gli anni '70 porta ad un aumento del taglio del vento verticale lì e contribuisce alla riduzione delle tempeste tropicali dell'Atlantico, rispetto agli anni '50. Una recente ricostruzione paleo [ Gray et al. , 2004 ] mostra che l'AMO esiste da cinque secoli. Sebbene l'esatto meccanismo che causa l'AMO comunemente definita sia ancora incerto, i nostri risultati indicano che le fluttuazioni simili all'AMO, che sono direttamente associate all'anomalia del trasporto di calore nell'oceano, hanno l'impatto sul clima coerente con le analisi statistiche dei dati osservati.
    [14] La relazione in fase tra le piogge indiane e l'AMO è coerente con il nostro precedente lavoro [ Zhang e Delworth , 2005 ], dimostrando che il monsone indiano è significativamente ridotto quando il THC atlantico è sostanzialmente indebolito. I registri paleo indicano che i monsoni indiani indeboliti erano associati ai stadiali freddi della Groenlandia durante l'ultimo periodo glaciale [ Altabet et al. , 2002]. La nostra fase AMO positiva modellata contribuisce anche alla bassa SLP estiva sulla regione del Regno Unito (fornendo un collegamento tra le precipitazioni del Sahel e le estati del Regno Unito), nonché il riscaldamento estivo sul Nord America e l'Europa occidentale, bagnando l'America centrale durante il JJA e siccità nord-est del Brasile durante il DJF (non mostrato). I nostri risultati di modellizzazione suggeriscono che se l'attuale fase calda dell'AMO persiste nel prossimo decennio, rafforzerà le precipitazioni estive sull'India e sul Sahel e sull'attività dell'uragano atlantico. Tale scenario sarà complicato dall'influenza del cambiamento delle forzanti esterne che possono contribuire ad una parte della variabilità multidecadale, nonché alle tendenze a lungo termine di questi fenomeni. Tuttavia, i nostri risultati indicano che l'impatto dell'AMO è molto importante per la nostra comprensione del futuro cambiamento climatico. '..
    Ultima modifica di robertino; 08/01/2020 alle 01:55

  3. #33
    Vento teso
    Data Registrazione
    18/03/19
    Località
    Mele - Fado (GE)
    Messaggi
    1,938
    Menzionato
    7 Post(s)

    Predefinito Re: Tendenza stagionale Primavera 2020

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro1985 Visualizza Messaggio
    sì ma al netto di questo sinceramente mi aspettavo delle conclusioni un tantinello meno scontate
    senza contare che le ultime tre righe le trovo abbastanza imbarazzanti, specie visto come intitolano lo studio
    A me la conclusione, da un punto di vista epistemologico sembra assolutamente corretta: ci si attiene a quel che si è potuto osservare e si da l'interpretazione più plausibile di quanto si è osservato (leggasi: assenza di ciclicità)... mi da invece molto più fastidio la "dogmatizzazione" che ne viene fatta da alcuni utenti (premessa: io sono un convinto sostenitore dell'AGW) ma questo è un altro discorso e potrebbe portare a una deriva polemica...

  4. #34
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    34
    Messaggi
    8,576
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Tendenza stagionale Primavera 2020

    Citazione Originariamente Scritto da galinsog@ Visualizza Messaggio
    A me la conclusione, da un punto di vista epistemologico sembra assolutamente corretta: ci si attiene a quel che si è potuto osservare e si da l'interpretazione più plausibile di quanto si è osservato (leggasi: assenza di ciclicità)... mi da invece molto più fastidio la "dogmatizzazione" che ne viene fatta da alcuni utenti (premessa: io sono un convinto sostenitore dell'AGW) ma questo è un altro discorso e potrebbe portare a una deriva polemica...
    che ti devo dire gali
    a me invece è parso un pò giocare con le parole
    intitoli: assenza di oscillazioni multidecadali e interdecadali
    e poi scrivi che non ci sono prove circa l'assenza di variabilità intedecadale e multidecadale
    alla fine ciò che conta sono le interrelazioni atmosfera-oceani (e biosfera) e le incidenze che queste interrelazioni vanno a generare di volta in volta sul quadro circolatorio
    che si chiami variabilità, oscillazione o pinocchio poco importa

  5. #35
    Vento teso
    Data Registrazione
    18/03/19
    Località
    Mele - Fado (GE)
    Messaggi
    1,938
    Menzionato
    7 Post(s)

    Predefinito Re: Tendenza stagionale Primavera 2020

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro1985 Visualizza Messaggio
    che ti devo dire gali
    a me invece è parso un pò giocare con le parole
    intitoli: assenza di oscillazioni multidecadali e interdecadali
    e poi scrivi che non ci sono prove circa l'assenza di variabilità intedecadale e multidecadale
    alla fine ciò che conta sono le interrelazioni atmosfera-oceani (e biosfera) e le incidenze che queste interrelazioni vanno a generare di volta in volta sul quadro circolatorio
    che si chiami variabilità, oscillazione o pinocchio poco importa
    Be', ma un'oscillazione deve avere, come requisito fondamentale, una periodicità più o meno definita, se dall'analisi di un determinato fenomeno non emerge una periodicità puoi sono inferire che quel fenomeno è soggetto a variabilità ma non ci sono evidenze di una sua oscillazione...
    Ultima modifica di galinsog@; 08/01/2020 alle 10:08

  6. #36
    Vento teso
    Data Registrazione
    18/03/19
    Località
    Mele - Fado (GE)
    Messaggi
    1,938
    Menzionato
    7 Post(s)

    Predefinito Re: Tendenza stagionale Primavera 2020

    Il punto è che molti "anti-serristi" hanno usato l'alibi dell'AMO+ per giustificare l'aumento delle temperature globali (e delle temperature oceaniche) nel periodo post 1990. Ovviamentre anche se l'AMO, avesse davvero un andamento periodico, non potrebbe essere "decontestualizzata" dal GW (proprio perché periodica o meno è comunque inserita in un quadro di interazioni). E' chiaro che tale alibi è veramente debole in partenza, figurati se poi la periodicità non c'è affatto, allora l'alibi semplicemente non esiste più... per il resto, lo ripeto, in questo contesto di guerricciola permanente tra anti-serristi e "resto del Mondo" ci si trova sempre più spesso alle prese con congetture elevate a teorie o addirittura a dogmi (in genere lo fanno i negazionisti, talvolta lo fanno anche gli altri)... Però poi se mi devo schierare, sulla base delle evidenze, lo faccio con il "Resto del mondo" scientifico.

  7. #37
    Vento fresco
    Data Registrazione
    05/01/09
    Località
    Torino
    Età
    39
    Messaggi
    2,056
    Menzionato
    66 Post(s)

    Predefinito Re: Tendenza stagionale Primavera 2020

    Non capisco quale sia il punto delle contestazioni, possono esserci allo stesso tempo i forcing radiativi con la loro evoluzione non lineare nel tempo e variabilità che involve un coupling tra atmosfera ed oceano senza che per questo sia un oscillazione regolare.

    l'oceano può integrare anche il forcing atmosferico random e generare anomalie di più lunga durata come dimostrato da Hasselmann nel lontano 1976, è stato dimostrato che è possibile riprodurre la pdo come sovrapposizione del forcing tropicale enso + variabilità random nella depressione delle aleutine + variabilità nelle gyre oceaniche + la riemersione stagionale delle ssta che aiuta ad avere peristenza interannuale, è possibile che ci sia qualche frequenza favorita ma non vuol dire che sia un oscillazione.
    Ultima modifica di elz; 08/01/2020 alle 10:15

  8. #38
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    34
    Messaggi
    8,576
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Tendenza stagionale Primavera 2020

    Citazione Originariamente Scritto da galinsog@ Visualizza Messaggio
    Be', ma un'oscillazione deve avere, come requisito fondamentale, una periodicità più o meno definita, se dall'analisi di un determinato fenomeno non emerge una periodicità allora non non inferire che quel fenomeno è soggetto a variabilità ma non ad oscillazione...
    ma la periodicità è un fattore assai aleatorio
    anche il sole ha una sua ciclicità ma soggetta a variabilità interna
    quello che voglio dire è che chi si aspetta che un fenomeno abbia una sua ciclicità regolare e intrinseca a prescindere dalle condizioni a contorno è evidente che sbagli
    bisogna sempre valutare le cose con un pò di elasticità
    quanto al dogmatismo, sinceramente non lo prendo nemmeno in considerazione

  9. #39
    Vento teso
    Data Registrazione
    18/03/19
    Località
    Mele - Fado (GE)
    Messaggi
    1,938
    Menzionato
    7 Post(s)

    Predefinito Re: Tendenza stagionale Primavera 2020

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro1985 Visualizza Messaggio
    ma la periodicità è un fattore assai aleatorio
    anche il sole ha una sua ciclicità ma soggetta a variabilità interna
    quello che voglio dire è che chi si aspetta che un fenomeno abbia una sua ciclicità regolare e intrinseca a prescindere dalle condizioni a contorno è evidente che sbagli
    bisogna sempre valutare le cose con un pò di elasticità
    quanto al dogmatismo, sinceramente non lo prendo nemmeno in considerazione
    Se le condizioni di contorno (diciamo lo status generale degli oceani e dell'atmosfera, la composizione gassosa di quest'ultima, le interazioni tra SST oceaniche e atmosfera stessa, la biomassa, ecc.) determinano la frequenza e l'intensità del fenomeno, o quantomeno dall'osservazione si desume questo, allora il fenomeno non è ciclico, tantomeno vi è oscillazione ma solo variabilità. Lo studio che tu e burian avete criticato per le sue conclusioni generiche e un po' "tautologiche" (non vi è ciclicità né oscillazione perché non è possibile osservarla) ha proprio questo pregio...

  10. #40
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    34
    Messaggi
    8,576
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Tendenza stagionale Primavera 2020

    Citazione Originariamente Scritto da galinsog@ Visualizza Messaggio
    Se le condizioni di contorno (diciamo lo status generale degli oceani e dell'atmosfera, la composizione gassosa di quest'ultima, le interazioni tra SST oceaniche e atmosfera stessa, la biomassa, ecc.) determinano la frequenza e l'intensità del fenomeno, o quantomeno dall'osservazione si desume questo, allora il fenomeno non è ciclico, tantomeno vi è oscillazione ma solo variabilità. Lo studio che tu e burian avete criticato per le sue conclusioni generiche e un po' "tautologiche" (non vi è ciclicità né oscillazione perché non è possibile osservarla) ha proprio questo pregio...
    sì ma rischia di diventare una visione eccesivamente a senso unico di tale interrelazione
    comunque ovviamente sono solo punti di vista, nessun problema

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •